Emorroidi (I84)

Vedi emorroidi e trombosi venosa perianale (K64)

Incluso: emorroidi vene varicose dell'ano o del retto

Escluso: complicante :. parto o il periodo post parto (O87.2). gravidanza (O22.4)

Ematoma perianale (non traumatico)

In Russia, la Classificazione Internazionale delle Malattie della 10a revisione (ICD-10) è stata adottata come documento normativo unico per spiegare l'incidenza, le cause delle chiamate pubbliche alle istituzioni mediche di tutti i reparti, le cause di morte.

L'ICD-10 è stato introdotto nella pratica dell'assistenza sanitaria in tutto il territorio della Federazione Russa nel 1999 per ordine del Ministero della Sanità della Russia, datato 27 maggio 1997. №170

Il rilascio della nuova revisione (ICD-11) è pianificato dall'OMS nel 2022.

http://mkb-10.com/index.php?pid=8418

Emorroidi e trombosi venosa perianale

Escluso: complicazione:

  • parto e il periodo post parto (O87.2)
  • gravidanza (O22.4)

Emorroidi di primo grado

I emorroidi di grado / stadio

Emorroidi (sanguinamento) senza prolasso al di fuori del canale anale

Emorroidi di secondo grado

Emorroidi II grado / stadio

Emorroidi (sanguinamento) con prolasso sulla tensione, che spontaneamente si allontana

Emorroidi di terzo grado

III grado / stadio di emorroidi

Emorroidi (sanguinamento) con prolasso in tensione, che richiede il riposizionamento manuale nel canale anale

Emorroidi di quarto grado

Emorroidi di IV grado / stadio

Emorroidi (sanguinamento) con prolasso che non può essere regolato manualmente

Segni emorroidari residui della pelle

Segni di pelle d'ano

Trombosi venosa perianale

Altre emorroidi specificate

Emorroidi, non specificato

Emorroidi (sanguinamento):

  • NOS
  • nessuna menzione di laurea

Cerca per testo ICD-10

Cerca per codice ICD-10

Classi di malattie ICD-10

nascondi tutto | rivelare tutto

Classificazione statistica internazionale di malattie e problemi legati alla salute.
10a revisione.
Con modifiche e aggiunte pubblicate dall'OMS nel 1996-2016. Cambiamenti recenti nell'ICD-10 fatti dall'OMS nel 2016

http://xn---10-9cd8bl.com/K00-K93/K55-K64/K64

Classificazione dei tipi e delle forme di emorroidi secondo l'ICD 10

La classificazione internazionale delle malattie (ICD-10, ICD-10) è una classificazione per la codifica di tutte le diagnosi conosciute di 10 revisioni, sviluppata dall'Organizzazione mondiale della sanità, adottata nel mondo nel 1990 e introdotta nelle statistiche mediche della Russia nel 1999. Come altre malattie, varie forme e stadi di emorroidi hanno il loro codice in esso.

L'ICD è necessario per l'unificazione internazionale di dati statistici, approcci metodologici e comparabilità dei materiali in campo medico. Ciò facilita l'analisi e l'interpretazione dei dati medici su morbilità, mortalità, processi epidemiologici, gestione dell'assistenza sanitaria.

Ogni 10 anni, il sistema di codifica viene rivisto alla luce di nuove diagnosi, patologie, complicanze, al fine di soddisfare al meglio le esigenze della medicina internazionale. Quindi, dal 2014, alcune malattie, incluse le emorroidi, hanno cambiato i loro codici.

ICD-10

Fino a poco tempo fa, le emorroidi si trovavano nella sezione I84 e appartenevano a patologie del sistema circolatorio, poiché la causa principale del suo sviluppo è la debolezza delle pareti venose del retto in combinazione con altri fattori provocatori, come problemi di digestione, diete malsane, cattive abitudini, uno stile di vita lento.

Nel rivedere l'eziologia delle emorroidi e tenendo conto delle peculiarità della sua diagnosi e trattamento, si sono verificati cambiamenti: la malattia è stata combinata con trombosi venosa perianale e trasferita alla sezione K64, che denota le patologie dell'apparato digerente, a causa di disturbi digestivi che provocano stitichezza, diarrea e così via on.

Nella penultima edizione, le emorroidi sono state suddivise in base al grado di lesioni del retto e dell'ano, attualmente la malattia è codificata in base alla presenza di sanguinamento, protrusioni infiammate (coni emorroidali o nodi) indipendentemente dalla loro posizione (esterna o interna), nonché dall'accuratezza della diagnosi.

Nell'edizione corrente, le emorroidi croniche e acute non sono indicate da codici separati, così come lo stadio di remissione. La separazione delle forme viene effettuata in base alla posizione delle emorroidi, la loro collocazione causa vari sintomi e ha diversi meccanismi di formazione. È anche esclusa la designazione delle emorroidi come complicanza della gravidanza, del parto e del periodo postparto.

Codici nella sezione K64

  • К64.0 - il primo (primo) stadio della malattia, a cui inizia il sanguinamento, ma non si verifica la perdita di emorroidi infiammate.
  • K64.1 - il secondo grado di patologia, in cui i linfonodi infiammati sanguinano, cadono dallo sfintere con un'intensa tensione dei muscoli addominali, ma si ritraggono in modo indipendente a causa del tono muscolare residuo del retto.
  • К64.2 - Le emorroidi del terzo stadio, in cui i nodi cadono quando il peritoneo è teso e arretrato solo con l'aiuto delle mani, c'è un sanguinamento intenso e periodico.
  • 64.3.3 - la quarta fase della patologia cronica con frequenti emorragie, in cui le emorroidi cadono alla minima tensione del peritoneo, camminando, piegandosi, è impossibile inserirle di nuovo con le mani.
  • K64.4 - protrusioni cutanee residue (segni), che si formano con un aumento significativo delle dimensioni delle emorroidi in combinazione con la deformazione dei tessuti molli.
  • K64.5 - trombosi venosa di tipo perianale, causata dalla violazione delle emorroidi, si manifesta come ematoma.
  • K64.7 - un tipo misto di emorroidi, che unisce le vene patologiche varicose sia del retto che dell'ano.
  • К64.8 - patologie di altri tipi con sintomi specifici e origine accertata.
  • K64.9 - patologia del retto, associata a emorragia e nodi emorroidali di eziologia sconosciuta, ma non suscettibile di classificazione precisa mediante codici standard.

Vedi inesattezze, informazioni incomplete o errate? Sai come rendere un articolo migliore?

Vuoi proporre di pubblicare foto sull'argomento?

Per favore aiutaci a migliorare il sito! Lascia un messaggio e i tuoi contatti nei commenti: ti contatteremo e insieme renderemo la pubblicazione migliore!

http://100voprosovdoktoru.ru/gemorroy/formy-i-stadii/vidy/mkb.html

Codice emorroidi secondo la classificazione internazionale delle malattie (ICD-10)

Le emorroidi ICD 10 sono assegnate alla rubrica delle malattie degli organi dell'apparato digerente e attribuite alla patologia intestinale. Secondo la revisione della classificazione 2014, è designato come r.64.

L'ICD 10 è stato inizialmente sviluppato come un documento normativo necessario che aiuta a prendere in considerazione le ragioni di:

  • malattia;
  • appetibilità alle istituzioni mediche di vari gradi;
  • la mortalità.

Le emorroidi sono il risultato di varie manifestazioni di natura patologica nel sistema circolatorio del retto e nella sua sezione di uscita. La patologia è dovuta a cambiamenti varicosi nelle pareti venose dei vasi sanguigni situati nell'ano. Ciò causa:

  • flusso sanguigno alterato dalle vene;
  • trabocco di vasi venosi;
  • l'aspetto dei nodi.

A causa del volume crescente di sangue arterioso e la contemporanea diminuzione del deflusso venoso della parete delle vene a causa della pressione su di essi stanno diventando più sottili. C'è una formazione di sigilli nelle aree modificate - emorroidi.

Codice di emorroidi ICD 10

L'ICD 10 è stato sviluppato sotto l'egida dell'OMS e approvato nel maggio 1990 a Ginevra durante la 43a Assemblea Mondiale della Sanità. Nel 1999, entrò nella contabilità medica statistica in Russia e divenne obbligatoria. Questa è la decima versione (decima edizione) del documento dalla sua creazione (1893). La classificazione contiene i codici di tutte le malattie conosciute e tiene conto anche delle condizioni patologiche. Consente di confrontare e analizzare i dati in tutto il mondo per determinati periodi di tempo, per prendere decisioni basate su informazioni oggettive reali.

L'ultima revisione dell'IBC è iniziata nel 2016: si sta studiando una nuova versione proposta della sistematizzazione delle malattie e della loro codifica. Si propone di combinare le malattie nelle classi da I a XVII. Secondo questa classificazione, le emorroidi sono incluse nella classe XI - la patologia dell'apparato digerente (K. XI). Ogni forma e stadio della malattia è anche contrassegnato con un codice corrispondente.

Classificazione delle emorroidi

Nella patogenesi delle emorroidi, il cambiamento strutturale dei corpi cavernosi del retto gioca un ruolo. La patologia colpisce il 60% degli adulti, è diagnosticata nella femmina e nel maschio. Ma più spesso la malattia si sviluppa negli uomini. Recentemente c'è stata una tendenza al ringiovanimento: quasi la metà di tutti i pazienti con emorroidi identificate sono persone di età inferiore ai 40 anni.

Secondo l'ICD 10, la classificazione delle emorroidi si basa sulle seguenti caratteristiche:

  • la gravità della malattia;
  • la posizione dei nodi;
  • caratteristiche del corso (causate da altre malattie o condizioni, ad esempio emorroidi durante la gravidanza);
  • complicazioni.

Secondo la localizzazione dello sprawl emorroidi emettono:

  1. Emorroidi interne - к.64.0 - к.64.3 - si osservano cambiamenti patologici all'interno dell'ampolla rettale.
  2. Emorroidi esterne - k.64.3-k.64.5 - i nodi si formano all'esterno dello sfintere.
  3. Misto - k.64.7 - combinato forma sia esterna che interna della malattia.

Separatamente, la classificazione include:

  1. Emorroidi specificate, non incluse nelle voci precedenti - k.64.8.
  2. Crescite nodulari non specificate - k.64.9.

Con il flusso si distinguono:

  1. Emorroidi croniche - un processo lento con manifestazione minima dei sintomi - k.64.0-k.64.3.
  2. Acuta - si sviluppa in poche ore o giorni sullo sfondo di una malattia cronica, pericolosa per la comparsa di complicazioni potenzialmente letali.
  3. La trombosi del nodo - complicata da emorroidi acute, è una formazione patologica, accompagnata da sintomi clinici brillanti, con un colore specifico da rosso-viola a nero, a seconda dei tempi del suo sviluppo - codice k.64.5.
  4. Il sanguinamento da vene dilatate è accompagnato da una grande quantità di sangue (a volte fluisce in un flusso sottile alla fine di un movimento intestinale), portando ad anemia - il codice ICD k.64.8.
  5. Violazione delle emorroidi, complicata da infiammazione, necrosi. Secondo il quadro clinico, ricorda la trombosi: procede con febbre alta, dolore acuto, debolezza - K. 64.8.
  6. Emorroidi derivanti dalla gravidanza o dopo il parto - o.87.2

Emorroidi croniche

In quest'ultima classificazione, il codice delle emorroidi croniche secondo ICD 10 corrisponde a k.64.0-k.64.3. È caratterizzato da un flusso lento, per molti anni potrebbe non essere disturbato. Ci sono tre tipi di esso:

Differiscono nella localizzazione delle formazioni nodulari. Il nodo interno appare nell'ano, difficile da diagnosticare nelle fasi iniziali. Questo spiega il suo ritardo nella rilevazione, spesso nella fase delle complicazioni, quando la chirurgia rimane l'unico metodo di trattamento. La forma combinata include i sintomi di entrambi i tipi di emorroidi.

Secondo la gravità del corso, ci sono 4 fasi di sviluppo del processo emorroidario cronico. I sintomi caratteristici per ognuno di essi appaiono in un certo ordine:

  1. Fase 1: la protrusione dei nodi nel lume dell'ano causa una sensazione di costante disagio. Quando si sforzano durante i movimenti intestinali, si verifica sanguinamento. Il codice ICD è v. 64.0.
  2. Fase 2: nel processo di svuotamento, un nodo cade, ma dopo lo sgabello si disinnesta rapidamente. La preoccupazione è un prurito lancinante e un dolore moderato del carattere lamentoso nell'ano - secondo ICD 10 c.64.1.
  3. Fase 3: i nodi cadono periodicamente, ma si ripristinano solo con un metodo manuale. La diarrea neurogena o la stitichezza compare, che è spiegata da ragioni psicologiche (il paziente ha paura della ripetizione del dolore, sanguinamento) - è codificata a 64.2.
  4. Fase 4: i nodi cadono sempre, ma non possono essere installati autonomamente, neanche con un metodo manuale - è necessario l'aiuto di uno specialista. L'intensità del dolore aumenta, il processo patologico può prendere una via acuta e diventare complicato - codice k.64.3.

Una brusca esacerbazione del processo patologico avviene sotto l'influenza di vari fattori di rischio. Ci sono denunce di dolore acuto nell'ano, perdita di nodi, sanguinamento o sanguinamento pesante.

Emorroidi esterne

La patologia è crittografata - к.64.3 - к.64.5. I nodi venosi si trovano sotto la pelle all'esterno e intorno all'anello anale. Non ci sono sintomi nelle fasi iniziali. Più tardi, quando la patologia inizia a progredire bruscamente, c'è una sensazione di bruciore costante nell'ano. Con l'aumentare delle modifiche, appare:

  • piccoli sigilli facilmente palpabili;
  • avvistare;
  • sintomo dolore

I nodi sono visti dal medico durante l'esame. C'è una tendenza all'emorragia intensa con il progredire della malattia. Si manifesta una iperemia luminosa dei tessuti circostanti, si avvertono forti dolori nella regione anale, si osserva stitichezza o diarrea e feci spesso pastose con gocce o una mescolanza di sangue scarlatto.

Nei casi gravi, sensazione dolorosa di bruciore intorno allo sfintere, dolore durante qualsiasi sforzo - a volte anche tosse. L'aspetto della pelle infiammata e le alterazioni delle membrane mucose: c'è un arrossamento luminoso, gonfiore, c'è anche ipertermia locale, compattazione dello sfintere dell'ano. Questa forma è ben e rapidamente curabile a causa della disposizione superficiale dei nodi. Senza un trattamento tempestivo, il processo infiammatorio passa alla pelle dei glutei ed è complicato dalla necrosi.

Emorroidi interne

Con questo tipo di patologia (codice ICD 10 k.64.0 - k.64.3), si sviluppa la flebite e si forma una fessura nella mucosa intestinale. Le pareti della nave si espandono, appare la protuberanza venosa. È localizzato nelle sezioni centrali del retto. A causa di questa posizione, le emorroidi interne non vengono rilevate dall'ispezione visiva. Diagnosi con dito rettale o esame endoscopico (sigmoidoscopia). Appare:

  • dolore di varia intensità nell'addome inferiore;
  • costipazione occasionale;
  • sanguinamento (sangue scarlatto alla fine di un movimento intestinale);
  • una costante sensazione di disagio nell'ano.

Quando lo stress fisico si verifica la perdita di nodi nell'intestino e oltre. Man mano che aumentano i grumi, i cambiamenti nella parete vascolare aumentano, mentre i sintomi clinici diventano pronunciati. Il processo infiammatorio si diffonde diffusamente alle sezioni inferiori dell'intestino.

La fase iniziale procede senza manifestazioni e sintomi esterni della malattia. A volte c'è una sensazione di svuotamento incompleto o di un corpo estraneo nell'intestino anale. Quando defecare, le emorroidi possono sanguinare.

Nella fase successiva, la sensazione di un oggetto estraneo nell'intestino aumenta, lo scarico di sangue diventa abbondante. Quando il dolore alla defecazione si verifica a causa di un pizzicamento delle terminazioni nervose con un coagulo di sangue. La condizione è pericolosa dalla separazione di un coagulo di sangue e dal suo passaggio attraverso il flusso sanguigno nei vasi sanguigni del cuore o del cervello.

Nei casi più gravi, anche un piccolo sforzo o sollevamento pesi causa la perdita di emorroidi a causa dell'indebolimento del tono muscolare delle pareti intestinali. All'inizio occupano spontaneamente la loro posizione e in futuro saranno riposizionati in modo indipendente.

Emorroidi combinate

Le emorroidi miste si formano quando una combinazione di siti interni ed esterni. La sintomatologia corrisponde ad entrambi i tipi di patologia. Il trattamento viene scelto in base allo stadio della malattia. Nell'80% dei casi di emorroidi combinate vengono utilizzati metodi minimamente invasivi.

Forma acuta

In presenza di emorroidi croniche, si verificano spesso esacerbazioni. In alcuni casi, ciò può verificarsi rapidamente - entro poche ore, ma a volte si sviluppa un'esacerbazione nell'arco di 3-4 giorni. Le emorroidi acute sono pericolose per complicazioni potenzialmente letali e richiedono cure mediche di emergenza. Caratterizzato da una varietà di manifestazioni, la principale di esse - un improvviso dolore acuto. Appare negli adulti con emorroidi croniche già esistenti sotto l'influenza di qualsiasi fattore di rischio.

Trombosi di nodi con emorroidi

К.64.5 - La trombosi, che è comparsa a causa della compressione o del pizzicamento del nodo, complica le emorroidi acute. La formazione di trombi si verifica nell'ano a causa della ridotta circolazione del sangue nel plesso venoso cavernoso. Il processo acuto continua per 7-10 giorni. Quindi il nodo trombizzato viene gradualmente sostituito dalle cellule del tessuto connettivo. La necrosi può svilupparsi con l'ulcerazione della mucosa intestinale. La trombosi delle vene emorroidarie è presente nel 27% di tutti i pazienti con diagnosi confermata di emorroidi. Tra il numero di tutte le possibili complicazioni, la sua quota è del 60%. La mancanza di un trattamento tempestivo può essere fatale.

Codici nella sezione K64

La sezione di emorroidi (k.64) consiste di diversi sotto-articoli, che includono:

  • i tipi elencati sopra e tutti gli stadi delle emorroidi croniche (k.64.0 - k.64.3);
  • complicazioni di emorroidi acute (c.64.5 -k.64.8).

Segni emorroidari residui marcati con codice separato - k.64.4.

Per diagnosi non specificate, viene utilizzato il codice - k.64.9.

Tra le complicazioni del processo acuto, ci sono anche lesioni della sezione perianale, che sono incluse nella sottoclima k.64.5 o k.64.8:

  1. L'ematoma è una patologia rara che si sviluppa a seguito della scoperta di vasi danneggiati a causa dell'elevata pressione al loro interno. Il risultato è un'emorragia e una specie di livido che è doloroso.
  2. Trombosi diffusa - localizzata direttamente vicino all'ano, ma l'area interessata è molto più grande rispetto all'ematoma. Accompagnato da emorroidi esterne, manifestate da edema grave, defecazione difficile, sintomo doloroso intenso.
  3. Trombosi segmentaria - si verifica frequentemente, il suo aspetto è caratterizzato da sintomi acuti (nodo acuto sporgente, dolore lancinante dovuto allo sviluppo di infiammazione con gonfiore, comparsa di coaguli di sangue) o un decorso cronico (dopo una condizione acuta che dura 3-4 giorni, tutti i segni scompaiono e quindi si sviluppano un'altra ricorrenza con vari disturbi dello stile di vita).

Cambiamenti nella classificazione internazionale delle malattie

L'ICD della decima revisione è un documento che fornisce un elenco di diagnosi di malattie ridotte a uno standard internazionale stabilito. È aggiornato ogni 10 anni. Se necessario, la classificazione è rivista, modificata o integrata dall'OMS. Questa è una metodologia globale per la raccolta di dati sulla morbilità e la mortalità è necessaria per monitorare la situazione generale nel campo della salute, per creare statistiche per analizzare la situazione epidemiologica su vari tipi di patologie.

La decima revisione dell'IBC è stata adottata nel 1999. Quindi le emorroidi sono entrate nel gruppo delle malattie del sistema circolatorio. L'infiammazione delle emorroidi ha assegnato il codice i.84. La sezione comprendeva 10 sottotemi che dettagliavano la localizzazione dei vasi venosi interessati del retto e il grado delle loro alterazioni patologiche.

Nel 2014, una revisione e un cambiamento della posizione occupata dalle emorroidi nell'ICD. Dopo un'attenta analisi dei metodi diagnostici e terapeutici di questa malattia, entrò nel gruppo di malattie degli organi dell'apparato digerente. Allo stesso tempo, la sezione i.84 era completamente esclusa dall'ICD e le emorroidi sono codificate come k.64. Quindi, oltre all'eziologia modificata nella sezione di questa patologia, è stato aggiunto un altro comma - trombosi perianale.

L'ultima edizione di ICD 10 contiene la seguente sistematizzazione della malattia:

  1. Emorroidi stadio I - IV (c.64.0 -k.64.3).
  2. Trombosi venosa perianale (c.64.5).
  3. Un altro ha emorroidi specificato (k.64.8).
  4. Non specificato (r.64.9).

La base di tali aggiornamenti sono dati aggiuntivi. Sono indicati con codici separati in ICD:

  • sanguinamento;
  • forme patogenetiche separate di nodi.

Dal 2017 è stata sviluppata l'undicesima versione dell'ICD. La necessità di una tale revisione della classificazione è una migliore e più dettagliata riflessione su risultati e cambiamenti innovativi nell'assistenza sanitaria e nella pratica medica. In connessione con lo sviluppo della tecnologia dell'informazione, è previsto che l'ICD 11 sia utilizzato nei sistemi elettronici di informazione per il monitoraggio delle statistiche sanitarie. Ciò è dovuto all'emergere di nuovi studi, variazioni della malattia, metodi più moderni di diagnosi e trattamento. Si prevede di completare i lavori su una nuova versione dell'ICD entro la fine del 2018. Si calcola che in futuro tali modifiche saranno valide per circa 10 anni.

http://mojgemorroj.ru/klassifikatsiya-mkb-10.html

Trombosi acuta di un hemorrhoid

Classificazione dei tipi e delle forme di emorroidi secondo l'ICD 10

La classificazione internazionale delle malattie (ICD-10, ICD-10) è una classificazione per la codifica di tutte le diagnosi conosciute di 10 revisioni, sviluppata dall'Organizzazione mondiale della sanità, adottata nel mondo nel 1990 e introdotta nelle statistiche mediche della Russia nel 1999. Come altre malattie, varie forme e stadi di emorroidi hanno il loro codice in esso.

L'ICD è necessario per l'unificazione internazionale di dati statistici, approcci metodologici e comparabilità dei materiali in campo medico. Ciò facilita l'analisi e l'interpretazione dei dati medici su morbilità, mortalità, processi epidemiologici, gestione dell'assistenza sanitaria.

Ogni 10 anni, il sistema di codifica viene rivisto alla luce di nuove diagnosi, patologie, complicanze, al fine di soddisfare al meglio le esigenze della medicina internazionale. Quindi, dal 2014, alcune malattie, incluse le emorroidi, hanno cambiato i loro codici.

Fino a poco tempo fa, le emorroidi si trovavano nella sezione I84 e appartenevano a patologie del sistema circolatorio, poiché la causa principale del suo sviluppo è la debolezza delle pareti venose del retto in combinazione con altri fattori provocatori, come problemi di digestione, diete malsane, cattive abitudini, uno stile di vita lento.

Nel rivedere l'eziologia delle emorroidi e tenendo conto delle peculiarità della sua diagnosi e trattamento, si sono verificati cambiamenti: la malattia è stata combinata con trombosi venosa perianale e trasferita alla sezione K64, che denota le patologie dell'apparato digerente, a causa di disturbi digestivi che provocano stitichezza, diarrea e così via on.

Nella penultima edizione, le emorroidi sono state suddivise in base al grado di lesioni del retto e dell'ano, attualmente la malattia è codificata in base alla presenza di sanguinamento, protrusioni infiammate (coni emorroidali o nodi) indipendentemente dalla loro posizione (esterna o interna), nonché dall'accuratezza della diagnosi.

Nell'edizione corrente, le emorroidi croniche e acute non sono indicate da codici separati, così come lo stadio di remissione. La separazione delle forme viene effettuata in base alla posizione delle emorroidi, la loro collocazione causa vari sintomi e ha diversi meccanismi di formazione. È anche esclusa la designazione delle emorroidi come complicanza della gravidanza, del parto e del periodo postparto.

Codici nella sezione K64

  • К64.0 - il primo (primo) stadio della malattia, a cui inizia il sanguinamento, ma non si verifica la perdita di emorroidi infiammate.
  • K64.1 - il secondo grado di patologia, in cui i linfonodi infiammati sanguinano, cadono dallo sfintere con un'intensa tensione dei muscoli addominali, ma si ritraggono in modo indipendente a causa del tono muscolare residuo del retto.
  • К64.2 - Le emorroidi del terzo stadio, in cui i nodi cadono quando il peritoneo è teso e arretrato solo con l'aiuto delle mani, c'è un sanguinamento intenso e periodico.
  • 64.3.3 - la quarta fase della patologia cronica con frequenti emorragie, in cui le emorroidi cadono alla minima tensione del peritoneo, camminando, piegandosi, è impossibile inserirle di nuovo con le mani.
  • K64.4 - protrusioni cutanee residue (segni), che si formano con un aumento significativo delle dimensioni delle emorroidi in combinazione con la deformazione dei tessuti molli.
  • K64.5 - trombosi venosa di tipo perianale, causata dalla violazione delle emorroidi, si manifesta come ematoma.
  • K64.7 - un tipo misto di emorroidi, che unisce le vene patologiche varicose sia del retto che dell'ano.
  • К64.8 - patologie di altri tipi con sintomi specifici e origine accertata.
  • K64.9 - patologia del retto, associata a emorragia e nodi emorroidali di eziologia sconosciuta, ma non suscettibile di classificazione precisa mediante codici standard.

Vedi inesattezze, informazioni incomplete o errate? Sai come rendere un articolo migliore?

Vuoi proporre di pubblicare foto sull'argomento?

Per favore aiutaci a migliorare il sito! Lascia un messaggio e i tuoi contatti nei commenti: ti contatteremo e insieme renderemo la pubblicazione migliore!

Codice di emorroidi ICD 10

Le emorroidi sono una malattia abbastanza diffusa del retto, che è una stasi ematica delle vene varicose di questo organo. La patologia può portare a gravi complicazioni.

È molto importante per il medico e il paziente determinare il tipo di malattia, aiuta a trovare le giuste tattiche di trattamento. Per questo motivo, è importante sapere quali sono le emorroidi e il codice di patologia ICD10.

Classificazione moderna

Ci sono 2 forme della malattia: esterna e interna. La patologia può anche verificarsi in forme acute e croniche. Nel primo caso, la divisione si basa sulla posizione dei nodi varicosi, la seconda dipende dalla durata e dalle caratteristiche della patologia.

La classificazione internazionale adottata si presenta così: i titoli I84.0-I84.2 sono riservati per la forma interna della malattia e le complicanze che si presentano, i codici da I84,3 a I84,5 - il tipo esterno della malattia.

Altre posizioni sono piuttosto rare e sono definite nella classificazione secondo il seguente principio:

  1. I84.6 - processi residui sulla pelle dopo la polimerizzazione del paziente.
  2. I84.7 - forma trombizzata della malattia senza specificare la localizzazione del nodo interessato.
  3. I84.8 è anche un tipo non specificato di malattia con altre complicazioni.
  4. I84.9 - emorroidi non complicate e non specificate.

Impara da questo articolo come trattare la trombosi emorroidaria.

Emorroidi esterne

Il codice ICD 10 per emorroidi esterne senza complicazioni - I84.5. In questa forma della malattia, i vasi venosi dilatati si formano nei nodi attorno all'ano. Questo processo è il risultato della stagnazione della circolazione sanguigna di questa zona, i muscoli del canale anale si indeboliscono, le vene si espandono - si formano le emorroidi. Con emorroidi semplici, i pazienti si lamentano di disagio e sensazione di bruciore nell'ano.

A poco a poco, senza trattamento, la condizione dei pazienti peggiorerà. La stasi del sangue può portare alla formazione di coaguli di sangue nel lume dei vasi, che può rappresentare una seria minaccia per i pazienti. Il codice ICD 10 per la trombosi emorroidaria - I84.3.

L'ulteriore progressione della malattia porta all'infiammazione dei tessuti circostanti, che alla fine può provocare paraproctiti - la formazione di fistole anali. Questa situazione è chiamata emorroidi esterne con complicanze, il suo posto nella classificazione generalmente accettata delle malattie è sotto il codice I84.4.

Emorroidi interne

Se c'è un tipo interno della malattia, le emorroidi si trovano nel lume del canale anale.

Nella fase iniziale, la patologia può non manifestarsi in alcun modo, viene scoperta per caso. In tali situazioni, sono esposte emorroidi interne non complicate, codice ICD 10 - I84.2.

Se non c'è terapia, la malattia progredisce, i nodi diventano più sottili, facilmente danneggiati, possono cadere e si formano coaguli di sangue nel lume dei vasi.

L'infiammazione manifestata da forti dolori può essere pericolosa per la vita. Le emorroidi interne con trombosi si trovano nell'ICD sotto il codice I84.0.

Il diradamento delle pareti dei nodi e il loro danno permanente provoca il verificarsi di processi infiammatori, sanguinamento emorroidario. Il codice per ICD 10 è I84.1.

Stage su ICD 10

La forma cronica non è caratterizzata da una sindrome del dolore pronunciata, quindi per lungo tempo i pazienti semplicemente non prestano attenzione ai sintomi della malattia, permettendole di progredire, si alternano periodi di esacerbazioni e remissioni.

Le seguenti fasi di emorroidi croniche possono essere distinte:

  1. Asintomatica, la patologia non si manifesta, rilevata per caso. Gradualmente, ci sono lamentele di prurito, disagio nella zona anorettale, sono spesso descritti dal tipo di presenza di una cosa aliena nella cavità d'organo.
  2. Poi c'è una sindrome del dolore nell'ano, aggravata dall'implementazione della defecazione. Occasionalmente, i pazienti hanno una perdita di sangue. Con la patologia di stadio 2, può essere curata con una terapia conservativa.
  3. Nei pazienti con tempo, si formano noduli emorroidali, che aumentano di dimensioni e diventano più sottili. Sono costantemente feriti, c'è un costante rilascio di sangue in quantità diverse. Il processo può terminare con un sanguinamento massiccio, che può causare un risultato letale.
  4. Con un'ulteriore cronologia del processo, i nodi potrebbero cadere, i pazienti li posizionano in modo indipendente. A poco a poco, cessa di aiutare, ei pazienti richiedono un intervento chirurgico.

Come notato, la forma cronica è divisa in esterna e interna, per questo motivo non è classificata separatamente. Il codice ICD 10 per le emorroidi croniche non esiste.

È importante tenere presente che il mancato rispetto delle raccomandazioni del medico per l'assunzione di farmaci e la correzione dello stile di vita provoca inevitabilmente un aumento dei sintomi della patologia. Questo è chiamato emorroidi acute. Questa condizione può essere causata da entrambe le forme della malattia, con o senza complicazioni. Pertanto, non esiste un codice separato per l'ICD 10 per le emorroidi acute.

conclusione

La patologia descritta è caratterizzata da un'alta prevalenza in tutto il mondo. Sia i maschi che le femmine sono malati, di solito sopra i 45-50 anni. Nelle donne, la patologia si sviluppa spesso dopo il parto.

La malattia in ciascun paziente procede individualmente, motivo per cui è importante conoscere la sua classificazione nell'ICD 10 al fine di determinare correttamente la forma e lo stadio delle emorroidi, nonché la direzione del trattamento del paziente.

RCHD (Centro repubblicano per lo sviluppo della salute, Ministero della sanità della Repubblica del Kazakistan)
Versione: Protocolli clinici del Ministero della Salute della Repubblica del Kazakistan - 2013

Informazioni generali

Breve descrizione

Le emorroidi sono una malattia acuta o cronica caratterizzata da dilatazione nodulare (varicosa) delle vene (corpi cavernosi) del retto inferiore [1]. Le emorroidi sono ugualmente comuni negli uomini e nelle donne di mezza età. La prevalenza di emorroidi è di circa 120 casi ogni 1000 adulti, il che la rende considerata la malattia più frequente. Tra le malattie proctologiche, le emorroidi rappresentano tra il 34 e il 41% [2]. All'estero, le emorroidi soffrono il 75% della popolazione. L'età media dei pazienti è di 45-65 anni [3,4]. Nel Regno Unito, le emorroidi soffrono dal 4,4% al 24,5% della popolazione. Fattori come uno stile di vita sedentario, la gravidanza e il parto, stipsi prolungata, pesante lavoro fisico associato al sollevamento pesi, l'abitudine di mangiare cibi piccanti e speziati, malattie degli organi pelvici, causando compressione delle vene, così come la mancanza di valvole, predispongono alla malattia. vene di abduzione del plesso retto [2].

Nome del protocollo: emorroidi

classificazione

Classificazione clinica:

Classificazione di emorroidi (secondo A.N. Ryzhykh, 1956)

Secondo l'eziologia:
1. Congenita (ereditaria)
2. Acquisito: primario
3. Secondario (sintomatico)

Per localizzazione:
1. Interno
2. All'aperto
3. Combinato

Secondo il corso clinico (Thomson W 1975):

- Emorroidi croniche (4 stadi)
I. Stadio - manifestato da sanguinamento, le emorroidi non cadono
I nodi II.stadiya- emorroidali cadono durante lo sforzo e partono autonomamente (con o senza sanguinamento)
Fase III: le emorroidi cadono e vengono ripristinate solo con l'aiuto manuale (con o senza sanguinamento)
Stadio IV: le emorroidi cadono a riposo e non si ripristinano o cadono immediatamente dopo il riposizionamento (con o senza sanguinamento)

- Emorroidi acute (3 gradi) (Centro di ricerca statale di coloproctologia) (AM Aminev, 1977)
1. Trombosi emorroidaria, senza processo infiammatorio
2. Trombosi, complicata dall'infiammazione delle emorroidi
3. Trombosi, complicata dall'infiammazione del tessuto sottocutaneo, edema della pelle perianale, necrosi della membrana mucosa delle emorroidi

Il decorso clinico delle emorroidi acute ha tre stadi (Vorobyev, GI et al., 2001).
1. Trombosi di emorroidi esterne ed interne senza infiammazione.
2. Trombosi, complicata dall'infiammazione delle emorroidi.
3. Trombosi di emorroidi, complicate dall'infiammazione del tessuto sottocutaneo e della cute perianale.

diagnostica

Elenco delle principali misure diagnostiche aggiuntive

Le principali misure diagnostiche:
1. Consultazione del proctologo (raccolta dei reclami, anamnesi, esame, esame rettale)
2. Anoscopia
3.Rektoromanoskopiya
4. Colonscopia
5.Irrigoskopiya

Eventi aggiuntivi:
1. Analisi del sangue generale
2. Test delle urine generali
3. analisi del sangue biochimica
4. ELISA per la parassitosi
5.Kal per i / g
6. Sangue di Sahar
7. Coagulogram

Criteri diagnostici:

Reclami e cronologia:
Sanguinamento e perdita di emorroidi. Prurito anale, disagio nel canale anale, secrezione di muco.

esame fisico
le emorroidi sono definite come gonfiore nel lume del canale anale, color ciliegia scuro, consistenza morbido-elastica, ricoperte da membrana mucosa. I nodi interni drop-down chiaramente prolasso dall'ano durante lo sforzo. Le emorroidi esterne sono visibili durante l'esame esterno. Con uno studio delle dita, viene determinato il dolore delle pareti del canale anale e la loro mobilità patologica. Esaminare lo stato funzionale dell'apparato di bloccaggio del retto

Test di laboratorio:
Analisi del sangue generale
Reazione Gregersen
nelle emorroidi croniche con frequenti emorragie, sono possibili segni di anemia cronica, diminuzione delle prestazioni (la norma degli uomini è di 140-160 g / l, le donne Hb sono 120-130 g / l, il marito è Er-4,1-5,1х10 ​​12, le mogli Er sono 3.7-4.7x10 12)
nelle emorroidi acute possono manifestarsi segni di infiammazione, aumento dei leucociti nel sangue, ESR (normale L-4-9x10 9, marito ESR 1-10, mogli 2-15 mm / h)

Studi strumentali:
anoscopy
sigmoidoscopia
fibrocolonoscopy
irrigoscopy

Indicazioni per la consulenza di esperti
Consultazione di un oncologo per la rilevazione di neoplasie del colon distale
Consultazione di un dermatologo per escludere malattie dermatologiche dell'area perianale

Diagnosi differenziale

Obiettivi del trattamento:
Nella trombosi acuta: raggiungere la regressione della clinica di trombosi
Nelle emorroidi croniche: prevenzione delle complicanze, rimozione delle vene varicose del retto

Tattiche di trattamento
Trattamento di emorroidi acuti conservativo
Emorroidi croniche, stadio acuto:
1. sanguinamento - trattamento conservativo: terapia emostatica
2. con l'inefficacia della terapia conservativa
a. trattamento minimamente invasivo
b. operazione di trattamento chirurgico Milligan-Morgan, Ferguson
Emorroidi croniche con esacerbazioni frequenti.
1. Metodi di trattamento minimamente invasivi
2. Operazione Milligan-Morgan, Ferguson

Trattamento non farmacologico

Emorroidi acute
Letto o mezzo letto 7-14 giorni
Dieta priva di piatti: frittata proteica, brodo di carne, carne bollita, a gomito attraverso un tritacarne, mucosa di riso o porridge a lungo termine (in acqua con un pezzetto di burro), cracker bianchi (3-4 cracker al giorno) e molta bevanda (4-6 bicchieri a malapena tè zuccherato).

Emorroidi croniche
Dieta priva di stoviglie
Regolazione della funzione intestinale, dieta, cambiamenti nello stile di vita, uso di lassativi.

Trattamento farmacologico

Tromboflebite acuta emorroidaria vene

Stage ambulatoriale:
1. Supposte rettali con anticoagulanti locali: Eparina sodica + Prednisolone Acetato + Lauro Macrogol (Hepatrombina B), Eparina Sodio + Benzocaina (Nigepan)
2. Unguento con anticoagulanti: Troxerutina (troksevazin), sodio eparina.
3. Unguenti idrosolubili con proprietà antinfiammatorie: cloramfenicolo + metiluracile (levomekol), cloramfenicolo + sulfadimetossina + metiluracile + trimekain (levocina)
4. Eliminazione del dolore: FANS, spasmolitici
5. Lassativi
- a base di lattulosio
- a base di fibra alimentare: guscio di semi di piantaggine ovali + eccipienti (mukofalk)

Trattamento stazionario
1. Blocco perianale
2. Supposte rettali con anticoagulanti locali: Eparina sodica + Prednisolone Acetato + Lauro Macrogol (Hepatrombina B), Eparina Sodio + Benzocaina (Nigepan)
3. Unguento con anticoagulanti: Troxerutina (troksevazin), sodio eparina.
4. Unguenti idrosolubili con proprietà antinfiammatorie: cloramfenicolo + metiluracile (levomekol), cloramfenicolo + sulfadimetossina + metiluracile + trimekain (levocina)
5. Lassativi
- a base di lattulosio
- a base di fibra alimentare: guscio di semi di piantaggine ovali + eccipienti (mukofalk)

cronico

I-II Art. emorroidi croniche trattate con metodi conservativi
1. Applicazione di flebotonica (detralex, phlebodia 600), supposte rettali (ultraprodotto, nigepan, natalcide, trustedf, proktozan, anuzol)
2. Preparazioni di ferro
3. Angioprotectors

II-III Scleroterapia, legatura con anelli di lattice, legatura prossimale, fotocoagulazione a infrarossi, coagulazione a radiofrequenza

http://bolitsosud.ru/davlenie/ostryj-tromboz-gemorroidalnogo-uzla-mkb-kod.html

Mbc 10 esacerbazione della trombosi emorroidaria cronica

Codice di emorroidi ICD 10

Le emorroidi sono una malattia abbastanza diffusa del retto, che è una stasi ematica delle vene varicose di questo organo. La patologia può portare a gravi complicazioni.

È molto importante per il medico e il paziente determinare il tipo di malattia, aiuta a trovare le giuste tattiche di trattamento. Per questo motivo, è importante sapere quali sono le emorroidi e il codice di patologia ICD10.

Classificazione moderna

Ci sono 2 forme della malattia: esterna e interna. La patologia può anche verificarsi in forme acute e croniche. Nel primo caso, la divisione si basa sulla posizione dei nodi varicosi, la seconda dipende dalla durata e dalle caratteristiche della patologia.

La classificazione internazionale adottata si presenta così: i titoli I84.0-I84.2 sono riservati per la forma interna della malattia e le complicanze che si presentano, i codici da I84,3 a I84,5 - il tipo esterno della malattia.

Altre posizioni sono piuttosto rare e sono definite nella classificazione secondo il seguente principio:

  1. I84.6 - processi residui sulla pelle dopo la polimerizzazione del paziente.
  2. I84.7 - forma trombizzata della malattia senza specificare la localizzazione del nodo interessato.
  3. I84.8 è anche un tipo non specificato di malattia con altre complicazioni.
  4. I84.9 - emorroidi non complicate e non specificate.

Impara da questo articolo come trattare la trombosi emorroidaria.

Emorroidi esterne

Il codice ICD 10 per emorroidi esterne senza complicazioni - I84.5. In questa forma della malattia, i vasi venosi dilatati si formano nei nodi attorno all'ano. Questo processo è il risultato della stagnazione della circolazione sanguigna di questa zona, i muscoli del canale anale si indeboliscono, le vene si espandono - si formano le emorroidi. Con emorroidi semplici, i pazienti si lamentano di disagio e sensazione di bruciore nell'ano.

A poco a poco, senza trattamento, la condizione dei pazienti peggiorerà. La stasi del sangue può portare alla formazione di coaguli di sangue nel lume dei vasi, che può rappresentare una seria minaccia per i pazienti. Il codice ICD 10 per la trombosi emorroidaria - I84.3.

L'ulteriore progressione della malattia porta all'infiammazione dei tessuti circostanti, che alla fine può provocare paraproctiti - la formazione di fistole anali. Questa situazione è chiamata emorroidi esterne con complicanze, il suo posto nella classificazione generalmente accettata delle malattie è sotto il codice I84.4.

Emorroidi interne

Se c'è un tipo interno della malattia, le emorroidi si trovano nel lume del canale anale.

Nella fase iniziale, la patologia può non manifestarsi in alcun modo, viene scoperta per caso. In tali situazioni, sono esposte emorroidi interne non complicate, codice ICD 10 - I84.2.

Se non c'è terapia, la malattia progredisce, i nodi diventano più sottili, facilmente danneggiati, possono cadere e si formano coaguli di sangue nel lume dei vasi.

L'infiammazione manifestata da forti dolori può essere pericolosa per la vita. Le emorroidi interne con trombosi si trovano nell'ICD sotto il codice I84.0.

Il diradamento delle pareti dei nodi e il loro danno permanente provoca il verificarsi di processi infiammatori, sanguinamento emorroidario. Il codice per ICD 10 è I84.1.

Stage su ICD 10

La forma cronica non è caratterizzata da una sindrome del dolore pronunciata, quindi per lungo tempo i pazienti semplicemente non prestano attenzione ai sintomi della malattia, permettendole di progredire, si alternano periodi di esacerbazioni e remissioni.

Le seguenti fasi di emorroidi croniche possono essere distinte:

  1. Asintomatica, la patologia non si manifesta, rilevata per caso. Gradualmente, ci sono lamentele di prurito, disagio nella zona anorettale, sono spesso descritti dal tipo di presenza di una cosa aliena nella cavità d'organo.
  2. Poi c'è una sindrome del dolore nell'ano, aggravata dall'implementazione della defecazione. Occasionalmente, i pazienti hanno una perdita di sangue. Con la patologia di stadio 2, può essere curata con una terapia conservativa.
  3. Nei pazienti con tempo, si formano noduli emorroidali, che aumentano di dimensioni e diventano più sottili. Sono costantemente feriti, c'è un costante rilascio di sangue in quantità diverse. Il processo può terminare con un sanguinamento massiccio, che può causare un risultato letale.
  4. Con un'ulteriore cronologia del processo, i nodi potrebbero cadere, i pazienti li posizionano in modo indipendente. A poco a poco, cessa di aiutare, ei pazienti richiedono un intervento chirurgico.

Come notato, la forma cronica è divisa in esterna e interna, per questo motivo non è classificata separatamente. Il codice ICD 10 per le emorroidi croniche non esiste.

È importante tenere presente che il mancato rispetto delle raccomandazioni del medico per l'assunzione di farmaci e la correzione dello stile di vita provoca inevitabilmente un aumento dei sintomi della patologia. Questo è chiamato emorroidi acute. Questa condizione può essere causata da entrambe le forme della malattia, con o senza complicazioni. Pertanto, non esiste un codice separato per l'ICD 10 per le emorroidi acute.

conclusione

La patologia descritta è caratterizzata da un'alta prevalenza in tutto il mondo. Sia i maschi che le femmine sono malati, di solito sopra i 45-50 anni. Nelle donne, la patologia si sviluppa spesso dopo il parto.

La malattia in ciascun paziente procede individualmente, motivo per cui è importante conoscere la sua classificazione nell'ICD 10 al fine di determinare correttamente la forma e lo stadio delle emorroidi, nonché la direzione del trattamento del paziente.

Codice emorroidi secondo la classificazione internazionale delle malattie (ICD-10)

Le emorroidi ICD 10 sono assegnate alla rubrica delle malattie degli organi dell'apparato digerente e attribuite alla patologia intestinale. Secondo la revisione della classificazione 2014, è designato come r.64.

L'ICD 10 è stato inizialmente sviluppato come un documento normativo necessario che aiuta a prendere in considerazione le ragioni di:

  • malattia;
  • appetibilità alle istituzioni mediche di vari gradi;
  • la mortalità.

Le emorroidi sono il risultato di varie manifestazioni di natura patologica nel sistema circolatorio del retto e nella sua sezione di uscita. La patologia è dovuta a cambiamenti varicosi nelle pareti venose dei vasi sanguigni situati nell'ano. Ciò causa:

  • flusso sanguigno alterato dalle vene;
  • trabocco di vasi venosi;
  • l'aspetto dei nodi.

A causa del volume crescente di sangue arterioso e la contemporanea diminuzione del deflusso venoso della parete delle vene a causa della pressione su di essi stanno diventando più sottili. C'è una formazione di sigilli nelle aree modificate - emorroidi.

Codice di emorroidi ICD 10

L'ICD 10 è stato sviluppato sotto l'egida dell'OMS e approvato nel maggio 1990 a Ginevra durante la 43a Assemblea Mondiale della Sanità. Nel 1999, entrò nella contabilità medica statistica in Russia e divenne obbligatoria. Questa è la decima versione (decima edizione) del documento dalla sua creazione (1893). La classificazione contiene i codici di tutte le malattie conosciute e tiene conto anche delle condizioni patologiche. Consente di confrontare e analizzare i dati in tutto il mondo per determinati periodi di tempo, per prendere decisioni basate su informazioni oggettive reali.

L'ultima revisione dell'IBC è iniziata nel 2016: si sta studiando una nuova versione proposta della sistematizzazione delle malattie e della loro codifica. Si propone di combinare le malattie nelle classi da I a XVII. Secondo questa classificazione, le emorroidi sono incluse nella classe XI - la patologia dell'apparato digerente (K. XI). Ogni forma e stadio della malattia è anche contrassegnato con un codice corrispondente.

Classificazione delle emorroidi

Nella patogenesi delle emorroidi, il cambiamento strutturale dei corpi cavernosi del retto gioca un ruolo. La patologia colpisce il 60% degli adulti, è diagnosticata nella femmina e nel maschio. Ma più spesso la malattia si sviluppa negli uomini. Recentemente c'è stata una tendenza al ringiovanimento: quasi la metà di tutti i pazienti con emorroidi identificate sono persone di età inferiore ai 40 anni.

Secondo l'ICD 10, la classificazione delle emorroidi si basa sulle seguenti caratteristiche:

  • la gravità della malattia;
  • la posizione dei nodi;
  • caratteristiche del corso (causate da altre malattie o condizioni, ad esempio emorroidi durante la gravidanza);
  • complicazioni.

Secondo la localizzazione dello sprawl emorroidi emettono:

  1. Emorroidi interne - к.64.0 - к.64.3 - si osservano cambiamenti patologici all'interno dell'ampolla rettale.
  2. Emorroidi esterne - k.64.3-k.64.5 - i nodi si formano all'esterno dello sfintere.
  3. Misto - k.64.7 - combinato forma sia esterna che interna della malattia.

Separatamente, la classificazione include:

  1. Emorroidi specificate, non incluse nelle voci precedenti - k.64.8.
  2. Crescite nodulari non specificate - k.64.9.

Con il flusso si distinguono:

  1. Emorroidi croniche - un processo lento con manifestazione minima dei sintomi - k.64.0-k.64.3.
  2. Acuta - si sviluppa in poche ore o giorni sullo sfondo di una malattia cronica, pericolosa per la comparsa di complicazioni potenzialmente letali.
  3. La trombosi del nodo - complicata da emorroidi acute, è una formazione patologica, accompagnata da sintomi clinici brillanti, con un colore specifico da rosso-viola a nero, a seconda dei tempi del suo sviluppo - codice k.64.5.
  4. Il sanguinamento da vene dilatate è accompagnato da una grande quantità di sangue (a volte fluisce in un flusso sottile alla fine di un movimento intestinale), portando ad anemia - il codice ICD k.64.8.
  5. Violazione delle emorroidi, complicata da infiammazione, necrosi. Secondo il quadro clinico, ricorda la trombosi: procede con febbre alta, dolore acuto, debolezza - K. 64.8.
  6. Emorroidi derivanti dalla gravidanza o dopo il parto - o.87.2

Emorroidi croniche

In quest'ultima classificazione, il codice delle emorroidi croniche secondo ICD 10 corrisponde a k.64.0-k.64.3. È caratterizzato da un flusso lento, per molti anni potrebbe non essere disturbato. Ci sono tre tipi di esso:

Differiscono nella localizzazione delle formazioni nodulari. Il nodo interno appare nell'ano, difficile da diagnosticare nelle fasi iniziali. Questo spiega il suo ritardo nella rilevazione, spesso nella fase delle complicazioni, quando la chirurgia rimane l'unico metodo di trattamento. La forma combinata include i sintomi di entrambi i tipi di emorroidi.

Secondo la gravità del corso, ci sono 4 fasi di sviluppo del processo emorroidario cronico. I sintomi caratteristici per ognuno di essi appaiono in un certo ordine:

  1. Fase 1: la protrusione dei nodi nel lume dell'ano causa una sensazione di costante disagio. Quando si sforzano durante i movimenti intestinali, si verifica sanguinamento. Il codice ICD è v. 64.0.
  2. Fase 2: nel processo di svuotamento, un nodo cade, ma dopo lo sgabello si disinnesta rapidamente. La preoccupazione è un prurito lancinante e un dolore moderato del carattere lamentoso nell'ano - secondo ICD 10 c.64.1.
  3. Fase 3: i nodi cadono periodicamente, ma si ripristinano solo con un metodo manuale. La diarrea neurogena o la stitichezza compare, che è spiegata da ragioni psicologiche (il paziente ha paura della ripetizione del dolore, sanguinamento) - è codificata a 64.2.
  4. Fase 4: i nodi cadono sempre, ma non possono essere installati autonomamente, neanche con un metodo manuale - è necessario l'aiuto di uno specialista. L'intensità del dolore aumenta, il processo patologico può prendere una via acuta e diventare complicato - codice k.64.3.

Una brusca esacerbazione del processo patologico avviene sotto l'influenza di vari fattori di rischio. Ci sono denunce di dolore acuto nell'ano, perdita di nodi, sanguinamento o sanguinamento pesante.

Emorroidi esterne

La patologia è crittografata - к.64.3 - к.64.5. I nodi venosi si trovano sotto la pelle all'esterno e intorno all'anello anale. Non ci sono sintomi nelle fasi iniziali. Più tardi, quando la patologia inizia a progredire bruscamente, c'è una sensazione di bruciore costante nell'ano. Con l'aumentare delle modifiche, appare:

  • piccoli sigilli facilmente palpabili;
  • avvistare;
  • sintomo dolore

I nodi sono visti dal medico durante l'esame. C'è una tendenza all'emorragia intensa con il progredire della malattia. Si manifesta una iperemia luminosa dei tessuti circostanti, si avvertono forti dolori nella regione anale, si osserva stitichezza o diarrea e feci spesso pastose con gocce o una mescolanza di sangue scarlatto.

Nei casi gravi, sensazione dolorosa di bruciore intorno allo sfintere, dolore durante qualsiasi sforzo - a volte anche tosse. L'aspetto della pelle infiammata e le alterazioni delle membrane mucose: c'è un arrossamento luminoso, gonfiore, c'è anche ipertermia locale, compattazione dello sfintere dell'ano. Questa forma è ben e rapidamente curabile a causa della disposizione superficiale dei nodi. Senza un trattamento tempestivo, il processo infiammatorio passa alla pelle dei glutei ed è complicato dalla necrosi.

Emorroidi interne

Con questo tipo di patologia (codice ICD 10 k.64.0 - k.64.3), si sviluppa la flebite e si forma una fessura nella mucosa intestinale. Le pareti della nave si espandono, appare la protuberanza venosa. È localizzato nelle sezioni centrali del retto. A causa di questa posizione, le emorroidi interne non vengono rilevate dall'ispezione visiva. Diagnosi con dito rettale o esame endoscopico (sigmoidoscopia). Appare:

  • dolore di varia intensità nell'addome inferiore;
  • costipazione occasionale;
  • sanguinamento (sangue scarlatto alla fine di un movimento intestinale);
  • una costante sensazione di disagio nell'ano.

Quando lo stress fisico si verifica la perdita di nodi nell'intestino e oltre. Man mano che aumentano i grumi, i cambiamenti nella parete vascolare aumentano, mentre i sintomi clinici diventano pronunciati. Il processo infiammatorio si diffonde diffusamente alle sezioni inferiori dell'intestino.

La fase iniziale procede senza manifestazioni e sintomi esterni della malattia. A volte c'è una sensazione di svuotamento incompleto o di un corpo estraneo nell'intestino anale. Quando defecare, le emorroidi possono sanguinare.

Nella fase successiva, la sensazione di un oggetto estraneo nell'intestino aumenta, lo scarico di sangue diventa abbondante. Quando il dolore alla defecazione si verifica a causa di un pizzicamento delle terminazioni nervose con un coagulo di sangue. La condizione è pericolosa dalla separazione di un coagulo di sangue e dal suo passaggio attraverso il flusso sanguigno nei vasi sanguigni del cuore o del cervello.

Nei casi più gravi, anche un piccolo sforzo o sollevamento pesi causa la perdita di emorroidi a causa dell'indebolimento del tono muscolare delle pareti intestinali. All'inizio occupano spontaneamente la loro posizione e in futuro saranno riposizionati in modo indipendente.

Emorroidi combinate

Le emorroidi miste si formano quando una combinazione di siti interni ed esterni. La sintomatologia corrisponde ad entrambi i tipi di patologia. Il trattamento viene scelto in base allo stadio della malattia. Nell'80% dei casi di emorroidi combinate vengono utilizzati metodi minimamente invasivi.

Forma acuta

In presenza di emorroidi croniche, si verificano spesso esacerbazioni. In alcuni casi, ciò può verificarsi rapidamente - entro poche ore, ma a volte si sviluppa un'esacerbazione nell'arco di 3-4 giorni. Le emorroidi acute sono pericolose per complicazioni potenzialmente letali e richiedono cure mediche di emergenza. Caratterizzato da una varietà di manifestazioni, la principale di esse - un improvviso dolore acuto. Appare negli adulti con emorroidi croniche già esistenti sotto l'influenza di qualsiasi fattore di rischio.

Trombosi di nodi con emorroidi

К.64.5 - La trombosi, che è comparsa a causa della compressione o del pizzicamento del nodo, complica le emorroidi acute. La formazione di trombi si verifica nell'ano a causa della ridotta circolazione del sangue nel plesso venoso cavernoso. Il processo acuto continua per 7-10 giorni. Quindi il nodo trombizzato viene gradualmente sostituito dalle cellule del tessuto connettivo. La necrosi può svilupparsi con l'ulcerazione della mucosa intestinale. La trombosi delle vene emorroidarie è presente nel 27% di tutti i pazienti con diagnosi confermata di emorroidi. Tra il numero di tutte le possibili complicazioni, la sua quota è del 60%. La mancanza di un trattamento tempestivo può essere fatale.

Codici nella sezione K64

La sezione di emorroidi (k.64) consiste di diversi sotto-articoli, che includono:

  • i tipi elencati sopra e tutti gli stadi delle emorroidi croniche (k.64.0 - k.64.3);
  • complicazioni di emorroidi acute (c.64.5 -k.64.8).

Segni emorroidari residui marcati con codice separato - k.64.4.

Per diagnosi non specificate, viene utilizzato il codice - k.64.9.

Tra le complicazioni del processo acuto, ci sono anche lesioni della sezione perianale, che sono incluse nella sottoclima k.64.5 o k.64.8:

  1. L'ematoma è una patologia rara che si sviluppa a seguito della scoperta di vasi danneggiati a causa dell'elevata pressione al loro interno. Il risultato è un'emorragia e una specie di livido che è doloroso.
  2. Trombosi diffusa - localizzata direttamente vicino all'ano, ma l'area interessata è molto più grande rispetto all'ematoma. Accompagnato da emorroidi esterne, manifestate da edema grave, defecazione difficile, sintomo doloroso intenso.
  3. Trombosi segmentaria - si verifica frequentemente, il suo aspetto è caratterizzato da sintomi acuti (nodo acuto sporgente, dolore lancinante dovuto allo sviluppo di infiammazione con gonfiore, comparsa di coaguli di sangue) o un decorso cronico (dopo una condizione acuta che dura 3-4 giorni, tutti i segni scompaiono e quindi si sviluppano un'altra ricorrenza con vari disturbi dello stile di vita).

Cambiamenti nella classificazione internazionale delle malattie

L'ICD della decima revisione è un documento che fornisce un elenco di diagnosi di malattie ridotte a uno standard internazionale stabilito. È aggiornato ogni 10 anni. Se necessario, la classificazione è rivista, modificata o integrata dall'OMS. Questa è una metodologia globale per la raccolta di dati sulla morbilità e la mortalità è necessaria per monitorare la situazione generale nel campo della salute, per creare statistiche per analizzare la situazione epidemiologica su vari tipi di patologie.

La decima revisione dell'IBC è stata adottata nel 1999. Quindi le emorroidi sono entrate nel gruppo delle malattie del sistema circolatorio. L'infiammazione delle emorroidi ha assegnato il codice i.84. La sezione comprendeva 10 sottotemi che dettagliavano la localizzazione dei vasi venosi interessati del retto e il grado delle loro alterazioni patologiche.

Nel 2014, una revisione e un cambiamento della posizione occupata dalle emorroidi nell'ICD. Dopo un'attenta analisi dei metodi diagnostici e terapeutici di questa malattia, entrò nel gruppo di malattie degli organi dell'apparato digerente. Allo stesso tempo, la sezione i.84 era completamente esclusa dall'ICD e le emorroidi sono codificate come k.64. Quindi, oltre all'eziologia modificata nella sezione di questa patologia, è stato aggiunto un altro comma - trombosi perianale.

L'ultima edizione di ICD 10 contiene la seguente sistematizzazione della malattia:

  1. Emorroidi stadio I - IV (c.64.0 -k.64.3).
  2. Trombosi venosa perianale (c.64.5).
  3. Un altro ha emorroidi specificato (k.64.8).
  4. Non specificato (r.64.9).

La base di tali aggiornamenti sono dati aggiuntivi. Sono indicati con codici separati in ICD:

  • sanguinamento;
  • forme patogenetiche separate di nodi.

Dal 2017 è stata sviluppata l'undicesima versione dell'ICD. La necessità di una tale revisione della classificazione è una migliore e più dettagliata riflessione su risultati e cambiamenti innovativi nell'assistenza sanitaria e nella pratica medica. In connessione con lo sviluppo della tecnologia dell'informazione, è previsto che l'ICD 11 sia utilizzato nei sistemi elettronici di informazione per il monitoraggio delle statistiche sanitarie. Ciò è dovuto all'emergere di nuovi studi, variazioni della malattia, metodi più moderni di diagnosi e trattamento. Si prevede di completare i lavori su una nuova versione dell'ICD entro la fine del 2018. Si calcola che in futuro tali modifiche saranno valide per circa 10 anni.

Interpretazione delle diagnosi e delle forme di emorroidi secondo l'ICD 10

Già nel secolo scorso, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha approvato la classificazione internazionale delle malattie (ICD), rilasciando regolarmente nuove versioni. Emorroidi ICD-10 è stato formulato come un disturbo circolatorio. Nel 2014, la malattia è stata classificata tra le patologie del tratto gastrointestinale.

Codice malattia

Nel 1999, tutte le informazioni sulle caratteristiche dell'espansione dei sigilli emorroidali sono state trasferite nella sezione I84. La causa principale della malattia era considerata debolezza del sistema vascolare. Dopo aver esaminato la storia della malattia, le caratteristiche del suo sviluppo in rappresentanti di diverse generazioni e metodi di trattamento delle emorroidi combinati con trombosi perianale. Ora è elencato nella sezione K64, dove vengono raccolte dozzine di malattie del tratto gastrointestinale.

Dopo una lunga ricerca, gli esperti hanno concordato che i processi infiammatori nei tessuti pancreatici e le molteplici patologie della zona gastro-dodeca possono provocare dolore durante la defecazione. Pertanto, non sorprende che nel 75% dei pazienti le emorroidi siano accompagnate da stitichezza, debolezza generale, diluizione delle feci e sanguinamento rettale.

Classificazione standard

Secondo l'ICD-10, la malattia può causare e aggravare la patologia del retto. Si riferisce a crepe, polipi, proctiti e persino tumori maligni sulle superfici dello stomaco. A causa della debolezza del sistema vascolare, le pareti delle vene si assottigliano nel tempo e l'intenso movimento del sangue contribuisce ad un aumento dei noduli emorroidali. All'inizio della malattia, questo sintomo potrebbe non apparire. Ma già nella terza fase della malattia è possibile la crescita e persino il pizzicamento dei sigilli.

Il trattamento prevede l'assunzione di antidolorifici e farmaci emostatici. Con la complicanza dei sintomi, antibiotici, assorbenti, supposte e tinture a base di erbe aiutano. La scelta dei farmaci è ampia, ma poiché ogni paziente mostra segni di malattia in modi diversi, una terapia efficace è possibile solo dopo un esame dettagliato.

A seconda della posizione dei nodi si distinguono:

  • emorroidi interne secondo il codice I84.2;
  • all'aperto - con il codice I84.5;
  • forma mista della malattia - I84.5 (spesso diagnosticata negli anziani).

Nella medicina russa c'è anche il concetto di emorroidi complicate. Tra i sintomi principali: ristagno del sangue nelle vene dell'ano, colorazione delle feci con coaguli di sangue e perdita di nodi anche in posizione seduta. Questi sono i codici I84.3 - I84.9. Per quanto riguarda I84.5, qui abbiamo a che fare con emorroidi esterne senza complicazioni.

cronico

Nel nostro paese, questa malattia è diagnosticata in ogni quinto abitante. Tuttavia, in soli 4 casi su 10 le persone si rivolgono ai proctologi. Il decorso asintomatico della malattia non consente agli specialisti di garantire il 100% di affidabilità dei dati statici. Inoltre, circa il 45% dei pazienti apprende della malattia solo durante una visita medica non pianificata.

Secondo i risultati della ricerca moderna, le emorroidi croniche contribuiscono a:

  • violazione dell'afflusso e del deflusso di sangue nel plesso cavernoso;
  • deformazione delle pareti dei vasi sanguigni;
  • trombosi, accompagnata da dolore fastidioso nell'ano e nel perineo;
  • processi destabilizzanti nei muscoli dell'ano.

Con questa malattia, gli specialisti trovano spesso un'espansione significativa dell'arteria rettale. Inoltre, nei pazienti, la densità dei vasi sanguigni nell'ano aumenta di quasi 1,5 volte. A causa di vasi indeboliti, le emorroidi possono muoversi sotto la pressione delle feci indurite. Se la malattia non viene rilevata in tempo, sarà possibile riposizionare i nodi solo con l'ausilio di attrezzature specializzate.

Al primo stadio della malattia, solo lo scheletro muscolo-legamentoso subisce piccole modifiche. I nodi non cadono. Ma dall'ano fino a 30 ml di sangue viene secreto ogni giorno. Nella seconda fase, il sanguinamento rettale aumenta, ma c'è ancora l'opportunità di correggere il sigillo libero con le proprie mani. Un quadro clinico simile è osservato nella terza fase delle emorroidi croniche. Il fallimento completo dello scheletro muscolo-legamentoso, che richiede un intervento chirurgico, viene diagnosticato nel quarto stadio della malattia.

I piccoli sigilli negli strati esterni dell'ano indicano lo sviluppo di emorroidi esterne. La possibilità di sanguinamento rettale in questo caso non supera il 2%. Ma le sensazioni dolorose dopo aver svuotato l'intestino "avvelenano" la vita di ogni terzo paziente.

Tra i principali sintomi della malattia:

  • sensazione di corpo estraneo, bruciore e prurito nell'ano;
  • approfondimento delle ragadi anali;
  • gonfiore dei nodi;
  • un aumento delle foche alle dimensioni delle ciliegie mature (sono facilmente rilevabili).

Durante la remissione, le emorroidi esterne non causano disagio. Le sensazioni spiacevoli sono possibili solo con l'esacerbazione della malattia. Questo si riferisce alla trombosi dei nodi, in cui il dolore è tormentato durante molte ore di lavoro al computer, mentre si cammina e anche quando si tossisce. In tale stato, i tessuti dell'area sovralale spesso si gonfiano e la temperatura corporea sale a 38 ° C.

interno

Poiché i sigilli sono nel retto, possono essere visti solo con attrezzature mediche. Esternamente, la malattia non si verifica. Ma se non viene diagnosticata in tempo, le pareti vascolari perderanno l'elasticità, e i nodi allargati usciranno.

Le cause principali della malattia sono l'abuso di cibo piccante, il lavoro sedentario e il duro lavoro fisico. Nelle donne, le emorroidi interne possono causare tumori pelvici. In quasi il 25% dei casi, le emorroidi interne si sviluppano sullo sfondo di infezioni intestinali, atrofia dei tessuti muscolari e stress frequenti.

Nel primo stadio della malattia, i nodi interni non causano disagio. Il sanguinamento minore è possibile solo con costipazione. Per visualizzare i coaguli di sangue è richiesto l'esame microscopico delle feci. I sigilli pieni di sangue lasciano l'ano in una seconda fase di emorroidi. Successivamente, ritornano in modo indipendente nella loro posizione originale. Durante il giorno, il paziente può perdere fino a 50 ml di sangue, che a sua volta contribuisce all'anemia.

combinato

La caratteristica principale della malattia è la crescita simultanea di sigilli interni ed esterni. Allo stesso tempo, i processi infiammatori interni sono soppressi più velocemente che all'esterno. I nodi ingranditi e la stitichezza regolare contribuiscono allo stesso modo alle emorroidi combinate. Altri motivi includono: lavoro d'ufficio, sforzo fisico anormale, trombosi negli organi addominali e abuso di alcool.

Se sono presenti ragadi anali, qualsiasi infezione può entrare. Questa è un'infiammazione pericolosa della fibra e, di conseguenza, lo sviluppo della paraproctite. Il dolore prima e dopo un movimento intestinale si fa sentire all'inizio della malattia. Se viene eseguito, la de-arterizzazione dei sigilli sarà richiesta nella terza fase. Qui, la cosa principale è trovare le arterie desiderate mediante ultrasuoni e tagliarle. Dopo di ciò, le emorroidi cesseranno di crescere e in 3-4 giorni scompariranno.

Con una tale diagnosi, è difficile per i pazienti sedersi, camminare e persino stare fermi. Attacchi di dolore acuto durante i movimenti intestinali e dura mezz'ora dopo un movimento intestinale. Le macchie di sangue sono visualizzate su carta igienica e biancheria intima. Durante il giorno possono fuoriuscire dall'ano fino a 60 ml di liquido ematico.

Altri sintomi dei proctologi della malattia includono:

  • sigilli scarlatti infiammati;
  • bruciore e prurito dell'ano;
  • arrossamento delle zone del corpo colpite attorno all'ano;
  • febbre e aumento della temperatura a volte fino a 39 ° C;
  • distrazione dell'attenzione e debolezza generale.

Se non vai dal medico in tempo, è possibile l'infezione del sangue. In assenza di gravi complicanze, gli esperti prescrivono supposte rettali con benzocaina nella composizione. Questi farmaci hanno un effetto analgesico, alleviano la sensazione di bruciore e migliorano la coagulazione del sangue. Le pillole a base di flavonoidi e rutina contribuiscono al rapido recupero.

La comparsa di trombosi

Il sangue ristagna nelle vene dell'ano per molte ragioni. Casa - fallimento della dieta. In questo caso, invece di digiunare cereali e brodi, i pazienti scelgono carne fritta, patatine fritte, pomodori in scatola e prodotti in scatola. Di conseguenza, aumenta la circolazione sanguigna negli organi pelvici. Lo stesso vale per la pressione all'interno delle guarnizioni emorroidali.

Stitichezza a lungo termine e uno stile di vita sedentario possono disturbare la circolazione del sangue nei coni. Un fattore fondamentale qui è spesso lo spasmo dello sfintere. La contrazione convulsiva dei muscoli porta alla stagnazione del tessuto connettivo nei sigilli. Così si formano i coaguli. Il dolore severo è possibile solo con la distruzione simultanea di tutti i nodi. Con l'infiammazione di uno e anche due neoplasie, i pazienti non sentono il disagio.

Codifica K64

La sezione K64 della malattia include emorroidi interne, esterne, croniche e combinate, oltre alla trombosi dei nodi. Tutte le fasi della malattia sono contrassegnate dai codici K64.0-64.3. Possibili complicanze nelle emorroidi acute - К64.5-64.8. Sotto un codice separato ci sono i tag emorroidali esterni - K64.4. Se la diagnosi non è confermata, vedi K64.9.

Qualsiasi lesione nell'area perianale è soggetta a K64.5 e K64.8. Questo include ematomi - il risultato di danni ai vasi sanguigni. Il più delle volte ciò è dovuto alla violazione della marea e del deflusso del fluido nelle formazioni tubolari. La trombosi diffusa si manifesta intorno all'ano. I principali sintomi di questa malattia sono il dolore dopo ogni movimento intestinale, arrossamento della pelle e gonfiore dei nodi.

Una forte protrusione delle foche è osservata con trombosi segmentaria. In questo caso, alcuni pazienti sentono costantemente bruciore e prurito nell'ano, mentre in altri i sintomi scompaiono già il quarto giorno della malattia. Dopo questo arriva la remissione. Le ricadute si verificano a causa di una violazione della dieta e abuso di cattive abitudini.

Le emorroidi di primo grado sono elencate sotto il codice K64.0, il secondo - K64.1, il terzo - K64.2 e il quarto - K64.3. Dalla classificazione esclusa la forma complicata durante la gravidanza e il travaglio. Intendo i codici O87.2 e O22.4.

Cambiamenti recenti

Nel 2014, gli esperti dell'OMS hanno sviluppato una nuova classificazione delle malattie. Le emorroidi non fanno eccezione. Secondo i risultati di numerosi studi e analisi microscopici, è stato incluso nel gruppo di malattie del tratto gastrointestinale. La sezione I84 doveva essere esclusa dall'ICD e l'espansione patologica dei plessi venosi era codificata sotto K64.

Così, nel decimo ICD, apparvero i concetti di trombosi perianale e di emorroidi raffinate. Le basi per le innovazioni erano ulteriori studi sul sanguinamento rettale e sulle forme patogenetiche delle foche.

L'anno scorso, gli esperti dell'OMS hanno iniziato a sviluppare la prossima versione dell'ICD. Ciò è stato facilitato da risultati innovativi nel campo dell'assistenza sanitaria, nonché da nuovi metodi di trattamento della malattia nella pratica. L'undicesima classificazione può essere utilizzata nei sistemi elettronici per consentire statistiche affidabili.

http://varikozpro.ru/lechenie/mkb-10-obostrenie-hronicheskogo-tromboza-gemorroidalnogo-uzla

Altri Articoli Su Vene Varicose