Trombosi e tromboembolia durante la gravidanza

La prevalenza di trombosi e tromboembolia è 3-12 per 1000 donne in gravidanza, che è 6 volte più che in non gravida. Dopo la nascita, l'incidenza di trombosi e tromboembolismo raggiunge il 30 per 1000 donne parziali. Le condizioni per la trombosi sono create a causa del flusso sanguigno più lento durante la malattia varicosa in combinazione con danni alle pareti dei vasi sanguigni. La formazione di trombi viene ulteriormente promossa da una violazione del sistema di coagulazione del sangue, ovvero da una diminuzione dell'attività fibrinolitica. Pertanto, durante la gravidanza e nel periodo postpartum, ci sono importanti fattori patofisiologici che predispongono alla trombosi, la triade di Virchow:


  • trauma alla parete interna delle vene;
  • rallentare il flusso di sangue venoso;
  • aumento della coagulazione del sangue.

Con un complicato ciclo di gravidanza, parto e periodo postparto, la gravità della triade di Virchow aumenta, causando un rischio più elevato di trombosi e tromboembolia. Il gruppo a rischio è costituito da donne in gravidanza e puerper con patologia extragenital (difetti cardiaci reumatici, cuore operato, valvole cardiache artificiali, malattie renali, ipertensione), nonché donne in gravidanza con preeclampsia e puerperale con malattie settiche postpartum.

Il ruolo più importante nella comparsa di trombosi e tromboembolia appartiene acquisito o geneticamente determinato trombofilia, che includono sindrome da antifosfolipidi, mutazioni genetiche coagulazione o carenze geneticamente determinate di fattori inibitori di coagulazione: fattori mutazione V Leiden, protrombina mutazione, carenze antitrombina III, proteina C, 8 e altri.

Il rischio di complicazioni trombotiche è anche associato al metodo di parto: l'incidenza di tali complicanze dopo il parto attraverso il canale del parto è dello 0,08-1,2%, dopo il taglio cesareo - 2,2-3,0%. Ulteriori fattori di rischio per la trombosi includono: età di una donna incinta oltre i 35 anni, elevata parità, obesità, immobilizzazione prolungata durante tocolisi prolungata o fratture degli arti inferiori, trombosi venosa profonda o tromboembolia nella storia, soppressione della lattazione con estrogeni.

La tromboflebite (trombosi) delle vene superficiali si manifesta clinicamente per iperemia della pelle, compattazione e dolore lungo le vene, ipertermia localizzata.

La diagnosi può essere chiarita mediante ecografia dei vasi degli arti inferiori (angioscanning, Doppler).

La tattica del trattamento della tromboflebite è determinata in comune con il chirurgo e dipende dalla posizione della trombosi. Con lo sviluppo del processo trombotico nella parte inferiore della gamba e nel terzo inferiore della coscia, viene utilizzata la terapia conservativa: a freddo per i primi tre giorni, applicazioni di unguento (troxevasin, butadione, eparina), compressione elastica, posizione elevata degli arti inferiori. La terapia generale comprende agenti antinfiammatori e disintegranti, farmaci che migliorano la microcircolazione e venotonici (butadione, teonicolo, trental, carillon, acido acetilsalicilico, troxevasin, escuzan). Gli anticoagulanti durante la gravidanza sono prescritti durante l'ipercoagulazione patologica, così come con una storia di complicanze tromboemboliche.

Nel caso di una tromboflebite ascendente della grande vena safena, a causa del pericolo di tromboembolismo, viene ligata nell'area dell'anastomosi safeno-femorale (operazione Troyanova - Trendelenburg).

Durante il travaglio, le gambe sono fasciate con bende elastiche per ridurre la stasi venosa e prevenire il reflusso di sangue durante i tentativi. Nel periodo postpartum continua la compressione elastica degli arti inferiori. Raccomandare l'innalzamento precoce, la fisioterapia, l'osservazione da parte del chirurgo.

Trombosi venosa profonda Le manifestazioni cliniche includono edema della gamba interessata, febbre localizzata e dolore alla parte inferiore della gamba durante la palpazione. I sintomi della trombosi venosa profonda non sono specifici, quindi la diagnosi viene effettuata in congiunzione con il chirurgo utilizzando metodi aggiuntivi di ecografia con un'ecografia Doppler).

Il trattamento della trombosi venosa profonda è eseguito dal chirurgo, consiste in una complessa terapia antitrombotica (anticoagulanti diretti, che vengono interrotti per 6 ore prima del parto programmato, disaggregati, vasoprotettori, farmaci antinfiammatori non specifici) con compressione elastica obbligatoria.

La rilevazione di un trombo venoso fluttuante indica una potenziale fonte di tromboembolia e richiede una correzione chirurgica: la creazione di un filtro cava o la plicatura della vena cava inferiore (lampeggiante con parentesi speciali) indipendentemente dalla durata della gravidanza. Se nel primo trimestre il paziente ha effettuato un esame radiografico (angiografia), la gravidanza deve essere interrotta dopo l'impianto del filtro cava.

La tattica del parto nei pazienti con trombosi venosa profonda dipende dalla natura della trombosi. Se la trombosi non è embolica, il metodo di consegna è determinato solo dalla situazione ostetrica, preferibilmente attraverso il canale del parto. L'introduzione di eparina a basso peso molecolare riprende 6 ore dopo la nascita.

Nel caso di un emboloopatico (galleggiante) trombo, la consegna attraverso il canale del parto naturale è possibile solo dopo l'impianto di un filtro cava. Senza un filtro cava, il paziente viene consegnato con taglio cesareo mentre contemporaneamente spinge la vena cava inferiore con una sutura meccanica.

Tromboembolia polmonare (embolia polmonare). La causa principale è la trombosi venosa profonda degli arti inferiori, la cardiopatia valvolare, le valvole cardiache protesiche. Grasso meno comune, embolia gassosa e embolia del liquido amniotico.

Con un tromboembolismo massiccio, si sviluppa la sindrome da insufficienza cardiopolmonare acuta con dolore toracico e improvvisa perdita di coscienza. Nei casi meno gravi (embolia dell'arteria segmentaria), si notano sintomi non specifici: dolore toracico, tosse, tachipnea.

L'esame dei pazienti con sospetta embolia polmonare include l'elettrocardiografia; radiografia del torace per escludere la polmonite, l'enfisema; scintigrafia polmonare ventilazione-perfusione. Nell'embolismo polmonare, la normale ventilazione è accompagnata da una diminuzione della perfusione in uno o più segmenti polmonari. Lo studio dei gas ematici arteriosi rivela un tipico segno di embolia polmonare - ipossiemia senza ipercapnia.

Nei casi più gravi, anche prima che la diagnosi sia confermata, eseguire prima la rianimazione cardiopolmonare e solo successivamente iniziare l'esame.

Se si sospetta un'embolia polmonare, il trattamento dell'ipotensione arteriosa suggerisce l'uso della terapia per infusione, farmaci vasopressori. Con l'ipossiemia è indicata l'ossigenoterapia. L'eparina è usata per ridurre il rischio di rianimbolizzazione.

Il trattamento delle donne incinte con embolia polmonare viene effettuato dai chirurghi vascolari. Nei casi gravi, sono indicati l'embolectomia polmonare, la terapia trombolitica e la terapia antitrombotica complessa.

Se si manifesta embolia polmonare nel primo trimestre dopo il trattamento, la gravidanza deve essere interrotta. Se l'embolia polmonare si sviluppa nei trimestri II-III, la questione del mantenimento della gravidanza viene decisa individualmente, in base alle condizioni del paziente e alla vitalità del feto. Se il trattamento dell'embolia polmonare è inefficace, una donna incinta dovrebbe essere consegnata con taglio cesareo.

Con successo del trattamento dell'embolia polmonare nelle donne con un lavoro di filtro kava precedentemente stabilito può essere effettuato attraverso il canale del parto.

Nel periodo postparto, la terapia con eparina continua con una transizione graduale agli anticoagulanti indiretti. Dopo la dimissione dall'ospedale ostetrico, il trattamento deve essere effettuato sotto la supervisione di un chirurgo e di un cardiologo.

Autori: G.M. Saveliev, R.I. Shalina, L.G. Sichinava, OB Panina, M.A. Kurtser

http://medichelp.ru/rubriki/akusherstvo/7044-trombozy-i-tromboembolii-pri-beremennosti.html

Trombosi durante la gravidanza: cause, sintomi, rischi

A causa del naturale processo di aumento della viscosità del sangue mentre si alza un bambino, si può sviluppare trombosi. Questa è una malattia pericolosa che porta a gravi complicazioni. La trombosi durante la gravidanza può essere formata a causa di uno stile di vita poco attivo. La ginnastica speciale e un piccolo carico fisico ridurranno il rischio che si verifichi.

Cos'è la trombosi?

Questa malattia colpisce non solo le donne in gravidanza. I coaguli di sangue si formano nelle persone con malattie cardiovascolari. Mentre si alza un bambino, aumenta la probabilità di trombosi.

Un coagulo di sangue è chiamato un coagulo di sangue, che in una persona sana appare nella sede del taglio. Questo è un processo naturale, previene l'eccessiva perdita di sangue dalle ferite.

Nelle donne in gravidanza, i cambiamenti ormonali notevolmente, per questo motivo, i coaguli di sangue possono formarsi senza una ragione.

Le variazioni dei livelli ormonali portano ad una diminuzione degli anticoagulanti. Vale a dire, controllano il processo di coagulazione del sangue e prevengono la formazione di coaguli di sangue.

Perché lo fa

Aumentare la viscosità del sangue nelle donne in gravidanza è un processo naturale. Questo è necessario per ridurre la perdita di sangue durante il parto.

Un'alta probabilità di coaguli di sangue si verifica nel terzo trimestre. In questo momento, il corpo femminile inizia a prepararsi attivamente alla consegna.

La gravidanza mette a dura prova il corpo femminile. In esso ci sono cambiamenti fisiologici speciali.

Hanno un effetto più negativo sulle navi rispetto a quello positivo. C'è un aumento della pressione intrauterina, i vasi della parte inferiore del corpo sono interessati.

Particolarmente pericolosa è la trombosi venosa profonda. In qualsiasi momento, può essere fatale.

Fattori di rischio

Ci sono anche altri fattori di rischio che possono aggravare la situazione. Questi includono:

  1. Cuore malato Nelle malattie cardiovascolari, la circolazione sanguigna diminuisce, appare la stasi.
  2. La presenza di trombofilia. Alcune persone hanno la tendenza a formare coaguli di sangue dalla nascita.
  3. Utilizzare prima del taglio cesareo. In questo caso, il rischio di coaguli di sangue raddoppia.
  4. Assunzione di contraccettivi orali prima della gravidanza. Aumentano la viscosità del sangue. Questo effetto persiste anche dopo la fine del loro ricevimento.
  5. La seconda e la terza nascita. Durante la gravidanza, specialmente nei bambini multipli, aumenta la pressione sui vasi delle gambe e dell'aumento del bacino. Ciò influenza lo sviluppo della trombosi venosa profonda.
  6. Disidratazione del corpo Spesso nelle fasi iniziali della gravidanza, una donna soffre di tossicosi. Insieme al vomito, l'umidità necessaria viene fuori dal suo corpo. Ciò porta ad un aumento della viscosità del sangue. La disidratazione è estremamente pericolosa durante il periodo di crescita di un bambino. Quando si verifica, una donna viene ricoverata in ospedale.

Aumenta anche il rischio di coaguli di sangue nelle donne dopo 35 anni soffrono di ipertensione, vene varicose.

Nei vasi, la pressione venosa può aumentare, quando la testa del feto viene premuta nelle vene pelviche.

Tipi di trombosi e caratteristiche

Esistono 2 tipi principali di trombosi: venosa, arteriosa. Coaguli di sangue più spesso formati nelle vene.

La trombosi venosa è uno sviluppo del tromboembolismo. Durante questa malattia c'è un blocco delle vene dell'arteria polmonare.

Quando si verifica un'embolia, una persona muore entro un paio d'ore. I coaguli di sangue sono meno comuni nelle arterie.

Considerando il pericolo di trombosi arteriosa durante la gravidanza, vale la pena notare che i coaguli di sangue sono nel flusso sanguigno veloce, più spesso si staccano. Può portare a infarto miocardico o ictus.

Nelle donne in gravidanza, ci sono due tipi principali di trombosi. Questa è una trombosi venosa profonda e profonda.

Il sintomo principale di quest'ultimo è un forte dolore acuto nell'area del muscolo gastrocnemio.

Qual è la patologia pericolosa

La trombosi spesso causa complicanze. Diventano più evidenti alla settimana 10. Non appena i test hanno dimostrato che il sangue è diventato più viscoso, è necessario iniziare a essere osservato da un medico.

Un sangue troppo spesso può portare alla formazione di grumi densi, che porteranno a conseguenze irreversibili.

Per la mamma

Potrebbe essere un attacco cardiaco polmonare. In questo caso, si verifica un blocco del piccolo ramo dell'arteria. Vale la pena notare che la trombosi venosa profonda è una delle cause principali della mortalità materna.

Questa patologia può causare insufficienza venosa cronica. In questo caso, le vene si indeboliscono, la circolazione del sangue nelle gambe viene disturbata e appare un costante gonfiore.

Per frutto

Se un coagulo di sangue ostruisce parzialmente o completamente il lume della nave che alimenta il feto, il bambino non riceverà più i nutrienti di cui ha bisogno. Ciò porterà allo sviluppo di vizi.

La conseguenza più grave è la morte del feto.

sintomi

Vale la pena contattare un medico se sono stati notati i seguenti sintomi di trombosi durante la gravidanza:

  • gonfiore persistente delle gambe;
  • dolore agli arti inferiori;
  • costante sensazione di pesantezza alle gambe;
  • alta temperatura;
  • palpitazioni cardiache;
  • mal di testa;
  • disagio nella fossa popliteo o nell'inguine;
  • la formazione di emorroidi dolorose.

Quando e quale medico contattare

È necessario contattare immediatamente un flebologo in caso di segni di trombosi durante la gravidanza. Queste sono le vene safene espanse, la presenza di una rete vascolare.

Se la trombosi è stata trasferita prima, il ginecologo dovrebbe essere avvertito di questo.

Metodi diagnostici

Fondamentalmente, la malattia viene diagnosticata sulla base della storia e dei sintomi. Al paziente viene chiesto del suo lavoro, rinviato a malattie cardiovascolari e infettive. Esaminare la gravidanza e la palpazione delle sue gambe.

I test di laboratorio includono:

  • coagulazione;
  • fibrinogeno;
  • aggregazione piastrinica;
  • D-dimero.

Inoltre, possono essere condotti metodi diagnostici strumentali. Quindi quando Doppler è la valutazione delle vene, ha rivelato la posizione del coagulo. Se necessario, conduci flebografia.

Se la gestante ha l'idropisia, l'insufficienza arteriosa cronica, la poliartrite e altre malattie, vengono prescritti metodi di ricerca differenziali.

Metodi di trattamento

Il trattamento della trombosi durante la gravidanza non è solo per eliminare i sintomi, ma anche per prevenirli. Vengono utilizzati due tipi di terapia: conservativa e operativa. Il primo tipo sta assumendo farmaci.

Principalmente nominato:

Durante la gravidanza è vietato l'uso di antibiotici e di alcuni anticoagulanti.

Il trattamento chirurgico viene effettuato dopo il parto. Non è consigliabile farlo mentre si trasporta un bambino.

L'unica indicazione per l'intervento chirurgico sarà un trombo che si muove verso l'alto.

Effetti del trattamento

Con il giusto trattamento, la terapia non influirà sulle condizioni del bambino. L'importante è consultare un medico in tempo, non ritardare la visita.

Caratteristiche del parto

Alla domanda: è possibile dare alla luce una trombosi? La risposta è sì Questa non è una controindicazione alla fruttificazione. L'unica cosa che devi seguire tutte le raccomandazioni del medico. Solo in questo caso, un risultato favorevole è possibile.

Quando non ci sono complicazioni gravi, il parto dopo la scoperta della trombosi può andare naturalmente. In alcuni casi è possibile usare pinze o aspirapolvere. Per qualsiasi complicazione, viene eseguito un taglio cesareo.

Se è stato richiesto uno studio antografico di trombosi nel primo trimestre, la gravidanza può essere interrotta. Ciò è dovuto al fatto che il feto ha sofferto di esposizione ai raggi X.

Nel caso in cui la gravidanza sia più di 12 settimane, la domanda di risoluzione è scelta individualmente.

La tattica del parto conservatore. Se non è possibile interrompere le manifestazioni acute della trombosi al parto, si raccomanda di eseguire un taglio cesareo.

Suggerimenti per la prevenzione

La profilassi della trombosi durante la gravidanza consiste in:

  1. Movimento attivo Ogni giorno devi fare almeno 10.000 passi. Vale la pena fare una passeggiata di 30 minuti prima di andare a dormire. Se c'è bisogno di molto tempo per essere in una posizione, ad esempio, questo è un lungo viaggio o fuga, allora vale la pena camminare un po ', impastando le articolazioni, respirando profondamente. Il bene darà regolarmente durante le visite di gravidanza alla piscina, gli esercizi, la ginnastica e la ricezione di una doccia contrastante.
  2. Vestiti larghi. Durante la gravidanza, dimentica vestiti attillati, corsetti, scarpe strette. Tutto dovrebbe essere libero, conveniente, in modo che le navi non vengano trasferite. Affinché il sangue circoli bene nelle vene, è necessario mentire per 15 minuti al giorno con le gambe sollevate.
  3. Indossare calze a compressione. Questo intimo ha salvato molte donne dallo sviluppo della trombosi nel trasportare un bambino.
  4. Rinuncia alle spiagge e alle saune. Durante la gravidanza, anche dire di no ai bagni troppo caldi. Ciò è dovuto al fatto che le alte temperature influenzano negativamente la coagulazione del sangue.

Inoltre, le donne incinte dovrebbero seguire una dieta. La regola principale in esso - non mangiare troppo. Non significa morire di fame. Qui devi essere saggio.

È necessario evitare la formazione di eccesso di peso. La dieta dovrebbe essere completa. È auspicabile che nel menu del giorno siano presenti alimenti ricchi di vitamina C, fibre e bioflavnoidi.

http://venaprof.ru/tromboz-pri-beremennosti/

Tromboembolismo durante la gravidanza

L'incidenza di tromboembolia durante la gravidanza è 1: 2500. Con un trattamento tempestivo, la mortalità materna non supera l'1%, in sua assenza - 80%. Questa è una delle cause più comuni di morte correlata alla gravidanza. Nel 70% dei casi, il fattore scatenante è la trombosi venosa profonda.

sintomi

Quadro clinico: dolori al petto simili a quelli della pleurite, mancanza di respiro, mancanza di aria, palpitazioni, emottisi e episodi sincopali. Segni presuntivi di tromboembolismo durante la gravidanza: tachipnea, tachicardia, febbre subfebbrile, rumore dell'attrito pleurico, tono di accento II sull'arteria polmonare e sintomi di insufficienza ventricolare destra. Nella maggior parte delle donne incinte, i sintomi e i segni di embolia polmonare sono lievi.

Research. Sull'ECG, la tachicardia sinusale può essere rilevata con o senza extrasistole, così come la deviazione dell'asse elettrico del cuore a destra. Le radiografie di OGK possono mostrare atelettasia, versamento nella cavità pleurica, obliterazione delle ombre arteriose e elevazione del diaframma. Il potenziale di ossigeno del sangue arterioso non supera 80 mm Hg. In definitiva, l'embolia polmonare è una diagnosi radiologica. Puoi utilizzare tre regole:

  • - se alla compressione bilaterale degli ultrasuoni si riscontrano segni di trombosi venosa profonda, con sintomi clinici, viene diagnosticata embolia polmonare;
  • - la scansione della ventilazione e della perfusione ha un rischio minimo per il feto, ma non viene eseguita quando la patologia viene rilevata su una radiografia del torace, così come nei pazienti con asma bronchiale o broncopneumopatia cronica ostruttiva;
  • - il vantaggio della TC spirale - la possibilità di imaging non invasivo di un coagulo di sangue.

La sensibilità della TAC corrisponde a quella dell'angiografia polmonare: durante la gravidanza, questo metodo è usato in modo più razionale. L'angiografia polmonare è prescritta estremamente raramente, poiché è un metodo invasivo che trasporta un grande carico di radiazioni ed è associato ad un tasso di mortalità relativamente alto.

trattamento

Il trattamento del tromboembolismo durante la gravidanza, il parto, nel periodo postpartum (episodio acuto), corrisponde a quello della trombosi venosa profonda.

Il trattamento del tromboembolismo di gravidanza confermato inizia con la somministrazione endovenosa di eparina o somministrazione sottocutanea di MNG (enoxaparina sodica) fino al completamento della terapia anticoagulante. La dose di eparina è aggiustata in modo tale che l'APTT non si discosti dalla norma più di 1,5-2,5 volte. La terapia anticoagulante per via endovenosa viene continuata per 5-7 giorni, dopo di che viene effettuata una transizione alla somministrazione sottocutanea del farmaco, che continua per tutta la gravidanza e 6 settimane dopo il parto con controllo settimanale dell'APTT.

Prevenzione del tromboembolismo durante la gravidanza

Diagnosi di trombofilia. I pazienti con embolia polmonare sono testati per trombofilia (in particolare con trombosi ricorrente o anamnesi familiare appropriata). Comprende tutti gli studi raccomandati per le acquisizioni (determinazione del lupus anticoagulante, anticorpi anti-cardiolipina) e ereditarie (mutazioni del fattore V Leiden) trombofilia, carenza di proteine ​​C, S, antitrombina III, con mutazioni G20210A della protrombina.

Terapia anticoagulante preventiva. Le donne incinte con embolia polmonare nella storia o trombosi venosa profonda durante una precedente gravidanza durante la gravidanza in corso, nel periodo postpartum, sono somministrate dosi profilattiche di eparina sodica o eparina a basso peso molecolare. La dose minima di eparina per il tromboembolismo durante la gravidanza (10-15 mila U / die) o sodio enoxaparina (40 mg una volta al giorno) nella maggior parte dei casi fornisce una protezione affidabile, ma talvolta è necessaria un'ampia terapia anticoagulante.

http://surgeryzone.net/info/informaciya-po-akusherstvu-i-ginekologii/tromboemboliya-pri-beremennosti.html

Come sbarazzarsi della trombosi durante la gravidanza?

Aspettare il bambino è un momento speciale per le donne. Oltre alla gioia, porta molti problemi per la salute del bambino e della madre. In effetti, in questo momento, il corpo femminile funziona con un doppio carico. Pertanto, ci sono frequenti complicazioni, tra cui trombosi durante la gravidanza. Come puoi proteggere da questa malattia spesso fatale?

L'articolo dirà:

Manifestazioni cliniche di tromboflebite

La trombosi a donne incinte è mostrata, sfortunatamente, abbastanza spesso. Ciò contribuisce a un cambiamento nella composizione del sangue, durante la gravidanza, si ispessisce. La trombosi più comune degli arti inferiori.

Nella seconda metà della gravidanza, quando l'utero cresce a doppia velocità e il feto preme sui vasi delle gambe, la probabilità di formazione di trombi aumenta più volte.

Questo è pericoloso perché un trombo può staccarsi e iniziare il suo avanzamento attraverso le navi. Se cade nel cuore, è possibile un attacco di cuore, e se è nel cervello, quindi un ictus.

Pertanto, alle prime manifestazioni delle vene varicose, è necessario iniziare immediatamente il trattamento al fine di prevenire la trombosi. È importante capire che la formazione di un coagulo di sangue è pericolosa sia per la vita della madre che per la vita del bambino.

Tipi di tromboflebiti e dei suoi sintomi

La trombosi può verificarsi nelle vene profonde della gamba e nell'omemoral (ileale-femorale).

In questo caso, la donna ha i seguenti sintomi:

  • febbre alta;
  • pelle d'oca sulla pelle;
  • intorpidimento dell'arto;
  • mal di testa;
  • aumento della fatica;
  • diarrea;
  • nausea;
  • forte dolore alla gamba.

La gamba malata si gonfia molto, sembra molto calda al tatto o, al contrario, è troppo fredda. La pelle dell'arto, in cui si trova il coagulo, ha un aspetto speciale e brillante.

Il polso può aumentare notevolmente, sentire la debolezza. Le vene sulla gamba malata si distinguono chiaramente, il pattern vascolare è chiaramente visibile. A volte un arto con un grumo di sangue sembra diventare blu.

La trombosi acuta durante la gravidanza è un'indicazione per il ricovero obbligatorio di una donna.

In caso di sintomi simili, è necessario contattare immediatamente un istituto medico. Solo ai primi segni della malattia si può salvare la vita della madre e del bambino.

Le ragioni del suo sviluppo

Affinché la tromboflebite si sviluppi in una donna incinta, sono necessari diversi fattori:

  • vene varicose;
  • processo infiammatorio;
  • coaguli di sangue

A causa dell'aumento degli ormoni sessuali, il sangue durante la gravidanza diventa più spesso. Aumenta la protrombina e il fibrinogeno nel sangue. Inoltre, il feto esercita una pressione sugli arti inferiori, a seguito del quale la circolazione sanguigna si deteriora.

I fattori aggravanti sono:

  • l'età della donna incinta ha superato i 35 anni;
  • assumere contraccettivi orali da molto tempo prima della gravidanza;
  • la presenza di malattie autoimmuni (lupus eritematoso, ecc.);
  • nascite multiple (più di quattro);
  • mancanza di antitrombina per ereditarietà;
  • nefropatia;
  • stare su un lungo riposo a letto;
  • omocistinuria;
  • lesioni gravi in ​​passato;
  • tromboembolismo nella storia.

Tutto ciò provoca lo sviluppo della malattia e, se la trombosi si verifica prima della gravidanza, il pericolo di complicanze aumenta molte volte. Le malattie cardiovascolari di una donna incinta, il lavoro sui piedi, le malattie infettive e l'assunzione di glucosteroidi influenzano anche la formazione di coaguli di sangue.

Di pericolose tromboflebiti durante la gravidanza

La tromboflebite è una malattia estremamente pericolosa durante il periodo di fruttificazione. La formazione di un coagulo di sangue minaccia con conseguenze mortali come infarto, ictus, tromboembolismo. È anche possibile il distacco della placenta, è una condizione pericolosa per la vita.

Dall'assistenza tempestiva dipende dalla vita di una donna incinta e un bambino. È necessario iniziare a curare questa malattia prima è, meglio è.

Ma non tutti sanno su quale medico rivolgersi in caso di sospetta trombosi. Se la condizione della donna incinta non è critica, allora può sembrare al ginecologo che sta conducendo la gravidanza. Ma se la febbre sale, il dolore alla gamba diventa molto forte, c'è un forte gonfiore, quindi non si può esitare, è necessario chiamare urgentemente un aiuto urgente. Questa condizione è estremamente pericolosa per la madre e il bambino.

diagnostica

Dopo aver trattato una donna incinta con sospetta tromboflebite, il medico ordinerà un esame. Forse il ginecologo inviterà un chirurgo vascolare ad esaminare la donna. Un esame esterno e la palpazione degli arti.

Gli esami del sangue sono assegnati a:

  • coagulazione;
  • protrombina;
  • fibrinogeno;
  • APTT;
  • D-dimero;
  • tempo di protrombina.

Inoltre effettuato un esame ecografico del feto e accertarsi di doppler vascolare. Talvolta viene prescritta una flebografia, sebbene alcuni medici si oppongano fortemente a questa procedura. Se una donna incinta ha idropisia, artrosi, insufficienza venosa o poliartrite, viene effettuata una diagnosi differenziale.

Caratteristiche del trattamento

Quando la diagnosi è confermata, la donna incinta viene urgentemente spedita all'ospedale. A casa, questa malattia non viene trattata. Deve aderire al rigoroso riposo a letto per escludere la possibilità di migrazione di coaguli di sangue.

Le gambe di una donna dovrebbero trovarsi su un'altura, viene creata una compressione speciale degli arti. La scelta del trattamento per la trombosi nelle donne in gravidanza rende il medico curante. Questo può essere un metodo chirurgico o una terapia conservativa, a seconda della gravità del processo e delle condizioni del paziente.

Terapia farmacologica

Il fatto è che molti farmaci per il trattamento della tromboflebite sono proibiti durante la gravidanza. Gli anticoagulanti indiretti non devono essere usati dalle donne in gravidanza. Pertanto, il medico seleziona i mezzi individualmente sicuri per un caso particolare.

Di solito quando viene prescritta la tromboflebite:

  • eparina (per via endovenosa);
  • acido acetilsalicilico;
  • pentoxifylline;
  • antibiotici;
  • venotoniki;
  • farmaci anti-infiammatori non steroidei (per il dolore).

Il trattamento conservativo di solito dura due settimane, dopodiché è necessario un coagulogramma di controllo. Dopo aver migliorato le condizioni e la normalizzazione delle analisi, il paziente viene dimesso. A casa, una donna deve necessariamente seguire una dieta.

Escluso dalla dieta:

È necessario seguire il regime di bere, bere fino a 2 litri di acqua pulita al giorno. È utile camminare all'aria aperta, evitando il superlavoro. Il sonno notturno dovrebbe essere sufficiente, fare un buon sonnellino anche durante il giorno.

La terapia farmacologica è effettuata sotto la supervisione del medico generico essente presente.

Assicurati di indossare una maglieria a compressione speciale, con la possibilità di aiutare il medico a decidere. Allo stesso tempo, è necessario applicare unguenti speciali giornalieri per le gambe, che migliorano la circolazione sanguigna, rafforzano i vasi sanguigni delle gambe, prevengono i coaguli di sangue ed eliminano il gonfiore.

Come strumenti ausiliari si può usare la medicina tradizionale. Impacco di miele utile: 2 table.l. miele mescolato con mezzo cucchiaio di olio d'oliva.

Anche le foglie di cavolo sono utili, devono essere lavate, schiacciate, legate ai piedi con una benda di notte. Esistono altri modi per trattare la tromboflebite. Va ricordato che tutti i mezzi devono essere discussi con il medico prima dell'uso.

Intervento chirurgico

In casi difficili, se viene rilevato un trombo migrante, viene indicata un'operazione di emergenza. Per fare ciò, in anestesia locale, viene introdotto un filtro cava nella vena cava inferiore. Altri trattamenti chirurgici per trombosi acuta sono disponibili anche in medicina moderna. Dopo l'intervento chirurgico, è necessario il trattamento anticoagulante.

L'effetto della tromboflebite sul parto

Se la tromboflebite è stata diagnosticata nel primo trimestre, la gravidanza può essere conservata a condizione che non siano state effettuate radiografie. Nel secondo e terzo trimestre, la gravidanza può essere mantenuta, a meno che non vi siano altre controindicazioni ostetriche.

Se non c'è probabilità di tromboembolia dell'arteria polmonare, il parto è possibile in modo naturale. Ma il più spesso con thrombophlebitis effettua la consegna con taglio cesareo.

Va tenuto presente che la somministrazione endovenosa di eparina viene interrotta 6 ore prima della consegna. È possibile continuare il trattamento con questi farmaci solo 6 ore dopo il parto. Se viene rilevato un coagulo di sangue in movimento, il parto è possibile solo dopo aver installato un filtro cava.

Se non è stato installato, un taglio cesareo viene eseguito con la chiusura preliminare della vena cava. Prima di questo, viene eseguita la terapia antitrombotica.

La gravidanza è possibile con la trombosi?

Di per sé, la malattia non è una controindicazione alla fruttificazione. A condizione che la gravidanza venga eseguita correttamente, viene effettuata un'attenta osservazione durante l'intero periodo, tutte le raccomandazioni del medico sono soddisfatte, sono possibili un esito sicuro e la nascita di un bambino sano.

Prima e dopo il parto con tromboflebiti, vengono prescritti venotonici, l'uso obbligatorio di calze a compressione, la modalità corretta della giornata. Il medico prescrive il trattamento con anticoagulanti. Con il deterioramento della necessità urgente della donna incinta di vedere un dottore.

prevenzione

Affinché la gravidanza passi senza problemi, è necessario osservare alcune misure preventive:

  • non sollevare pesi;
  • eseguire esercizi speciali;
  • indossare la compressione a maglia durante la gravidanza;
  • prendere la venotonica;
  • camminare ogni giorno per la strada;
  • non sovraccaricare, rispettare il regime del giorno;
  • abbandonare cattive abitudini;
  • mangiare bene;
  • osservare il regime di bere.

Come prevenzione della trombosi durante la gravidanza, tutti gli alimenti salati, grassi e affumicati dovrebbero essere esclusi dalla dieta. I pasti devono essere crudi, bolliti o affumicati. Non farti coinvolgere in gelati e torte, non puoi bere la soda. Più bisogno di mangiare frutta e verdura fresca.

Esistono molti mezzi di medicina tradizionale, fluidificare il sangue e prevenire la formazione di un coagulo di sangue, ma non possono essere usati indipendentemente. Perché raggiungono il feto attraverso il cordone ombelicale e possono influire negativamente sul feto. L'uso di tutti i rimedi popolari dovrebbe essere effettuato solo con il permesso del medico curante.

prospettiva

Se tutte le istruzioni del medico sono state osservate, la donna incinta è stata regolarmente esaminata, monitorato il suo stato di salute, è andata in ospedale con complicanze e si è sottoposta a terapia, quindi la prognosi della gravidanza e del parto è favorevole.

La complicanza più pericolosa di questa malattia durante la gravidanza è l'embolia polmonare. Per prevenire questa condizione pericolosa per la mamma e il bambino, è necessario attuare attentamente misure preventive e spesso presentarsi al medico.

http://flebolog.guru/tromboz/tromboz-pri-beremennosti/

Embolia polmonare durante la gravidanza

L'embolia polmonare è una malattia formidabile, con gravi conseguenze, persino la morte, che è caratterizzata da un'ostruzione da un coagulo di sangue (trombo) dell'arteria polmonare. Il blocco del flusso sanguigno con un coagulo di sangue può essere completo o parziale. A seconda di ciò, viene determinata la gravità dell'embolia polmonare (PE).

motivi

Per la vita normale, il corpo umano deve essere costantemente saturo di ossigeno. Questo è tutto conosciuto da scuola. Il processo di scambio di gas avviene costantemente: l'ossigeno viene assorbito e l'anidride carbonica viene espulsa. La cessazione dell'ossigeno nel corpo dopo un tempo molto breve provoca la morte delle cellule nervose del cervello e la morte clinica. Di conseguenza, un risultato fatale. Quando l'arteria polmonare è caratteristica dell'embolia polmonare, l'ossigeno cessa di fluire nei polmoni. La condizione è considerata grave, incompatibile con la vita.

Le ragioni per lo sviluppo dell'embolia polmonare nelle donne incinte sono i seguenti fattori:

  • tumori di varie eziologie;
  • obesità patologica;
  • ereditarietà.

sintomi

I sintomi di embolia polmonare possono manifestarsi nelle donne in gravidanza a vari gradi di intensità e gravità, a seconda del grado di sovrapposizione dell'arteria polmonare da parte di un trombo. I principali segni di embolia polmonare sono:

  • la respirazione accelera, diventa superficiale, si sviluppa la mancanza di respiro;
  • ci sono dolore, aggravato dall'ispirazione o dalla tosse;
  • vertigini, svenimento, perdita di coscienza non sono esclusi;
  • debolezza generale, letargia, sonnolenza;
  • aumento della temperatura corporea;
  • c'è cianosi, una pulsazione delle vene diventa visibile sul collo, che si gonfia fortemente;
  • c'è una tosse, e poi emottisi.

Quando l'arteria polmonare principale è bloccata, i sintomi sono pronunciati. Nel caso di sovrapposizione di piccole arterie, tutte le manifestazioni di embolia polmonare sono difficilmente evidenti o completamente assenti, quasi non riconosciute.

Diagnosi di embolia polmonare in donne in gravidanza

L'embolia polmonare nelle donne in gravidanza è considerata una condizione critica. Pertanto, al primo sospetto di embolia polmonare, è necessaria un'urgente consultazione medica per stabilire una diagnosi accurata. Il medico determinerà la malattia passando da:

  • storia dettagliata;
  • ispezione visiva;
  • esami delle urine e del sangue;
  • coagulogramma - uno studio che consente di determinare le caratteristiche della coagulazione del sangue;
  • ECG - elettrocardiografia;
  • radiografia del torace;
  • Ultrasuoni del cuore;
  • tomografia computerizzata a spirale dei polmoni;
  • esame ecografico del flusso sanguigno al petto;
  • Esame radiografico mediante introduzione di un mezzo di contrasto nei vasi dei polmoni, che li rende visibili sulla radiografia.

Il medico formulerà una diagnosi e prescriverà il trattamento individuale appropriato basato su un esame visivo, una storia dettagliata e risultati degli esami.

complicazioni

Lo sviluppo fulminante della malattia nelle donne in gravidanza, purtroppo, è fatale - i dottori semplicemente non hanno tempo per salvare la vita della futura mamma e del bambino. A volte la malattia sfocia in una forma cronica e il trattamento con farmaci anticoagulanti viene ritardato a lungo.

trattamento

Cosa puoi fare

Al primo sospetto di tromboembolia dell'arteria polmonare in una donna incinta, è necessaria una richiesta urgente di aiuto medico. La condizione è considerata critica, sia per la futura mamma che per il feto. Il trattamento della malattia in casa è impossibile, e il tempo perso è irto di gravi conseguenze. Prima viene effettuato l'esame e fatta la diagnosi, prima saranno prese tutte le misure efficaci per contrastare il disturbo.

L'embolia polmonare nelle donne in gravidanza è meno comune. Ma, tuttavia, non trascurare i sintomi della malattia, carichi di serie conseguenze per la madre e il bambino. È meglio essere sicuri e visitare di nuovo i medici, piuttosto che non riconoscere la malattia ed essere faccia a faccia con conseguenze irreparabili.

Cosa fa il dottore

Il medico esaminerà attentamente la futura madre, che ha sintomi di embolia polmonare, studierà la storia dettagliata della malattia e prescriverà gli esami appropriati. Sulla base dei risultati dell'esame e degli esami, verrà formulata una diagnosi e verrà prescritto un trattamento individuale. Se la malattia si manifesta alla velocità della luce, vengono eseguite le misure di rianimazione di emergenza.

Per stabilire una diagnosi accurata di embolia polmonare nelle donne in gravidanza, sono necessari i seguenti esami:

  • pulsometry;
  • ECG;
  • radiografia del torace.

Secondo indicazioni speciali, può essere prescritta la risonanza magnetica. Sulla base dei risultati degli esami, viene prescritto un trattamento che prevede:

  • terapia anticoagulante;
  • terapia trombolitica;
  • per indicazioni - embolectomia chirurgica;
  • trattamento di disturbi emodinamici e respiratori.

prevenzione

Oggi ci sono metodi meccanici e farmacologici per prevenire le malattie nelle donne in gravidanza.

  • uso di golf e calze con compressione elastica;
  • filtro temporaneo nella porzione infrarenale della vena cava inferiore.

I metodi di prevenzione farmacologica includono l'uso di anticoagulanti diretti che possono essere usati dalle future mamme.

http://detstrana.ru/service/disease/pregnant/tromboemboliya-lyogochnoj-arterii/

Embolia polmonare: sintomi e cure d'emergenza, trattamento durante la gravidanza

Il rischio di embolia polmonare durante gli aumenti della gravidanza, embolia polmonare è stata osservata in una delle 750 donne. Questo complesso di sintomi può minacciare gravi complicazioni e morte, che si verificano nell'8-30% dei casi. I tassi di mortalità materna in questa sindrome dipendono in gran parte dalle tattiche di diagnosi, trattamento e gestione della gestazione, del parto e del periodo postparto.

La principale causa di embolia polmonare diventa un embolo trombo che penetra nell'arteria polmonare con sangue, che nell'80-90% dei casi viene respinto dal bacino inferiore della vena cava e nell'altro 10-20% dalle cavità del cuore o della vena cava superiore. Lesioni, infezioni batteriche, complicazioni purulento-settiche, patologie del cuore e dei vasi sanguigni possono provocare la sua formazione. Nella maggior parte dei casi, si forma un coagulo di sangue a causa di malattia varicosa, aritmie, una condizione dopo un intervento chirurgico al cuore, trapianto di valvole cardiache artificiali e altre patologie cardiovascolari.

Nel nostro articolo vi presenteremo i principali fattori di rischio e sintomi dell'embolia polmonare, le tattiche del trattamento e le cure d'emergenza. La conoscenza delle cause di questa pericolosa condizione e l'accesso tempestivo a un medico ti aiuteranno a evitare il rischio di sviluppo e complicanze.

Fattori di rischio per embolia polmonare durante la gravidanza

I principali fattori di rischio per l'embolia polmonare durante la gravidanza sono:

  1. DIC cronicamente fluente nelle cardiopatie reumatiche, aritmie, ipertensione, cuore operato, valvole cardiache artificiali impiantate, gestosi tardive, malattie settiche purulente, patologie renali, morte fetale.
  2. Mutazioni genetiche e carenze congenite nel sistema di coagulazione del sangue.
  3. Sindrome antifosfolipidica.
  4. Altri fattori: fumo, età superiore ai 40 anni, obesità, FIV e stimolazione ormonale dell'ovulazione, malattie del sistema cardiovascolare, gruppi sanguigni A (II), B (III) e AB (IV), presenza di PE, flebiti o trombosi in anamnesi, un gran numero di gravidanze, lupus eritematoso sistemico e altre malattie reumatologiche, riposo a letto prolungato, congestione venosa, vene varicose, ecc.

Tipi di embolia polmonare

Nell'embolismo polmonare causato da un trombo che migra dalla circolazione sistemica, il lume di uno dei rami dell'arteria polmonare è bloccato. A seconda dell'estensione della lesione dei vasi polmonari, si distinguono i seguenti tipi di embolia polmonare:

  • massivo - coaguli di sangue ostruiscono più del 50% delle arterie polmonari;
  • sottomesso - gli zoccoli intasano dal 30 al 50% delle arterie polmonari;
  • non massiccio - coaguli di sangue intasano fino al 30% delle arterie polmonari.

sintomi

La gravità dei sintomi dipende dal tipo di embolia polmonare e dalla posizione dell'embolo tromboembolico. I segni clinici possono essere suddivisi in generali, dolore, funzionale e stagnante.

I sintomi comuni includono:

  • vertigini;
  • sudore freddo;
  • pallore della pelle;
  • la comparsa di ansia;
  • sentimento di paura della morte;
  • oppressione toracica;
  • impulso rapido;
  • abbassare la pressione sanguigna;
  • svenimento.

I sintomi del dolore includono:

  • improvvisi dolori al petto, aggravati dalla tosse o dalla respirazione;
  • sentirsi freddo dietro lo sterno;
  • dolore alle spalle o alle spalle;
  • dolore nel cuore

I sintomi funzionali includono:

  • tosse;
  • mancanza di respiro;
  • comparsa di sangue nell'espettorato o nella saliva;
  • cianosi delle labbra, del naso, delle orecchie;
  • ascoltando il rumore dell'attrito pleurico, il respiro sibilante e l'assenza unilaterale del rumore respiratorio.

I sintomi di ristagno includono:

  • respirazione rapida;
  • disturbi da inalazione ed espirazione;
  • sensazione di pulsazione nell'ipocondrio sinistro;
  • gonfiore delle vene nel collo;
  • un aumento delle dimensioni del fegato;
  • ascoltando il soffio sistolico nel cuore e l'accento II nel secondo spazio intercostale;
  • Modifiche all'ECG: quadro clinico del cuore polmonare.

Il primo segno più frequente di embolia polmonare è l'insorgenza improvvisa di dispnea, accompagnata da una respirazione rapida. I dolori al petto possono essere di diversa natura e intensità.

Lo sviluppo di embolia polmonare è possibile in qualsiasi stadio della gravidanza, durante il parto e nel periodo postpartum. Nei casi più gravi, può provocare uno shock cardiopolmonare:

  • pallore severo;
  • tosse;
  • ansia;
  • paura della morte;
  • difficoltà a respirare;
  • dolore al petto;
  • aritmia;
  • perdita di coscienza o coma.

Assistenza di emergenza e trattamento dell'embolia polmonare

Se si sospetta lo sviluppo di embolia polmonare della donna incinta, 10 mila unità di eparina e plasma fresco congelato (al tasso di 15 ml / kg) vengono iniettate nella vena con urgenza. Queste misure prevengono un ulteriore aumento del volume del coagulo embolico, la formazione di coaguli di sangue e allo stesso tempo impediscono lo sviluppo di sanguinamento. La somministrazione di eparina può essere controindicata solo se esiste il rischio di peggioramento del sanguinamento durante il sanguinamento continuato o la presenza di una superficie della ferita aperta.

Per fornire la rianimazione cardiopolmonare dello shock cardiopolmonare iniziato, sono prese le seguenti misure:

  1. Trasferire su un ventilatore.
  2. Cateterismo urgente della vena succlavia.
  3. Con lo sviluppo di una circolazione del sangue inefficace, vengono eseguite la ventilazione polmonare artificiale e un massaggio cardiaco indiretto.
  4. Per eliminare lo spasmo delle arterie e dei bronchi, vengono somministrati Prosenon, Aspisol, Indomethacin, Fentanil con Droperidolo, Cloruro di calcio.
  5. Con l'inefficacia della circolazione del sangue viene somministrato: atropina e adrenalina. Dopo di ciò, esegui un massaggio cardiaco.
  6. Eseguire l'introduzione di Trasilol o Kontrikala e Hydrocortisone in combinazione con Prednisone.

I trombolitici sono usati per dissolvere il trombo:

  • streptochinasi;
  • urokinase;
  • Attivatore del plasminogeno tissutale.

Dopodiché, per 7-10 giorni al paziente viene mostrata una terapia anticoagulante con eparina a basso peso molecolare. L'annullamento di questi farmaci è effettuato solo dopo stabilizzazione completa di indicatori di laboratorio di coagulazione di sangue.
La terapia anticoagulante non viene eseguita in caso di pianificazione di un'operazione, sofferta alla vigilia di un ictus, presenza di ulcere nel tratto gastrointestinale o lesioni.

La trombectomia può essere eseguita per eliminare massiccia trombi nei polmoni durante lo shock. Ma questa operazione è associata ad un alto rischio di mortalità, dal momento che si svolge in uno stato di shock. A questo proposito, si raccomanda di sostituire questo intervento chirurgico eseguendo un'emboloctomia polmonare percutanea. Le principali indicazioni per tali operazioni sono la trombosi dei principali rami dell'arteria polmonare, accompagnata da insufficienza ventricolare destra e diminuzione della pressione sanguigna. La trombectomia è controindicata in: embolia polmonare progressiva grave, embolia polmonare ricorrente senza conferma di segni angiografici di blocco di rami grandi, gravi patologie polmonari o cardiache.

Con un'enorme embolia polmonare di tutte le donne cui è permesso di continuare la gravidanza, è indicato l'intervento chirurgico sull'impianto di un filtro cava. Questa operazione può essere controindicata in embolizzazione settica, trombosi venosa ostruttiva, in cui il filtro verrà impiantato e sepsi, accompagnato dalla formazione di ascessi in vari tessuti e organi. In tali casi, il paziente deve eseguire la legatura della vena cava inferiore.

Condurre la gravidanza con embolia polmonare

La tattica di condurre una gravidanza con embolia polmonare dipende da molti indicatori:

  • età gestazionale;
  • la gravità della condizione della donna;
  • dati sulla salute fetale;
  • la presenza di altre comorbidità.

Se l'embolia polmonare si sviluppa nel primo trimestre, quindi dopo l'eliminazione delle conseguenze dello shock cardiopolmonare, l'eliminazione della trombosi e la stabilizzazione delle condizioni del paziente, si raccomanda l'interruzione della gravidanza. Tale appuntamento è associato ad un alto rischio di embolia polmonare ricorrente nella madre, alla necessità di eseguire l'irradiazione del feto nelle fasi iniziali durante la diagnosi e alla necessità di nominare un paziente con farmaci antitrombotici e anticoagulanti a lungo termine che possono influire negativamente sulla condizione del feto e durante la gravidanza.

Se l'embolia polmonare si sviluppa nel II-III trimestre, la decisione viene presa individualmente, a seconda degli indicatori della vitalità del feto e dello stato della donna incinta. Durante la gestazione in corso, la donna dovrebbe essere dotata di:

  • gestione della dolcezza con la partecipazione di ostetrici-ginecologi, cardiochirurghi, chirurghi vascolari, anestesisti-rianimatori ed ematologi:
  • uso continuo di anticoagulanti;
  • controllo dei parametri di laboratorio della coagulazione del sangue;
  • controllo dell'ecocardiogramma, ecografia venosa e condizione fetale.

Quando i segni di aumento o di sviluppo di ipertensione polmonare severa, deterioramento dello stato funzionale del feto o l'aggiunta di altre patologie extragenitali, si raccomanda al paziente di interrompere la gravidanza.

Principi generali di prescrizione della terapia anticoagulante durante la gravidanza

La soluzione ideale per la terapia anticoagulante durante la gravidanza è la prescrizione di eparina a basso peso molecolare Fragmin, Clexane o Fraxiparin. L'unico, ma a volte il formidabile, svantaggio della prescrizione di questi farmaci è il loro alto costo.

Se è impossibile prescrivere eparina a basso peso molecolare, la terapia anticoagulante è prescritta secondo il seguente schema:

  • Eparina o eparina a basso peso molecolare sono utilizzati fino alla 12a settimana di gravidanza;
  • per 13-36 settimane con anticoagulanti applicati indirettamente (warfarin);
  • Eparina o eparina a basso peso molecolare vengono utilizzate da 34-36 settimane.

Tali tattiche di trattamento possono ridurre il rischio di emboli o trombosi e minimizzano i possibili rischi di sviluppare difetti e morte del nascituro.

Le principali misure per la prevenzione dell'embolia polmonare sono le seguenti attività:

  • avvertimento di tromboflebiti e flebiti;
  • ridurre la durata del riposo a letto;
  • compressione elastica degli arti inferiori secondo le raccomandazioni del flebologo.

L'embolia polmonare è una complicanza pericolosa e grave della gravidanza, che può influenzare significativamente la salute non solo della futura mamma, ma anche del bambino. Questa sindrome può spesso diventare la causa della mortalità materna e, se rientra nel gruppo a rischio per il suo sviluppo, una donna dovrebbe sempre trovarsi in un centro specializzato sotto la costante supervisione medica di medici di varie specializzazioni. Tale approccio può ridurre al minimo il rischio di morte e il verificarsi di gravi complicanze.

http://doctor-cardiologist.ru/tela-simptomy-i-neotlozhnaya-pomoshh-lechenie-pri-beremennosti

Tromboembolismo e gravidanza

Codice software ICD-10
I26 Embolia polmonare.

EZIOLOGIA E PATOGENESI

L'embolia polmonare nell'80-90% può verificarsi a seguito della trombosi venosa profonda della gamba e della trombosi ileo-femorale o dopo la penetrazione iniziale della parte fluttuante del trombo nella vena profonda della coscia e la vena iliaca esterna durante la tromboflebite superficiale della grande vena safena.

IMMAGINE CLINICA (SINTOMI) DEL TROMBOEMBOLISMO DELL'ARTERIA POLMONARE

Il quadro clinico dipende dal grado e dall'entità dell'occlusione dei rami dell'arteria polmonare.

Embolia polmonare massiva, che copre il tronco polmonare e le arterie polmonari principali, si verifica improvvisamente ed è fatale. In caso di embolia, le arterie polmonari segmentarie si manifestano solitamente come sindrome polmonare-pleurica, caratterizzata da dolore toracico, aggravata dalla respirazione, mancanza di respiro, tosse secca, febbre.

Tromboembolia più estesa è accompagnata da cardiopatia polmonare acuta, dolore toracico, improvvisa perdita di coscienza. I pazienti hanno cianosi, gonfiore e pulsazione delle vene vaso, respirazione rapida e superficiale, abbassamento della pressione sanguigna, tachicardia.

DIAGNOSI

La diagnosi si basa sulla valutazione dei reclami della donna incinta e sul quadro clinico corrispondente.

STORIA

Nella storia delle donne incinte con embolia polmonare ci sono indicazioni:
• violazioni del metabolismo dei grassi;
• su tromboflebite superficiale della grande vena safena;
• per trombosi venosa profonda della gamba;
• per trombosi ileofemorale;
• cardiopatia reumatica;
• sull'ipertensione;
• per malattie infettive;
• violazioni del sistema di coagulazione del sangue con sintomi di ipercoagulazione;
• per uso a lungo termine di contraccettivi orali combinati;
• ricevere glucocorticoidi;
• malattia renale;
• per grave preeclampsia.

RICERCA FISICA

Esame fisico valutato:
• colore della pelle e delle mucose (cianosi);
• natura e frequenza della respirazione (mancanza di respiro, respiro rapido);
• frequenza cardiaca (tachicardia).

Viene eseguita l'auscultazione dei polmoni (respiro sibilante nei polmoni).

RICERCHE DI LABORATORIO

Determinare lo stato del sistema di coagulazione, stimare i seguenti parametri:
• APTT;
• coagulogramma
• indice di protrombina;
• fibrinogeno;
• aggregazione piastrinica;
• complessi solubili di monomeri di fibrina;
• D-dimero.

RICERCA UTENSILI

Come ulteriori metodi strumentali di esame, vengono eseguiti un ECG e un esame radiografico degli organi del torace.

Con un'enorme embolia polmonare sulla radiografia del torace, si nota un'espansione del cuore destro e della vena cava superiore. È anche possibile determinare l'impoverimento del modello polmonare e la posizione elevata delle cupole del diaframma. Con la sconfitta delle arterie polmonari periferiche nella foto rivelano i sintomi della polmonite da infarto, che si sviluppa, di regola, 2-3 giorni dopo un episodio di embolia. Un ulteriore chiarimento della diagnosi dovrebbe essere effettuato nelle condizioni del Dipartimento di Chirurgia Vascolare.

DIAGNOSTICA DIFFERENZIALE

La diagnosi differenziale di embolia polmonare è effettuata:
• con polmonite;
• con infarto miocardico;
• con un attacco di stenocardia;
• con lesioni cerebrali acute dovute a emorragia o ischemia.

INDICAZIONI ALLA CONSULTAZIONE DI ALTRI SPECIALISTI

Il trattamento dell'embolia polmonare viene effettuato dai chirurghi vascolari.

ESEMPIO DI FORMULAZIONE DI DIAGNOSI

Gravidanza 35 settimane. PE.

TRATTAMENTO DELLA TROMBOEMBOLIA DELL'ARTERIA POLMONARE DURANTE LA GRAVIDANZA

SCOPI DI TRATTAMENTO

• Prevenire la diffusione del tromboembolismo.
• Ripristino della funzione respiratoria.
• Normalizzazione dell'emodinamica polmonare.
• Ottimizzazione del sistema emostatico.

TRATTAMENTO MEDICO

Viene eseguita la terapia antitrombotica trombolitica e complessa.

TRATTAMENTO CHIRURGICO

Il trattamento dell'embolia polmonare viene effettuato dai chirurghi vascolari. È possibile eseguire l'embolectomia dalle arterie polmonari.

INDICAZIONI PER L'OSPITALIZZAZIONE

Il trattamento dell'embolia polmonare viene eseguito in un ospedale.

VALUTAZIONE DELL'EFFICIENZA DEL TRATTAMENTO

Normalizzazione delle condizioni generali del paziente, ripristino della funzione dei sistemi respiratorio e cardiovascolare, confermata da indicatori di ECG ripetuto, esame radiologico del torace ed emostasi.

SELEZIONE DEL METODO DI SELEZIONE E TERMINE

La tattica ostetrica nelle donne in gravidanza con embolia polmonare dipende dalla gravità della loro condizione e dalla durata della gravidanza.

In caso di embolia polmonare nel primo trimestre, è consigliabile interrompere la gravidanza a causa delle gravi condizioni del paziente e della necessità di una terapia anticoagulante prolungata.

Nei trimestri II-III, il problema del prolungamento della gravidanza è deciso individualmente, a seconda dello stato della donna incinta e del feto. Le indicazioni per l'interruzione della gravidanza sono una condizione grave della donna incinta e un marcato deterioramento del feto.

In caso di una grave condizione del paziente, la consegna deve essere eseguita dal CS. La consegna addominale viene eseguita anche in assenza del filtro kava del paziente. Allo stesso tempo, il chirurgo vascolare esegue anche la plicatura della vena cava inferiore con una sutura meccanica.

Se i pazienti sono in condizioni soddisfacenti, quando è trascorso più di 1 mese dall'esordio dell'embolia polmonare e i parametri emodinamici si sono stabilizzati, in presenza di un filtro cava stabilito, il travaglio può essere eseguito attraverso il canale del parto.

Nel periodo postpartum, il trattamento con eparina sodica continua con una graduale transizione verso anticoagulanti indiretti, che vengono assunti per un lungo periodo (fino a 6 mesi) anche dopo la dimissione dall'ospedale sotto la supervisione di un chirurgo e di un cardiologo.

PREVENZIONE DELL'AMMBOLISMO POLMONARE E DELL'ARTERIA POLMONARE

Identificazione tempestiva dei fattori di rischio dall'inizio della gravidanza. Indagine sul sistema emostatico in donne in gravidanza. Se necessario, in caso di violazione del sistema emostatico, prescrivere anticoagulanti. Prevenzione e trattamento adeguato della preeclampsia. Diagnosi tempestiva ed eliminazione dei disturbi coagulopatici, metabolici e immunitari. Con il riposo a letto prolungato, è necessario eseguire esercizi per le gambe. Ad alto rischio di trombosi, è necessario limitare carichi fisici e prolungati, indossare calze elastiche o condurre una compressione pneumatica intermittente delle gambe.

http://www.medsecret.net/akusherstvo/zabolevanija-ven-i-beremennost/277-trombojembolija-pri-beremennosti

Altri Articoli Su Vene Varicose

La vasculite cutanea è una malattia accompagnata da danni ai piccoli vasi e al tessuto sottocutaneo. La causa più comune dello sviluppo di tale patologia è la reazione negativa del corpo a qualsiasi allergene.