Flebite e tromboflebite (I80)

Sono inclusi:

  • endoflebit
  • infiammazione delle vene
  • periflebit
  • flebite purulenta

Se necessario, identificare il medicinale, il cui uso ha causato la lesione, utilizzare il codice aggiuntivo di cause esterne (classe XX).

Non comprende:

  • flebite e tromboflebite:
    • complicazione:
      • gravidanza abortiva, ectopica o molare (O00-O07, O08.7)
      • gravidanza, parto e periodo postparto (O22.-, O87.-)
    • settico intracranico e spinale o BDU (G08)
    • intracranico non biogenico (I67.6)
    • spinale non biogenico (G95.1)
    • vena porta (K75.1)
  • Sindrome post-flebitica (I87.0)
  • tromboflebite migratoria (I82.1)
http://mkb-10.com/index.php?pid=8398

Thrombophlebitis - codice ICD-10

Una malattia tromboflebite comune e pericolosa ICD 10 si riferisce alle malattie del sistema circolatorio. All'interno della vena infiammata, si forma un trombo che disturba il flusso sanguigno. Nel 70% dei casi, la malattia si sviluppa negli arti inferiori.

fattori di

Le cause dello sviluppo della malattia (codice ICD 10 I 80) sono suddivise in 3 fattori:

  • Coagulazione del sangue, con cambiamenti nella sua composizione.
  • Diminuire la portata del sangue.
  • Danni al rivestimento interno dei vasi sanguigni.

Questi fattori sono diagnosticati individualmente o in combinazione. Contribuiscono allo sviluppo della carenza di varici, che è la causa della tromboflebite acuta.

La trombosi venosa è una malattia piuttosto pericolosa che può essere fatale se un coagulo di sangue si stacca e penetra nelle arterie del polmone o del cuore.

La tromboflebite (codice ICD 10 I80) si sviluppa con l'immobilità forzata dell'arto (frattura).

La trombosi delle vene degli arti inferiori è causata dalla somministrazione di ormoni contenenti estrogeni, prescritti per malattie infettive autoimmuni. Le malattie oncologiche provocano tromboflebiti degli arti inferiori. L'installazione e la presenza a lungo termine del catetere nel letto venoso e frequenti lesioni alle pareti mediante iniezione portano alla formazione di coaguli di sangue.

Nel 65% dei casi, la tromboflebite viene diagnosticata nelle donne. Il modello è associato a indossare scarpe con tacchi, jeans attillati e assumere ormoni contraccettivi. La causa della malattia può essere la gravidanza. Durante questo periodo, si verifica l'attivazione fisiologica dei processi di coagulazione, prevenendo il sanguinamento nel periodo postpartum e la parete infiammatoria del vaso porta alla formazione di un coagulo di sangue. A rischio sono le persone di età compresa tra 40-55 anni. A questa età, la condizione del sistema vascolare del corpo è significativamente peggiorata.

La trombosi è ereditaria. I fattori causali includono obesità, dieta squilibrata, esercizio fisico, fumo e alcolismo.

La trombosi venosa profonda ha un codice specifico nella classificazione ICD-10 - I80

Classificazione della malattia

Il codice ICD 10 I80 include flebiti e tromboflebiti. I sintomi variano a seconda della posizione del trombo. Classificare 2 tipi di malattia:

La tromboflebite superficiale si sviluppa nella grande vena safena. Diagnosticare è semplice. Cambiamenti infiammatori si verificano nella zona della nave interessata, ma se le vene non vengono osservate, la tromboflebite ICD 10 viene trattata come una complicazione della patologia ginecologica o un sintomo di un tumore maligno negli organi dell'apparato digerente. La tromboflebite ICD 10 include anche trombosi a livello intestinale.

Alla palpazione della vena safena infiammata, il paziente avverte dolore lancinante. Sintomi di tromboflebiti superficiali: striature scarlatte sulla pelle, gonfiore delle caviglie e dei piedi, aumento della temperatura corporea.

Senza trattamento, la trombosi va alle vene profonde. La salute del paziente sta peggiorando. Infiltrazione e iperemia sono osservate nell'area della nave trombizzata.

Esistono 2 tipi di trombosi che richiedono particolare attenzione:

  • Trombosi ossoofemorale - sottotipo di tromboflebite venosa profonda. La malattia colpisce grandi vasi nella vena femorale e iliaca. Se intasato, la morte è possibile. La trombosi Ileofemorale si sviluppa rapidamente. Il paziente appare grave gonfiore degli arti inferiori. Una temperatura corporea elevata viene aggiunta ai sintomi. La pelle diventa tinta bluastra. Il blocco completo può portare allo sviluppo di cancrena.

Un tale processo infiammatorio acuto degli arti inferiori è pericoloso per la vita di una persona, e ignorarlo può essere fatale.

  • Trombosi dei vasi mesenterici - blocco del mesentere o del mesentere. Senza trattamento, la trombosi dei vasi mesenterici porta alla morte della zona interessata. La trombosi mesenterica (codice K55 in ICD 10) richiede un intervento chirurgico immediato.

sintomi

Il quadro clinico della trombosi degli arti inferiori è classificato in:

  • Sharp. I sintomi della forma acuta appaiono all'improvviso. Il paziente ha dolore muscolare lungo la nave trombizzata. La trombosi acuta è accompagnata da un aumento della temperatura corporea. Strisce rosse appaiono sulla pelle. La tromboflebite venosa profonda differisce dalle vene superficiali per forte edema, pesantezza alle gambe e pelle blu. Il dolore aumenta, causando zoppia.
  • Cronica. Con questa forma, i coaguli di sangue possono dissolversi o aumentare. La tromboflebite delle vene profonde della forma cronica è di natura lenta. Il paziente può provare dolore solo con la palpazione.

I principali fattori che possono provocare la tromboflebite venosa profonda sono: malnutrizione dei tessuti e sviluppo dell'infiammazione asettica

Quando si osserva l'ostruzione della vena cava inferiore si verifica un gonfiore bilaterale dell'arto. Se il coagulo di sangue si trova nel segmento ileale, viene notato edema unilaterale. Con il camminare prolungato, il dolore gastrico appare nel muscolo gastrocnemio.

La trombosi si manifesta con intorpidimento delle estremità, perdita di sensibilità, formicolio della pelle, brividi e ispessimento dei linfonodi. I primi sintomi della forma cronica possono comparire un anno dopo l'esacerbazione. La malattia potrebbe essere di natura migratoria. Questa forma è caratterizzata da un rapido sviluppo. La forma migratoria colpisce le vene superficiali. Noduli trombosi densi sono in grado di cambiare la loro posizione, apparendo su diverse parti dell'arto. Le foche sono accompagnate da edema e aumento della temperatura corporea.

trattamento

Per le tromboflebiti, i medici prescrivono il trattamento sulla base dei risultati diagnostici ottenuti. Il trattamento include:

  • terapia farmacologica;
  • intervento chirurgico

La tromboflebite ha diverse forme: acuta e cronica

Se la trombosi ha colpito le vene superficiali, il trattamento viene effettuato con farmaci. Al paziente vengono prescritti flebotonici, farmaci antinfiammatori, unguenti. Il trattamento conservativo allevia il gonfiore, riduce il dolore e ripristina il flusso sanguigno. I farmaci antinfiammatori comprendono farmaci come Ibuprofen, Aspirina e Diclofenac. L'effetto locale ha unguento eparinico e Troxevasin.

Per la trombosi delle vene superficiali, i medici prescrivono l'elettroforesi con anticoagulanti, terapia UHF e terapia magnetica. Le procedure di fisioterapia sciolgono i coaguli di sangue e riducono gonfiore e dolore.

Il trattamento conservativo viene effettuato in combinazione con la terapia compressiva. Per tromboflebiti devono essere indossati bendaggi elastici e maglieria a compressione (calze o collant). Il grado e la classe di compressione sono prescritti da un flebologo a seconda della gravità della malattia.

Con tromboflebiti superficiali, il trattamento con i rimedi popolari è efficace. Le foglie di verbena aiuteranno a eliminare gonfiore, pesantezza e alleviare il dolore alle gambe. Versare 20 g di foglie con 200 ml di acqua bollente. Prendete un drink durante il giorno 100 ml 3 volte al giorno.

La trombosi venosa profonda degli arti inferiori richiede un metodo di trattamento radicale. A seconda dello stadio e della natura del decorso della malattia, viene scelto un metodo di intervento chirurgico. La procedura endoscopica è un metodo di trattamento a basso impatto. Durante la procedura, la nave è "sigillata" sopra il luogo delle flebite. Nella medicina moderna si usa l'obliterazione a radiofrequenza e la coagulazione laser. I metodi minimamente invasivi non causano complicanze e vengono eseguiti anche durante la gravidanza. A causa del basso trauma delle operazioni, il periodo di riabilitazione è minimo. Mentre la malattia progredisce, la nave trombizzata viene completamente rimossa. Con trombosi venosa profonda, è vietata la compressione elastica. Il bendaggio porta allo sviluppo di complicanze.

Originariamente pubblicato in 2016-11-18 11:29:11.

http://allvarik.ru/metody/tromboflebit-mkb-10.html

ICD-10 - Trombosi venosa profonda degli arti inferiori: tutto sulla patologia

La trombosi venosa profonda è una malattia molto comune e pericolosa. È più comune nelle donne che negli uomini, specialmente dopo i 40 anni. Almeno un quarto della popolazione totale del pianeta ha una trombosi.

La base della malattia è l'aumento della coagulazione del sangue e la formazione di un coagulo nel lume di una vena. Questa è una delle principali cause di embolia polmonare, che si verifica a causa della separazione di un coagulo di sangue, quindi non bisogna dimenticare le gravi conseguenze della trombosi.

ICD-10 - che cos'è? Cause di malattia

La trombosi venosa profonda è una malattia in cui i coaguli di sangue si formano nelle vene profonde.

Diversi fattori contribuiscono alla formazione di un coagulo di sangue nel lume di una vena: danno alla parete venosa, rallentamento del flusso sanguigno e aumento del numero di piastrine. Come risultato di tutti questi fattori, si forma un coagulo di sangue, che è localizzato più spesso negli arti inferiori, poiché qui il flusso sanguigno viene rallentato.

La trombosi delle vene profonde degli arti inferiori ICD-10 è tra le patologie più comuni. L'ICD-10 è la classificazione internazionale delle malattie generalmente accettata, in cui a ciascuna malattia viene assegnato un codice. La trombosi venosa profonda degli arti inferiori ha un codice di 180 ed è descritta come una malattia accompagnata da infiammazione delle pareti venose e disturbi circolatori.

Il risultato di questa malattia può essere fatale, quindi non è consigliabile ignorarlo.

Tra le cause della trombosi venosa profonda si chiamano:

  1. Interruzioni ormonali. È a causa dei frequenti disturbi ormonali che le donne soffrono di trombosi più di 5 volte più spesso degli uomini. Il rischio di coaguli di sangue aumenta durante la gravidanza, assumendo farmaci ormonali e durante la menopausa.
  2. Vene varicose Infatti, qualsiasi malattia delle vene e dei vasi sanguigni può portare a trombosi. Con le vene varicose, le pareti delle vene sono tese e il sangue ristagna in esse, il che aumenta significativamente il rischio di formazione di coaguli di sangue.
  3. Infiammazione delle vene. Il processo infiammatorio può verificarsi a causa di infezioni, lesioni o iniezione endovenosa impropriamente eseguita. L'integrità della parete venosa è disturbata e quindi si forma un coagulo di sangue nell'area del danno.
  4. Malattie oncologiche In caso di malattia oncologica, i processi metabolici sono disturbati, quindi aumenta la coagulazione del sangue, che porta alla formazione di coaguli di sangue nel lume dei vasi e delle vene.
  5. Sovrappeso. Le persone con eccesso di peso nel sangue aumentano la concentrazione di leptina, che è simile agli ormoni sessuali femminili. Questo processo si verifica nel corpo come uomini, come donne. Aumenta la densità del sangue e aumenta l'aderenza delle piastrine. Questo porta alla trombosi.

Anche tra i fattori provocatori si nota dipendenza da alcol, fumo, dieta malsana e inattività fisica, vecchiaia.

Tipi di trombosi e le caratteristiche principali

I coaguli di sangue impediscono il normale flusso sanguigno.

La tromboflebite acuta e cronica si distingue. Tuttavia, più spesso procedono in sequenza. Cioè, una forma acuta si verifica prima quando i sintomi possono essere più pronunciati, e dopo 2-3 mesi si calmano, ma questo significa solo che la malattia è passata nella fase cronica e periodicamente peggiorerà.

Nella maggior parte delle persone, la trombosi venosa profonda è inizialmente asintomatica. Il paziente non si lamenta di nulla e non sente forte disagio. Anche se sono presenti segni di malattia, potrebbero non essere caratteristici della malattia. In circa la metà di tutti i casi, i sintomi non sono riconosciuti correttamente.

I segni più comuni di trombosi includono:

  • Il dolore dell'archiviazione della natura. Il dolore alla gamba può verificarsi dopo una camminata o una lunga permanenza in una posizione. Molto spesso il dolore è piuttosto intenso e prolungato.
  • Pesantezza nelle gambe. Questo è uno dei sintomi iniziali che può indicare sia le vene varicose che la trombosi. Entro la fine della giornata, appare pesantezza nelle gambe, ma in un primo momento passa dopo il riposo.
  • Gonfiore. L'edema dell'area interessata è abbastanza stabile e non si placa anche se non c'è carico sulla gamba. Più alto è il coagulo di sangue alla coscia, più evidente e palpabile è il gonfiore. Tutta la gamba può gonfiarsi completamente.
  • Ipertermia. L'aumento della temperatura corporea (oltre i 39 gradi) non appare sempre. Di regola, serve come indicatore di infiammazione acuta e si verifica in tromboflebite venosa profonda acuta.
  • Il sintomo di Pratt. Questo è uno degli indicatori più accurati della trombosi venosa profonda. L'area interessata della pelle sulla gamba acquisisce una lucentezza lucida e su di essa appare un disegno venoso.
  • Arti di cambiamento di temperatura. Di norma, un arto colpito da trombosi è più freddo di uno sano al tatto.
  • Cambiamento nel colore della pelle. In alcuni casi, la pelle interessata diventa leggermente più chiara e diventa rosa. In presenza di edema, la trombosi può essere immediatamente sospettata.

Il decorso asintomatico della malattia è considerato il più pericoloso, in quanto è possibile perdere l'insorgenza della malattia. Il paziente si rivolge al medico solo se ha già complicazioni.

Diagnosi della malattia

Per valutare il flusso sanguigno nelle vene profonde, vengono utilizzate la scansione fronte-retro e USDG.

È molto importante diagnosticare la malattia nel tempo, per determinare la localizzazione del trombo. Da questo dipende in gran parte l'efficacia del trattamento. Per determinare la malattia, vengono eseguiti sia test di laboratorio che test funzionali.

Per prima cosa devi consultare un medico. Il flebologo si occupa del trattamento di tali malattie. La medicina moderna consente di esaminare completamente i vasi sanguigni e le vene del corpo, per valutare il flusso di sangue e fare la diagnosi corretta.

I metodi diagnostici per la determinazione della trombosi venosa profonda includono:

  1. Venografia. Questo è uno studio delle vene profonde che utilizzano i raggi X. La procedura standard non mostrerà la rete vascolare e venosa, quindi un agente di contrasto viene iniettato nel paziente prima che venga effettuata la radiografia. Poiché la procedura prevede l'introduzione di sostanze e radiazioni ionizzanti, può avere una serie di effetti collaterali. La flebografia è prescritta per una diagnosi definitiva, se altri metodi di esame non fossero sufficientemente informativi. Se la procedura viene eseguita in modo errato, può verificarsi un'infiammazione a causa di un'infezione.
  2. Vene UGGD degli arti inferiori. Questo tipo di esame viene eseguito utilizzando una macchina ad ultrasuoni. Con questa procedura, è possibile valutare il flusso sanguigno e determinare con precisione la localizzazione di un coagulo di sangue. A differenza della venografia, non ci sono radiazioni nocive, quindi la procedura è assolutamente sicura. Usando gli ultrasuoni, si può valutare lo stato delle vene profonde, la loro pervietà, la presenza di un coagulo di sangue e persino la sua mobilità. L'immagine viene visualizzata sul monitor nell'altoparlante.
  3. Scansione di radionuclidi (scintigrafia). Questo tipo di esame è più comunemente usato per diagnosticare varie malattie ossee e articolari. L'essenza del metodo sta nel fatto che gli isotopi radioattivi vengono iniettati nel corpo del paziente, e quindi la loro radiazione viene registrata usando un apparecchio speciale.

Tra i campioni figurano un segno di Louvel (il dolore alla gamba aumenta con starnuti e tosse), oltre a camminare in marcia. Il paziente è sottoposto a bende elastiche su tutta la gamba dalle dita all'inguine. Dopo di che, marcia per un po '. Quindi le bende vengono rimosse. Se un paziente ha dolore o vene si manifestano visibilmente, possiamo parlare di trombosi venosa profonda.

Trattamento e prognosi

La trombectomia è indicata per disturbi circolatori pronunciati negli arti inferiori.

Il trattamento viene effettuato tenendo conto delle condizioni del paziente. Può essere sia conservativo che chirurgico. Nelle fasi iniziali della trombosi, il trattamento viene eseguito a casa in conformità con il riposo a letto. Nei casi più gravi, il paziente è ricoverato in ospedale.

Tra i metodi di trattamento della trombosi venosa profonda sono:

  • Accettazione di anticoagulanti. Questi farmaci riducono il sangue e non consentono la formazione di coaguli di sangue. Il più spesso io uso l'azione diretta di medicina eparina nella forma di iniezioni. Il dosaggio è determinato individualmente. Quando la trombosi viene assegnata a terapia abbastanza aggressiva con anticoagulanti, ma può ridurre significativamente il rischio di morte.
  • Terapia anti-infiammatoria Al fine di alleviare l'infiammazione prescritto Voltaren o Analgin. Non solo riducono il processo infiammatorio, ma alleviano anche il gonfiore, contribuiscono al diradamento del sangue.
  • Fisioterapia. Possono essere prescritte procedure quali l'elettroforesi, la terapia magnetica. Aiutano ad alleviare il dolore e fermare lo sviluppo della malattia.
  • Trombectomia. Questo tipo di chirurgia viene utilizzato nelle fasi iniziali della malattia. L'operazione sarà efficace solo se si è formato recentemente un coagulo di sangue. Viene rimosso, la vena viene suturata e il flusso sanguigno viene ripristinato. Dopo l'intervento chirurgico, è necessario seguire le regole di prevenzione per evitare la ricaduta.
  • Installazione dei filtri. Il filtro Cava è installato nel lume della vena cava inferiore. Il filtro ha l'aspetto di un ombrello ed è progettato per fermare un coagulo di sangue rotto. Questo eviterà l'embolia polmonare con la separazione di un coagulo di sangue.

Il trattamento farmacologico deve essere accompagnato dall'osservanza del regime, da una corretta alimentazione e dal bendaggio dell'arto con una benda elastica.

La prognosi dipende dallo stadio in cui viene rilevata la malattia, dall'età del paziente e dal decorso della trombosi.

Se un trombo si trova sopra la parte inferiore della gamba e non vi è un trattamento adeguato, allora più del 20% della malattia porta a un embolo polmonare, che a sua volta spesso termina con la morte. Con la localizzazione del trombo nella regione delle gambe, la prognosi è più favorevole, poiché il rischio di complicanze gravi è minimo.

Conseguenze e prevenzione

La trombosi può causare insufficienza venosa cronica.

La trombosi può portare a gravi conseguenze fino alla morte del paziente. La conseguenza più pericolosa è un'embolia polmonare, quando un coagulo di sangue ostruisce l'arteria polmonare, causando l'arresto dell'erogazione di sangue al polmone.

Si sviluppano insufficienza respiratoria acuta e gonfiore del cervello, che può essere fatale senza cure mediche di emergenza.

Inoltre una conseguenza pericolosa è l'aggiunta di un'infezione batterica. La tromboflebite purulenta può portare al pus che entra nel flusso sanguigno e alla comparsa di sepsi.

Per evitare lo sviluppo di tromboflebite venosa profonda o per prevenire la recidiva, è necessario seguire le regole di prevenzione:

  1. Segui la dieta e bevi. Una corretta alimentazione supporta il sistema cardiovascolare, riduce la probabilità di placche aterosclerotiche. L'acqua, d'altra parte, mantiene lo stato liquido del sangue e non consente la formazione di coaguli di sangue. In assenza di malattie renali, è necessario bere fino a 2 litri di acqua pura al giorno.
  2. È abbastanza per muoversi. L'ipodynamia porta a un eccesso di peso e al ristagno di sangue nelle gambe. Non necessariamente attivo nello sport. Per prevenire la trombosi saranno sufficienti le passeggiate giornaliere o la ginnastica.
  3. Per temperare e andare in piscina. L'acqua fredda non solo rafforza il sistema immunitario, ma aiuta anche a prevenire la trombosi. Ha un effetto rinforzante sulle vene e sui vasi sanguigni, aiuta a mantenere la loro elasticità.
  4. Evitare i carichi statici. È particolarmente dannoso per le vene essere nella stessa posizione per lungo tempo. I rappresentanti delle occupazioni sedentarie sono incoraggiati a fare pause e riscaldarsi.
  5. L'uso di calze a compressione. Puoi indossare tale maglieria non solo per chi ha già problemi con le vene, ma anche per la prevenzione. Ad esempio, l'intimo a compressione è raccomandato per coloro che hanno una predisposizione genetica per la trombosi e per le donne durante la gravidanza.

Dal video puoi conoscere la dieta per la trombosi venosa profonda:

Se si seguono queste regole, è possibile ridurre significativamente il rischio di coaguli di sangue. Si raccomanda inoltre una volta all'anno di essere esaminato da un medico per evitare la comparsa della malattia.

http://organserdce.com/vessels/tromboz/tromboz-glubokih-ven-nizhnih-konechnostej-mkb-10.html

Trombosi dei vasi degli arti inferiori μb 10

Malattie del sistema circolatorio (I00-I99)

  • alcune condizioni che si verificano nel periodo perinatale (P00-P96)
  • alcune malattie infettive e parassitarie (A00-B99)
  • complicanze della gravidanza, parto e periodo postparto (O00-O99)
  • malformazioni congenite, deformità e anomalie cromosomiche (Q00-Q99)
  • malattie endocrine, nutrizionali e metaboliche (E00-E90)
  • lesioni, avvelenamento e alcune altre conseguenze di cause esterne (S00-T98)
  • neoplasie (C00-D48)
  • sintomi, segni e irregolarità identificati negli studi clinici e di laboratorio, non classificati altrove (R00-R99)
  • disturbi sistemici del tessuto connettivo (M30-M36)
  • crisi cerebrali ischemiche transitorie e sindromi correlate (G45.-)

Questa classe contiene i seguenti blocchi:

  • I00-I02 febbre reumatica acuta
  • I05-I09 cardiopatia reumatica cronica
  • Malattie I10-I15 caratterizzate da alta pressione sanguigna
  • Cardiopatia ischemica I20-I25
  • I26-I28 Cuore polmonare e circolazione polmonare alterata
  • I30-I52 Altre malattie cardiache
  • Malattie cerebrovascolari I60-I69
  • Malattie di arterie, arteriole e capillari I70-I79
  • I80-I89 Disturbi di vene, vasi linfatici e linfonodi, non classificati altrove
  • I95-I99 Altre e non specificate malattie del sistema circolatorio

Le seguenti categorie sono contrassegnate da un asterisco:

  • I32 * Pericardite in malattie classificate altrove
  • I39 * Endocardite e cardiopatia valvolare in malattie classificate altrove
  • I41 * Miocardite in malattie classificate in altre voci
  • I43 * Cardiomiopatie per malattie classificate altrove
  • I52 * Altre lesioni del cuore in malattie classificate altrove
  • I68 * Danni a vasi cerebrali in malattie classificate altrove
  • I79 * Lesioni di arterie, arteriole e capillari in malattie classificate in altre voci
  • I98 * Altri disturbi circolatori nelle malattie classificate altrove
  • complicanze durante la gravidanza, il parto o il periodo postparto (O10-O11, O13-O16)
  • con coinvolgimento di navi coronarie (I20-I25)
  • ipertensione polmonare ipertensione (P29.2) neonatale:
    • primario (I27.0)
    • secondario (I27.2)

Nota. Per le statistiche di incidenza, la definizione di "durata" utilizzata nella rubrica I21, I22, I24 e I25 include il periodo di tempo che intercorre tra l'insorgenza di un attacco ischemico e l'arrivo di un paziente in una struttura medica. Per le statistiche sulla mortalità, copre il periodo di tempo che intercorre tra l'inizio di un attacco ischemico e l'inizio della morte.

Incluso: con menzione di ipertensione (I10-I15)

Se necessario, indicare la presenza di ipertensione utilizzando un codice aggiuntivo.

Incluso: con menzione dell'ipertensione (condizioni elencate ai punti I10 e I15.-)

Se necessario, indicare la presenza di ipertensione utilizzando un codice aggiuntivo.

  • crisi cerebrali ischemiche transitorie e sindromi correlate (G45.-)
  • emorragia intracranica traumatica (S06.-)
  • demenza vascolare (F01.-)

Codice tromboflebite su ICD-10

Nella maggior parte dei pazienti con tromboflebite (circa il 90%), la malattia colpisce le vene profonde degli arti inferiori. La tromboflebite degli arti inferiori è una condizione patologica caratterizzata da un processo infiammatorio che si verifica nelle pareti del vaso, la formazione di un trombo in questo punto, che culmina in un significativo deterioramento del flusso sanguigno. La sconfitta dei tronchi venosi spesso indica malattie endocrine, compromissione dell'equilibrio della coagulazione del sangue e uno squilibrio dell'omeostasi.

I coaguli di sangue formati possono bloccare completamente il flusso sanguigno nel vaso e possono dissolversi senza lasciare traccia. Le masse trombotiche sono in grado di staccarsi dalla loro base e muoversi liberamente nel flusso sanguigno, portando a blocchi in un posto completamente diverso nel corpo (per esempio, un coagulo di sangue dai vasi venosi profondi della gamba può portare al blocco dell'arteria polmonare).

Al fine di determinare correttamente la presenza di trombosi e la sua natura (localizzazione, processo acuto o cronico, presenza di una coda fluttuante), per diagnosticare correttamente la malattia con una previsione delle sue possibili complicanze, nonché per la continuità tra medici di specialità diverse e diverse istituzioni mediche, è necessario possedere e utilizzare correttamente classificazione della condizione patologica.

Classificazione della malattia

Sistematizzazione di tipi di tromboflebiti degli arti inferiori:

  • Per tipo di flusso: acuto (non più di un mese), subacuto (fino a tre mesi) e processo cronico (dopo tre mesi si sviluppa in malattia post-trombotica). È anche possibile evidenziare l'esacerbazione del processo cronico.
  • Per localizzazione: un processo che coinvolge i tronchi superficiali (sottocutanei e loro rami) e le vene profonde degli arti inferiori e la cavità pelvica (flebotrombosi).
  • Dalla natura del processo: purulento, non purulento.
  • Secondo eziologia: infettiva o asettica (associata a patologie del sangue, malattia delle vene varicose, cancro, nelle donne in gravidanza con complicazioni nel terzo trimestre, complicanze del lavoro, malattie ormonali, lesioni, allergie, malattie infettive).

La flebotrombosi delle vene profonde delle gambe ha una sua divisione, a seconda della posizione del processo:

  • tronchi venosi profondi della gamba;
  • vasi venosi profondi della gamba e tronco popliteo;
  • vene profonde delle gambe, tronchi venosi poplitei e femorali;
  • localizzazione ileo-femorale.

Oltre ai gruppi sistematici di cui sopra, per una diagnosi corretta e una contabilità statistica del numero di casi è importante inserire correttamente il processo patologico nel filtro internazionale ICD-10.

Codice internazionale della malattia

A capo delle statistiche in sanità e la sistematizzazione di tutte le condizioni patologiche è il documento "Classificazione statistica internazionale delle malattie e problemi relativi alla salute". È stato creato dagli sforzi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il documento è considerato da lei una volta un decennio ai fini dell'emendamento. Dal 1999, l'ICD-10 (la decima ristampa aggiornata) è stato utilizzato nella Federazione Russa.

La caratteristica principale dell'ICD-10 è una tecnica di crittografia alfanumerica. Questo codice utilizza una lettera latina e tre cifre. La classificazione è divisa in 21 classi, che corrisponde alla prima lettera del codice ICD-10. Le classi sono divise in blocchi di diverse intestazioni.

In accordo con l'ICD-10, la lesione tromboflebitica delle vene superficiali e profonde degli arti inferiori appartiene alla classe I00-I99 delle malattie del sistema circolatorio. Questa classe include blocchi che descrivono la cardiopatia reumatica, i disturbi causati da ipertensione, malattie cerebrovascolari, ischemiche e altre malattie cardiache.

Lesioni di vene, linfonodi e nodi che non sono sistematizzati in altre rubriche, incluse le malattie dei vasi periferici superficiali o profondi degli arti inferiori, appartengono al blocco I80-I89.

Tromboflebiti dei vasi superficiali e profondi delle gambe, appartiene alla categoria combinata di flebiti e tromboflebiti. Questa categoria ha una sua suddivisione nella classificazione ICD-10: la classe nosologica I80 Flebite e tromboflebite. Questa sottosezione comprende endoflebitite, perivena e infiammazione dei tronchi venosi, compreso il purulento. I processi tromboflebitici che complicano l'interruzione della gravidanza, il parto e i giorni successivi al parto, i blocchi patologici post-infiammatori intracranici, i blocchi dei vasi del midollo spinale, le vene portali e migratorie e la sindrome post-flebitica non sono inclusi nella sottosezione.

I80 Flebite e tromboflebite:

  • I80.0 vasi superficiali delle gambe.
  • Imbarcazione venosa femorale I80.1.
  • I80.2 altre navi profonde.
  • I80.3 posizione dell'arto inferiore non specificata.
  • I80.8 altra posizione.
  • I80.9 di localizzazione non specificata.

La lesione tromboflebitica delle vene superficiali degli arti inferiori è codificata con il codice I80.0. Questo stato patologico richiede una diagnosi differenziale con tromboangioite obliterante I73.1, I89.1 linfangite e periarterite nodosa M30.0.

La lesione delle vene profonde degli arti inferiori è crittografata con il codice I80.3. La diagnostica differenziale della tromboflebite con trombosi del tronco arterioso I74.3 - I74.5, obliterazione di endoarterite I70 e gangrena simmetrica (malattia di Raynaud) I73.0 viene effettuata.

Nell'ICD-10, la designazione della sua acuta o cronica non è fatta.

La pubblicazione dell'undicesima revisione del registro internazionale delle malattie (ICD-11) è prevista per il 2018. A differenza dell'ICD-10, la successiva classificazione terrà conto dell'eziologia, dei segni clinici e diagnostici, dell'effetto sulla gravidanza e della qualità della vita.

Trombosi venosa codice ICD-10

Secondo ICD 10 (International Code of Disease), la trombosi venosa si verifica a causa di disturbi emorragici. In questo caso si verifica il restringimento dei vasi sanguigni, a causa del quale il sangue addensato non può attraversarli liberamente. Quindi, inizia ad accumularsi in certe aree, il che porta allo sviluppo di gravi complicazioni.

Tabella ICD-10

La trombosi si riferisce alla sezione Malattie circolatorie, sottosezione I81-I82, che include le seguenti malattie venose:

Come si manifesta la trombosi

Secondo l'ICD, la tromboflebite acuta si manifesta principalmente per dolore e gonfiore. È importante prestare attenzione a se il dolore si diffonde lungo il flusso sanguigno (specialmente quando il carico si trova sulla gamba malata) o rimane in una particolare area. Se provi a sentire una tale vena, puoi sentire alcuni sigilli lungo la nave, che daranno un forte dolore. Letteralmente in 2-3 giorni, sull'arto inferiore apparirà una griglia vascolare di colore rosso o bluastro. Più velocemente il paziente reagisce alla situazione, meglio è per lui

Se la malattia non viene curata o non completamente guarita, allora può assumere una forma cronica. In questo caso, i sintomi dell'ICD 10 nella tromboflebite cronica saranno i seguenti:

  • dolore intermittente;
  • leggero gonfiore, che si manifesta principalmente dopo lunghi carichi sulla gamba;
  • "stelle" vascolari.

Come identificare la trombosi acuta

Come metodi diagnostici di ricerca, usiamo:

  • La flebografia è uno dei metodi più accurati per diagnosticare la trombosi venosa profonda.
  • Ultrasuoni dei vasi sanguigni.
  • Scansione di radionuclidi e altri nuovi modi per rilevare la trombosi.

Dopo una diagnosi accurata e uno studio completo dei parametri della trombosi, il phlebologist presente prescriverà un corso di trattamento che tenga conto delle caratteristiche individuali del paziente.

I pazienti con questa diagnosi necessitano di un trattamento in un ospedale. È possibile trasportare un paziente in un ospedale solo in posizione orizzontale su una barella. Al paziente viene prescritto un riposo a letto fino a quando il processo di formazione del coagulo di sangue non si è stabilizzato e viene confermata la conferma da parte del laboratorio di una riduzione della coagulazione del sangue. Successivamente, i movimenti attivi vengono gradualmente ripristinati, tuttavia, essi applicano necessariamente una benda spremitura con una benda elastica. Il riposo a letto lungo è controindicato.

La terapia conservativa viene eseguita con l'uso di farmaci che possono ridurre la coagulazione del sangue, - a questo scopo, prescrivere anticoagulanti. È anche necessario usare droghe per prevenire l'adesione delle piastrine - disaggregati. L'implementazione della terapia trombolitica è possibile solo nelle prime 6 ore dopo l'inizio della malattia. Non dovrebbe essere eseguito senza installare un filtro cava nella vena cava inferiore. Il fatto è che c'è il rischio di formazione di emboli, che porterà allo sviluppo di complicazioni. La terapia chirurgica è indicata per un'alta probabilità di embolia polmonare.

A tal fine, condurre tali attività:

  1. installazione del filtro cava nella vena cava inferiore appena sotto l'attacco della vena renale;
  2. la dissezione della vena cava inferiore da punti di sutura, la formazione di più canali - viene eseguita quando è impossibile installare un filtro cava;
  3. l'introduzione dell'enzima streptasi - attraverso il catetere direttamente al trombo;
  4. rimozione di trombi - viene utilizzato con flemmoni blu e nessun effetto dal trattamento conservativo.

prevenzione

Le domande di prevenzione riguardano i pazienti a rischio. Dovrebbero:

  • indossare costantemente calze a compressione (vene superficiali ristrette, aumento del flusso sanguigno attraverso vasi profondi, che impedisce la loro trombosi);
  • assumere farmaci venotonici;
  • controllare il test dell'indice della protrombina e tenerlo abbassato con i farmaci anticoagulanti;
  • non permettere riposo a letto lungo, esercizio per le gambe, anche in stato supino.

L'insorgenza di dolore e gonfiore delle gambe dovrebbe allertare qualsiasi persona. Un esame tempestivo aiuterà a identificare la causa e a prescrivere un trattamento.

Codice internazionale

L'ICD 10 è la classificazione internazionale delle malattie, una breve versione adattata della decima revisione adottata in occasione della 43a Assemblea mondiale della sanità. Le vene varicose nel codice ICD 10 sono composte da tre volumi con codifiche, trascrizioni e un indice alfabetico delle malattie. La trombosi venosa profonda ha un codice specifico nella classificazione ICD-10 - I80. È caratterizzato come una malattia con infiammazione delle pareti delle vene, un malfunzionamento nella circolazione normale e la formazione di coaguli di sangue nel lume venoso. Un tale processo infiammatorio acuto degli arti inferiori è pericoloso per la vita di una persona, e ignorarlo può essere fatale.

I principali fattori che possono causare tromboflebite venosa profonda sono:

  • Agenti patogeni infettivi;
  • Lesioni e danni a tessuti e ossa;
  • Interruzione della nutrizione tissutale e sviluppo dell'infiammazione asettica;
  • L'introduzione di uno stimolo chimico all'interno dei vasi degli arti inferiori;
  • Uso a lungo termine di farmaci ormonali o del periodo di gravidanza;
  • Aumento della coagulazione del sangue.

Per malattie come la vasculite, la periartrite o la malattia di Bruger, il rischio che la trombosi venosa degli arti inferiori si manifesti aumenta di circa il 40%. Provocare una malattia vascolare può essere una dipendenza da fumo e bevande alcoliche, problemi con il sistema cardiovascolare, così come l'eccesso di peso, che porta all'obesità.

Nelle fasi iniziali dello sviluppo, la malattia dei vasi sanguigni e le vene profonde degli arti inferiori possono passare senza alcun sintomo. Ma presto compaiono i seguenti segni:

  • gonfiore degli arti inferiori. Inoltre, maggiore è l'area dell'infiammazione, più pronunciato è il processo edematoso;
  • sensazione dolorosa di tirare e scoppiare il carattere;
  • la pelle diventa molto sensibile e reagisce a qualsiasi pressione. Nel luogo in cui si è formata la trombosi vascolare, diventa più calda e diventa rossastra. Spesso, la superficie degli arti inferiori acquisisce la caratteristica cianosi della malattia;
  • prurito e bruciore;
  • il sistema venoso diventa più espressivo, cambia la sua struttura.

A volte un'infezione può unirsi al processo infiammatorio, che può portare ad un ascesso e ad una secrezione purulenta.

La tromboflebite ha diverse forme: acuta e cronica. Con una manifestazione acuta di infiammazione delle vene profonde e dei vasi degli arti inferiori senza alcuna ragione, c'è un forte gonfiore e dolore intollerabile. È piuttosto difficile liberarsi completamente della malattia e il più delle volte è la causa della comparsa dell'insufficienza venosa cronica. L'infiammazione cronica è molto spesso accompagnata dalla formazione di pustole e ascessi.

Separatamente, emettono tromboflebite mesenterica e ileofemorale:

  • la trombosi mesenterica è caratterizzata da insufficiente flusso sanguigno alterato dei vasi mesenterici, che si forma sullo sfondo dell'embolia. La causa della trombosi mesenterica è la malattia cardiaca, ad esempio, infarto miocardico, cardiosclerosi, disturbi del ritmo;
  • La tromboflebite Ileofemorale è una malattia piuttosto complessa che appare sullo sfondo della sovrapposizione di trombi trombotici dei vasi femorali e iliaci. Il processo infiammatorio acuto è piuttosto veloce a causa della compressione delle arterie degli arti inferiori e può portare alla formazione di cancrena. La complicazione più pericolosa può essere il distacco di un embolo e il suo trasferimento ai vasi sanguigni e alle sezioni del cuore, tromboflebite arteriosa.

diagnostica

Per diagnosticare la trombosi venosa profonda, che è inclusa nel classificatore ICD-10, il medico deve condurre un esame esterno e condurre una serie di test di laboratorio. Il colore della pelle, la presenza di gonfiore e nodi vascolari sono presi in considerazione. I seguenti metodi di ricerca sono comunemente usati:

  • Esame del sangue;
  • coagulazione;
  • tromboelastogramma;
  • Determinazione dell'indice di protrombina e della proteina C-reattiva.

Effettuare uno studio approfondito con gli ultrasuoni per determinare la natura del coagulo di sangue che si è formato.

La tromboflebite degli arti inferiori indicata nell'ICD-10 sotto il codice I80 è raccomandata per essere trattata tenendo conto della complessità della malattia. Ad esempio, la trombosi venosa profonda acuta, che può terminare con un coagulo di sangue, richiede riposo a letto per 10 giorni. Durante questo periodo, un trombo è in grado di bloccare le pareti delle navi. Allo stesso tempo, gli specialisti eseguono misure per migliorare la circolazione del sangue, ridurre il gonfiore e il dolore. Successivamente, si consiglia di iniziare esercizi fisici sotto forma di flessione ed estensione delle dita, nonché una ginnastica speciale eseguita in posizione prona.

È importante indossare indumenti di compressione speciali che contribuiranno a supportare i vasi dilatati durante tutte le procedure.

Speciali agenti trombotici che migliorano il flusso sanguigno e riassorbono i coaguli risultanti danno un buon effetto. Nei processi infiammatori, tali pomate e gel non hanno tale efficacia, ma è possibile un ulteriore metodo di cura per le gambe interessate. Per risolvere processi complessi raccomandato l'uso di farmaci sotto forma di compresse e iniezioni.

Ci sono la fisioterapia più efficace ed efficace, raccomandata quando hai problemi con le gambe:

  • Elettroforesi (contribuisce alla penetrazione dei farmaci attraverso la pelle attraverso l'esposizione a una corrente elettrica);
  • UHF (l'azione dei campi elettrici ad alta frequenza contribuisce al deflusso della linfa, la rigenerazione);
  • Magnetoterapia (a causa del campo magnetico la composizione del sangue è migliorata);
  • Bagni di paraffina (realizzati come prevenzione delle ulcere trofiche).

Se non è possibile curare il problema con metodi simili, può essere raccomandato l'intervento chirurgico. Durante l'operazione, viene eseguita una piccola incisione attraverso la quale il chirurgo può installare uno speciale filtro a cava che trattiene grossi coaguli di sangue. Quando si utilizza un'altra tecnica - trombectomia - le vene vengono eliminate dai coaguli utilizzando uno speciale catetere flessibile. Non meno popolare è il metodo di lampeggiare della nave colpita.

E un po 'sui segreti...

Hai mai provato a liberarti delle vene varicose? A giudicare dal fatto che stai leggendo questo articolo, la vittoria non è stata dalla tua parte. E ovviamente sai di prima mano di cosa si tratta:

  • ancora e ancora per osservare la prossima porzione di vene varicose sulle gambe
  • svegliarsi al mattino con il pensiero di cosa indossare per coprire le vene gonfie
  • soffrire ogni sera da pesantezza, pianificazione, gonfiore o ronzio alle gambe
  • cocktail in continua ribollente di speranza per il successo, attesa ansiosa e delusione per un nuovo trattamento infruttuoso
http://varikozpro.ru/o-varikoze/tromboz-sosudov-nizhnih-konechnostej-mkb-10

Trombosi venosa profonda degli arti inferiori

Trombosi venosa profonda degli arti inferiori: breve descrizione

Trombosi venosa profonda degli arti inferiori - formazione di uno o più coaguli di sangue nelle vene profonde degli arti inferiori o pelvi, accompagnata da infiammazione della parete vascolare. Può essere complicata da un deflusso venoso alterato e da disordini trofici degli arti inferiori, femme flemmone ed embolia polmonare. La flebotrombosi è una trombosi venosa primaria degli arti inferiori caratterizzata da una fissazione instabile di un trombo alla parete venosa. • La tromboflebite è una trombosi secondaria causata da un'infiammazione di uno squilibrio di un caso con un caso di infiltrazione ventricolare.

Un trombo è fissato saldamente alla parete del vaso • Nella maggior parte dei casi, tromboflebiti e flebotrombosi sono combinati: i fenomeni pronunciati di flebite si trovano nella zona di formazione del trombo primario, vale a dire. testa di trombi, mentre nella zona della sua coda non ci sono cambiamenti infiammatori nella parete vascolare.

frequenza

Nei paesi sviluppati - 1: 1 000 della popolazione, più spesso nelle persone di età superiore a 40 anni.

Trombosi venosa profonda degli arti inferiori: cause

eziologia

Trauma • Stasi venosa dovuta a obesità, gravidanza, tumori pelvici, riposo a letto prolungato • Infezione batterica • Periodo postpartum • Uso contraccettivo orale • Cancro (in particolare cancro dei polmoni, dello stomaco, del pancreas) • DIC.

anatomia patologica

Classificazione del codice vasculite ICD 10

Il Centro di Collaborazione di Mosca per la classificazione internazionale delle malattie ha partecipato direttamente alla preparazione della prossima 10a revisione B, realizzando in questo lavoro l'esperienza dei principali istituti clinici e le loro proposte per adattare questo documento internazionale alla pratica delle istituzioni mediche in Russia.

B è diventato uno standard diagnostico internazionale per tutti gli obiettivi epidemiologici comuni e molti obiettivi relativi alla gestione della salute. Puoi aiutare il progetto aggiungendolo.

La lettera U viene lasciata vuota. Pertanto, i possibili numeri di codice vanno da A00.

In entrambi i casi, la localizzazione primaria è considerata come sconosciuta. Anche la coscienza e la capacità di concentrazione sono spesso ridotte, ma una chiara compromissione dell'intelligenza e della memoria non è sempre il caso.

Sottotitoli a quattro cifre La maggior parte delle intestazioni a tre cifre è suddivisa da un quarto carattere numerico dopo il punto decimale, in modo da poter utilizzare anche fino a 10 sottotitoli. La direzione del cambiamento di solito dipende dalla natura della persona prima della malattia.

Nella Federazione russa, B ha un altro obiettivo specifico.

Secondo il codice MKB-10 dell'espansione dell'autofinanziamento, i suoi utenti avevano una naturale paura del codice MKB-10 durante il suo processo di revisione. B braccia periodiche B di fabbrica, guardando dalla nona revisione nella città di Rods Classificazione divisa in 21 supervisione.

Nel caso della somministrazione di nubi con induttori di congestioni microsomali di fegato, fenobarbital, carbamazepina, fenitoina, rifampicina, codice mcb-10, nevirapina, zfavirenz insiste sul metabolismo degli organi genitali, che può portare ad una diminuzione del fiume del farmaco.

In due casi, la localizzazione primaria è considerata come sconosciuta. codice mkb-10 Quattro abbonamenti I, II, XIX e codice mkb-10 più di una donna nel primo segno dei loro codici. Le sciabole C76-C80 includono neoplasmi di corte codice mcb-10 con localizzazione a raggi X erroneamente indicata o quelli che sono separati come codice mcb-10 o distribuiti senza collisioni alla localizzazione primaria.

Classificazione del codice vasculite ICD 10

L'ICD 10 (Classificazione internazionale delle malattie della decima revisione) è un documento ufficiale, che è una base statistica e di classificazione nel campo dell'assistenza sanitaria. L'ICD è utilizzato per sistematizzare e anche per studiare le informazioni sul livello di morbilità e mortalità di persone provenienti da tutto il mondo.

Questo è un documento normativo che consente di convertire i nomi verbali delle malattie in codici speciali. Tali codici di codice facilitano l'archiviazione, lo studio e la registrazione dei dati in modo conveniente e sistematico.

L'ICD è soggetto a revisione periodica, condotta ogni 10 anni dall'OMS (Organizzazione mondiale della sanità). Ogni malattia ha uno speciale codice a tre cifre che include le informazioni sulla mortalità ricevute da diversi paesi del mondo. Il documento include tali gruppi di malattie:

  • epidemia;
  • natura generale;
  • locale;
  • relative allo sviluppo;
  • lesioni.

La decima revisione ICD consiste di tre parti (libri), tra cui solo la prima contiene una classificazione dettagliata e informazioni sulle malattie. La classificazione è divisa in classi, intestazioni, sottotitoli, fornendo la facilità d'uso del documento.

L'elenco delle trombosi descritte nella Classificazione Internazionale è nella Classe IX "Disturbi del sistema circolatorio", ha una sottoclasse di "Malattie delle arterie, delle arteriole e dei capillari". Puoi imparare più specificamente sui tipi di occlusioni nella sezione "Trombosi di embolia e vena".

Secondo ICD-10, questi tipi di emboli si distinguono:

  • aorta addominale (codice ICD 10 - 174.0);
  • ostruzione e stenosi dell'arteria vertebrale (165,0);
  • basilare (165,1);
  • carotide (165,2);
  • arterie precerebrali (165.3);
  • arterie coronarie 121-125);
  • polmonare (126);
  • renale (N 28.0);
  • retinale (N 34/0);
  • altre e non specificate porzioni dell'aorta (secondo ICD 10 - 174.1);
  • arterie della mano (174.2);
  • vene degli arti inferiori (codice ICD 10 - 174.3);
  • vasi sanguigni periferici (174.4);
  • trombosi ileofemorale dell'arteria ileale (174,5);
  • flebite e trombosi delle vene profonde degli arti inferiori (μb 10 - 180.2).

Trombosi venosa profonda degli arti inferiori: segni, sintomi

Quadro clinico

• La trombosi venosa profonda (confermata da flebografia) ha manifestazioni cliniche classiche solo nel 50% dei casi.

• La prima manifestazione della malattia in molti pazienti può essere l'embolia polmonare.

• Reclami: sensazione di pesantezza alle gambe, dolore arcuato, gonfiore persistente della gamba o dell'intero arto.

• Tromboflebite acuta: aumento della temperatura corporea a 39 ° C e oltre.

• Cambiamenti locali • Sintomo di Pratt: la pelle diventa lucida, il disegno delle vene safene protuberante chiaramente • Sintomo di Payra: dolore che si diffonde lungo la superficie interna del piede, della gamba o della coscia • Sintomo di Homeman: dolore alla gamba quando il piede è flesso • Sintomo di Lowenberg: dolore quando la gamba schiaccia con un polsino apparecchio per misurare la pressione del sangue a 80-100 mm Hg.

Art., mentre la compressione di una tibia sana è fino a 150-180 mm Hg. Art. non causa disagio • Al tatto, l'arto interessato è più freddo di quello sano.

• Quando si osservano trombosi venose pelviche, si osservano leggeri sintomi peritoneali e talvolta ostruzione intestinale dinamica.

Diagnosi e trattamento della malattia

Il trattamento della malattia è obbligatorio, finalizzato all'eliminazione del coagulo di sangue formato, alla ripresa del normale flusso sanguigno, alla riduzione dei sintomi. Altrettanto importante è il controllo e il trattamento delle patologie concomitanti che provocano la progressione dell'occlusione venosa.

Questi includono: aterosclerosi, ipertensione, diabete, disfunzione endocrina, alcune malattie infettive. La terapia consiste nell'assumere determinati farmaci, seguire corsi di fisioterapia e, in casi avanzati, nell'intervento chirurgico.

In presenza della minaccia di separazione di un coagulo di sangue, viene mostrato un trattamento chirurgico immediato, il cui compito principale è quello di rimuovere il pezzo di sangue formato.

L'auto-trattamento in questo caso è strettamente controindicato. Prima di procedere al trattamento di una malattia, è necessario visitare un flebologo (a volte è necessario un consulto aggiuntivo da un endocrinologo, uno specialista di malattie infettive, un medico generico, un cardiologo), che condurrà un esame completo delle navi del corpo.

È obbligatorio prescrivere uno studio clinico del sangue, delle urine, un'analisi del tasso di coagulazione del sangue, uno studio biochimico. Se si sospetta trombosi, vengono eseguiti test funzionali per aiutare a determinare le caratteristiche specifiche delle valvole.

I test Brody - Troyanova - Trendelenburg e Hackenbruch - Sikar sono i metodi più comuni per diagnosticare una malattia. Grandi metodi di ricerca strumentali informativi:

  • L'ecografia Doppler è il metodo più sicuro e indolore per diagnosticare la trombosi venosa profonda degli arti inferiori, ICB 10 - 180.2 e altri tipi di occlusioni. L'ecografia aiuta a studiare lo stato delle pareti dei vasi sanguigni, in particolare il movimento del sangue, il lavoro delle valvole e la presenza di coaguli di sangue.
  • L'angiografia è un metodo di esame a raggi X che utilizza un agente di contrasto inserito nel lume della vena interessata. Dopo di ciò, viene eseguita una serie di immagini a raggi X per valutare le condizioni dei vasi (la superficie interna, il grado di costrizione, le caratteristiche del flusso sanguigno). A differenza dell'ecografia Doppler, l'angiografia ha un numero di controindicazioni da condurre. Questo è grave insufficienza cardiaca e del fegato, disturbi mentali, presenza di malattie infiammatorie o infettive acute. L'angiografia viene spesso sostituita dalla tomografia computerizzata, che consente uno studio dettagliato delle navi.

Dopo la conferma della diagnosi, viene prescritto un trattamento individuale, tenendo conto della salute, dell'età e del sesso del paziente, delle patologie aggiuntive e del grado di lesione vascolare.

La trombosi dei vasi mesenterici, degli arti inferiori e superiori, del cervello, del cuore e di altri tipi di occlusioni viene trattata in tre modi:

  • assunzione di farmaci (eparina, anticoagulanti indiretti, trombolitici, farmaci emoreologicamente attivi, farmaci antinfiammatori);
  • fisioterapia passata (ampulenza, magnetoterapia, elettroforesi, baroterapia, ozonoterapia, terapia diadinamica, ecc.);
  • stabilendo uno stile di vita e un'alimentazione sani.

Se necessario, è indicato un trattamento chirurgico di emergenza, il cui scopo è quello di rimuovere un coagulo di sangue dal lume venoso e ripristinare la normale circolazione sanguigna nell'organo o nell'arto interessato. Molto spesso eseguono trombectomia, un'operazione di Troyanov - Trendellenburg e viene installato un filtro cava. Il successo del trattamento dipende dal grado di lesione vascolare, dalla salute del paziente e dalla tempestività degli interventi terapeutici.

Esami strumentali • L'angioscansione duplex ad ultrasuoni mediante color Doppler mapping è il metodo di scelta nella diagnosi di trombosi al di sotto del livello del legamento inguinale. Il sintomo principale della trombosi: la rilevazione di masse trombotiche eco-positive nel lume del vaso.

Un catetere per l'inserimento di un agente di contrasto viene inserito attraverso i tributari della vena cava superiore. L'impianto di un filtro cava è anche possibile durante l'angiografia • Scansione con 125I - fibrinogeno.

Per determinare l'inclusione del fibrinogeno radioattivo in un coagulo di sangue, viene eseguita una scansione seriale di entrambi gli arti inferiori. Il metodo è più efficace per la diagnosi di trombosi delle vene della gamba.

Diagnostica differenziale

Cellulite • Rottura di una cisti sinoviale (cisti di Baker) • edema linfatico (linfedema) • Compressione di una vena dall'esterno da un tumore o linfonodi ingrossati • Allungamento o rottura dei muscoli.

Affinché la trombosi acuta venosa profonda degli arti inferiori non raggiunga le fasi più pericolose, occorre prestare la dovuta attenzione al rilevamento tempestivo della malattia. La diagnosi viene effettuata utilizzando metodi come:

Scansione duplex. Questo metodo include una valutazione completa del flusso sanguigno, il sistema vascolare degli arti.

Flebografia radiopaca. Nominati nel caso in cui i risultati ottenuti sulla base della scansione, gli esperti sollevano dubbi e domande, nonché se i coaguli di sangue si trovano sopra l'inguine.

Mr e CT angiografia. Assegnato anche per confermare i risultati della scansione.

Radiografia dei polmoni Viene eseguito quando un paziente ha un tromboembolismo polmonare.

Pletismografia ad impedenza. Capace di valutare il grado di cambiamento e deformazione delle vene. Consente di diagnosticare la trombosi con una probabilità fino al 90%.

prevenzione

Come prevenire la trombosi venosa profonda? La prevenzione delle malattie include quanto segue:

Impedire che le gambe si trovino in una posizione (ad esempio, non è desiderabile stare troppo a lungo o sedersi)

Evitare eccessiva coagulazione del sangue, regolare la sua coagulazione

Con le vene varicose, prendere misure tempestive per eliminare la malattia e la sua terapia.

Dopo l'intervento, non bisogna trascurare le procedure che aumentano la mobilità degli arti e la circolazione sanguigna.

Chiedere assistenza medica immediata quando compaiono i primi segni di trombosi

La nutrizione svolge un ruolo speciale nella prevenzione delle malattie. Anche la trombosi delle vene profonde degli arti inferiori è importante per mantenere una dieta corretta.

Trombosi


Considerare le attività che richiedono trombosi venosa profonda degli arti inferiori o superiori, dipendono principalmente dalla gravità e dalla negligenza della malattia, nonché da quanto alto è il rischio di separazione del coagulo di sangue.

Terapia farmacologica Include metodi di anticoagulanti e iniezioni. Le condizioni del paziente sono attentamente monitorate dai medici curanti e, in assenza di una dinamica positiva, viene presa la decisione di ospedalizzare il paziente (per escludere una malattia come l'oncologia).

Trombolisi. Prevede l'installazione di un catetere in cui viene iniettata una sostanza speciale che risolve i trombi. A causa del fatto che questo metodo può causare sanguinamento, è prescritto raramente. Tuttavia, è impossibile non notare il lato positivo del metodo: è efficace contro grossi coaguli di sangue.

Intervento chirurgico Viene eseguito con le complicazioni più gravi. Durante l'operazione, può essere installato uno shunt artero-venoso al paziente, le vene possono essere suturate, le masse trombotiche vengono rimosse. Inoltre, ai pazienti viene prescritto xarelto. Con la trombosi venosa profonda, il farmaco migliora la sua condizione qualitativamente.

La dieta per trombosi di vene profonde degli arti inferiori è costruita come segue.

La dieta del paziente deve includere pesce, frutti di mare, legumi e noci. Il cibo per la trombosi venosa profonda non dovrebbe fare a meno di lino, germe di grano e avocado.

L'alimento per trombosi di vene profonde degli arti inferiori deve escludere carni grasse, burro e uova.

Assicurati di bere almeno tre litri di acqua al giorno.

Diagnosi e trattamento della malattia

Per le tromboflebiti, i medici prescrivono il trattamento sulla base dei risultati diagnostici ottenuti. Il trattamento include:

  • terapia farmacologica;
  • intervento chirurgico

I pazienti con flebotrombosi profonda della parte inferiore della gamba (cioè distali al sistema della vena poplitea) sono trattati in modo conservativo su base ambulatoriale. Tutti gli altri pazienti sono indicati come trattamento in ospedale chirurgico • Prescrivi un rigoroso riposo a letto per 7-10 giorni con una posizione elevata dell'arto malato. Le procedure termiche sono controindicate.

Gestione del paziente • Riposo a letto per 1-5 giorni, quindi ripristino graduale della normale attività fisica con rifiuto dall'immobilizzazione prolungata • Il primo episodio di flebotrombosi profonda deve essere trattato per 3-6 mesi, episodi successivi - per almeno un anno • Durante la somministrazione di eparina in / nel determinare il tempo di coagulazione del sangue.

Se dopo 3 ore dalla somministrazione di 5000 UI il tempo di coagulazione è 3-4 volte più lungo di quello iniziale e dopo 4 ore è 2-3 volte più lungo, la dose somministrata è considerata sufficiente. Se la coagulazione del sangue non viene modificata in modo significativo, aumentare la dose iniziale di 2500 U.

Terapia conservativa

Blocco lombare della novocaina secondo A. V. Vishnevsky • Impacchi di unguento • Anticoagulanti, farmaci fibrinolitici (efficace nei primissimi stadi venosi, solitamente raramente riconoscibili)

http://varikoz.top/mkb-tromboz-glubokikh-ven-niz/

Altri Articoli Su Vene Varicose

  • Gel di cavallo con ippocastano
    Complicazioni
    Tintura di castagne per il trattamento delle articolazioni Per molti anni, lottando senza successo con il dolore alle articolazioni? Il capo dell'Istituto: "Sarai stupito di quanto sia facile curare le articolazioni prendendo 147 rubli al giorno tutti i giorni.
  • riboksin
    Trattamento
    Riboxin è un farmaco che regola i processi metabolici nel miocardio, riduce l'ipossia tissutale e migliora la circolazione coronarica.Ha effetti antiipoxici, metabolici e antiaritmici. Aumenta il bilancio energetico del miocardio, migliora la circolazione coronarica, previene gli effetti dell'ischemia renale intraoperatoria.