Emorroidi interne: sintomi e trattamento

Quali sono le emorroidi interne e perché l'infiammazione si sviluppa molto rapidamente?

La forma interna della patologia richiede un'attenta diagnosi.

Le emorroidi interne si manifestano con la formazione di aree di espansione e deformità dei vasi venosi rettali. Sotto l'influenza di un complesso di fattori, l'elasticità della parete vascolare diminuisce e il sangue ristagna nelle caverne del retto. Successivamente si formano plessi emorroidari e nodi.

Le emorroidi hanno una loro classificazione: interna ed esterna.

Possono essere pizzicati e cadere dall'intestino attraverso l'ano, causando molti sintomi spiacevoli. All'interno dei nodi stessi, si formano messaggi tra le arterie e le vene, che danno loro l'aspetto di un "tessuto cavernoso". Spesso, dopo l'infiammazione, appare la trombosi delle emorroidi interne.

Le emorroidi interne sono un plesso che si trova nel retto di fronte alla linea anorettale. Il diametro dei nodi varia da 5 a 15 mm.

Sintomi della malattia

I primi segni della malattia sono bruciore e prurito nella zona anale.

Non esiste una sindrome da dolore, possono insorgere difficoltà nell'attuazione dei movimenti intestinali. La maggior parte delle persone sono imbarazzate da questa patologia e, se ci sono delle lamentele, non vanno a lungo alle istituzioni mediche, il che aggrava enormemente la loro situazione.

La sensazione iniziale della presenza di un oggetto estraneo nel retto aumenta gradualmente, ci sono forti dolori durante l'atto di defecazione. Allo stesso tempo è possibile rilevare nodi di dimensioni maggiori.

Le feci possono essere mescolate con sangue rosso vivo. Il numero di unità di sangue dipende dallo stadio di sviluppo della malattia emorroidaria. Man mano che i nodi emorroidali aumentano di dimensioni, il disagio aumenta e i nodi stessi iniziano a cadere fuori dalla cavità rettale.

Nelle fasi iniziali sono soggetti a riduzione spontanea. Un po 'più tardi, in assenza di un trattamento adeguato, i nodi diventano così grandi da non essere installati da soli. In tali casi, l'integrità della parete delle caverne è rotta e si sviluppa un abbondante sanguinamento emorroidario, il lume del nodulo può ostruirsi con un coagulo di sangue.

I pazienti precedenti cercano aiuto qualificato da specialisti, maggiore è la possibilità di eliminare la malattia senza un intervento chirurgico.

Trattamento di emorroidi interne

Se le emorroidi interne ti infastidiscono, il trattamento non dovrebbe essere posticipato! La malattia scorre rapidamente nella fase cronica e la terapia può durare per molti anni.

Il trattamento delle emorroidi interne di solito include approcci integrati:

    Normalizzazione del regime e dieta con l'inclusione di una grande quantità di fibre vegetali: frutta, verdura, cereali.

Alimenti ricchi di fibre

I farmaci alleviano i sintomi, migliorando il flusso sanguigno

Le compresse rafforzano le pareti dei vasi sanguigni dell'intero organismo.

  • I rimedi locali sotto forma di supposte e unguenti sono ampiamente usati per ridurre l'infiammazione, eliminare il prurito e l'irritazione della pelle. A tal fine, è possibile preparare bagni caldi con un decotto di erbe.
  • È molto importante non dimenticare gli antidolorifici. Mezzi combinati più usati (effetto analgesico e antinfiammatorio).
  • Trattamento di forme complicate della malattia

    Come trattare se i farmaci non aiutano? La malattia emorroidaria negli stadi successivi viene trattata con tecniche strumentali. Le operazioni per rimuovere i nodi interni sono necessarie quando i metodi conservativi non danno una dinamica positiva e la loro perdita è diventata la norma.

    Il trattamento chirurgico richiede una riabilitazione a lungo termine e una prevenzione quotidiana.

    Trattamento strumentale delle emorroidi:

    1. Legatura al lattice di emorroidi con anelli di lattice. Sotto il controllo dell'anoscopio, un anello di lattice viene inserito nel retto e la base del nodo viene compressa, a seguito della quale la sua nutrizione viene disturbata. In futuro, è respinto.
    2. La scleroterapia consiste nell'introduzione di una speciale sostanza sclerosante nella cavità del nodo interno del retto. Per ottenere l'effetto, è necessario condurre diverse di tali procedure entro una settimana. La scleroterapia è spesso eseguita con sanguinamento.
    3. Coagulazione delle pareti dei nodi mediante radiazione infrarossa. La coagulazione termica del lume emorroidario viene eseguita utilizzando una sonda.
    4. Il metodo di disarticolazione della emorroidi è di rilevare con l'aiuto degli ultrasuoni i vasi nella cavità rettale e lampeggiandoli con il filo di catgut (che viene successivamente risolto).
    5. Rimozione chirurgica delle emorroidi interne (emorroidectomia).

    Prevenzione della trasformazione dei nodi interni

    Per prevenire l'emergere di nuovi nodi interni nella cavità del retto e la prevenzione della recidiva dei vecchi è necessario prendere il controllo della dieta. È importante escludere i cibi piccanti e salati. Non bere bevande alcoliche, caffè forte.

    Un leggero esercizio quotidiano aiuterà a migliorare il flusso di sangue dagli organi situati nella pelvi, incluso il retto.

    È importante ricordare! Le emorroidi interne sono cavità difficili piene di sangue. L'infiammazione può portare a gravi complicazioni. Ai primi sintomi delle emorroidi, dovresti cercare aiuto da un proctologo. Lo specialista diagnosticherà e prescriverà il trattamento più efficace.

    Autore dell'articolo: Alexey Egorov Proctologist

    http://gemorroj03.com/vnutrennie-gemorroidalnye-uzly.html

    Emorroidi interne: sintomi e trattamento

    Le emorroidi sono una patologia delle vene del retto, che è accompagnata dalla loro espansione con la formazione di nodi varicosi. Le emorroidi interne sono caratterizzate dal fatto che questi nodi sono localizzati sotto la membrana mucosa delle pareti intestinali all'interno del suo lume. Secondo le statistiche mediche, la sua prevalenza nella popolazione è di circa il 4% (tenendo conto delle forme miste, le cifre sono una volta e mezza superiori).

    Importante: le emorroidi si sviluppano in quasi l'80% delle donne che hanno partorito. La probabilità di sviluppo della patologia delle vene della regione rettale aumenta con ogni consegna ripetuta.

    La malattia è accompagnata da dolore, la cui intensità aumenta durante i movimenti intestinali. I nodi tendono a sanguinare e cadere. In uno studio di laboratorio sul sangue del paziente, vengono spesso rilevati segni di anemia.

    La patologia nella maggior parte dei casi si verifica cronicamente con una lenta progressione. Nelle fasi iniziali, potrebbe non manifestarsi clinicamente, poiché ci sono relativamente poche terminazioni nervose nell'intestino rettale. I cambiamenti vascolari non possono essere determinati visivamente. A questo proposito, i pazienti con emorroidi interne piuttosto trascurate si rivolgono spesso al proctologo.

    Perché si sviluppano le emorroidi interne?

    Importante: per la formazione di emorroidi interne è necessaria una combinazione di due condizioni: la relativa debolezza delle pareti vascolari (venose) e una maggiore pressione intraintestinale (rettale).

    Le cause della malattia includono:

    • predisposizione genetica;
    • mancanza di esercizio;
    • lavoro sedentario;
    • esercizio eccessivo;
    • non conformità con il regime di assunzione di bevande alcoliche (l'assunzione di acqua bassa porta ad un ispessimento del sangue);
    • abuso di alcol;
    • costipazione cronica;
    • frequente diarrea (incluso tra l'abuso di farmaci lassativi);
    • dieta malsana;
    • sovrappeso (obesità);
    • parto;
    • tumori degli organi pelvici;
    • infezioni intestinali;
    • fattore di età;
    • fattori psico-emotivi (stress).

    Uno dei principali fattori che predispongono alla malattia è la predisposizione ereditaria. Anche nel periodo prenatale di sviluppo, le formazioni cavernose (cavernose) allargate sono poste nell'intestino distale. In futuro, aumentano e si spostano, formando nodi.

    Il sollevamento di peso frequente provoca anche la formazione di nodi patologici del plesso venoso.

    Un basso apporto di liquidi (meno di 1,5 litri al giorno) provoca un consolidamento della consistenza della materia fecale, che spesso porta alla stitichezza. Inoltre, sullo sfondo della disidratazione del corpo, le proprietà reologiche del sangue si deteriorano e questo a sua volta provoca una trombosi venosa.

    Snacking in fuga, bassa assunzione di fibre e dipendenza da cibi piccanti e salati violano la motilità intestinale.

    La circolazione sanguigna nella parete intestinale è significativamente peggiorata se vi è una compressione dei vasi da parte del tumore o depositi di grasso.

    Le infezioni intestinali spesso contribuiscono alla comparsa di lesioni microscopiche sulla superficie della mucosa intestinale, che contribuisce anche allo sviluppo di emorroidi interne.

    I pazienti anziani a causa di cambiamenti legati all'età naturale atrofia delle fibre muscolari, e questo spesso porta alla formazione di nodi interni.

    Lo stress frequente ha un effetto negativo su molte funzioni del corpo, inclusa l'attività intestinale.

    Sintomi di emorroidi interne

    La differenza più importante tra la forma interna di emorroidi da quella esterna o mista - è la mancanza di cambiamenti che sono evidenti durante l'esame esterno. Formazioni patologiche (nodi) sono localizzate nel lume nelle immediate vicinanze dello sfintere anale o ad una certa distanza da esso.

    La gravità dei sintomi dipende dalla dimensione delle estensioni varicose. La progressione in stasi è caratteristica delle emorroidi; in proctologia clinica, è consuetudine distinguere 4 fasi di sviluppo di questa patologia:

    1. I primi nodi sono piccoli; non causano disagi al paziente. In rari casi, le vene varicose possono essere danneggiate da fitte masse fecali, che provocano un processo infiammatorio. A causa dell'escrezione dell'essudato, la zona perianale è costantemente inumidita, causando prurito (o sensazione di bruciore). Le macchie di sangue minori sono talvolta determinate sulla carta igienica dopo un atto di defecazione, ma nella maggior parte dei casi il sangue viene rilevato solo in studi di laboratorio sui test delle feci. I pazienti lamentano un vago disagio nell'area rettale dopo i movimenti intestinali.
    2. Se la terapia non viene avviata in anticipo, il processo prosegue.. Le dilatazioni varicose aumentano di dimensioni, causando sensazione di corpo estraneo e pesantezza nell'intestino. Dopo lo sforzo fisico, tossendo o sforzandosi, i nodi escono dall'ano, ma poi "ritrattano" spontaneamente. Il sanguinamento diventa chiaramente visibile sulla carta igienica e sulla superficie della materia fecale. Ogni rilascio di intestino è accompagnato da dolore di moderata intensità. Quando un'analisi di laboratorio del sangue ha rivelato segni di anemia. Le manifestazioni cliniche possono diminuire per un po ', cioè la remissione è possibile. In questa fase, il dolore diventa acuto e il paziente è quasi sempre preoccupato. Le estensioni emorroidali aumentano così tanto che vanno fuori anche sullo sfondo di carichi insignificanti. Non possono più essere disegnati in modo indipendente e il paziente è costretto a ripristinarli. Caratterizzato da una pronunciata reazione infiammatoria e dallo sviluppo di complicazioni sotto forma di sanguinamento rettale e ragadi anali.
    3. La fase più pesante (trascurata) è caratterizzata dalla sporgenza dei nodi, che, di per sé, sono quasi irrealistici. Il dolore acuto disturba costantemente; tendono ad aumentare quando si è seduti o camminando. I periodi di un aggravamento diventano frequenti. Esiste un'alta probabilità di tali complicazioni come il pizzicamento dei nodi con necrosi tissutale.

    Il tasso di progressione delle emorroidi interne dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo e dalla presenza di fattori provocatori.

    complicazioni

    Le complicanze delle emorroidi interne includono:

    • trombosi venosa;
    • violazione delle emorroidi;
    • vene varicose;
    • sanguinamento rettale;
    • insufficienza sfinteriale dell'orifizio anale.

    Le emorroidi portano alla stagnazione del sangue nelle vene e questo diventa la causa della trombosi. I sintomi di questa complicazione sono un aumento dei nodi, la loro acquisizione di una tonalità blu-porpora e dolori acuti nella zona perianale, che aumentano con l'esame della palpazione.

    L'infrazione è solitamente causata dal sollevamento pesi e dalla tensione per problemi di movimento intestinale. La trombosi si sviluppa nei siti strozzati; grave mancanza di circolazione del sangue locale porta alla necrosi (necrosi dei tessuti). I tipici segni di violazione sono il dolore intenso inarcato e la sensazione di corpo estraneo nel retto. Durante l'esame proctologico vengono rilevati i nodi sporgenti, che hanno un colore molto scuro (al nero).

    La frequente complicazione degli stadi III - IV delle emorroidi interne è un sanguinamento costante dai corpi cavernosi. Con lui, il paziente lamenta una debolezza generale (a causa dell'aumento dell'anemia). Le analisi mostrano un calo dell'emoglobina nel sangue a 40-50 g / l.

    Nei pazienti anziani, la frequente perdita di linfonodi sullo sfondo di emorroidi progressive in alcuni casi porta alla debolezza dello sfintere anale. Questa complicazione si manifesta con l'incontinenza di gas e persino il contenuto del retto (masse fecali liquide).

    diagnostica

    Fai attenzione: patologicamente, con emorroidi interne, viene rilevato un nodo mucoso-nodulare, le cui formazioni vascolari sono costituite da corpi patologici (cavernosi). Essi, a loro volta, sono costituiti da un gran numero di cavità separate da pareti di tessuto connettivo e muscolare.

    La diagnosi precoce è spesso difficile, perché le vene varicose esterne non vengono rilevate ei reclami dei pazienti sono piuttosto vaghi (il flusso asintomatico è spesso possibile).

    I nodi caratteristici sono rilevati dall'esame delle dita. La ricerca manuale consente di valutare la loro posizione, consistenza, dimensione e grado di dolore. I corpi cavernosi possono essere raggruppati o distribuiti lungo varie sezioni della parete intestinale. Se la malattia si sviluppa per un lungo periodo, viene rilevato un tono ridotto dei muscoli bloccanti dell'area rettale.

    Per chiarire la diagnosi, i proctologi ricorrono ai metodi diagnostici endoscopici: anoscopia e rectoromanoscopia. Anscopy consente di ispezionare il retto a una profondità non superiore a 10 cm; con una localizzazione più alta delle estensioni varicose, è richiesto l'uso di un rectoromanoscope - un tubo lungo fino a 25 cm, dotato di ottica e un sistema di illuminazione.

    Durante l'endoscopia, il medico può prelevare un campione bioptico - un campione di tessuto per l'esame citologico e istologico. Questo è necessario per la diagnosi differenziale dei tumori emorroidali.

    Inoltre, viene utilizzata l'irrigoscopia: un esame a raggi X dell'intestino crasso con introduzione retrograda di un agente di contrasto (solfato di bario) nel suo lume. Una radiografia aiuta a visualizzare eventuali rigonfiamenti (incluse estensioni cavernose) e fistole anali.

    Fai attenzione: Quando si esaminano i bambini con irrigoscopia, spesso si sostituiscono tutti gli altri tipi di ricerca proctologica.

    Il processo di preparazione per qualsiasi tipo di diagnostica strumentale nella pratica proctologica comporta la dieta per 1-2 giorni. Allo stesso tempo, il cibo grossolano è escluso dalla dieta. Immediatamente prima dell'esame, al paziente viene somministrato un clistere purificante (in alcuni casi, i lassativi possono essere dispensati).

    Ulteriori metodi di ricerca includono analisi del sangue occulto fecale, uova Giardia ed elminti. Spesso è la presenza di parassiti, e non le emorroidi diventano la causa del verificarsi di tali sintomi come il prurito anale.

    Importante: la diagnosi differenziale dei nodi varicosi interni con diverticoli, condilomi, malformazioni, neoplasie maligne e prolasso rettale viene sempre eseguita.

    Trattamento di emorroidi interne e prevenzione

    Se la malattia viene diagnosticata all'inizio della fase acuta, è possibile un trattamento conservativo. La terapia sintomatica comprende la normalizzazione dell'attività funzionale dell'intestino (farmaci dietetici e da prescrizione che stimolano la motilità) e la nomina di analgesici per uso topico. Uno dei compiti più importanti della terapia interna delle emorroidi è la prevenzione della trombosi venosa. L'epatrombina G e Proctosedil sono usati localmente e oralmente - farmaci per migliorare il tono delle vene - Detralex e Troxevasin.

    I fondi per l'amministrazione orale sono assegnati a corsi ripetuti; la durata di ciascuno di essi è di 3 mesi.

    L'efficacia di tali tecniche come la scleroterapia, così come l'elettrocoagulazione e la coagulazione a infrarossi è stata dimostrata clinicamente.

    Fai attenzione: la scleroterapia è un'introduzione alle vene di una sostanza sclerosante che causa il collasso e la chiusura del lume vascolare. In un tempo sufficientemente breve, si verifica la desolazione delle vene, seguita dal riassorbimento.

    Allo stadio II-III, viene mostrata criodistruzione (impatto sui nodi a temperature ultra-basse con l'aiuto di azoto liquido).

    In situazioni difficili, i medici devono ricorrere alla legatura delle arterie dei nodi mediante anelli di lattice (sotto il controllo dell'ecografia Doppler). L'intervento chirurgico può comportare la legatura o l'escissione di nodi patologici. Un'alternativa è l'emorroidectomia.

    Quando viene diagnosticata la trombosi vengono prescritti farmaci anti-infiammatori. Spesso, è necessario un intervento chirurgico, il cui scopo è quello di rimuovere i coaguli di sangue e le aree interessate del plesso venoso.

    L'interruzione dei nodi è un'indicazione per la riduzione manuale. Con l'inefficacia delle tecniche ricorse alla chirurgia, ma solo in remissione.

    Con una terapia tempestiva e adeguata, la prognosi per il completo recupero è favorevole.

    Le misure più importanti per prevenire le emorroidi interne:

    • combattere la stitichezza cronica e la frequente diarrea;
    • normalizzazione della nutrizione;
    • rispetto del regime di bere;
    • esclusione di sforzi fisici significativi;
    • mantenere uno stile di vita attivo;
    • evitando l'alcol e la nicotina.

    Per ridurre la frequenza delle esacerbazioni, è consigliabile assegnare corsi venotonikov (orale e locale sotto forma di supposte rettali).

    Vladimir Plisov, revisore medico

    8.690 visualizzazioni totali, 6 visualizzazioni oggi

    http://okeydoc.ru/vnutrennij-gemorroj-simptomy-i-lechenie/

    Trattamento emorroidario interno

    Trattamento efficace delle emorroidi interne a casa

    Quando vengono diagnosticate emorroidi interne, non disperare, il trattamento domiciliare è possibile, ma a condizione che la malattia sia in una fase iniziale. Quando la malattia ha appena iniziato a svilupparsi, il trattamento domiciliare sarà sufficiente per far fronte alla malattia.

    Il trattamento domiciliare sarà utile per coloro che scelgono metodi semplici, economici, naturali ed efficaci. Oltre ai mezzi auto-preparati, ci sono un certo numero di farmaci che possono essere utilizzati senza previa consultazione. Tipicamente, questi farmaci sono in grado di affrontare il primo stadio della malattia, che è sufficiente per disinfettare l'area danneggiata e fornire una guarigione rapida.

    Le emorroidi interne sono più difficili da diagnosticare, poiché non sono visibili all'ispezione visiva. Quando la forma interna della malattia, le emorroidi si trovano nelle pareti dell'intestino crasso e non escono senza fattori provocatori. Le emorroidi interne sono meglio trattate con candele, che si trovano nella posizione dei nodi interni.

    Sviluppo di emorroidi interne

    Il trattamento delle emorroidi interne a casa può essere effettuato dopo la definizione della diagnosi finale. Alcune malattie hanno sintomi simili alle emorroidi, quindi è necessario sottoporsi ad un esame e la terapia domiciliare deve essere coordinata con il medico.

    All'inizio delle emorroidi si sviluppano i nodi interni. Periodicamente, una persona avverte disagio, simile all'essere nel retto di un corpo alieno, così come una sensazione di pesantezza nell'area rettale. Dopo la defecazione, specialmente se c'era stitichezza, sulla carta igienica possono comparire segni di sangue.

    Con lo sviluppo della malattia, i sintomi si intensificano. A causa del restringimento del lume intestinale, le emorroidi diventano più frequentemente danneggiate durante i movimenti intestinali, l'aspetto del sangue nelle feci e sulla carta igienica inizia a essere familiare. Durante questo periodo della malattia, le emorroidi durante il movimento intestinale escono, ma poi ritornano al sito.

    Nell'ultima fase, le emorroidi mostrano sintomi ancora più intensi. Lo svuotamento dell'intestino diventa molto doloroso ed è accompagnato da una grossa perdita di sangue. I nodi cominciano a cadere più spesso e non partono più da soli. L'ultimo stadio di emorroidi richiede un trattamento chirurgico, quindi è importante consultare un medico il più presto possibile.

    Diagnosi di emorroidi a casa

    Se hai notato almeno alcuni dei suddetti sintomi, ad esempio prurito e bruciore all'ano, dovresti consultare uno specialista. L'autodeterminazione delle emorroidi interne è possibile solo se le emorroidi si trovano vicino all'ano. Puoi sentire i nodi con l'indice. Tuttavia, se i nodi sono più alti, saranno necessari metodi strumentali di esame per identificarli.

    Se la presenza di emorroidi interne in voi non causa dubbi, allora il grado del suo sviluppo può essere determinato solo da un medico. Le emorroidi nelle fasi successive sono difficili da curare a casa, quindi prima di qualsiasi procedura a domicilio dovresti consultare uno specialista.

    Come curare le emorroidi interne a casa?

    Ci sono un certo numero di farmaci che possono curare le emorroidi senza supervisione medica. Prima di usare agenti farmacologici, dovresti leggere le istruzioni. Presta particolare attenzione alle controindicazioni e agli effetti collaterali del farmaco.

    Le emorroidi interne sono trattate con supposte rettali. Questa forma del farmaco aiuta a raggiungere i nodi interni e ad agire su di essi. Il seguente elenco di farmaci può essere utilizzato senza supervisione medica. L'unica controindicazione è un'allergia al principio attivo del farmaco.

    1. Candele di propoli La propoli ha un effetto battericida e di guarigione delle ferite. Il burro di cacao è usato come riempitivo per candele.
    2. Posterisan. Queste candele contengono batteri intestinali come principio attivo, che ha un effetto antinfiammatorio. Applicare le candele prima di dormire e di mattina.
    3. Candele di ittiolo. Le candele con ittiolo aiutano a far fronte ai processi infiammatori e disinfettano l'area interessata.
    4. Le candele di olivello spinoso hanno proprietà antisettiche. Le candele con olivello spinoso accelerano la guarigione dei tessuti e aiutano a guarire le emorroidi più velocemente.
    5. Candele con estratti di piante medicinali. Tali preparazioni contengono piccole dosi di estratti di varie piante. Le supposte omeopatiche hanno proprietà diverse a seconda della pianta che agisce come sostanza attiva. La serie di tali preparazioni include candele con olio dell'albero del tè, calendula, ecc.

    Supposte domestiche per emorroidi

    Quando vengono rilevate le emorroidi interne, il trattamento domiciliare può essere eseguito con l'aiuto di candele preparate da te. Per la preparazione delle candele vengono utilizzati i componenti disponibili, quindi il costo delle supposte autoprodotte è molto basso, ma in termini di efficacia non differiscono molto dalle preparazioni farmaceutiche.

    Il modo più semplice per fare una candela è tagliarlo da una patata. Le patate devono essere lavate, sbucciate e tagliate una candela, a forma di candela per farmacia. Cerca di rendere la candela liscia per non ferire le pareti del retto. La candela viene inserita di notte e al mattino esce durante i movimenti intestinali. Per facilitare l'amministrazione, la supposta può essere imbrattata con miele o olio vegetale.

    Una candela con proprietà antisettiche può essere fatta da aglio. Per fare questo, un chiodo di garofano ha bisogno di friggere nel grasso interno. L'aglio deve essere inserito nell'ano. Prima dell'inserimento, l'ano può essere spalmato con olio di olivello spinoso.

    Un altro modo è quello di utilizzare l'aglio in una forma tritata. Grattugiare l'aglio su una grattugia e mescolare con burro denso. Formare candele e conservare in frigorifero. Usa le candele dopo essere andato in bagno. Prima della procedura, è necessario lavare con acqua fredda.

    Puoi usare il miele per fare le candele. Per formare una candela verrà fuori dal miele fortemente candito. La supposta stessa si dissolve nell'intestino e avrà un effetto antinfiammatorio, cicatrizzante e battericida sulle pareti intestinali.

    Le candele ghiacciate aiutano a eliminare il dolore. Il segreto per fare queste candele è semplice: prendi un guanto di gomma e riempi il mignolo con acqua. Metti il ​​guanto in posizione verticale nel frigorifero e attendi che l'acqua si indurisca. Cerca di prendere un decotto di camomilla invece dell'acqua semplice - una tale candela non solo allevia il dolore, ma aiuta anche a far fronte all'infiammazione.

    Come una candela puoi usare una foglia di aloe. L'aloe ha una composizione unica che ti permette di eliminare completamente la malattia in una fase precoce. Una piccola foglia di aloe viene immersa in una miscela di burro e miele e posta nell'ano al mattino e alla sera. Dopo un mese di tali procedure, i sintomi della malattia scompaiono e le emorroidi scompaiono.

    Trattamento di emorroidi interne con clisteri

    Il trattamento delle emorroidi interne a casa viene effettuato con l'aiuto di clisteri con diverse composizioni. Il clistere aiuta a eseguire procedure igieniche nell'area dei nodi interessati e a fornire loro sostanze medicinali.

    Per le emorroidi, è bene usare il succo di patate. Spremere il succo da una patata e utilizzare un clistere per entrare nell'ano prima di andare a letto.

    L'infusione di fragole aiuta a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni e fermare l'emorragia. Un cucchiaio di foglie di fragola viene versato oltre 200 ml di acqua bollente e infuso per mezz'ora. Quindi filtrare l'infusione e utilizzare per il clistere prima di coricarsi.

    Per ridurre le emorroidi, è possibile utilizzare un decotto di assenzio. 4 cucchiai. Le foglie di assenzio si fanno bollire in un litro d'acqua per 5 minuti. Clistere dovrebbe essere fatto ogni sera per 7 giorni.

    Se si verifica grave stitichezza, vengono utilizzati clisteri di olio. L'olio vegetale viene iniettato nel retto con un clistere con una punta lunga in modo che l'olio possa penetrare il più profondamente possibile.

    Clistere di olio rilassa i muscoli dell'intestino, avvolge i nodi e aiuta a facilitare l'atto della defecazione.

    Infusi e decotti per il trattamento delle emorroidi interne

    L'assunzione di decotti medicinali all'interno accelera il processo di guarigione e aiuta ad affrontare meglio la malattia. Per le emorroidi interne, è utile prendere un decotto dalla seguente collezione all'interno:

    • foglie di fragola;
    • piantaggine;
    • bracciale;
    • madre e matrigna;
    • tiglio e petali di rosa.

    Tutti i componenti devono essere prelevati in parti uguali e versare la stessa quantità di acqua bollente. Tenere l'intera miscela a bagnomaria per 15 minuti, ma non portare a ebollizione la miscela. Decotti presi 3-4 volte al giorno. L'efficacia del trattamento aumenta se si fanno candele al miele di notte. Il corso del trattamento è di 1 mese.

    I guaritori tradizionali raccomandano di consumare marmellata dai frutti di corniolo. Cornel ha molte proprietà terapeutiche ed è usato per trattare le malattie del tratto gastrointestinale. Il frutto di corniolo contiene vitamina C, che aiuta a rafforzare il sistema immunitario, e il corniolo ha anche proprietà antinfiammatorie e toniche.

    Trattamento di emorroidi con una serie di esercizi speciali

    La ginnastica terapeutica con emorroidi aiuta a rafforzare i muscoli addominali, i glutei e il perineo e previene il verificarsi di ristagni nella zona pelvica.

    1. Sdraiati sulla schiena, piega le ginocchia e lentamente alza il bacino, sforzando i glutei.
    2. Esercizio "Forbici". Sdraiati sulla schiena, alza le gambe di 45 °, incrocia e distendi orizzontalmente e verticalmente per 50 volte.
    3. Posizione di partenza a quattro zampe. Piegati e arcala la schiena 100 volte.
    4. Sedersi su un sedile rigido e filtrare i muscoli dell'ano. Questo esercizio è fare sdraiato sulla schiena. È necessario eseguire 15 tensioni per un approccio.

    Gli esercizi devono essere eseguiti lentamente. La ginnastica dovrebbe diventare parte dello stile di vita, anche dopo una cura completa per le emorroidi, quindi il rischio di ri-sviluppo della malattia sarà ridotto al massimo.

    Foto, sintomi e caratteristiche del trattamento delle emorroidi interne

    Secondo la localizzazione dei nodi, le emorroidi sono suddivise in interne, esterne e combinate. Già dai nomi si può capire che le emorroidi interne sono caratterizzate dalla posizione dei nodi all'interno del retto, l'esterno è all'esterno e nella forma combinata si osservano entrambi questi fenomeni.

    Questo articolo discuterà che aspetto hanno le emorroidi interne, quali sono le sue manifestazioni e quali mezzi sono usati per trattarlo.

    Come appaiono le emorroidi interne: foto

    Cause della malattia

    Nella forma interna della malattia, i plessi emorroidari sono localizzati all'interno del retto e, al di fuori dei periodi di esacerbazione, possono essere visti solo mediante esame strumentale o digitale.

    I nodi sorgono come risultato della sporgenza delle pareti del plesso cavernoso. E ci sono alcune ragioni per questo:

    • Ipodinia o stile di vita sedentario. La lunga permanenza o il lavoro in piedi in combinazione con una bassa attività fisica è una delle cause più fondamentali dello sviluppo di questa malattia;
    • Dieta sbagliata con poca frutta e verdura. Gli alimenti impoveriti nelle fibre causano alterazioni della funzione intestinale escretoria, che alla fine porta alla stitichezza;
    • Eccessiva passione per le bevande alcoliche;
    • Disturbi delle feci: stitichezza o diarrea;
    • Sollevamento pesi regolare;
    • Gravidanza e parto.

    Tutti i fattori sopra citati causano il flusso di sangue agli organi pelvici. Le vene del retto traboccano di sangue e se le misure preventive non vengono prese in tempo, le emorroidi si formano nel retto.

    Stadio della malattia

    La malattia emorroidaria ha quattro fasi di sviluppo. La gravità della condizione dipende dalla dimensione del plesso emorroidario. Quindi, più i nodi e più forte è la protrusione nel lume intestinale, più pronunciati sono i suoi sintomi.

    1. La fase 1 è caratterizzata dalla piccola dimensione dei nodi e dalla quasi completa assenza di segni della malattia. A volte i pazienti avvertono un senso di disagio e uno svuotamento incompleto dell'intestino dopo un movimento intestinale;
    2. Fase 2: i nodi crescono e penetrano nel lume rettale. Emorroidi sanguinano a seguito di costante lesione ai nodi delle masse fecali. Il secondo stadio è caratterizzato da prolasso di nodi durante un movimento intestinale, che successivamente si propagano indipendentemente nel retto;
    3. Lo stadio 3 è caratterizzato dalla perdita di plessi emorroidari dal retto durante i movimenti intestinali o da qualsiasi tensione e sollevamento pesi. Tuttavia, non tornano più da soli e il paziente deve essere resettato con le mani;
    4. Le ultime 4 fasi di emorroidi significano che i nodi cadono regolarmente: quando si ha un movimento intestinale, tosse, starnuto, per non parlare di una forte tensione. Allo stesso tempo è impossibile impostarli a mano. Dobbiamo consultare un medico per scoprire come e come trattare le emorroidi interne.

    Sintomi di emorroidi interne

    I sintomi delle emorroidi negli uomini e nelle donne sono simili e dipendono principalmente da quale stadio di sviluppo è la malattia, nonché dalla presenza di problemi associati al tratto gastrointestinale.

    Nella fase iniziale della malattia, i sintomi, di regola, non appaiono affatto. E, considerando il fatto che il paziente non è in grado di rilevare autonomamente i nodi in sé, non sospetta nemmeno la presenza di emorroidi.

    Alcuni pazienti lamentano prurito e bruciore all'ano, ma poiché sono di natura transitoria, queste manifestazioni vengono rapidamente dimenticate.

    Il sintomo più probabile di emorroidi in una fase iniziale è la presenza di sangue dopo un movimento intestinale. Questo è già un motivo per consultare un medico e condurre uno studio proctologico per rilevare le emorroidi interne.

    Con la progressione della malattia, i nodi all'interno del retto aumentano, causando una sensazione di disagio e pesantezza nell'ano. Il paziente ha la sensazione che ci sia un oggetto estraneo nell'ano. Quando si ha un movimento intestinale, sono difficili da tendere quando si tossisce o si starnutisce, i nodi possono cadere dall'ano, ma possono ancora tornare al loro posto.

    Se questi sintomi non allarmano una persona, e lui non va in ospedale, i nodi iniziano a cadere dall'ano, anche con carichi minori, e devono essere ripristinati manualmente. Ci sono sanguinamento regolare dall'ano. Molto spesso, il sangue appare durante la defecazione, ma può verificarsi al minimo tentativo.

    Il trattamento delle emorroidi interne con sangue deve essere effettuato sotto la supervisione del medico curante, altrimenti la malattia peggiorerà, ci sarà una probabilità di complicanze.

    L'ultimo, quarto stadio, è il più trascurato. Le emorroidi sono già così grandi che rimangono costantemente nell'apertura dell'ano. Allo stesso tempo, i dolori in caso di emorroidi interne sono abbastanza forti, e si verificano non solo durante i movimenti intestinali, ma anche durante il movimento. Il movimento intestinale è accompagnato da sanguinamento, a volte abbastanza abbondante, che minaccia lo sviluppo di anemia.

    I sintomi delle emorroidi sono spesso come le onde. Le emorroidi interne croniche sono caratterizzate da sintomi impliciti. Come fanno male i nodi? I dolori sono di breve durata, si verificano durante i movimenti intestinali e qualche tempo dopo si ferma. L'esacerbazione delle emorroidi interne è accompagnata da forti dolori che impediscono al paziente di condurre una vita normale.

    Complicazioni della malattia

    La forma interna della malattia non procede sempre agevolmente. In qualsiasi momento possono svilupparsi complicazioni che richiedono un intervento medico immediato:

    1. Nodi di infrazione. Quando cadono dal retto, i nodi possono essere alterati. Questo accade a causa di uno spasmo dello sfintere anale. Di conseguenza, il sangue ristagna nei nodi, che si manifesta con un dolore acuto, problemi con la defecazione, difficoltà con il movimento di una persona.
    2. Trombosi emorroidaria Le emorroidi trombizzate derivano dal ristagno di sangue nel nodo e dalla sua coagulazione. Questa condizione è accompagnata da un forte dolore. Il dolore è così acuto, acuto, che a volte il paziente può non solo andare in bagno, ma anche riposare.
    3. Infiammazione che spesso accompagna la trombosi. Innanzitutto, il processo infiammatorio avviene direttamente nel nodo, ma successivamente si diffonde ai tessuti circostanti e al tessuto sottocutaneo.
    4. Se l'infiammazione non consulta tempestivamente un medico, si verificano complicazioni come paraproctiti, tra cui purulenta e fistola pararettale, che richiedono un trattamento chirurgico.
    5. L'anemia è una complicanza comune di emorroidi che si verifica quando si verifica un sanguinamento pesante o regolare dall'ano.

    Il trattamento delle emorroidi interne con sanguinamento deve essere effettuato il più rapidamente possibile, altrimenti potrebbe svilupparsi anemia, che è pericolosa per la condizione di tutto l'organismo. È particolarmente pericoloso per le donne incinte, poiché può danneggiare le condizioni del feto e impedirne il pieno sviluppo.

    Diagnosi della malattia

    Nelle prime fasi della diagnosi di emorroidi interne presenta alcune difficoltà. I sintomi della malattia non sono pronunciati ei nodi non sono visibili dall'esterno, quindi i pazienti raramente sospettano di avere la malattia. Per identificare le emorroidi nella fase 1 può essere solo attraverso una diagnosi approfondita.

    Al fine di effettuare una diagnosi accurata, il proctologo utilizza i seguenti tipi di diagnostica:

    1. Esame rettale digitale, che consente al medico di sondare i noduli all'interno del retto, per determinarne il dolore e la densità. Tuttavia, questo metodo è inefficace se i nodi sono localizzati troppo in alto.
    2. Anoscopia: esame del retto con un dispositivo anoscopio speciale. Questo è un tal tubo con l'ottica alla fine, dando al proctologo l'opportunità di esaminare l'intestino a una profondità di fino a 10 cm.
    3. La rectoromanoscopia è un metodo altamente informativo che consente di esplorare il retto fino a una profondità di 25 cm.

    Nelle fasi successive, quando i nodi cadono, la diagnosi è rapida. Il medico determina immediatamente che si tratta di emorroidi. Il suo compito è solo quello di scoprire la fase del processo e prescrivere il trattamento ottimale.

    Metodi di trattamento

    Nel trattamento delle emorroidi interne usano due approcci: conservativo e chirurgico.

    Terapia conservativa

    Il trattamento della malattia emorroidaria è l'uso di varie medicine. I farmaci sono prescritti da un proctologo sulla base dei risultati diagnostici. Sceglie i farmaci in base alla gravità della patologia e alla presenza di alcuni sintomi: un processo infettivo e infiammatorio, dolore, sanguinamento.

    Di norma vengono utilizzate le seguenti categorie di farmaci:

    • Farmaci anti-infiammatori Questi sono principalmente unguenti e supposte per le emorroidi interne. Possono essere steroidi (ad esempio, con idrocortisone) o non steroidei (supposte indometacina);
    • Correttori di microcircolazione, trombolitici. Si tratta di medicinali sotto forma di unguenti e supposte che impediscono la formazione di coaguli di sangue nei nodi (Troxevasin, unguento eparina);
    • Antidolorifici. Questi possono essere anestetici locali o analgesici non steroidei. Il gruppo di antidolorifici utilizzati nelle emorroidi, può essere attribuito a candele con estratto di belladonna, mentolo;
    • Antisettici - prevenire lo sviluppo di un processo di infezione nei plessi emorroidari (candele di olivello spinoso, candele di calendula, unguento di Ichtiol);
    • Guarigione delle ferite. Questi farmaci stimolano i processi di rigenerazione dei tessuti, provocando una rapida guarigione dei tessuti danneggiati (metiluracile, candele di propoli);
    • Emostatico. Utilizzato sotto forma di candele (candele con adrenalina) o compresse (Vikasol).
    • Agenti venezinizzanti. Questi includono droghe Detraleks, Phlebodia, Vazoke. Sono disponibili in compresse e sono destinati all'uso interno. Questi farmaci sono usati come parte della terapia complessa e possono influenzare direttamente la causa della malattia, eliminando il ristagno venoso.

    Ora ci sono molti farmaci che hanno un effetto complesso per le emorroidi interne. Questo è molto conveniente, in quanto consente al medico di non prescrivere più farmaci contemporaneamente. Le candele complesse da emorroidi interne sono:

    • Hepatrombin G;
    • Anestezol;
    • Procto-Glivenol;
    • Farmaci della serie Relief;
    • Proctosedyl.

    La maggior parte di questi farmaci sono disponibili in due forme di dosaggio: unguento e supposte. Le candele sono solitamente utilizzate per le emorroidi interne, l'unguento è destinato alla terapia esterna. Tuttavia, alcuni applicatori sono dotati di speciali applicatori che consentono di iniettare l'agente nel retto in presenza di nodi interni. Quindi, può essere applicato anche l'unguento per le emorroidi interne. Tutto dipende da quale forma del farmaco è più conveniente per il paziente.

    Trattamento chirurgico

    Le operazioni per le emorroidi interne vengono eseguite per vari motivi. Questa è principalmente l'inefficacia della terapia farmacologica. Ora ci sono molte tecniche minimamente invasive che permettono a lungo (e con uno stile di vita appropriato, e per sempre) di dimenticare il problema delle emorroidi. Si tratta di tecniche basate su principi diversi, ma tutte hanno un unico obiettivo: neutralizzare i vasi di alimentazione o rimuovere completamente le emorroidi. Nessun nodo: nessun problema.

    Gli interventi minimamente invasivi comuni includono:

    • legatura di plessi emorroidari con anelli di lattice;
    • crioterapia;
    • dezarterizatsiya;
    • indurimento;
    • coagulazione laser;
    • fotocoagulazione a raggi infrarossi.

    La rimozione di emorroidi interne con un metodo radicale come l'emorroidectomia, oggi non succede spesso. Le principali indicazioni per la chirurgia sono le emorroidi trascurate, accompagnate da complicanze come prolasso, incarcerazione, trombosi dei nodi e paraproftit purulenta.

    Metodi popolari

    Molte persone non hanno fretta di rivolgersi a un proctologo con un problema così delicato come le emorroidi, ma stanno cercando una risposta alla domanda: come curare le emorroidi interne a casa?

    Ci sono molti rimedi popolari per le emorroidi e molti di questi sono davvero molto efficaci. Ma solo a condizione che non vengano usati come unico trattamento, ma serviranno come supplemento allo specialista di terapia conservativa, selezionato con competenza.

    Il trattamento domiciliare può consistere nell'uso di candele a base di ingredienti naturali: propoli, miele, strutto, patate crude, foglie di aloe.

    Microclittenti anche abbastanza efficaci con decotti di piante medicinali: calendula, camomilla. Puoi creare microcherpi con olio di olivello spinoso, succo di patate e barbabietola, argilla, estratto acquoso di propoli.

    I metodi folcloristici sopra descritti aiutano ad eliminare i sintomi della malattia e ad affrontare l'infiammazione nei nodi.

    È importante sapere che il trattamento delle emorroidi con i rimedi popolari durante la gravidanza e dopo il parto non deve essere effettuato in modo indipendente. Poiché l'uso di qualsiasi rimedio medicinale e popolare può essere pericoloso per il feto, dovrebbe essere coordinato con il medico!

    Misure preventive

    Nessun metodo di trattamento, anche il più comune ed efficace, può far fronte alla malattia, a meno che non siano adottate misure preventive appropriate per eliminare i fattori che causano la malattia.

    È importante che i pazienti osservino una moderata attività fisica, seguano uno sgabello regolare e seguano una dieta appropriata. La terapia della dieta significa:

    • rifiuto di cibi salati, affumicati, fritti, speziati, sottaceti e tabù alcolici;
    • inserimento nella dieta di una quantità sufficiente di frutta e verdura, prodotti lattiero-caseari.

    Se la persona che si trova di fronte al problema delle emorroidi, di turno, solleva costantemente i pesi, dovresti trovare un altro lavoro.

    Non dovresti aspettarti che prendendo una certa medicina, ma senza cambiare il tuo stile di vita e le tue abitudini, puoi sbarazzarti della malattia. Solo misure globali aiuteranno a dimenticare un problema come le emorroidi interne da molto tempo.

    Come curare le emorroidi interne con metodi tradizionali e popolari

    Con emorroidi interne, emorroidi appaiono all'interno del retto. Ciò complica enormemente il rilevamento della malattia.

    Nelle fasi iniziali, quando il paziente non è infastidito dal dolore e da altri sintomi, è molto difficile diagnosticare la malattia.

    Ci sono diverse fasi di questa malattia. Nelle fasi iniziali, le emorroidi interne possono non essere sentite affatto.

    Se il tempo non inizia il trattamento, le emorroidi aumentano, e dopo - cadono. Per curare la malattia in questa fase diventa molto più difficile.

    Perché appare la malattia?

    La causa delle emorroidi è la stasi del sangue nelle vene del retto. I seguenti fattori possono contribuire a questo:

    • esercizio fisico pesante;
    • stile di vita sedentario e sedentario;
    • problemi con le feci (frequente stitichezza).

    L'aumento della pressione interna che appare durante la gravidanza può anche provocare lo sviluppo della malattia. Inoltre, con ogni successiva gravidanza aumenta il rischio di emorroidi. Spesso la malattia si manifesta dopo il parto.

    Caratteristiche del quadro clinico

    I seguenti sintomi possono indicare la presenza di emorroidi interne:

    • disagio nell'ano o nel retto;
    • dolore durante le feci;
    • feci con sangue;
    • prurito o altro fastidio nell'ano;
    • costipazione.

    Nel secondo e terzo stadio della malattia, i nodi emorroidali possono cadere durante la defecazione. Nascondendosi. Ma nella quarta fase, essi stessi non vengono rimossi.

    Obiettivi del trattamento

    Molte persone sono timide di emorroidi e non vanno dal medico per un appuntamento. Ma questo è fondamentalmente sbagliato, perché questa malattia, come le altre, deve essere trattata, altrimenti continuerà a svilupparsi e diventare più complessa. Per curare la malattia nelle prime fasi è molto più facile.

    L'obiettivo principale del trattamento delle emorroidi interne è l'eliminazione delle emorroidi. A seconda dello stadio della malattia, viene eseguito il trattamento, riferendosi al riassorbimento dei coni o alla loro rimozione.

    Anche nel processo di trattamento di un paziente, i sintomi scompaiono, il dolore e il sanguinamento scompaiono, e andare in bagno cessa di essere doloroso.

    Metodi terapeutici - da "A" a "Z"

    La complessità del trattamento della forma interna delle emorroidi è che nella maggior parte dei casi non viene immediatamente diagnosticata.

    Una malattia trascurata non può sempre essere curata con l'aiuto di droghe o rimedi popolari e spesso deve ricorrere a misure più radicali.

    Cambiamento di stile di vita

    Nelle prime fasi della malattia, il medico prescrive di solito un trattamento conservativo delle emorroidi interne, che include non solo i farmaci e il trattamento locale, ma anche un cambiamento dello stile di vita.

    Il paziente dovrebbe prestare particolare attenzione alla nutrizione. È importante rifiutare cibi dannosi (grassi, affumicati, fritti) e prodotti che contribuiscono alla stitichezza.

    Per il normale funzionamento dell'intestino, è necessario consumare molta verdura e fibra, oltre a bere abbastanza acqua.

    L'aspetto delle emorroidi è spesso associato a uno stile di vita sedentario. Per migliorare la circolazione del sangue nella zona pelvica, i medici raccomandano di praticare sport.

    È necessario assegnare il tempo giornaliero per correre, fare esercizio o visitare la palestra. Puoi anche camminare molto.

    farmaci

    Il trattamento conservativo inizia con i farmaci. A seconda dello stadio della malattia e dei sintomi, il medico può prescrivere farmaci nei seguenti gruppi:

    • gli agenti di guarigione delle ferite contribuiscono alla rapida guarigione di cricche e altre lesioni del retto;
    • la venotonica migliora l'elasticità delle pareti dei vasi sanguigni;
    • gli analgesici riducono il dolore;
    • i farmaci antinfiammatori alleviano l'infiammazione;
    • agenti emostatici aiutano a ridurre il sanguinamento;
    • gli antisettici impediscono lo sviluppo di un ambiente infettivo nelle emorroidi;
    • i farmaci trombolitici non consentono la formazione di coaguli di sangue nei coni.

    La maggior parte dei farmaci sono progettati per il trattamento topico, che è più efficace - sono prodotti sotto forma di candele, gel, unguenti e così via.

    Emorroidi croniche interne, i suoi segni, cause, trattamento, foto

    La manifestazione di nodi all'interno del lume del retto è una forma di vene varicose, che si trovano sotto la sua mucosa. Questo processo patologico è anche chiamato emorroidi interne.

    Lo stadio iniziale della malattia passa inosservato agli esseri umani, dal momento che è impossibile vedere i vasi modificati senza attrezzature speciali. A questo proposito, alcune persone non sono consapevoli della presenza della malattia, quindi spesso provocano emorroidi nelle fasi successive.

    Segni di emorroidi interne (foto)

    Molto spesso, la malattia è asintomatica, ma alcuni segni possono indicare la presenza della malattia. Ci sono due aree del retto in cui i nodi sono più spesso formati. Questi sono due plessi venosi:

    • Sezione dell'ano. Qui la malattia si verifica sotto la pelle.
    • Area dello sfintere anale. Più spesso, le vene sono colpite sotto la mucosa rettale.

    Le manifestazioni sintomatiche della malattia sono caratterizzate dalla comparsa di sangue nelle feci, da una sensazione di prurito o dolore ricorrente all'ano, così come dal dolore durante la defecazione e dalla perdita dei nodi creati verso l'esterno.

    Spesso senza un trattamento appropriato nelle fasi successive, la malattia può manifestare gravi complicanze. La forma più grave è accompagnata da frequenti sanguinamenti a causa di una rottura o di un danno al nodo venoso.

    Le emorroidi interne sono una malattia sgradevole e scomoda. Se non si inizia il trattamento in modo tempestivo, i nodi che cadono iniziano a crescere (aumento delle dimensioni). Questo stadio della malattia è trattato molto più difficile, spesso arriva all'intervento chirurgico. Ecco perché è necessario diagnosticare la malattia in tempo e iniziare il processo di trattamento. Quando compaiono i primi segni, dovresti consultare un proctologo che determinerà lo stadio della malattia e prescriverà un ciclo di trattamento.

    Puoi vedere quali sono le emorroidi interne, i video e le foto, che abbondano sulla rete. Questo ti permetterà di raccogliere la quantità massima di informazioni utili per superare con successo la malattia.

    Cause di emorroidi interne

    Le cause più comuni di emorroidi interne sono violazioni del flusso di sangue dagli organi pelvici. Tale violazione si verifica con una posizione del corpo verticale lunga. Ciò è particolarmente evidente nelle persone inclini al verificarsi di vene varicose degli arti inferiori.

    Come risultato della violazione del flusso di sangue attraverso le vene dell'intestino diretto, le navi iniziano ad allungarsi e crescere, formando sigilli (nodi). L'emergenza della malattia contribuisce a due condizioni:

    • Vene deboli e sistema vascolare del corpo. Ciò influenza la capacità della vena di tornare alla posizione normale dopo l'allungamento o la deformazione. Come risultato di questo allungamento rimane, causando il verificarsi dei seguenti sigilli.
    • Pressione intra-addominale aumentata o elevata. Contribuisce al bloccaggio delle vene del retto, provocandone l'espansione.

    Cause di aumento della pressione intra-addominale:

    • costipazione cronica;
    • l'obesità;
    • duro lavoro fisico;
    • stile di vita sedentario.

    Spesso, la pressione aumenta durante la gravidanza o la comparsa di grandi formazioni, come tumori o fibromi.

    Spesso la causa del diradamento delle pareti del sistema venoso può essere una recidiva di varie malattie, oltre alla predisposizione ereditaria.

    Fasi di emorroidi interne

    Durante il corso e la progressione della malattia, si possono distinguere quattro fasi principali. I sintomi e il grado di complessità della malattia in ciascuna fase sono determinati dalla dimensione dei nodi. Più questi nodi sporgono nel lume intestinale, più appaiono i sintomi della malattia.

    Al primo stadio può essere attribuita una leggera apparenza di nodi. L'uomo quasi non li sente. In questo caso, solo piccole manifestazioni possono apparire sotto forma di sensazione di bruciore o sensazione di presenza di un oggetto estraneo all'interno.

    Secondo stadio si verifica con un aumento dei linfonodi venosi, che possono leggermente protrudere nel lume intestinale. Con l'escrezione naturale delle feci attraverso il retto, le vene allargate possono essere ferite, il che causa forti emorragie. Molto spesso, il sanguinamento è accompagnato da un forte dolore.

    Terzo stadio la malattia implica un aumento ancora maggiore dei nodi. Durante l'esercizio, possono cadere. Inizialmente, i nodi tornano, ma con l'ulteriore sviluppo della malattia, il paziente stesso deve ridurli all'interno del retto.

    Quarta tappa caratterizzato da una completa perdita di elasticità dei muscoli, i nodi cadono nel lume intestinale al minimo sforzo e non arretrano. Questo processo è accompagnato da forti dolori, bruciore e prurito, che sono aggravati da movimenti e movimenti intestinali. I nodi caduti frequentemente possono essere strappati e trombati. C'è un processo infiammatorio, necrosi tessutale e sanguinamento abbondante diventa frequente. Può verificarsi gassificazione involontaria e perdita di feci.

    La maggior parte dei pazienti si riferisce al proctologo già al termine del secondo o terzo stadio della malattia.

    Emorroidi interne croniche

    Senza un trattamento appropriato, una malattia bruscamente emergente può svilupparsi in uno stadio permanente, lentamente in via di sviluppo - emorroidi croniche interne. Ecco perché il trattamento deve essere eseguito immediatamente, ma alcuni potenziali pazienti sono imbarazzati da questo problema sensibile e scatenano la malattia. Questo non è necessario perché la forma cronica è molto più difficile da trattare rispetto alla sua fase iniziale.

    Con la manifestazione della malattia cronica, è necessario seguire una serie di semplici regole. È molto importante evitare la comparsa di stitichezza, perché può contribuire allo sviluppo della malattia e provocare danni ai nodi ingranditi. Devi seguire una dieta speciale prescritta dal medico.

    Lesioni ai coni emorroidali possono causare sanguinamento significativo. Ciò provoca lo sviluppo di anemia da carenza di ferro. Tale complicazione può portare a un deterioramento della salute umana.

    I principali sintomi delle emorroidi croniche interne sono: prolasso dei nodi verso l'esterno, ragadi e sanguinamento dell'ano, processi infiammatori nel retto. Sono spesso accompagnati da forti dolori.

    Per il trattamento delle emorroidi croniche interne è necessario molto tempo. Nella fase iniziale del trattamento, i sintomi della malattia vengono eliminati per alleviare la condizione del paziente. Quindi i proctologi compiono il massimo sforzo per il completo recupero da una delicata malattia. Il successo del trattamento delle emorroidi interne dipende in gran parte dall'accesso tempestivo al proctologo quando vengono rilevati i sintomi.

    http://gem0.ru/gemorroj/vnutrennie-gemorroidalnye-uzly-lechenie.html

    Altri Articoli Su Vene Varicose

    Esperti leader nel campo della cardiologia Professor Terentev Vladimir Petrovich, dottore in medicina, onorato dottore della Federazione russa, capo del dipartimento di malattie interne n. 1 dell'Università statale di medicina di Rostov, membro della Società internazionale di riabilitazione cardiaca, membro del consiglio di amministrazione della società scientifica interamente russa di cardiologia