Come determinare le emorroidi e il suo stadio in modo indipendente a casa?

Emorroidi è una malattia in cui vi è un forte fuoco infiammatorio e trombosi venosa del retto. Quando una persona inizia a essere disturbata dal disagio nell'area rettale e durante i movimenti intestinali, il paziente è disturbato da molte domande su come determinare questa malattia. Allo stesso tempo, le cause della malattia e dei sintomi sono le più diverse. Ma dovrebbero prestare particolare attenzione per sapere come determinare le emorroidi interne o esterne a casa.

Come determinare le emorroidi - i primi sintomi

La causa principale delle emorroidi è un processo infiammatorio patologico che colpisce il plesso delle navi sotto la pelle del perineo. Oppure le emorroidi sono localizzate nello spessore delle pareti del retto - così si sviluppano le emorroidi interne. In entrambi i casi, le aree del retto influenzano il processo infiammatorio, la circolazione venosa è disturbata e si verificano cambiamenti distrofici nel tessuto muscolare.

È in una fase così precoce della malattia che le emorroidi aumentano di dimensioni e si spostano verso l'ano. Quindi le formazioni emorroidali iniziano a cadere fuori dall'ano. È possibile determinare la presenza di emorroidi in modo indipendente, se si presta attenzione ai seguenti sintomi:

  • dolore all'ano e al perineo;
  • sensazioni di prurito e bruciore nel retto;
  • la presenza di impurità nel sangue nelle masse fecali;
  • formazione di coni emorroidali vicino all'ano.

Quando si verificano emorragie durante la visita al bagno, grave disagio all'ano e al retto, è necessaria una visita obbligatoria al proctologo, che chiarirà la diagnosi e determinerà lo stadio delle emorroidi.

Come determinare le emorroidi interne?

La localizzazione delle emorroidi interne si sviluppa sotto le mucose del retto inferiore. La loro presenza nel canale anale è raramente accompagnata da un forte dolore. Le protuberanze emorroidali non cadono durante la localizzazione interna e non ci sono macchie che accompagnano così spesso la malattia. Il paziente avverte disagio nel retto, come se un corpo estraneo si trovi nel canale anale.

Questi sintomi compaiono nella fase iniziale della malattia. Formazioni emorroidali sono formate e hanno una piccola dimensione. Per stabilire la presenza di emorroidi interne può solo proctologo durante l'esame.

Dovresti sapere che in molti casi le emorroidi progrediscono specialmente in quelle persone che hanno pareti venose deboli. Mancanza di attività fisica, lavoro sedentario, stitichezza cronica, gravidanza, parto, fumo e abuso di alcool possono provocare lo sviluppo della malattia.

Sotto l'influenza di tutti questi fattori negativi, le emorroidi si riempiono di sangue e aumentano significativamente di dimensioni. Nel plesso delle vene si sviluppano cambiamenti trombotici e le pareti delle navi perdono elasticità e forza. Quando il feto nasce, aumenta la probabilità di sviluppare cambiamenti patologici nel retto.

Come determinare che i sintomi di cui sopra indicano lo sviluppo di emorroidi e non un'altra malattia? Solo una visita dal medico e un esame completo stabiliranno la diagnosi esatta e lo stadio di sviluppo delle emorroidi ed escluderanno un altro disturbo. Gli esperti consigliano di non ritardare il viaggio dal medico alle prime manifestazioni - la presenza di sangue durante i movimenti intestinali, la presenza di prurito nell'ano e una sensazione di disagio nel retto. Altrimenti, le emorroidi possono acquisire un decorso cronico e svilupparsi ulteriormente, il che porta all'emergere di varie patologie pericolose.

Determina le emorroidi a casa

Una persona che vive dolore all'ano e al retto, spesso pone la domanda: come determinare le emorroidi a casa? Quando prurito e bruciore nel canale anale e nella zona rettale, è necessario palpare l'area dolente. Il rilevamento di un nodulo nell'ano, che ricorda l'indurimento, è il segno principale della presenza di una emorroidi nell'ano. Si dovrebbe anche prestare attenzione al disagio dopo un movimento intestinale, che si verifica a causa di stress e spostamento del tessuto anale quando si visita la toilette.

Se non si presta attenzione al disagio conseguente dell'area anale nella fase iniziale, la malattia inizierà molto rapidamente a progredire e al disturbo si aggiungeranno il processo infiammatorio, le mucose e lo scarico ematico dall'ano. A questi sintomi si aggiungono un forte prurito dell'ano e un intenso bruciore nella parte inferiore del retto.

Durante il movimento e la tensione aumentano le sensazioni spiacevoli e dolorose, peggiorando il benessere generale di una persona con emorroidi. Come determinare le emorroidi a casa dirà anche una letteratura medica speciale.

Definizione degli stadi di emorroidi

Per trattare correttamente una malattia, è necessario avere un'idea su come determinare le emorroidi in vari stadi della malattia. Ogni stadio della malattia è caratterizzato da alcuni sintomi e cambiamenti nell'area anale-rettale. Per sapere come determinare lo stadio delle emorroidi, è necessario conoscere i sintomi di ciascun grado della malattia.

Nella prima fase, le emorroidi stanno appena iniziando a formarsi. Il primo stadio non è accompagnato da sanguinamento, ma durante la defecazione, la persona avverte disagio nel retto e nell'ano. Spesso ci può essere gonfiore. Tuttavia, un sintomo simile a volte indica altre malattie intestinali. Stabilire in modo indipendente una diagnosi accurata è molto difficile, quindi è importante consultare immediatamente un medico.

Il secondo stadio è caratterizzato dalla perdita periodica di emorroidi infiammate dall'ano. Di solito il prolasso dei coni emorroidali si verifica durante i movimenti intestinali, quando una persona inizia a spingere. Stitichezza e feci dure contribuiscono alla perdita delle formazioni emorroidali. Al secondo stadio, la comparsa di impurità nel sangue nelle feci, prurito e bruciore dopo aver visitato il bagno.

Come determinare lo stadio delle emorroidi in questa fase? Spotting può agire sul bucato quando si sollevano pesi pesanti. Il paziente manifesta grave disagio e forte dolore nell'area rettale-anale. La comparsa di stitichezza può essere causata da motivi psicologici, quando un paziente con emorroidi cerca di mantenere un atto di defecazione. Tutto ciò solo peggiora il decorso della malattia e porta al suo ulteriore sviluppo.

Il terzo stadio è caratterizzato da emorroidi infiammate esterne, che si formano attorno all'ano. Urti emorroidali cadono anche durante i movimenti intestinali e la tensione muscolare, ma possono anche contrarsi nel retto stessi.

Come determinare le emorroidi da soli quando la malattia è già andata lontano? Hai bisogno di giacere sulla schiena, piegando le ginocchia. Quindi devi tastare con attenzione l'ano. Visivamente, è necessario presentare l'area dell'ano sotto forma di un quadrante. I sigilli di formazione emorroidali si trovano ai livelli di "ore" 3, 7, 11.

La terza fase delle emorroidi può essere trattata chirurgicamente quando si esegue un intervento chirurgico per rimuovere i coni, o con altri metodi efficaci che il proctologo prescriverà. Il medico può anche dirti come determinare le emorroidi in modo indipendente con il trattamento domiciliare per avere un'idea sull'efficacia dei risultati dei farmaci prescritti.

Il quarto stadio della malattia è considerato il più pericoloso e può portare a gravi complicanze. Le emorroidi drop-down non possono più essere ripristinate in modo indipendente. I grumi sanguinano e il paziente avverte un'angoscia grave e dolore severo in qualsiasi movimento. Forse la comparsa di ragadi anali, la malattia è anche caratterizzata da bruciore e prurito insopportabili. In questa fase, i nodi esterni sporgono sopra l'ano, quindi è molto facile identificare le emorroidi di quarto grado. La malattia è anche caratterizzata da forti emorragie.

Come determinare le emorroidi esterne nel quarto stadio? Per questo, è necessario brancolare le regioni anale e ano con molta attenzione. Le formazioni emorroidali sono forti sigilli che sono molto dolorosi alla palpazione. Le emorroidi esterne sporgono sopra l'ano e causano grande disagio e dolore. Una persona malata non può sedersi, camminare, e il minimo movimento causa forti dolori. Come determinare le emorroidi esterne - richiede proctologo, quindi ascoltare le raccomandazioni del medico. Dovresti sapere che il quarto stadio della malattia può trasformarsi in pericolose trombosi e necrosi, che sono molto pericolose e rappresentano una seria minaccia per la vita umana.

Come fa il medico a determinare le emorroidi?

Dopo l'autodeterminazione delle formazioni emorroidali, è necessario consultare un proctologo, che stabilirà la diagnosi esatta e lo stadio della malattia. All'esame del paziente, il medico sarà in grado di vedere i grumi emorroidali caduti - possono essere di varie dimensioni e assomigliano a ciliegie o piselli. Le emorroidi possono essere raccolte in una corona o essere single. Tuttavia, i grumi emorroidari interni non sono visibili.

Come fa il medico a determinare le emorroidi, che sono localizzate all'interno della mucosa rettale? Ciò richiederà una diagnosi approfondita. Inizialmente, il proctologo palpa il canale anale ed esamina l'ano. Per scoprire se vi è un'infezione al centro dell'infiammazione delle emorroidi, prendi delle raschiature speciali dal canale anale. Può anche essere eseguita la biopsia cutanea perianale.

La diagnostica medica consente di scoprire la presenza di ragadi anali nel corridoio, fistole anali, ascesso adrectal e infezione del passaggio coccigeo. Un modo importante per diagnosticare è la palpazione. La palpazione non richiede strumenti medici speciali o strumenti costosi. Dopo la palpazione con indicazioni speciali, il medico può prescrivere un koproskopy, proctoscopia o anoscopia. Questi metodi consentono di effettuare una diagnosi accurata e scoprire tutti i cambiamenti patologici nel retto.

Anche la parte inferiore del retto viene esaminata in modo medico - la rectoromanoscopia, che sarà in grado di esaminare una parte piuttosto ampia del retto - fino a 35 centimetri. Quando si esegue uno studio, un tubo speciale viene inserito nell'intestino inferiore - un sigmoidoscopio, che ha una piccola telecamera alla sua estremità.

Campioni di tessuto microscopico della mucosa rettale possono essere prelevati da una biopsia del medico. Piccoli polipi nell'intestino possono essere rimossi da un medico con strumenti medici speciali durante l'esame. L'immagine della mucosa intestinale viene visualizzata sullo schermo e il proctologo vede tutti i cambiamenti nell'organo.

Un altro modo per studiare l'intestino inferiore in caso di sospetta emorroidi è l'anoscopia. Prima viene eseguito un esame digitale rettale, quindi un dispositivo speciale, l'anoscopio, viene inserito nel retto per alcuni centimetri. Durante la procedura, il paziente potrebbe provare qualche disagio. Alla fine dell'anoscopio ci sono LED speciali. Con il loro aiuto, il medico vede completamente il canale anale. Quando si esegue l'anoscopia, i tessuti intestinali possono anche essere presi per stabilire la presenza di infezione in alcune parti dell'organo.

Anche la mucosa dell'intestino inferiore viene esaminata da un altro strumento medico: l'endoscopio. L'attrezzatura è un tubo flessibile che viene inserito nel retto. L'immagine dell'intestino viene trasmessa allo schermo.

Questi metodi per la diagnosi di emorroidi sono molto efficaci ed efficaci per stabilire la diagnosi corretta. Tali metodi consentono di stabilire il grado e lo stadio della malattia proctologica, la presenza di complicazioni e di prescrivere in futuro il trattamento farmacologico corretto.

http://stopgemor.ru/kak-opredelit-gemorroj/

Come riconoscere le emorroidi a casa sui segni e sintomi, le cause della malattia e i metodi di trattamento

Questa malattia è classificata come in rapida progressione. Se non si inizia a trattare il problema in modo tempestivo, la malattia si trasforma in una forma trascurata, che non è suscettibile di trattamento terapeutico e può essere eliminata solo con l'intervento chirurgico. Per prevenire lo sviluppo di una fase grave della patologia, le donne e gli uomini devono sapere come identificare le emorroidi e distinguerle da altre malattie.

Che cosa sono le emorroidi

Questa malattia è caratterizzata dalla presenza di un forte fuoco infiammatorio e dalla trombosi delle vene del retto. In presenza di sensazioni spiacevoli nell'ano e nel disagio durante i movimenti intestinali, c'è motivo di credere allo sviluppo delle emorroidi. Le cause e i sintomi della malattia in ogni paziente sono individuali. Secondo varie stime, circa il 15-25% delle persone almeno una volta affronta l'infiammazione delle vene emorroidali e molte sono costantemente tormentate dalla malattia. È importante sapere come identificare le emorroidi nelle prime fasi, perché allora la patologia sarà più facile da curare.

Cause e sintomi

La causa principale della malattia è un processo infiammatorio patologico che colpisce il plesso vascolare sotto la pelle del perineo. Con lo sviluppo di emorroidi interne l'infiammazione si trova nello spessore delle pareti del retto. In entrambi i casi, la circolazione venosa è disturbata nell'intestino, a seguito della quale si verificano cambiamenti distrofici nei tessuti dei muscoli. Durante il processo patologico, si verifica l'infiammazione delle emorroidi, che aumentano di dimensioni e si spostano verso l'ano.

Nel corso dello sviluppo della malattia c'è una perdita di nodi dall'ano. È possibile determinare le emorroidi in modo indipendente attirando l'attenzione sui seguenti sintomi spiacevoli:

  • la comparsa di ragadi anali;
  • dolore nel perineo, ano;
  • sensazione di un oggetto estraneo nell'ano;
  • la presenza di sangue nelle feci;
  • disagio durante le feci e dopo (prurito, dolore, il paziente avverte una sensazione di bruciore costante).

La fonte chiave del processo patologico è l'insufficienza venosa, caratterizzata da debolezza delle pareti vascolari, malfunzionamento delle valvole vascolari. Di conseguenza, c'è ristagno di sangue nelle vene emorroidali situate nel canale rettale e intorno all'anello anale. Di conseguenza, si verifica una deformazione, la protrusione delle pareti dei vasi sanguigni e delle formazioni cavernose in cui sono localizzati. I fattori che possono stimolare la malattia includono:

  • mancanza di esercizio;
  • abuso di alcol;
  • pressione sugli organi interni durante la gravidanza;
  • predisposizione genetica;
  • patologia del retto;
  • processi infiammatori nella regione pelvica;
  • sollevamento pesante, grave sforzo fisico;
  • abuso di cibi affumicati, salati, in salamoia, piccanti

Come capire che hai le emorroidi

La malattia ha molti sintomi diversi, che diventano spesso tangibili solo nel periodo di esacerbazione. L'insorgenza della malattia è solitamente caratterizzata dall'assenza di sintomi caratteristici. Inoltre, una caratteristica della patologia è che i segni possono essere individuali per ogni paziente e sono espressi in diversi casi più o meno intensamente. Al minimo sospetto dell'inizio delle emorroidi dovrebbe essere esaminato da un proctologo, dal momento che solo uno specialista sarà in grado di determinare correttamente la diagnosi e di prescrivere il trattamento appropriato.

Primi segni

Quando i coni emorroidali sono vicini al passaggio anale, le emorroidi saranno esterne. In questo caso, alcuni nodi cadono. Nella forma interna della patologia, i dossi infiammati si trovano in profondità, quindi, è molto più difficile diagnosticare la malattia. I primi chiari segni con cui si possono determinare le emorroidi sono:

  • lieve disagio all'ano, al retto;
  • pesantezza nell'intestino;
  • la sensazione di avere dentro un corpo estraneo;
  • sanguinamento dopo le feci;
  • sensazione di bruciore costante, prurito;
  • dolore nell'ano;
  • gonfiore.

Caratteristiche del decorso della malattia nelle donne e negli uomini

I segni principali di emorroidi nei rappresentanti del sesso debole quasi coincidono completamente con i sintomi maschili. Per l'inizio della malattia nelle donne sono caratterizzati da:

  • prurito;
  • sensazione di bruciore;
  • dolore acuto o indolenzimento moderato durante le feci;
  • diminuzione della capacità lavorativa;
  • mancanza di appetito;
  • aumento della temperatura corporea.

Va ricordato che le emorroidi sono una malattia multifattoriale. Una donna con una predisposizione alla formazione di coaguli di sangue e altre patologie vascolari è controindicata assunzione di contraccettivi ormonali. Altri fattori di rischio per la malattia nel gentil sesso sono:

  • età avanzata;
  • la menopausa;
  • gravidanza, parto;
  • mancanza di esercizio;
  • propensione alle patologie del sistema cardiovascolare.

Secondo le statistiche, gli uomini hanno maggiori probabilità di rivolgersi al proctologo, perché sono per natura meno timidi. Visita il medico dovrebbe, se avete notato tali sintomi:

  • dolore durante il movimento intestinale;
  • frequente stitichezza;
  • stando seduti il ​​disagio è esacerbato;
  • il sangue appare nelle feci;
  • i tessuti dell'ano si gonfiarono, rendendo difficile lo svuotamento delle viscere.

Come riconoscere le emorroidi a casa

È estremamente raro che un paziente identifichi una malattia nella prima fase del suo sviluppo. I suoi pazienti spesso non si accorgono né ignorano. Lo stadio iniziale delle emorroidi è caratterizzato solo da una sensazione di bruciore, prurito nell'ano dopo uno svuotamento dell'intestino. Le sensazioni spiacevoli passano rapidamente, in pochi minuti. In questo caso, è impossibile determinare la diagnosi indipendentemente a casa, poiché altre malattie sono caratterizzate da sintomi simili. Ignorandoli non è necessario, ma contattare immediatamente il proctologo, che può determinare la presenza di infiammazione.

Forma interna

La trombosi emorroidaria si verifica sotto le mucose del retto e la loro formazione è raramente accompagnata da un forte dolore. L'autodeterminazione delle emorroidi interne è più difficile, dal momento che le protuberanze in questo tipo di malattia non cadono, inoltre, non ci sono emorragie. Un sintomo caratteristico che può essere notato è il disagio nel retto, la sensazione che all'interno ci sia un oggetto estraneo.

Questo sintomo si manifesta nelle fasi iniziali della patologia, quando i nodi emorroidali sono appena formati e hanno dimensioni ridotte. Per determinare la presenza di emorroidi interne, è necessario contattare il proctologo e sottoporsi a un esame rettale. In molti casi, la malattia si sviluppa nelle persone con pareti venose deboli. Sotto l'influenza di vari fattori negativi come l'ipodynamia o la stitichezza cronica, le emorroidi si riempiono di sangue e aumentano notevolmente di volume.

L'infiammazione acuta si verifica a causa di cambiamenti trombotici in cui le pareti vascolari perdono elasticità e forza. Durante la gestazione, il rischio di patologia nel retto aumenta notevolmente. Per determinare la presenza di emorroidi del tipo interno da solo non funzionerà, solo una visita dal medico e i suoi metodi di esame scelti aiuteranno a conoscere la diagnosi e lo stadio della malattia.

Emorroidi esterne

Con tali manifestazioni di emorroidi, come bruciore e prurito nel passaggio anale, è necessario palpare l'area dolente. È necessario verificare la presenza di dossi vicino all'ano, che è un sigillo - questo è il sintomo principale della malattia. I sintomi caratteristici, inoltre, sono:

  • disagio durante e dopo i movimenti intestinali causati dalla tensione e dallo spostamento dei tessuti anali;
  • ragadi anali che sanguinano dopo aver usato il bagno;
  • sanguinamento grave e scarico mucoso dall'ano
  • forte prurito, bruciore nella parte inferiore del retto;
  • in caso di malattia grave, il dolore inizia a manifestarsi quando i muscoli dell'ano si muovono e si stirano.

Forma combinata

La forma più pericolosa e spiacevole di patologia è mista, che è caratterizzata dall'infiammazione di entrambi i nodi interni ed esterni. Questo tipo di malattia causa spesso trombosi acuta delle vene emorroidali e influisce negativamente sulla qualità della vita di una persona che non può nemmeno sedersi. La forma combinata della malattia è estremamente rara, con la maggior parte dei casi in cui la sua definizione è il risultato dello stadio avanzato della malattia di altri tipi di vene emorroidali.

Di norma, la malattia (che non è una complicazione) si manifesta in ritardo e ha un decorso asintomatico. Per determinare il tipo combinato di emorroidi, è necessario prestare attenzione a questi sintomi:

  • pesantezza nell'ano;
  • sensazione di corpo estraneo nel retto;
  • prurito, dolore;
  • nelle fasi successive, i nodi cadono e inizia il sanguinamento.

Come diagnosticare le emorroidi

Dopo aver intervistato il paziente e aver esaminato i sintomi, lo specialista può confermare o smentire la presunta diagnosi e solo il medico può distinguere le emorroidi da altre patologie con sintomi simili. Vari metodi diagnostici sono usati per determinare il tipo di malattia. La palpazione aiuta a identificare le emorroidi e il paziente può anche dover sottoporsi a un esame approfondito del canale anale. Se necessario, il medico ordinerà un test delle feci, prenderà un graffio per diagnosticare l'infezione ed eseguirà una biopsia del tessuto perianale per escludere le malattie della pelle.

Autotest

Per controllare te stesso le emorroidi, devi prendere una posizione sdraiata e piegare le ginocchia. Dopo dovrebbe essere delicatamente le dita per sentire l'ano. Se si immagina visivamente l'area del passaggio anale nella forma di un quadrante, i grumi emorroidali dovrebbero essere cercati al livello di 3,7, 11 ore. I nodi al tatto saranno un sigillo forte che fa male durante la palpazione. Le emorroidi esterne si alzano sopra l'ano e causano grave disagio, dolore. Il paziente non è in grado di sedersi e muoversi per un lungo periodo di tempo.

Diagnostica professionale

Il paziente è meglio consultare un medico ai primi segni della malattia. È possibile diagnosticare le emorroidi utilizzando diverse tecniche. Quando la manifestazione esterna dei segni patologici è immediatamente visibile. Se i nodi si trovano nel retto, eseguire prima la palpazione della sua parte inferiore, che consente di determinare la localizzazione dei noduli emorroidali. Per ottenere informazioni più dettagliate, i medici prescrivono altre misure diagnostiche, tra cui:

  1. Clisma opaco. Il metodo prevede l'uso di uno speciale agente di contrasto e la creazione di immagini dell'intestino.
  2. Fo ø. Metodo diagnostico strumentale di ispezione del retto, che viene effettuata utilizzando uno specchio rettale.
  3. Sigmoidoscopia. La procedura aiuta a esaminare più a fondo e in profondità lo stato del retto e del colon sigmoideo mediante ispezione visiva con un dispositivo speciale.
  4. Colonscopia. Utilizzando questa procedura, è possibile esaminare in pochi minuti lo stato del colon attraverso una speciale sonda flessibile lunga, la cui estremità è dotata di un oculare illuminato e una fotocamera che trasmette un'immagine a un monitor.
  5. Analisi delle feci. Aiuta a valutare lo stato della microflora, per determinare se c'è sangue e muco nelle feci.

Come determinare la fase delle emorroidi

Ogni stadio della malattia è caratterizzato da alcuni sintomi e cambiamenti che si verificano nella regione anale-rettale. Per determinare la fase delle emorroidi, è importante conoscere i segni di ciascuna di esse:

  1. Il primo stadio. I nodi stanno appena iniziando a formarsi, mentre non c'è sanguinamento. Quando svuota l'intestino, il paziente avverte disagio nel retto, spesso la malattia è accompagnata da gonfiore. Poiché questi sintomi possono indicare altre malattie, solo uno specialista può scoprire la diagnosi corretta.
  2. Secondo stadio In questa fase, i nodi cadono dall'ano. Di norma, questo si verifica durante i movimenti intestinali, quando una persona inizia a raddrizzare. Feci dure e stitichezza aggravano la situazione. In questa fase, l'aspetto del sangue nelle feci, bruciore, prurito dopo un movimento intestinale. Il paziente ha un forte dolore con lo sforzo fisico.
  3. Terzo grado Può essere determinato da nodi emorroidali infiammati esterni che si formano intorno all'ano e / o cadono quando l'intestino si svuota e la tensione muscolare, ma può ancora essere inserito nell'intestino da solo. Questo stadio della patologia viene trattato chirurgicamente.
  4. Quarto grado Il più pericoloso perché comporta il rischio di sviluppare anemia, altre gravi complicanze e riacutizzazioni del paziente. I nodi di discesa non sono più possibili da correggere da soli, mentre sanguinano, causando gravi sofferenze a una donna oa un uomo. Il dolore appare al minimo movimento del corpo, forma di ragadi anali, che prude insopportabilmente prurito e cuocere. Il trattamento delle emorroidi in fase avanzata viene effettuato immediatamente con l'aiuto di metodi chirurgici.

Quando hai bisogno di una visita dal dottore

Se eventuali anomalie compaiono nell'area anale, è necessario contattare il proctologo. Per determinare la malattia, non è consigliabile effettuare l'autodiagnosi, poiché solo uno specialista in grado di determinare il trattamento appropriato in base ai dati ottenuti nel processo diagnostico può distinguere una patologia da un'altra con sintomi simili. Controllare periodicamente la salute dell'intestino dovrebbe essere persone che sono a rischio e hanno un'alta probabilità di sviluppare la malattia. Tra i fattori che contribuiscono allo sviluppo della patologia sono:

http://sovets.net/14152-kak-opredelit-gemorroj.html

Sintomi di emorroidi interne e segni della malattia

Lontano da tutti i pazienti con una tale diagnosi sapere quali sono le emorroidi interne e come si differenzia da quelle esterne. La maggior parte delle persone comuni in generale non fa distinzioni tra questi tipi di disturbi, cercando di applicare loro gli stessi metodi terapeutici. Nel frattempo, le emorroidi interne richiedono un trattamento più complesso e hanno conseguenze più negative di quelle esterne. Inoltre, la malattia non è sempre possibile diagnosticare nelle fasi iniziali, il che allunga il processo di completa guarigione.

Cosa sono le emorroidi interne e le cause

Le ragioni per la formazione di emorroidi interne, sono stagnanti nei vasi del retto. Possono sorgere:

  • con ipodynamia;
  • con stitichezza che si verifica costantemente;
  • sullo sfondo di intensi sforzi fisici;
  • con le vene varicose;
  • durante la gravidanza in gravidanza.

È stato scientificamente dimostrato che i cambiamenti nelle navi rettali sono più comuni nelle persone i cui parenti soffrivano di emorroidi. Inoltre, l'insorgenza di emorroidi interne può contribuire a tali cause come processi tumorali negli organi pelvici, patologie vascolari e peso in eccesso. Con la malattia, le vene alterate si trovano all'interno del retto, e quindi rimangono inosservate dal paziente fino a un certo momento.

Spesso, le informazioni su come appare l'emorroidi interno sono impossibili da trovare in fonti aperte, poiché sono visibili solo se visualizzate con l'aiuto di strumenti speciali (con anoscopia, rectoromanoscopia). Tuttavia, anche nelle prime fasi, la malattia ha già un quadro sintomatico.

Segni e sintomi di emorroidi interne

I primi segni della malattia sono così piccoli che la maggior parte dei pazienti semplicemente non li nota. Nella forma iniziale della malattia, si manifestano come un aumento della voglia di defecare, prurito nell'ano. Questo accade perché i vasi gonfiati creano una sensazione di pienezza del retto. Inoltre, i pazienti hanno la cosiddetta stitichezza proctogenica causata dal prolasso delle emorroidi e della mucosa rettale.

Se inizi il trattamento in questa fase, è possibile eliminare completamente la patologia. Non devi usare metodi chirurgici. Tuttavia, più spesso la malattia rimane incustodita, in quanto è difficile determinare la fonte di disagio, soprattutto se non si consulta un medico.

Con la progressione della malattia compaiono nuovi segni che indicano cambiamenti patologici più estesi:

  • il sangue sulla carta igienica o sulle masse fecali indica la presenza di crepe e ferite sulla superficie della mucosa;
  • l'aumento del disagio durante e dopo la defecazione indica l'inizio del processo infiammatorio;
  • abbandonare i nodi indicano cambiamenti irreversibili nelle pareti vascolari.

Il paziente può essere disturbato da sintomi estremamente spiacevoli, tra cui il dolore acuto nel retto, che si estende alla zona lombare e inguinale. Già dalla fase 2, il paziente può sapere come sono le emorroidi interne, poiché cadono periodicamente (dopo il sollevamento pesi, con un aumento della tensione durante la defecazione).

Se al secondo stadio i nodi rientrano in modo indipendente nel retto, allora ai 3 e 4 stadi richiedono una riduzione manuale, nei 4 stadi delle emorroidi interne i nodi non sono riducibili. È in queste fasi che il paziente non dubita più di avere una emorroide interna e inizia una terapia a pieno titolo.

Come determinare le emorroidi interne

Conferma che la diagnosi è possibile solo dopo aver visitato il proctologo. Durante l'ispezione dell'esame strumentale (anoscopia, sigmoidoscopia), sarà in grado di valutare visivamente le condizioni della mucosa rettale, nonché di determinare il numero, la posizione e la dimensione dei nodi. Poiché non è sempre possibile determinare tali caratteristiche durante un esame esterno senza causare disagio (ad esempio, se il paziente ha un dolore intenso), può essere necessaria l'anestesia locale.

Per escludere altre malattie del retto, che possono avere sintomi simili alle emorroidi interne, può essere necessaria la diagnostica strumentale (anoscopia, rectoromanoscopia, colonscopia), durante la quale può essere effettuato un esame più dettagliato.

Cosa sono le emorroidi interne pericolose

Il principale pericolo di emorroidi interne è il verificarsi di gravi emorragie, durante le quali il paziente può perdere troppo sangue. Inoltre, sullo sfondo di questa malattia, i processi tumorali possono svilupparsi, compresi i processi maligni (cioè, le manifestazioni di emorroidi interne possono mascherare i neoplasmi del retto).

Inoltre, le emorroidi interne possono essere complicate dalla trombosi del nodo e dallo sviluppo del processo infiammatorio (paraproctite), che interessa la fibra pararettale. In questo caso, vi è il rischio di fistole adrectali, il cui trattamento viene effettuato solo attraverso un intervento chirurgico. In paraproctite acuta, è indicata un'operazione di emergenza.

Come e cosa trattare le emorroidi interne

Dopo aver confermato la diagnosi, il medico determina come trattare la malattia e quali mezzi e metodi aiuteranno ad eliminare le manifestazioni della malattia in modo più efficace. Nelle fasi iniziali vengono utilizzati metodi conservativi. Nella fase 1, ci sono abbastanza farmaci locali sotto forma di candele, unguenti e creme, iniettati nel retto.

È importante! Poiché è possibile curare la malattia solo eliminando le cause che lo hanno causato, si raccomanda di regolare la nutrizione e praticare esercizi speciali in parallelo con l'uso di medicinali.

La scelta di come trattare le emorroidi interne dovrebbe essere affidata a uno specialista. Le medicine non dovrebbero consistere solo di analgesici. È necessario che contribuiscano al ripristino del tono vascolare. I più efficaci a questo proposito sono:

  • candele Ultraprokt;
  • crema o supposte proktozan;
  • unguento o supposte Gepatrombin G.

All'interno del paziente vengono prescritte compresse con azione flebotonica, antinfiammatoria, trombolitica. In presenza di infiammazione, vengono prescritti antisettici locali aggiuntivi e, in caso di sanguinamento, i preparati emostatici vengono somministrati per via topica o sotto forma di iniezioni.

Inoltre, il trattamento delle emorroidi interne viene effettuato utilizzando metodi minimamente invasivi (metodi non invasivi per il trattamento delle emorroidi) e metodi chirurgici:

  • legatura con anelli di lattice;
  • indurimento dei nodi;
  • fotocoagulazione a infrarossi;
  • coagulazione laser di emorroidi;
  • legatura prossimale delle arterie emorroidali;
  • criodistruzione e altri.

Poiché è possibile curare la malattia con tali metodi in pochi minuti (i metodi non chirurgici consentono di curare radicalmente le emorroidi interne in regime ambulatoriale), non è richiesta l'ospedalizzazione dei pazienti.

Rimedi popolari per le emorroidi interne

Insieme ai metodi tradizionali di eliminazione delle emorroidi interne, i rimedi popolari possono essere usati sotto forma di bagni, preferibilmente freschi. Sono efficaci nel far cadere i nodi verso l'esterno, in quanto impediscono il verificarsi di infiammazioni e riducono il dolore. Nelle fasi iniziali, alcuni esperti consigliano microclima con camomilla, celidonia e cacciatore, oltre a candele con propoli, olio di olivello spinoso e miele.

Nonostante i potenziali benefici, tali strumenti dovrebbero essere utilizzati solo dopo aver consultato il medico. Solo uno specialista può determinare come trattare la malattia in un singolo paziente.

Chi contattare

Se sospetti emorroidi interne, devi consultare un proctologo. Se si osserva disagio in donne in stato di gravidanza, è consentito presentare reclami al ginecologo. Può consigliare come trattare i sintomi della malattia. Dopo un esame preliminare, è un esempio della decisione di inviare il paziente a vedere un proctologo. Puoi anche fissare un appuntamento con un medico in una clinica commerciale.

Come fare una domanda ad uno specialista

Per ulteriori informazioni su quali sono le emorroidi interne e su come gestirle, puoi consultare il proctologo sul nostro sito web. Per fare questo, compila il modulo nella sezione appropriata. Puoi anche trovarlo dopo questo articolo sotto il banner appropriato.

http://prokto.ru/stati/vnutrennij-gemorroj-simptomyi-i-priznaki-bolezni.htm

Come determinare le tue emorroidi? Sintomi della malattia e procedure diagnostiche di base

Non tutti si rendono conto di aver contratto una malattia così spiacevole come le vene emorroidali varicose, soprattutto se il processo patologico è ancora all'inizio e i sintomi non sono troppo evidenti.

È necessario distinguere le forme di emorroidi, per avere un'idea di come identificare la malattia all'inizio del processo patologico.

I primi sospetti di emorroidi iniziano quando la malattia peggiora significativamente lo stato di salute e impedisce a una persona di condurre una vita normale. Un aumento dei sintomi suggerisce che il tempo è perso e sono necessari un trattamento prolungato e il recupero.

Ecco perché è necessario distinguere le forme di malattia proctologica, per avere un'idea su come identificare le emorroidi all'inizio del processo patologico. Ciò contribuirà a non perdere giorni e mesi preziosi e a consultare un medico in tempo.

Alcune parole sulle emorroidi

Prima di parlare di come diagnosticare da sola questa patologia del retto, è necessario chiarire di cosa si tratta.

Le emorroidi sono un processo patologico derivante da alterata circolazione del sangue nell'ano e vasi venosi. Sono le vene colpite che formano noduli emorroidali troppo cresciuti e infiammati.

Ci sono molte ragioni che provocano disturbi circolatori nel canale del retto, ma più spesso i "provocatori" sono fattori come:

  • predisposizione congenita (tendenza alle vene varicose);
  • costipazione;
  • lavoro sedentario e in generale ipodynamia;
  • fisicamente duro lavoro;
  • dieta sbagliata, complicando i movimenti intestinali;
  • periodo di gravidanza.

A seconda delle caratteristiche del decorso della malattia può aumentare dopo il parto, o, al contrario, ci sarà un recupero completo.

Secondo le statistiche mediche, la malattia proctologica con la stessa frequenza si verifica negli uomini e nelle donne. Tuttavia, la maggior parte delle volte le emorroidi sono determinate in pazienti di mezza età - da 40 a 60 anni.

Autodiagnosi delle emorroidi

Riconoscere le emorroidi a casa è più facile per i segni caratteristici che sono inerenti a questa malattia. I sintomi "classici" delle vene emorroidali varicose comprendono:

  • indolenzimento nel canale anale e / o nella regione anorettale (aumentata con movimenti intestinali);
  • sensazione di prurito scomodo e sensazione di bruciore nel canale rettale (la loro intensità aumenta anche durante o dopo le feci);
  • sanguinamento nelle feci o goccioline di sangue sulla carta igienica dopo aver visitato il bagno;
  • sensazione di presenza nell'ano di un oggetto estraneo;
  • la formazione di coni convessi all'interno del retto o vicino all'ano.

Se hai almeno uno di questi segni, dovresti assolutamente contattare uno specialista. Quanto prima inizia il trattamento, maggiori sono le possibilità di ottenere dinamiche positive senza l'uso di farmaci gravi e, soprattutto, di chirurgia.

Dovresti anche ricordare che il processo patologico può essere acuto o trasferito allo stadio della cronicità. Nel primo caso, i sintomi sopra elencati sono esacerbati e possono essere aggiunte alcune complicazioni, ad esempio la trombosi di un nodulo emorroidario.

Nella forma cronica della malattia, può svilupparsi trombosi del nodulo emorroidario.

La presenza di emorroidi croniche rimane spesso invisibile al paziente, dal momento che i sintomi non sono molto pronunciati, e il dolore non intenso, il leggero prurito e rare gocce di sangue diventano motivo insufficiente per rivolgersi al proctologo.

Come riconoscere le varie forme della malattia?

Il trattamento di qualsiasi malattia dipende dalla diagnosi corretta, inclusa la definizione della forma del processo patologico. Dal momento che stiamo parlando di emorroidi, proctologi distinguono 3 principali tipi di malattia:

Si distinguono, prima di tutto, dalla posizione delle formazioni cavernose infiammate. E la migliore definizione della forma della malattia viene effettuata dai medici, tuttavia, i pazienti dovrebbero anche capire come riconoscere questa o quella forma di malattia proctologica.

Come scoprire le emorroidi interne?

Poiché i cambiamenti avversi sono nascosti nell'ano e non possono essere visti, come si suol dire, ad occhio nudo, le fasi iniziali delle emorroidi interne passano spesso inosservate dai pazienti.

L'ultimo sintomo dovrebbe in particolare avvertire il paziente, poiché il sangue che esce insieme alle feci dal canale rettale può indicare non solo un aumento delle emorroidi interne, ma anche la formazione di un tumore maligno nel retto.

Come capire che hai le emorroidi e non, per esempio, il cancro? Tutti i dubbi, soprattutto, dissipano il proctologo. Tuttavia, nelle fasi iniziali, la malattia emorroidaria differisce dall'oncopatia per aderenza al quadro clinico della stitichezza e della flatulenza.

Inoltre, quando le accumulazioni venose si gonfiano eccessivamente e iniziano a cadere dall'ano, tutte le domande con diagnosi differenziale scompaiono da sole, poiché l'immagine è ovvia anche a un non specialista.

Naturalmente, il rilascio di noduli influenza in modo estremamente negativo il benessere del paziente, in quanto vi sono dolori lancinanti quando lo sfintere anale costringe la base del nodulo. Inoltre, è probabile una trombosi cavernosa, che è la base per il ricovero in caso di emergenza.

Come determinare la presenza di emorroidi esterne?

Per verificare se ho una forma esterna di una malattia emorroidaria è un po 'più facile rispetto al caso di un processo patologico interno. Già nelle fasi iniziali, una persona può brancolare formazioni cavernose leggermente ingrandite localizzate vicino all'ano.

Quando si avverte la remissione, il dolore e il prurito inespressi nella zona anorettale.

Quando si avverte la remissione, il dolore e il prurito inespressi nella zona anorettale. Alla palpazione, ci sono collinette che, se premute, causano dolore.

Le emorroidi esterne esacerbate sono caratterizzate da sanguinamento e gonfiore dei noduli, che iniziano a diventare rossi e addirittura a diventare bluastri. È molto doloroso per una persona non solo toccare una tale protuberanza, ma anche sedersi su una superficie piana.

In caso di malattia grave, non si esclude anche la trombosi dei noduli emorroidali, sono possibili anche lo sviluppo dell'infiammazione nel tessuto adiposo sottocutaneo e anche la formazione di fistole patologiche.

Sintomi di una malattia combinata

Il trattamento di questa particolare forma della malattia è particolarmente difficile, dal momento che sia le formazioni cavernose esterne che quelle interne si infiammano e sanguinano.

Questo tipo di vene emorroidarie varicose complica in modo significativo la vita umana, è semplicemente impossibile esistere con una tale malattia, perché il dolore è sentito all'interno del retto, e all'esterno - nella zona perianale.

Anche le fasi iniziali della malattia sono asintomatiche.

Le emorroidi combinate sono particolarmente gravi, dal momento che sia le formazioni cavernose esterne che quelle interne sono infiammate e sanguinano.

Per scoprire che la malattia è già iniziata, puoi farlo per i seguenti motivi:

  • dolore severo, con dolore può essere dato nella regione pelvica;
  • sensazione di prurito e bruciore sia nel retto che nella regione anorettale;
  • uscita dal canale rettale dei noduli emorroidali interni.

Come identificare lo stadio della malattia?

Per trattare la malattia è necessario un livello adeguato di severità e stadiazione del processo patologico.

Nella prima fase delle emorroidi si formano formazioni cavernose ingrandite.

Per fare ciò, è necessario determinare il grado di malattia emorroidaria, ognuno dei quali è caratterizzato da sintomi specifici e dalla gravità del quadro clinico.

  1. Nel primo stadio si formano formazioni cavernose ingrandite. Il sangue viene rilasciato raramente, ma quando si svuota l'intestino, il paziente avverte disagio nel canale rettale. Un frequente sintomo concomitante è flatulenza e gonfiore. Ma poiché tali segni possono manifestarsi con altre patologie intestinali, un medico esperto può stabilire la diagnosi corretta.
  2. Il segnale principale che il processo è passato al secondo stadio potrebbe essere l'uscita dei noduli emorroidali allargati oltre l'anello rettale. Questo accade a causa della tensione durante i movimenti intestinali, costipazione persistente. In questa fase, i coni caduti possono ancora tornare al retto. Il paziente avverte un forte dolore, disagio e vede il sangue dopo aver visitato il bagno.
  3. Il terzo stadio è anche caratterizzato dalla perdita di ammassi venosi infiammati, e questo accade non solo con un movimento intestinale, ma anche nel caso di sollevamento pesi o tensione muscolare degli organi pelvici. Il paziente può correggere lui stesso i dossi emorroidali, ma il trattamento farmacologico è già in ritardo. In questa fase vengono utilizzati metodi minimamente invasivi o tradizionali di rimozione dei noduli.
  4. Il quarto stadio più grave della malattia può diventare pericoloso per l'uomo. I noduli caduti non sono più fissati, sanguinano, prurito, causano dolore insopportabile. Le emorroidi interne del 4o stadio sono spesso accompagnate da complicazioni, come il pizzicamento del nodulo e la sua trombosi. Nel caso di una variante esterna del disturbo del nodo, si gonfiano fortemente, si addensano, sporgono al di sopra dell'anello anale e rispondono con dolore ad ogni tocco.
Il corso complicato della malattia è carico di varie complicanze, inclusa la necrosi.

La diagnosi indipendente di emorroidi nelle ultime fasi non è difficile nemmeno per un laico. Tuttavia, questo fatto non ispira ottimismo, dal momento che il corso complicato della malattia è irto di varie complicazioni, tra cui necrosi e ascesso adrectal.

Le foto di varie fasi della malattia emorroidaria possono essere facilmente trovate e visualizzate su Internet. Questa non è la vista più piacevole che spesso incoraggia i pazienti a rivolgersi al proctologo.

Caratteristiche della malattia nel sesso forte e debole

I sintomi delle vene emorroidali varicose non hanno un legame con il sesso del paziente, che appare ugualmente in pazienti di sesso maschile e femminile.

Tuttavia, vi è una certa specificità associata al fattore principale nell'insorgenza della malattia.

Molto spesso, le emorroidi nelle donne si verificano o si fanno sentire nel periodo di gestazione del bambino o dopo il processo di nascita.

Come già notato, per 9 mesi il corpo femminile cambia a livello fisiologico e ormonale.

L'indebolimento dei muscoli del tratto gastrointestinale, il cambiamento della dieta spesso porta a costipazione, e un cambiamento nel sistema circolatorio (ora funziona per due) aumenta ulteriormente il rischio di emorroidi.

Nelle donne in gravidanza, un cambiamento nella dieta porta spesso alla stitichezza, che provoca lo sviluppo di emorroidi.

Le emorroidi negli uomini possono essere determinate più difficili, ma ciò non è dovuto a una fisiologia diversa da quella delle donne, ma alla tendenza del sesso più forte meno spesso a cercare aiuto medico. Molto spesso sono gli uomini che operano sul tavolo operatorio con l'ultimo stadio della malattia.

Diagnosi professionale di emorroidi

Le emorroidi diagnosticate a casa sono solo l'inizio dell'esame. Dopo aver effettuato le singole manipolazioni, il paziente deve assolutamente fissare un appuntamento con un proctologo che determinerà accuratamente la forma e lo stadio della malattia.

I metodi diagnostici variano a seconda del tipo di malattia, ma esistono anche tecniche di esame generale. Prima di tutto, il medico suggerisce al paziente di assumere una posizione del ginocchio-gomito, nella quale è più conveniente esaminare l'area anorettale.

Le emorroidi esterne sono determinate dall'ispezione visiva, nel caso della posizione interna dei noduli mediante l'esame con le dita del canale rettale e anascopy - studio dell'ano utilizzando uno specchio speciale.

Anascopia: studio dell'ano con l'uso di uno specchio speciale.

Per confermare la conclusione preliminare è necessario condurre uno studio approfondito e completo del paziente. Solo dopo un intero ciclo di misure diagnostiche si può dire con certezza se le emorroidi causano o meno questi sintomi spiacevoli.

Le seguenti malattie sono simili a quelle con le vene varicose anali:

  • tumori del retto;
  • ascesso adrectal;
  • polipi nell'ano;
  • ragadi anali;
  • retto fuori dalla valvola rettale;
  • condilomatosi anogenitale.

Per escludere queste condizioni e confermare la diagnosi di "varicose vene emorroidali", il medico prescrive i metodi più affidabili di esame del retto.

La colonscopia per le emorroidi è un metodo di studio che consente di valutare visivamente le condizioni dell'intera parte finale del tratto gastrointestinale.

  1. Lo studio delle dita è considerato il metodo più semplice, ma allo stesso tempo e informativo per studiare la malattia emorroidaria e altre patologie nella pratica proctologica. La palpazione del retto permette quasi istantaneamente di stabilire lo stato della membrana mucosa del canale rettale, la presenza di formazioni cavernose ingrossate.
  2. Rectoromanoscopia prescritta per uno studio più approfondito del retto. Con l'aiuto di un tubo cavo speciale con una larghezza di 10 mm con una lampada alla fine, il medico è in grado di vedere la mucosa dell'intestino inferiore a una profondità di 40 centimetri dallo sfintere anale. Si ritiene che questo metodo sia affidabile e preciso: quando viene eseguito, il paziente non sente dolore, sebbene sia possibile il disagio e la necessità di defecare.
  3. Anascopy è un'altra versione dello studio strumentale del canale rettale che utilizza uno specchio speciale. In questo caso, il proctologo può esaminare la condizione della mucosa rettale a circa 12 centimetri di profondità dal passaggio anale. È anche possibile effettuare una biopsia per un ulteriore esame al microscopio.
  4. La colonscopia per le emorroidi è un metodo di studio che consente di valutare visivamente le condizioni dell'intera parte finale del tratto gastrointestinale. La procedura viene eseguita con l'aiuto di uno strumento speciale: un endoscopio che sembra un tubo flessibile, dotato di numerosi LED. Mandano l'immagine al monitor di un computer.
  5. Irrigoscopia: lo studio dell'intestino inferiore con l'ausilio di apparecchi a raggi x. Viene spesso prescritta prima di una colonscopia per chiarire la posizione delle lesioni sospette.
  6. Coprogramma - studio di laboratorio di masse fecali per la presenza di prodotti metabolici. Questa analisi consente di determinare in che modo viene digerito il cibo nel tratto gastrointestinale, se vi sono inclusioni estranee nelle feci, ad esempio lo scarico in emorroidi, che indica l'infiammazione.
  7. L'analisi delle masse fecali sul sangue occulto viene eseguita per identificare il sanguinamento implicito. Questo esame richiede la preparazione del paziente. Alcuni giorni prima di visitare il laboratorio, è necessario abbandonare l'uso di prodotti che possono influenzare il colore delle feci - barbabietole, ciliegie, melograni.
  8. Utilizzando un esame del sangue per verificare la presenza o l'assenza di anemia, che può svilupparsi nel corpo a causa di emorrossidi noduli costantemente sanguinanti.

È necessario diagnosticare le emorroidi il più presto possibile per escludere la probabilità di complicanze e il passaggio a uno stadio più grave. Inoltre, senza una diagnosi accurata, è impossibile prescrivere i farmaci necessari.

Se si sospettano emorroidi, l'autodiagnosi è solo la prima fase della determinazione del problema. Se una persona sospetta che si tratti di una malattia proctologica, è necessario consultare un medico. Stabilirà una conclusione accurata, prescriverà la terapia corretta e formulerà raccomandazioni sui cambiamenti dello stile di vita.

http://gemorroy.info/priznaki/kak-opredelit-gemorroj

Emorroidi interne

Le emorroidi interne sono malattie delle vene del retto, in cui i nodi modificati varicosi si trovano sotto la membrana mucosa all'interno del lume intestinale. I sintomi della patologia sono dolore, aggravato da movimenti intestinali, sanguinamento, perdita di nodi interni, segni di anemia. Le emorroidi sono determinate mediante esame delle dita, anoscopia, rectoromanoscopy, irrigoscopy. Il trattamento conservativo delle emorroidi interne è efficace nelle prime fasi, le procedure di scleroterapia e criochirurgia sono efficaci. Nei casi avanzati, ricorrere all'asportazione chirurgica o alla legatura dei nodi.

Emorroidi interne

Le emorroidi interne sono un plesso venoso varicoso situato nel retto direttamente sotto la mucosa. Molto spesso, la patologia ha un decorso cronico che si sviluppa gradualmente e spesso in modo asintomatico nella fase iniziale, poiché nel retto ci sono molte terminazioni nervose. Circa il 4% (6%, tenendo conto della forma mista della malattia) dell'intera popolazione adulta del pianeta soffre di emorroidi interne di gravità variabile. Vale la pena notare che l'80% delle donne che hanno partorito affrontano un problema simile. Allo stesso tempo, l'atto del parto ripetuto aumenta notevolmente le possibilità di acquisizione delle vene varicose del retto.

motivi

La causa principale dello sviluppo del processo patologico in caso di emorroidi interne è la predisposizione ereditaria. Ciò è dovuto alla formazione di formazioni cavernose ingrandite, che nel processo di embriogenesi sono poste nel retto distale di fronte alla linea anorettale e nel canale anale sotto la pelle del perineo. Sotto l'azione di fattori provocatori, le dimensioni delle formazioni aumentano, le seconde sono spostate nella direzione distale - è così che si formano le emorroidi interne.

Emorroidi interne - patologia, direttamente correlata allo stile di vita. Bassa attività fisica, seduta prolungata o in piedi al lavoro sono fattori che portano al ristagno di sangue nel plesso del retto e alla comparsa di nodi interni. Eccessiva attività fisica, il sollevamento pesi provoca anche lo sviluppo di emorroidi interne. L'uso insufficiente di acqua porta alla compattazione delle feci e all'ispessimento del sangue. Eccessivo consumo di cibi piccanti / salati, snack, abuso di alcool, irritano ulteriormente la mucosa intestinale, causano disfunzione (sia costipazione che diarrea) e potenziano l'ulteriore sviluppo della malattia.

Nelle donne, il "grilletto" per la formazione delle emorroidi è il parto. Sovrappeso, obesità, tumori pelvici provocano anche una debole peristalsi intestinale e la pressione aggiuntiva del tessuto adiposo o tumorale altera in modo significativo la circolazione sanguigna dell'intestino. Emorroidi interne possono verificarsi sullo sfondo di infezioni intestinali, in cui compaiono microdamages della mucosa. L'atrofia delle fibre muscolari porta alla comparsa di nodi interni nella vecchiaia. Lo stress e le frequenti crisi nervose influiscono negativamente sul lavoro di tutti gli organi, inclusi gli intestini, aumentando l'effetto di fattori che provocano emorroidi interne e complicano il suo decorso.

necroscopia

Per la comparsa di emorroidi interne, sono necessarie due condizioni: un aumento della pressione (interna) del retto e la debolezza delle pareti vascolari. Per le ragioni di cui sopra, vi è un'espansione dei plessi venosi all'interno del retto e la loro protrusione. Sito emorroidario interno patomorfologicamente determinato, coperto di membrana mucosa. Formazioni vascolari in esso sono presentate sotto forma di corpi cavernosi costituiti da più cavità separate da muscoli e setti di tessuto connettivo.

I sintomi delle emorroidi

La principale differenza tra le emorroidi interne è l'assenza di segni esterni. I nodi varicosi si trovano nel lume rettale da vicino o a una certa distanza dallo sfintere. I sintomi si sviluppano mentre aumentano. Nella proctologia clinica si distinguono 4 fasi di sviluppo delle emorroidi interne.

  • I stage. Le estensioni varicose sono piccole all'inizio, le piccole sporgenze interne praticamente non causano disagi al paziente. Solo a volte i nodi feriti dalle masse delle feci dure sono danneggiati e inizia la loro infiammazione. L'essudato secreto provoca umidità, bruciore e prurito intorno all'ano. L'aspetto di segni di sangue sulla carta igienica è possibile, ma spesso le macchie di sangue sono invisibili a occhio nudo e possono essere determinate solo dall'esame microscopico delle feci. La maggior parte dei pazienti riferisce una sgradevole sensazione di disagio nel retto dopo un movimento intestinale.
  • Fase II Senza trattamento, la varicella rettale interna entra nella fase successiva. Le emorroidi aumentano ancora di più, aumenta la sensazione di pesantezza e la presenza di un corpo estraneo nell'intestino. Con un carico maggiore (sollevamento pesante, tosse severa, defecazione), le formazioni varicose appaiono dall'ano, ma poi si nascondono all'interno. Lo spotting è più significativo. Fa male ogni atto di defecazione. Sintomi locali sgradevoli associati all'anemia, che è una conseguenza della costante perdita di sangue. A volte le condizioni del paziente vengono alleviate, tutti i sintomi diminuiscono e inizia una fase di remissione.
  • Fase III. Le emorroidi sono così grandi che anche con un leggero carico fuoriescono dall'ano. In questo caso, non si ritirano spontaneamente verso l'interno, ogni volta che i nodi eliminati devono essere ripristinati manualmente. In questa fase possono svilupparsi complicazioni: si formano una pronunciata reazione infiammatoria, ragadi rettali, sanguinamento rettale. Il dolore acuto non passa è il sintomo principale di una complicazione di emorroidi interne.
  • Stadio IV. Versione lanciata delle vene varicose interne - emorroidi costantemente cadenti, che non possono essere ripristinate, non è possibile. Il paziente ha quasi sempre dolore. Anche stare seduti e camminare aumenta il dolore. La progressione delle emorroidi è accompagnata da un aumento nei periodi di esacerbazione e dalla vivida gravità dei sintomi. Il tasso di sviluppo della malattia dipende dalla forza dei fattori provocatori e dalle caratteristiche dell'organismo.

complicazioni

La stasi del sangue locale con emorroidi interne causa la trombosi delle vene del retto. È caratterizzato da un forte dolore all'ano. Le emorroidi interne diventano tinta viola-blu, aumentano significativamente le dimensioni e diventano dolorose alla palpazione. La violazione dei nodi interni è provocata da errori nella dieta, nell'esercizio fisico e nella stitichezza. Cadono e sono bloccati nel canale anale, a seguito del quale può verificarsi una trombosi di emorroidi e la loro necrosi. I pazienti hanno dolore all'ano, incurvamento della natura e sensazione di corpo estraneo. All'esame, vengono rilevati nodi emorroidali scuri, persino neri.

Il sanguinamento persistente dal canale anale è anche una complicazione delle emorroidi interne. Debolezza e altri sintomi comuni si sviluppano sullo sfondo dell'anemia progressiva (diminuzione dell'emoglobina a 40-50 g / l), che è una conseguenza di un sanguinamento massiccio o di una scarica prolungata di sangue dall'ano cavernoso. La perdita prolungata di emorroidi, soprattutto negli anziani, porta all'insufficienza dello sfintere anale e all'incontinenza dei gas, e talvolta dei contenuti intestinali liquidi.

diagnostica

La mancanza di nodi esterni e la scarsità di reclami ostacolano la diagnosi precoce delle emorroidi interne. Se si sospetta una malattia, un proctologo viene esaminato con un esame digitale. In un guanto sterile con l'indice, un esperto branco di siti varicosi, determina la densità dei nodi, la loro dimensione e la tenerezza. I nodi in alcuni casi non hanno un raggruppamento chiaro, questo indica il carattere libero dei corpi cavernosi del retto. La palpazione è determinata dalla linea bianca di Hilton, che è il limite dei nodi interno ed esterno. Al tatto, le formazioni interne assomigliano a una "bacca di gelso" che sanguina facilmente. Con emorroidi esistenti a lungo termine, la palpazione viene determinata riducendo il tono dell'apparato di commutazione del retto, che contribuisce alla perdita dei nodi interni e delle membrane mucose, anche con poco lavoro fisico o in posizione eretta.

Informazioni più accurate sui nodi possono essere raccolte usando l'anoscopio. Durante l'anoscopia, un tubo dotato di un sistema di retroilluminazione viene inserito nel retto ad una profondità di 10 cm. Se i nodi si trovano sopra, applicare la sigmoidoscopia. L'esame endoscopico consente di raccogliere informazioni dettagliate sullo stato del retto, il numero e il grado di protrusione delle emorroidi a una profondità di 25 cm, nonché di escludere altre malattie proctologiche. Come risultato dello studio, c'è la possibilità di prendere materiale per la biopsia se si sospetta un tumore rettale (manifesta sintomi simili alle emorroidi interne).

L'irrigazione dell'intestino (colon e retto) consente la presenza di rigonfiamenti (comprese le emorroidi) e di fistole anali mediante raggi X e l'introduzione nell'intestino di un agente di contrasto (solfato di bario). Di solito, l'irrigoscopia sostituisce altri studi proctologici nei bambini. Tutti gli esami strumentali sono preceduti da una dieta (esclusione del cibo grossolano) e da un clistere purificante. Nelle emorroidi acute, tali tecniche non si applicano, è associato a dolore severo e alla capacità di causare sanguinamento intenso.

I test di laboratorio delle feci (analisi del sangue occulto, coprogramma) sono ausiliari e consentono di chiarire la funzionalità dell'intestino e la presenza di sanguinamento. Inoltre, l'analisi delle feci sulle uova di vermi e cisti di Giardia esclude la causa parassitaria del prurito dell'area perianale. La diagnosi differenziale delle emorroidi interne è effettuata con il prolasso del retto (con la protuberanza dell'ano è circolare), con verruche anali, diverticolosi, difetti dello sviluppo dell'area di studio, cancro del retto (senza sangue arterioso dall'ano).

Trattamento di emorroidi interne

La terapia conservativa è efficace solo nelle prime fasi dello sviluppo delle varici rettali e viene prescritta nella fase acuta della malattia. Include terapia sintomatica (anestesia, normalizzazione della funzione intestinale), prevenzione della trombosi (eparina), venotonica orale (troxerutina, diosmina). Il trattamento farmacologico delle emorroidi rettali è lungo. I farmaci orali che influenzano la patologia varicosa in tutto il corpo vengono somministrati in cicli ripetuti di 3 mesi.

Allo stadio I-II delle emorroidi interne, vengono utilizzati i metodi di foto-infrarossi e elettrocoagulazione, la scleroterapia delle emorroidi. Le vene espanse allo stesso tempo si attaccano, si svuotano e si risolvono gradualmente. Le fasi II-III richiedono misure più radicali: il proctologo determina la necessità di criodistruzione (congelamento dei vasi con azoto liquido), legatura con anelli di lattice o legatura chirurgica / escissione di vasi varicosi, nonché emorroidectomia operativa Milligan-Morgan o metodo Longo. La disarterazione delle emorroidi interne viene eseguita legando le arterie emorroidali terminali, eseguite sotto il controllo del USDG.

Il trattamento della trombosi del nodo interno viene effettuato prescrivendo una terapia antinfiammatoria. Il trattamento chirurgico comprende la dissezione, la rimozione delle masse trombotiche e l'evacuazione delle emorroidi. La riduzione dei nodi lasciati fuori è effettuata da un metodo manuale, a un'inefficienza che l'intervento chirurgico progettato è nominato (dopo il cedimento dei fenomeni affilati).

Prognosi e prevenzione

Con un trattamento tempestivo, la prognosi per le emorroidi interne è abbastanza favorevole. Utilizzando metodi conservativi, compresi i corsi profilattici di farmaci veno-tonico, è possibile ridurre al minimo la frequenza delle recidive. Con lo stesso scopo vengono prese misure per normalizzare l'attività dell'apparato digerente (lotta contro costipazione / diarrea) e il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile. La prevenzione delle emorroidi interne è in conformità con le regole del mangiare sano (frutta / verdura, modalità di consumo), dell'attività fisica (passeggiate regolari, ginnastica), escludendo ogni sforzo fisico disparato. Uno stile di vita sano riduce la probabilità di emorroidi interne.

http://www.krasotaimedicina.ru/diseases/zabolevanija_proctology/internal-hemorrhoid

Altri Articoli Su Vene Varicose

  • Salute maschile e riproduttiva
    Medici
    Non come un tampone, ma sul perineo, ho un ematoma sulla cucitura dopo la pausa (frittella, piccolo shovchik - 2 punti sulla pelle e 1 sulla membrana mucosa). Un coltello che non sei d'accordo con un tampone.Il foruncolo può anche essere tagliato dal super dottore, ma dove è la garanzia che la tua nuova bollitura non verrà fuori?

mediven plus ("MEDIVEN PLUS") - maglieria a compressione per l'uso quotidiano, soprattutto nei periodi freddi o nella stagione fredda. Opaco, resistente, con caratteristiche di compressione ottimali e la più ampia gamma di modelli di maglieria mediven plus è popolare tra donne e uomini.