Emorroidi postpartum: cause, sintomi, trattamento

Il problema delle emorroidi postpartum, secondo le statistiche, è affrontato dalla metà delle donne che hanno avuto il parto naturale. Il trattamento di questa malattia ha i suoi aspetti legati all'allattamento al seno, pertanto, la scelta dei metodi terapeutici e dei farmaci dovrebbe essere affrontata con molta attenzione.

Che cosa sono le emorroidi postpartum

Le emorroidi post-parto sono vene varicose nell'area rettale che si verificano nel primo periodo postparto. L'aspetto delle emorroidi dopo il parto è il risultato di un eccessivo accumulo e ristagno del sangue nelle vene, a causa del quale si deformano e prendono la forma di noduli o coni particolari. Possono avere diverse dimensioni e localizzazione.

La medicina moderna aderisce a due teorie sul meccanismo dello sviluppo delle emorroidi: vascolare e meccanico. Il primo suggerisce che l'espansione delle emorroidi avvenga come conseguenza del reflusso (corrente inversa) del sangue nella vena del retto superiore, che è accompagnata da un aumento della pressione all'interno della cavità addominale.

Secondo la teoria meccanica, la patologia si forma a causa dello sviluppo di ipertrofia (aumento anormale) delle emorroidi con la comparsa di lesioni nelle pareti vascolari. Tali cambiamenti nel tempo sono aggravati, che a loro volta possono causare prolasso (rigonfiamento) dei coni.

A seconda della posizione dei nodi emorroidali rispetto all'ano, distinguo due forme della malattia:

  • emorroidi interne - situate all'interno del retto anale;
  • emorroidi esterne - situate all'esterno dell'ano.

sintomi

Nel decorso clinico delle emorroidi, ci sono diverse fasi, a seconda della gravità dei principali sintomi della malattia:

  1. Le emorroidi hanno una piccola dimensione e non si manifestano prima della voglia di defecare. Dopo lo svuotamento, possono verificarsi prurito e lieve disagio, associati a una sensazione di scarico incompleto delle feci dal retto. Ci può essere una scarica sanguinolenta dall'ano.
  2. Le emorroidi possono comparire dall'ano quando si sforzano e rientrano all'interno quando si rilassa. I sintomi locali, come prurito, bruciore, dolore nella zona anale, stanno progredendo. Ci sono frequenti casi di secrezione sanguinolenta anale dopo un atto di defecazione o intenso sforzo fisico.
  3. Le emorroidi escono indipendentemente dal fatto che si stiano sforzando o meno, e non possono più tornare alla cavità rettale da sole. Le sensazioni dolorose locali diventano ancora più intense e continue. Il sanguinamento diventa abbondante, che è associato a frequente traumatizzazione involontaria di vasi danneggiati.
  4. Le emorroidi diventano molto grandi. Cadono costantemente e sono già difficili da riposizionare manualmente. In questa fase della malattia non è esclusa la presenza di trombosi dei nodi o della loro necrosi (morte del tessuto di lavoro).

Se una donna ha sofferto di emorroidi prima della gravidanza, allora il rischio che le sue manifestazioni peggiorino dopo il parto aumenta significativamente.

Segni di emorroidi post-partum possono essere difficili da distinguere dai sintomi di lacrime ostetriche o episiotomia (un'incisione perineale chirurgica effettuata durante il periodo di consumo). I punti possono causare dolore e causare false sensazioni da corpo estraneo. Inoltre, dopo il parto, può verificarsi un disturbo psicosomatico, manifestato da sintomi di emorroidi. Pertanto, quando tali segni appaiono, è necessario cercare un aiuto professionale da un proctologo. Solo lui sarà in grado di fare una diagnosi accurata e di elaborare un piano per un trattamento adeguato delle emorroidi post-partum, applicabile per l'allattamento al seno.

motivi

Per le donne incinte e madri di successo, le emorroidi sono il risultato degli effetti compressivi eccessivi del feto sulle vene pelviche. In uno stato di salute, l'apparato valvolare dei vasi venosi umani impedisce il flusso inverso del sangue e lo sviluppo del ristagno. Tuttavia, in caso di malfunzionamento del sistema di valvole delle vene o dei loro danni, questo meccanismo è disturbato e le emorroidi sono una delle conseguenze di un simile processo patologico.

Durante il parto, lo sviluppo del reflusso venoso in una donna è provocato dai seguenti fattori:

Regolazione endocrina. La prima metà della gravidanza è dovuta all'aumento del contenuto nel corpo della futura madre dello specifico ormone progesterone. Il suo scopo principale è quello di preservare il feto e prevenire l'aborto spontaneo dovuto all'attività contrattile uterina. Ecco perché questo ormone ha un effetto rilassante sui suoi muscoli lisci. Le conseguenze di questa azione sono l'indebolimento della peristalsi intestinale. Pertanto, per svuotare, una donna deve spingere di più. A sua volta, un aumento della pressione intra-addominale porta a un eccessivo afflusso di emorroidi, a causa del quale le loro pareti sono tese. Il progesterone contribuisce anche a una significativa riduzione del tono vascolare venoso.

Pressione fetale sugli organi e vasi del bacino. Mentre la gravidanza progredisce, l'utero aumenta di dimensioni, esercitando una pressione significativa sull'intestino e sui vasi sanguigni. Un ruolo importante nella formazione delle emorroidi è la compressione di una grande nave della cavità addominale - la vena cava inferiore. Attraverso il suo sangue venoso dal retto si muove verso il cuore. Se il sangue venoso ristagna regolarmente nei nodi emorroidali a causa della compressione della vena cava inferiore, le pareti dei vasi venosi si espandono e diventano più sottili. In questo caso, dopo la nascita di un bambino, una donna nel retto può sperimentare un sito emorroidario di notevoli dimensioni.

Stile di vita sedentario Durante la gravidanza, molte donne hanno notato un esaurimento e una riduzione delle prestazioni, specialmente nelle ultime settimane di gestazione. Questo fattore contribuisce anche allo sviluppo del ristagno nei vasi pelvici.

Più spesso, le emorroidi si formano subito dopo il parto. Perché sta succedendo questo? Affinché il bambino possa muoversi efficacemente attraverso il canale del parto, durante il periodo di bisogno, la donna deve concentrare tutte le sue forze per sforzare i suoi muscoli addominali con la massima opportunità di allungare e tendere. A causa di ciò, la pressione nella cavità addominale aumenta in modo significativo, il che rappresenta un ostacolo significativo alla normale corrente nei vasi venosi. Quindi, il meccanismo del parto naturale provoca la formazione di emorroidi, anche in quelle donne che non hanno fattori predisponenti.

Inoltre, un ruolo significativo nello sviluppo delle emorroidi è giocato dal fatto che quando passa attraverso il canale del parto, il bambino esercita un'enorme pressione direttamente sul retto e sui vasi adiacenti ad esso.

Se la nascita non è prolungata e passa senza complicazioni, allora c'è la possibilità che la futura gestante possa evitare la comparsa di emorroidi post-partum. Se la lunghezza del periodo era lunga, un allungamento così lungo e intenso può causare la formazione di emorroidi esterne.

diagnostica

La diagnosi di emorroidi postpartum viene effettuata da un proctologo. Per fare una diagnosi accurata, lo specialista usa le seguenti misure:

Raccolta dettagliata di informazioni sul corso della gravidanza e del parto, nonché sulla presenza di questa malattia in qualsiasi membro della famiglia. Il sondaggio aiuterà lo specialista a stabilire le principali lamentele del paziente e il grado della sua gravità, in modo da poter determinare il tipo e lo stadio delle emorroidi post-parto.

Raccolta di una cronologia dettagliata della vita del paziente. Questa procedura diagnostica viene eseguita al fine di identificare possibili fattori precipitanti non correlati alla gravidanza e al parto.

Ispezione della zona anale e esame digitale del retto. Utilizzando questi metodi, il proctologo determina la localizzazione del processo patologico e il grado di aumento delle emorroidi.

Analisi del sangue generale I risultati di questo studio potrebbero indicare lo sviluppo di complicanze emorroidali postpartum, come infiammazione o anemia.

La colonscopia è un metodo endoscopico di diagnostica strumentale, che implica la visualizzazione dello strato interno del retto. Utilizzato per chiarire la diagnosi, nonché per determinare la posizione, il numero e le dimensioni delle emorroidi.

Rectoromanoscopy - esame endoscopico del retto. È usato se i dati ottenuti durante lo studio precedente non erano sufficientemente informativi.

Irrigoscopia: esame a raggi X del colon con l'uso di un mezzo di contrasto. L'esame è prescritto per ottenere informazioni più dettagliate sulla natura del decorso della malattia, nonché se per qualche motivo è impossibile eseguire una colonscopia.

Gastroscopia: esame endoscopico della mucosa gastrica. Questo metodo diagnostico può essere applicato per escludere il sanguinamento dallo stomaco.

Esame ad ultrasuoni degli organi addominali.

Dopo che sono stati effettuati tutti gli studi necessari, lo specialista determinerà infine come e in quale caso curare le emorroidi dopo il parto.

trattamento

Il trattamento delle emorroidi post-partum può essere effettuato con metodi conservativi e chirurgici.

Come curare le emorroidi dopo aver dato alla luce una madre che allatta:

Con l'uso di farmaci per via orale. Con questa diagnosi, la loro azione sarà mirata a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni e migliorare la circolazione venosa. Tali farmaci sono prescritti individualmente, tenendo conto delle caratteristiche del decorso postpartum e del periodo di allattamento.

Attraverso l'uso di farmaci per il trattamento delle emorroidi dopo il parto con effetti locali: supposte rettali, sedersi bagni, unguenti, creme, microcefali, ecc.

Usando metodi di medicina tradizionale. Un tal trattamento di emorroidi dopo parto è possibile solo con l'accordo del medico generico essente presente.

Con l'aiuto di aderire a una dieta speciale.

Più spesso, quando si sceglie un farmaco per il trattamento delle emorroidi dopo la nascita, gli esperti preferiscono supposte e unguenti rettali. Ciò è dovuto alla facilità d'uso di questa forma di dosaggio, alta efficienza e impatto minimo sul corpo femminile nel suo complesso, che è importante durante l'allattamento. Per il trattamento delle emorroidi post-partum sono utilizzati farmaci, i cui principali ingredienti attivi sono le piante medicinali. Non sono in grado di danneggiare un bambino allattato al seno.

Tra gli strumenti più efficaci per il trattamento delle emorroidi post-partum da parte degli esperti sono i seguenti:

Unguento e candele "Sollievo". L'azione di questi fondi mira a eliminare il sanguinamento e altri segni caratteristici delle emorroidi, come prurito, bruciore, dolore. Inoltre, questi farmaci possono alleviare il dolore nelle emorroidi dopo il parto, e hanno anche un effetto antisettico, impedendo in tal modo lo sviluppo di un processo infettivo.

Supposte crema e rettali "Gepatrombin G". Usato quando si verifica una trombosi emorroidaria. Tali strumenti possono impedire la formazione di nuovi coaguli di sangue e contribuire alla dissoluzione di quelli esistenti. Inoltre, hanno effetti anti-infiammatori e cicatrizzanti.

Eparina pomata Aiuta a ridurre l'intensità del processo infiammatorio e previene la formazione di coaguli di sangue.

Pomata Vishnevsky. L'uso di questo farmaco per le emorroidi porta all'eliminazione dell'edema nella zona anorettale, alla diminuzione dell'intensità dello sviluppo del processo infettivo, alla rapida guarigione delle aree danneggiate, alla riduzione del dolore, alla pulizia della pelle danneggiata da pus e particelle morte.

Unguento Fleming. Fornisce effetti locali, venotonici, antibatterici, anestetici e antinfiammatori.

Supposte rettali e pomata Posteris. Promuovere la guarigione delle crepe, rafforzare l'immunità locale e ridurre l'intensità del processo infiammatorio.

Supposte rettali e crema "Procto-Glevenol". Hanno un effetto curativo sulle pareti e sull'apparato valvolare dei vasi venosi. Hanno anche effetti antinfiammatori e analgesici.

Supposte rettali "Natalsid". Ridurre il rischio di sanguinamento. Con l'uso regolare, le candele hanno un effetto intenso sul processo di guarigione dei tessuti danneggiati.

Supposte rettali "Propoli DN". Interferire con lo sviluppo del processo infiammatorio.

Supposte di glicerina Ammorbidire le feci. Utilizzato come profilassi per la stitichezza con emorroidi post-partum.

Tutti questi farmaci sono indicati per il trattamento delle emorroidi post-parto nelle donne durante l'allattamento. Per quelle madri i cui bambini ricevono una nutrizione artificiale, il medico curante può, a sua discrezione, ampliare la lista dei farmaci.

Uno dei principali metodi di medicina alternativa nel trattamento delle emorroidi post-partum è la produzione di supposte rettali a casa utilizzando piante medicinali (ad esempio propoli, olivello spinoso ecc.). Anche il miele, le patate e il lardo possono diventare un materiale così naturale. Quando si scelgono rimedi popolari per il trattamento delle emorroidi post-partum, è necessario consultare un medico.

Inoltre, è possibile utilizzare sedersi bagni o microcliter con l'aggiunta di erbe medicinali. Durante l'allattamento è altamente indesiderabile usare una varietà di tè alle erbe e infusi di erbe.

Quando si effettua una diagnosi di "emorroidi post-parto", oltre al trattamento principale, i medici raccomandano di osservare una dieta speciale, fornendo un menu ricco di fibre alimentari a fibra grossolana. Una delle sue funzioni nel corpo umano è la partecipazione diretta al processo di adsorbimento (concentrazione) dell'acqua nell'intestino. Se questo meccanismo procede senza disturbi, le feci si ritirano regolarmente e la donna non soffrirà di stitichezza.

I seguenti prodotti sono ricchi di fibre: cereali, farina d'avena, orzo e fiocchi di mais, cereali integrali e farina grossolana, fagioli, frutta secca, bacche.

L'uso sistematico di acqua minerale ha un effetto benefico sull'attività intestinale, con un aumento delle emorroidi, è meglio assumere medie e altamente mineralizzate. Le acque minerali contenenti ioni magnesio e solfato, ad esempio Moskovskaya e Essentuki, hanno un effetto particolarmente positivo nel trattamento di questa patologia.

Cosa dovrebbe fare una donna con le emorroidi dopo il parto e la stitichezza durante l'allattamento? È importante includere nei prodotti dietetici quotidiani che hanno un effetto lassativo. Questi includono: prugne, olio d'oliva, semi di lino, ecc. Ma non si dovrebbero assumere farmaci che hanno un effetto lassativo senza la prescrizione speciale di un medico.

Inoltre, per rendere la terapia più efficace, è necessario limitare o abbandonare completamente l'uso dei seguenti prodotti: carne affumicata e prodotti ittici, cibi fritti, spezie, cioccolato, tè nero forte, bevande gassate dolci, sale da cucina, bevande forti. L'accettazione dell'alcol porta all'espansione dei vasi venosi del retto, che possono aggravare il decorso della malattia. L'uso di spezie piccanti provoca un forte afflusso di sangue ai vasi del retto, che può essere la causa della progressione delle emorroidi.

Se i metodi conservativi di trattamento delle emorroidi post-partum non portano il risultato desiderato, allora i medici raccomandano la correzione chirurgica della patologia. Esistono diversi tipi di trattamento chirurgico:

Criodistruzione: rimozione chirurgica delle emorroidi mediante una criosonda, attraverso la quale l'azoto liquido entra nell'area patologica. A causa di ciò, i nodi emorroidali ingranditi si congelano e muoiono.

L'elettrocoagulazione è un metodo minimamente invasivo per il trattamento delle emorroidi post-parto. La sua essenza consiste nella rimozione delle emorroidi con l'aiuto della corrente elettrica.

La scleroterapia è uno dei metodi di trattamento delle emorroidi interne. Viene eseguito con l'aiuto di un anoscopio, che consente di illuminare l'area di impatto. Durante la procedura, lo specialista introduce una sostanza speciale che distrugge il centro dell'ingrandimento patologico delle vene.

Legatura con anelli di lattice è un metodo per il trattamento delle emorroidi post-partum, che è quello che un anello di lattice speciale è messo sulla emorroidi allargata. Travolge le emorroidi, impedendo il normale flusso di sangue alla nave. Ciò porta alla necrosi del nodo e dopo alcuni giorni scompare.

Emorroidectomia: rimozione chirurgica delle emorroidi.

Le emorroidi possono passare da sola dopo il parto? Certo, ci sono casi in cui la malattia scompare senza l'uso di droghe e altre procedure terapeutiche. Tuttavia, quando appaiono le emorroidi, è meglio non aspettare e vedere ancora un medico per alleviare la tua condizione ed evitare lo sviluppo di complicanze.

complicazioni

Senza un trattamento tempestivo delle emorroidi postpartum, possono verificarsi vari fenomeni patologici:

  • rapida progressione dei sintomi;
  • lo sviluppo di un processo infiammatorio purulento affilato (con la clinica di ubriachezza locale che unisce i sintomi locali);
  • anemia persistente (se le emorroidi post-partum sono costantemente sanguinanti);
  • la formazione di tumori maligni nel retto;
  • la diffusione dell'infezione nei tessuti circostanti;
  • pizzicando i nodi emorroidali che cadono fuori dalla cavità rettale dallo sfintere anale. Se in tale situazione il trattamento appropriato non viene eseguito in tempo, il tessuto bloccato della nave inizierà a morire.

prevenzione

Al momento, non è stato ancora sviluppato un metodo affidabile per evitare il verificarsi di emorroidi direttamente durante il travaglio. Il maggior rischio di sviluppare questa malattia si verifica nella seconda fase del travaglio (pougna). In questa situazione, si consiglia di rilassare gli intervalli tra i tentativi, per quanto possibile, poiché un eccessivo sforzo può portare non solo allo sviluppo di emorroidi, ma anche alla rottura di tessuti molli e sanguinamento.

Le principali azioni preventive volte a prevenire le emorroidi postpartum dovrebbero essere effettuate durante la gravidanza. Queste misure includono:

Stabilire una dieta equilibrata. Le porzioni dovrebbero essere piccole. Assicurati che nella dieta sia richiesta la presenza di prodotti contenenti fibre grossolane, in modo da non provocare la comparsa di stitichezza.

Esercizi speciali regolari per rafforzare i muscoli del perineo. In questo modo, una donna può minimizzare il rischio di rottura ed emorroidi durante i tentativi.

Ginnastica (se non ci sono controindicazioni). Non solo rafforzano i muscoli, ma migliorano anche la microcircolazione vascolare in generale.

Rifiuto di sollevare oggetti pesanti. Questo può causare non solo un aumento delle emorroidi, ma anche un aborto spontaneo.

Le emorroidi dopo il parto disturbano quasi ogni altra donna. La prevenzione durante la gravidanza può ridurre significativamente il rischio di sviluppare questa patologia, ma non garantisce in modo assoluto che dopo la nascita di un bambino una donna non senta di avere emorroidi ingrossate. In questo caso, un trattamento tempestivo e competente può non solo alleviare in modo significativo la condizione, ma anche eliminare la minaccia di complicanze. Pertanto, quando compaiono i sintomi delle emorroidi, non deve ritardare la visita dal medico.

http://myvenerolog.ru/poslerodovoy-gemorroy-prichiny-simptomy-lechenie/

Come curare le emorroidi dopo il parto, cosa fare ai primi sintomi?

Con la nascita di un bambino, la vita di ogni donna è piena di nuove preoccupazioni e gioie. Ma spesso il periodo postpartum è offuscato da un problema così delicato come le emorroidi.

Nelle donne, le emorroidi dopo la nascita non sono rare. Di solito, si dichiara anche durante la gravidanza a causa di cambiamenti nel corpo della donna: l'utero in crescita mette sotto pressione l'area all'interno del peritoneo, il che rende il deflusso sanguigno difficile per le vene del retto. Contribuisce allo sviluppo della malattia e ad uno stile di vita sedentario, aumentando il peso, una dieta povera e, di conseguenza, la stitichezza.

Dopo la nascita, una nuova malattia inizia a peggiorare. Tuttavia, non tutto è così spaventoso. Con l'osservanza di semplici regole con questa malattia, puoi affrontare in modo rapido ed efficace nei primi mesi dopo il parto.

Emorroidi - espansione patologica e infiammazione delle vene del retto, questa malattia è molto comune e familiare a quasi tutti. Di norma, la donna nota i primi sintomi della malattia anche durante la gravidanza.

Trasportando un bambino, una donna sperimenta un carico sempre crescente sugli organi pelvici, a seguito della quale l'afflusso di sangue agli organi viene disturbato e la congestione si sviluppa, contribuendo alla comparsa di emorroidi.

Se durante la gravidanza la gestante può avvertire solo un lieve disagio, dopo il parto il problema peggiora. Perché le emorroidi gravi compaiono dopo il parto e quali sono le cause che provocano l'aggravamento della malattia?

Cause di emorroidi dopo il parto

  1. Le emorroidi iniziano a svilupparsi durante la gravidanza. A questo punto, il carico sugli organi interni aumenta e la pressione intra-addominale aumenta in modo significativo. L'utero in crescita è in grado di pizzicare i vasi venosi principali, il che porta a una alterata circolazione sanguigna e provoca ristagni nelle vene del retto.
  2. Un ruolo importante è giocato da cause fisiologiche, in particolare stitichezza, che spesso perseguitano una donna durante la gravidanza. Ciò è dovuto a un cambiamento nella dieta e nello stile di vita sedentario.
  3. La comparsa di emorroidi può essere causata da predisposizione ereditaria e debolezza congenita della parete venosa.
  4. Cambiamenti nello sfondo ormonale possono provocare la comparsa di emorroidi.
  5. Una esacerbazione della malattia può causare un travaglio difficile e protratto, che dura più di 12 ore e un periodo di peso prolungato.

Durante la gravidanza, la futura mamma guadagna da 10 a 15 chilogrammi, che diventa un ulteriore fattore precipitante che porta allo sviluppo di emorroidi. Nel processo del parto, il problema è esacerbato, il sovraccarico del sistema muscolare perineale e i forti tentativi possono portare alla perdita di emorroidi esterne e di esacerbazione della malattia.

Così, ogni donna incinta che soffre di emorroidi, cade automaticamente nel gruppo a rischio dopo il parto. Quali sintomi dovrebbero essere prestati attenzione e cosa fare se le emorroidi compaiono dopo il parto?

Sintomi - foto

L'esacerbazione delle emorroidi dopo il parto riduce significativamente la qualità della vita e dà alla giovane madre un significativo disagio. Dando tutto il potere di prendersi cura di un bambino appena nato, una donna è contemporaneamente costretta a lottare con i sintomi dolorosi della malattia.

Di regola, le prime manifestazioni di patologia compaiono nell'ospedale. Questo è associato a una diminuzione del tono e della motilità intestinale debole dopo il parto. L'accumulo di feci nell'intestino porta a stitichezza e aumento del ristagno negli organi pelvici.

Di conseguenza, le emorroidi già esistenti aumentano di dimensioni e si infiammano. I sintomi caratteristici delle emorroidi cominciano ad apparire:

  • Sensazione di pesantezza nell'area anale
  • Disagio permanente, bruciore e prurito nell'ano
  • Sensazione di corpo estraneo nel retto
  • Dolore durante le feci
  • L'aspetto del sangue durante i movimenti intestinali

Le emorroidi possono essere sia esterne che interne. Nelle emorroidi interne, i nodi si infiammano all'interno del retto. Per le forme esterne, la caduta dei nodi è tipica: nascite severe e complicate possono causare una tale condizione.

Quando compaiono i primi sintomi di emorroidi, la giovane madre non deve essere ritardata nel contattare un medico. Molte donne sono interessate a, lui emorroidi dopo il parto? Sicuramente puoi dire che non passerà. Ignorare i problemi o cercare di curare te stesso può portare a complicazioni e alla transizione della malattia in una forma cronica.

L'appello al proctologo aiuterà a risolvere il delicato problema, il medico selezionerà i farmaci necessari, tenendo conto delle condizioni individuali del paziente. Una giovane madre dovrebbe ricordare che quando allatta al seno molti medicinali possono avere un impatto negativo sulla salute del bambino, quindi solo un medico può scegliere le medicine sicure e spiegare come trattare le emorroidi dopo il parto.

Trattamento delle emorroidi nel periodo postpartum

Il trattamento per le emorroidi dopo aver dato alla luce una donna dovrebbe iniziare il prima possibile. Il fatto è che questa malattia danneggia seriamente la salute della madre, compresa quella mentale. Le impedisce di riprendersi più velocemente, di affrontare la depressione postpartum e di prendersi cura del bambino.

Inoltre, il sanguinamento persistente nel retto esacerba ulteriormente l'anemia postpartum. Di conseguenza, la donna si sente costantemente stanca e questo influisce sulla qualità del latte materno e quindi sulla salute del bambino. Il latte può persino scomparire del tutto se l'anemia diventa troppo forte.

Le emorroidi dopo il parto non dovrebbero diventare un ostacolo alla maternità felice. Durante questo periodo cruciale, i medici usano metodi di trattamento delicati e anche nei casi più gravi, con segni di emorroidi esterni allo stadio 3-4, cercare di evitare il trattamento chirurgico e rimandarlo per un periodo successivo.

Dopo il parto, la scelta dei farmaci deve essere affrontata con estrema cautela. La priorità è data a tali farmaci, che non possono avere un impatto negativo sul bambino, i loro principi attivi non dovrebbero penetrare nel flusso sanguigno della madre e con esso nel latte materno. Molti prodotti potenti contenenti ormoni durante questo periodo sono controindicati.

La preferenza è data a mezzi su base naturale, non contenenti componenti chimici. Non sono meno efficaci e possono essere utilizzati per il trattamento delle emorroidi dopo il parto durante l'allattamento. Poiché la maggior parte delle droghe è vietata durante questo periodo, le supposte e gli unguenti rettali rimangono i farmaci più popolari e rilevanti. Ti dico di più su di loro

Emorroidi Pomata

L'unguento per emorroidi dopo il parto dovrebbe avere i seguenti effetti terapeutici:

  • Elimina il dolore
  • Combattere il processo infiammatorio
  • Elimina irritazioni e prurito nella regione anorettale.
  • Prevenire lo sviluppo di sanguinamento dal retto.
  • Per aiutare a rafforzare il tono delle vene.
  • I principi attivi del farmaco non devono penetrare nel sangue e nel latte materno.

L'industria farmaceutica produce una vasta gamma di farmaci topici che soddisfano questi requisiti.

  1. Troxevasin (pomata, crema) - usato per il trattamento di emorroidi esterne. Il farmaco ha un effetto venoprotettivo, rafforza i piccoli vasi sanguigni, riduce il processo infiammatorio, allevia il prurito, elimina il gonfiore. Ha un minimo di controindicazioni ed effetti collaterali.
  2. Hepatrombin G - la migliore pomata per le emorroidi dopo il parto. L'unguento contiene eparina e allantoina. Il principio attivo eparina aiuta a ridurre la coagulazione del sangue, iniziando così il processo di riassorbimento dei coaguli di sangue e previene la comparsa di nuovi. L'allantoina ha un effetto antinfiammatorio pronunciato. In generale, il farmaco ha proprietà rigeneranti e stimola la guarigione dei tessuti danneggiati.
  3. Relief Ultra, Advance Relief (pomata, crema, gel) - contiene olio di fegato di squalo e benzocaina. L'olio di fegato di squalo sopprime l'infiammazione e ha un effetto di guarigione della ferita. La benzocaina è un forte anestetico che rimuove il sintomo del dolore. Il farmaco può essere usato per trattare varie forme di emorroidi (interne, esterne e di combinazione).
  4. Unguento eparina - spesso prescritto per il trattamento delle emorroidi post-parto. La base del farmaco è l'eparina, che ha un'azione antinfiammatoria e riassorbibile. L'unguento aiuta a rafforzare il tono vascolare e previene la formazione di coaguli di sangue.
  5. Bezornil - unguento contiene muschio (artificiale), borneolo, perle, ambra, bezoario artificiale, carbonato di zinco. Il farmaco ha un'azione analgesica, rigenerante, antiedematosa, astringente. L'uso dell'unguento consente di fermare il dolore, eliminare irritazioni e prurito, prevenire lo sviluppo di sanguinamento.
  6. Fleming Unguento è un rimedio omeopatico che contiene estratto di ippocastano, amamelide e calendula, mentolo, ossido di zinco. Ha un lieve effetto anestetico, combatte l'infiammazione e promuove la guarigione dei tessuti danneggiati. L'unguento ha un effetto antibatterico ed essiccante, è consigliato per il trattamento di emorroidi esterne.
  7. Unguento Vishnevsky - contiene tre componenti: catrame di betulla, antisettico e olio di ricino. Affronta bene i sintomi del processo infiammatorio, quando applicato forma un film grasso che impedisce la penetrazione di aria, che stimola la rapida rigenerazione e la guarigione dei tessuti.
  8. L'unguento Ittiol a base di ichthammol ha un effetto anestetico e antinfiammatorio pronunciato, guarisce bene le ragadi anali.
Candele per il trattamento delle emorroidi dopo il parto

La principale difficoltà nel trattamento delle emorroidi durante l'allattamento al seno è il rischio di penetrazione di sostanze attive nel latte materno. Tali farmaci come le candele Anuzol e belladonna contengono un estratto della pianta velenosa belladonna, che può causare danni irreparabili alla salute del bambino.

Pertanto, la scelta di un mezzo sicuro deve essere affidata a uno specialista, egli selezionerà il farmaco desiderato che può effettivamente fermare i sintomi dolorosi e non danneggiare il bambino. I mezzi più affidabili per il trattamento delle emorroidi interne dopo il parto sono:

  • Candele con olio di olivello spinoso. Queste sono le candele più popolari per le emorroidi dopo il parto. Il farmaco ha un potente effetto rigenerante, riduce l'infiammazione, elimina bruciore e prurito e guarisce bene le mucose. Le candele con olivello spinoso sono utilizzate per il trattamento di emorroidi interne, ragadi anali e ulcere del retto. Questo è un rimedio sicuro con un minimo di controindicazioni, le supposte sono ammesse per il trattamento delle emorroidi durante l'allattamento, poiché non ci sono sostanze dannose per il bambino nella loro composizione.
  • Posterizan (supposte rettali) - il preparato contiene Escherichia coli inattivato, che aiuta ad aumentare l'immunità locale e aiuta l'organismo a far fronte al processo patologico stesso. Le candele hanno effetto di guarigione della ferita, contribuiscono al rafforzamento dei vasi sanguigni. Le sostanze attive non vengono assorbite nel sangue e non penetrano nel latte materno, il che consente l'uso del farmaco durante l'allattamento.
  • Candele Advance Relief, Relief Ultra. Hanno effetto analgesico, cicatrizzante, emostatico. Il principio attivo del farmaco risponde bene all'infiammazione, stimola l'immunità locale. Candele rettali È permesso l'uso di sollievo durante l'allattamento, ma il trattamento deve essere sotto la supervisione di un medico, poiché sono possibili reazioni allergiche a uno dei componenti (olio di fegato di squalo).
  • Hepatrombin G (supposte rettali) - eparina, polidocanolo e prednisolone acetato sono inclusi nelle supposte. Il farmaco ha effetto antiprurito, antitrombotico e antiedemico, affronta l'infiammazione e aiuta a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni. L'eparina risolve i coaguli di sangue esistenti e previene l'emergere di nuovi, accelera il processo di guarigione a causa dell'indurimento delle vene allargate. Il prednisolone allevia bene il gonfiore, allevia il prurito. Il polidocanolo ha un effetto anestetico pronunciato.
  • Procto-Glevenol (supposte) - il farmaco contiene lidocaina e tribenozide, queste sostanze hanno un effetto anestetico locale, anti-infiammatorio e antiprurito. L'uso del farmaco nelle emorroidi interne può migliorare la microcircolazione del sangue, rafforzare le pareti dei capillari e aumentare il tono delle vene del retto.
  • Candele con calendula - una preparazione naturale per un estratto vegetale di una pianta medicinale. Il suo scopo principale è quello di guarire crepe e ferite. Le candele di calendula sono utilizzate con successo per la guarigione delle ragadi anali e altre lesioni della mucosa rettale. Il farmaco non ha praticamente controindicazioni ed è approvato per l'uso in donne in gravidanza e in allattamento.
  • Candele Natalcid - il principio attivo del farmaco è un polisaccaride naturale, estratto da alghe. Ha un effetto emostatico e riparativo pronunciato, combatte attivamente l'infiammazione e si occupa rapidamente dei sintomi delle emorroidi. Candele Natalsid prescritte per le emorroidi croniche, accompagnate da sanguinamento, fratture del retto e complicanze delle emorroidi (proctosigmoidite). Il farmaco naturale non ha praticamente controindicazioni ed è approvato per il trattamento delle emorroidi dopo il parto.

Per le emorroidi post partum caratterizzate da un decorso acuto. I sintomi iniziali (prurito e fastidio all'ano) sono rapidamente complicati dalla comparsa di emorroidi ingrossate e infiammate. L'atto di defecazione diventa estremamente doloroso ed è spesso accompagnato da sanguinamento dall'ano.

Affrontare rapidamente le manifestazioni delle emorroidi, per prevenirne l'ulteriore sviluppo e l'insorgenza di complicazioni, non solo aiuterà la terapia farmacologica, ma anche l'adattamento dello stile di vita. Gli esperti consigliano a una giovane madre di fare esercizi speciali che rafforzano i muscoli del pavimento pelvico e seguono una dieta specifica volta ad eliminare la stitichezza e normalizzare il lavoro del tratto digestivo.

Dieta e corretta alimentazione

Oltre alle cure mediche, alle donne verrà consigliato di seguire una dieta speciale con un alto contenuto di fibre. Nella dieta dovrebbe essere il più possibile verdure fresche e frutta.

Le fibre aumentano la motilità intestinale e prevengono la stitichezza. Va tenuto presente che se una donna allatta al seno un bambino, non è desiderabile usare alcuni frutti (ad esempio gli agrumi), possono causare allergie nel bambino.

È necessario escludere dalla dieta cibi grassi, fritti, ipercalorici, abbandonare cibi piccanti, salati, sottaceti e carni affumicate. Non appoggiarsi al cioccolato, al pane bianco, ai pasticcini, al caffè, alle bevande gassate dolci.

Gli esperti consigliano di includere nel menu del giorno:

  • insalate di verdure condite con olio vegetale
  • brodi a basso contenuto di grassi,
  • carne dietetica (vitello, pollo, coniglio),
  • prodotti a base di latte fermentato.

Le verdure con fibre grossolane (cavoli, ravanelli, ravanelli, mais) e legumi devono essere eliminate, contribuiscono all'eccessiva formazione di gas e influenzano negativamente i processi di digestione. Per eliminare efficacemente la stitichezza, si consiglia di bere di più:

Il giorno in cui hai bisogno di bere almeno 1,5 - 2 litri di liquido. È meglio cucinare il cibo con il vapore, lo stufato o la cottura.

Come curare le emorroidi dopo la nascita con uno stile di vita e igiene attivo

Oltre alla dieta, il medico consiglierà alla donna di muoversi di più, fare lunghe passeggiate ed eseguire esercizi speciali a casa, che aiuteranno a ripristinare il normale flusso sanguigno verso gli organi pelvici e rimuovere una delle principali cause della malattia.

Il complesso di misure terapeutiche fornisce rapidamente un effetto positivo e aiuta a far fronte alle manifestazioni delle emorroidi. Dopo essersi sbarazzata dei sintomi dolorosi, una donna può dedicare tutta la sua attenzione alla cura di un neonato.

Necessario con emorroidi e igiene. Con i nodi esterni infiammati, ogni volta dopo una sedia deve essere lavato con acqua fredda. Allevia l'infiammazione e il dolore. È meglio usare carta igienica bagnata o almeno morbida.

Va ricordato che con la malattia i bagni caldi e le saune sono controindicati, sono utili i bagni caldi con decotto di erbe (camomilla, foglie di salvia, corteccia di quercia, fiori di calendula).

Rimedi popolari

Basta e ricette di medicina tradizionale, con successo alle prese con le fasi iniziali delle emorroidi. Ma con loro dovresti stare attento, non sempre consigli e consigli letti in alcuni forum o su riviste possono essere utili. Accade spesso che raccomandazioni innocue possano danneggiare la salute e aggravare la situazione. Pertanto, assicurati di pre-discutere le tue prescrizioni preferite con il tuo medico.

Una delle ricette sicure per il trattamento delle emorroidi durante l'allattamento al seno sono le seguenti:

  1. Tre volte al giorno bevono mezzo bicchiere di succo di sorbo fresco, lavato con acqua. O 30 minuti prima dei pasti ogni volta che bevono un bicchiere di cavolo sottaceto.
  2. Per il lavaggio utilizzare un decotto di foglie di fragolina.
  3. Di notte, puoi inserire 2 ml di olio di cedro nell'ano con una siringa monouso o inserire un tampone di cotone imbevuto di succo di celidonia nell'ano. Anche per lozioni utilizzare un decotto di spine o un decotto di erba equiseto.
  4. Se le emorroidi sono già apparse sanguinanti, puoi prendere un cucchiaino di succo di erbe di cetriolo o succo di fumo della droga.

Pertanto, per il trattamento o, come minimo, per alleviare la salute delle emorroidi, è sufficiente mangiare correttamente, prevenire la stitichezza, monitorare l'igiene, condurre uno stile di vita attivo e, soprattutto, consultare un medico in tempo.

Recensioni sul trattamento delle emorroidi dopo il parto

Rivedere №1

Ho avuto emorroidi dopo il parto, la condizione era semplicemente orribile. Cosa fare Il bambino era irrequieto, piangeva costantemente e non potevo nemmeno sedermi a lungo, perché tutto mi faceva male. I coni erano infiammati, il sangue scorreva quando gli intestini venivano svuotati dall'ano, ogni movimento intestinale era agonia.

Inoltre, ero tormentato dalla stitichezza. Il dottore prescrisse candele Natalcid, l'unguento di Fleming, microclittori con decotti di erbe medicinali. Ho allattato il bambino, ma il proctologo ha assicurato che questi farmaci sono sicuri.

Cominciò a essere curata, mise le candele due volte al giorno, applicò un unguento per la notte. Presto sentii molto sollievo, il sanguinamento scomparve, i nodi diminuirono, il dolore scomparve. Ora su emorroidi da lungo tempo dimenticate.

Rivedi il numero 2

Dopo il parto, si è verificato un problema con l'intestino, la stitichezza ha iniziato a tormentarmi, poi ho iniziato a sentire disagio nell'ano, e il prurito e la sensazione di un corpo estraneo costantemente seguito. Quando si svuota l'intestino inizia a sentire dolore.

Sono andato dal proctologo, ha consigliato una dieta speciale e candele Procto-Glevenol. Il trattamento ha dato un risultato positivo, il dolore è scomparso, ha cominciato a sentirsi molto meglio. La dieta ha contribuito a migliorare le viscere e alleviare la stitichezza.

Rivedi il numero 3

Le emorroidi sono fuoriuscite prima della nascita. Dopo la nascita del bambino, il processo si aggravò, i nodi infiammati uscirono, molto malati, nell'ano, la pelle diventò rossa e gonfia.

E 'stato trattato con unguenti, in quanto alimentava il bambino ed era impossibile usare droghe potenti. L'eparina usata, è abbastanza efficace e allevia bene l'infiammazione. Inoltre, ha trattato i nodi infiammati con gel Relief. Il trattamento ha aiutato, l'aggravamento è stato rimosso.

http://stopgemor.ru/lechenie-gemorroya-posle-rodov/

Tutto sul perché appare e su come trattare correttamente le emorroidi esterne dopo il parto e l'allattamento al seno di un bambino

Gli esperti dicono che negli ultimi anni, le emorroidi sono diagnosticate in pazienti sempre più spesso. Una categoria speciale di pazienti sono giovani madri nel periodo postpartum.

Le complicazioni durante la gravidanza e il parto portano al verificarsi di emorroidi.

La malattia porta grande disagio alla giovane madre, circondata da molte nuove preoccupazioni. Cosa fare e come trattare questo disturbo? Leggi nel materiale.

Che cosa sono le emorroidi esterne?

Le emorroidi sono una malattia infiammatoria in cui le vene del plesso emorroidario sono dilatate. In poche parole, si formano dossi di varie dimensioni nell'area del cavallo. Le emorroidi esterne sono diverse in quanto i sigilli si formano all'esterno del retto, sotto la pelle attorno all'ano. In remissione, non causa disagio, ma durante un'esacerbazione il paziente è molto preoccupato.

Perché appare dopo il parto e durante l'allattamento?

Nelle giovani madri, le emorroidi esterne dopo la nascita appaiono abbastanza spesso. Molte persone pensano che la ragione per il comportamento scorretto della donna in travaglio o gli errori del personale medico. Questo è un giudizio sbagliato.

Infatti, le emorroidi si sviluppano spesso durante la gravidanza. La malattia ha diverse fasi. Nelle fasi iniziali si verifica una dilatazione asintomatica dei vasi venosi.

Ma prurito, sanguinamento, dolore nel perineo iniziano a disturbare una donna poche settimane o mesi dopo l'insorgenza della malattia. Questo stadio della malattia spesso si verifica solo nel periodo postpartum.

Si scopre che la gravidanza stessa è l'impulso per lo sviluppo di emorroidi. L'utero aumenta e preme sugli organi del peritoneo, compreso il retto.

Il sangue venoso dell'area pelvica ristagna, portando a un processo infiammatorio. E si formano le emorroidi. Durante i tentativi generici, è solo aggravato e appare davanti alla giovane madre in tutta la sua "bellezza".

Le cause principali delle emorroidi postpartum:

  • stile di vita sedentario.
  • Stitichezza frequente
  • Cambiamenti ormonali.
  • Lavoro pesante
  • Sovrappeso.

Sintomi di emorroidi esterne

Con emorroidi esterne, i pazienti si lamentano di prurito, dolore all'ano. Alcune persone notano sangue sulla carta igienica, sensazione di corpo estraneo e movimento intestinale incompleto. Anche con tali sintomi spiacevoli, alcune donne pospongono una visita dal medico e si automedicano.

In questo caso, la malattia può andare in una fase più seria. Le protuberanze emorroidali possono aumentare di dimensioni, cadere dall'area dell'ano verso l'esterno quando si visita il bagno o lo sforzo fisico.

La forma lanciata di emorroidi è difficile da curare senza chirurgia. Pertanto, non ritardare una visita dal medico quando compaiono i primi sintomi di emorroidi. Solo uno specialista può assegnarti un trattamento complesso competente.

Che cosa significa eliminare questo disturbo più adatto?

Il requisito più importante delle giovani madri affette da emorroidi è la sicurezza dei farmaci durante l'allattamento. Consentito durante l'allattamento, la maggior parte degli unguenti e supposte per le emorroidi. Fanno un ottimo lavoro con il problema, non vengono assorbiti nel flusso sanguigno generale e non penetrano nel latte materno.

Ma le emorroidi richiedono un trattamento complesso. Dovrebbe includere la correzione della condizione con l'aiuto di preparazioni venotoniche. Spaventa spesso le giovani mamme. Pertanto, se la malattia non ha ancora raggiunto uno stadio grave, il medico può posticipare l'uso di pillole speciali fino alla fine dell'allattamento.

Una giovane madre ha bisogno di ricordare che d'ora in poi è responsabile non solo della sua salute, ma anche della salute del suo bambino. Pertanto, non è necessario impegnarsi in auto-trattamento. Questo può non solo danneggiare il bambino, ma anche peggiorare la salute della madre.

Come trattare questa malattia?

La maggior parte delle neo mamme dopo la nascita e l'allattamento usano candele e unguenti. Sono convenienti da usare, facilitano rapidamente le condizioni e sono sicuri per il bambino.

"Sollievo"

Forse il farmaco più pubblicizzato e comune per le emorroidi. Contiene estratto di fegato di squalo. Questo ingrediente naturale allevia rapidamente il dolore e aiuta a curare la malattia. Come parte di vitamine presenti anche, rame, zinco, ferro. Una composizione così ampia consente al farmaco di sostituire molti altri analoghi.

"Sollievo" è meglio usare in un modo complesso - applicare immediatamente e unguento e candele. Con forme aperte esterne di emorroidi, è possibile applicare le applicazioni Mzayu "Relief". Per fare questo, ogni confezione contiene un consiglio rettale. Grazie a lui, l'unguento può essere facilmente applicato all'interno del retto. Quindi la ripresa arriverà molto più velocemente.

Supposte di olio di olivello spinoso

Questo farmaco naturale è preferito da molte giovani madri. Il suo vantaggio più importante è naturale al 100%. Quindi, nessun effetto collaterale oltre alle allergie e intolleranza personale al componente. La candela si dissolve molto rapidamente, quindi è meglio usarli di notte.

Le candele di olivello spinoso aiuteranno a curare rapidamente le emorroidi e le ragadi anali. Hanno azione anti-infiammatoria e antibatterica. Le candele di olivello spinoso prevengono la stitichezza. Le candele possono essere utilizzate per la profilassi, nel periodo di remissione della malattia.

"Neo-Anuzol"

Questo farmaco con una formula migliorata rispetto alle candele "Anuzol". Non contiene estratto di belladonna e quindi è completamente sicuro durante la gravidanza e l'allattamento.

Contiene ossido di zinco, che ha un effetto essiccante e antinfiammatorio. L'abbronzatura ha un effetto abbronzante, mentre lo iodio agisce come un antisettico.

Neo-Anuzole è sicuro da usare ed efficace. Come qualsiasi farmaco, può causare reazioni allergiche. Altri casi di effetti collaterali non sono registrati.

"Posterisan"

Una caratteristica del farmaco è che contiene cellule inattivate di Escherichia coli. A causa di ciò, non vi è alcun impatto negativo sulla microflora intestinale. Piuttosto, il farmaco attiva l'immunità locale. L'uso di candele aumenta il tasso di overgrowing delle ferite, previene infcirovanie.

È meglio applicarlo completamente - candele e unguenti. Quindi l'effetto clinico sarà raggiunto più velocemente. Importante: durante il trattamento con Posterizan non è possibile utilizzare altre supposte rettali. Altrimenti, gli unguenti si disattivano a vicenda e cessano di agire.

Procto-Glivenol

I principali ingredienti attivi delle candele sono Tribenozid e Lidocaina. Tribenozid aumenta il tono dei vasi sanguigni e combatte l'infiammazione. La lidocaina ha un eccellente effetto analgesico.

A causa dell'efficacia e del sollievo quasi istantaneo dal dolore, il farmaco è molto popolare. Procto-Glevenol è disponibile sotto forma di unguenti e supposte. Applicare il farmaco durante la gravidanza e l'allattamento può essere sotto la supervisione del medico curante.

Gepatrombin-G

Il principale principio attivo eparina impedisce la formazione di coaguli di sangue, riduce il gonfiore. La composizione dell'unguento e delle candele contiene anche antidolorifici e componenti antiallergici. L'epatombina-G è efficace, ma dovrebbe essere usata con attenzione. Se si applicano troppe candele o unguenti, è possibile rallentare la rigenerazione dei tessuti.

I medici prescrivono questo farmaco durante la gravidanza e l'allattamento con cautela. Inoltre, insieme al farmaco Gepatrombin-G, esiste Gepatrombin. Per il trattamento delle emorroidi, è assolutamente impossibile usare la Gepatrombina. Controllare attentamente l'imballaggio al momento dell'acquisto e consultare il proprio medico prima dell'uso.

Natalsid

Un prodotto naturale contenente alginato di sodio. Questa sostanza è ottenuta dalla lavorazione di alghe di alghe. L'alginato di sodio ha un effetto emostatico e antinfiammatorio.

Un componente importante è l'acido ialuronico. Regola la divisione cellulare e promuove la divisione attiva delle cellule rettali sane. L'acido alginico nella composizione avvolge le emorroidi e allevia il dolore.

Poiché il farmaco è completamente naturale, è ufficialmente approvato durante la gravidanza e l'allattamento. La sua efficacia e sicurezza sono clinicamente provate.

Controindicazioni all'uso di unguenti e supposte durante l'allattamento

Il principio principale della terapia per le emorroidi nel periodo postpartum è l'efficienza e la sicurezza. È preferibile utilizzare prodotti naturali e combinare il loro uso con metodi di trattamento tradizionali.

Le emorroidi del primo e del secondo stadio sono eccellenti per il trattamento. Le forme più avanzate della malattia saranno più difficili da eliminare. A volte possono essere necessarie terapie chirurgiche o minimamente invasive.

Non ritardare il viaggio dal medico. Solo lui può raccogliere medicine, unguenti e supposte competenti. Insieme al trattamento, cerca di adattare lo stile di vita. Non è facile per una giovane madre, ma prova a muoverti di più, cammina all'aria aperta. E assicurati di monitorare la tua dieta.

Per prevenire le emorroidi e curare più velocemente, è necessario:

  1. mangiare più frutta e verdura
  2. Mangia cibi che contengono fibre.
  3. Mangi i piccoli pasti.
  4. Bevi abbastanza liquidi.
  5. Cerca di mantenere uno stile di vita attivo.

Lascia che le emorroidi si ritirino il più rapidamente possibile e non offusca la gioia della maternità felice! Ti benedica!

Video utile

Emorroidi dopo il parto: sintomi, cosa fare e come trattare

http://bezgemorroya.com/vidyi/naruzhnyiy-g/posle-rodov-i-v-period-vskarmlivaniya

Se le emorroidi si sviluppano dopo il parto - per sopportare o trattare?

Il parto è un grosso peso per il corpo. I cambiamenti fisiologici mirano a preservare la gravidanza e a fornire al feto tutte le sostanze necessarie. Non sempre va a vantaggio della futura madre. L'aumento delle dimensioni del bambino e dell'utero in crescita, non solo sposta molti organi, ma può anche comprimerli, interrompere il flusso sanguigno. Il sistema venoso soffre di più.

Molte condizioni scompaiono dopo la nascita del bambino, e alcune richiedono un trattamento. Spesso, i segni di emorroidi dopo la nascita non vanno da nessuna parte e possono persino aumentare. La consegna stessa attraverso percorsi naturali porta a questo. Cosa fare se c'è un tale problema, perché molti farmaci sono vietati alle madri che allattano?

Qual è la peculiarità della malattia

Le emorroidi sono una patologia delle vene - un sistema vascolare varicoso che fornisce il flusso sanguigno dal retto. I cambiamenti sono vene nella parte inferiore dell'intestino. La malattia può essere acuta e cronica. La localizzazione dei nodi determina il tipo di emorroidi:

Ogni modulo ha le sue fasi o classificazione. Le emorroidi croniche procede nelle seguenti fasi:

  • Fase 1 - c'è sanguinamento, ma i nodi non cadono;
  • Fase 2: durante lo sforzo, i nodi compaiono dall'ano, ma vengono arretrati in modo indipendente;
  • Fase 3: i nodi rilasciati vengono regolati manualmente, ovvero manualmente;
  • Fase 4: i nodi rilasciati non possono essere impostati a destra o dopo il ripristino, ne cadono immediatamente cinque.

La forma acuta è caratterizzata dall'aggiunta di ulteriori complicazioni:

  1. Trombosi dei nodi senza attaccare l'infiammazione.
  2. La trombosi è combinata con una reazione infiammatoria nei nodi.
  3. Trombosi con infiammazione del tessuto sottocutaneo, edema dell'area attorno all'ano, necrosi della superficie dei nodi.

La fase acuta è caratteristica del terzo stadio cronico della malattia. In questo caso è richiesto un trattamento chirurgico.

Tutto inizia durante la gravidanza

Secondo gli studi, il 33% delle donne soffre di emorroidi nel primo trimestre di gravidanza, il 35% nel secondo, il 42% nel terzo. Nel periodo postpartum, questo problema preoccupa il 41% dei puerperas. Si presenta con la stessa frequenza durante la prima e la seconda gravidanza.

Il corso del periodo gestazionale determina perché le emorroidi si sviluppano più tardi, dopo il parto. E alcune donne hanno i prerequisiti prima del concepimento. È solo necessario ricordare con quale regolarità si verifica un movimento intestinale, se c'è una tendenza alla stitichezza, che tipo di stile di vita conduce la futura madre.

Durante la gravidanza, diversi fattori influenzano lo sviluppo della malattia.

Elevati livelli di progesterone

L'azione dell'ormone è finalizzata a mantenere la gestazione. Riduce il tono della muscolatura liscia e quindi rallenta la motilità intestinale. Questo porta a una pronunciata violazione della sedia - molte donne incinte si lamentano di irregolarità, la comparsa di stitichezza.

Ma questa azione del progesterone non è limitata. Colpisce anche lo stato del tessuto connettivo, portando al suo allentamento. Questo è un processo fisiologico necessario per migliorare le condizioni del canale del parto. L'addolcimento del tessuto connettivo della sinfisi pubica porta all'espansione del bacino. Per il bambino, il canale del parto diventa più appropriato in termini di dimensioni. Ma questo effetto colpisce i vasi e l'apparato valvolare delle vene. Il loro lavoro è disturbato, il deflusso del sangue dalla parte inferiore del corpo peggiora.

Pancia crescente

Un utero in crescita aumenta la pressione intra-addominale. Ciò influisce negativamente sullo stato degli organi digestivi. Più lungo è il periodo di gestazione, maggiore è la pressione.

La compressione diretta della vena cava inferiore si verifica in misura maggiore nella posizione supina. Pertanto, in questa posizione è molto scomodo riposare. Ma anche in altre posizioni c'è un'influenza sullo stato del sistema venoso pelvico. Il deflusso del sangue è disturbato sia dalle gambe che dai genitali. Contribuisce a questo deterioramento del tessuto connettivo, che forma le valvole venose, nonché alla loro assenza nel sistema delle vene portale. Ciò significa che, normalmente, dopo il movimento progressivo del sangue nella direzione del cuore, la valvola nella vena dovrebbe spegnersi e non consentire al sangue di fluire nella direzione opposta. Se non si chiudono completamente, parte del sangue ritorna nelle vene. La pressione sulla parete delle vene aumenta, si espandono gradualmente, si verificano le emorroidi. Se questo si verifica nelle gambe, si formano vene varicose delle gambe.

Stile di vita

Per molte donne, la gravidanza diventa una ragione per ridurre la loro attività fisica. E se, prima del concepimento, la mamma guidava uno stile di vita sedentario, era malnutrita, durante il periodo di gestazione i sintomi sgradevoli si intensificano.

Alcuni vedono la gravidanza come una condizione dolorosa. Ma non nega l'esecuzione di esercizi fisici elementari che ti permetteranno di mantenere la forma fisica, il tono generale. Un'attività sufficiente ha un effetto positivo sulla condizione del tratto digestivo, aiuta a mantenere la motilità intestinale.

Inoltre, non dimenticare la nutrizione. Le donne incinte sono prerequisiti per la stitichezza, quindi è imperativo includere nel menu alimenti ricchi di fibre, oltre ad avere la proprietà di allentare una sedia: albicocche, prugne, barbabietole, albicocche secche, prugne secche. Altrimenti, la costipazione porterà allo stiramento dell'ampolla rettale, aumentando la pressione nel sistema degli sfinteri intestinali. Un tentativo di defecare aumenta ulteriormente la pressione intra-addominale.

Se i seni cavernosi che circondano il retto rimangono per molto tempo pieni di sangue venoso, le loro pareti e i loro tessuti integumentari diventano più sottili. Pertanto, sono facilmente feriti, le emorroidi si sviluppano con sanguinamento. Le incrinature e l'erosione risultanti possono essere infettate, quindi si verifica una reazione infiammatoria, così come la trombosi.

nascita

Il processo del parto stesso influisce sullo sviluppo delle emorroidi. La testa del feto quando si abbassa nella piccola pelvi schiaccia i vasi, comprese le vene. Con il lavoro prolungato, aumenta la congestione. Se le emorroidi esistevano già, allora si gonfiano, diventano tese.

Durante le contrazioni, i nodi possono crescere rapidamente e, tra di essi, diminuire leggermente. Dopo l'attacco dei tentativi, si apre lo sfintere anale. Spesso l'intestino risulta un po ', entrambi i nodi esterni e interni diventano visibili. Al momento del taglio della testa, può spostare i nodi interni verso l'esterno. A volte si rompono. Dopo la nascita, l'ano e i suoi sfinteri tornano gradualmente alla normalità. Ma in alcuni casi, i sintomi delle emorroidi rimangono e richiedono un trattamento.

Come appaiono le emorroidi dopo il parto

Emorroidi esterne

È più morbido di quello interno e raramente è accompagnato da complicazioni. I primi segni che una donna potrebbe notare sono un lieve prurito nell'ano o in altri disturbi. Spesso si verificano dopo la defecazione, soprattutto in presenza di costipazione. Al tocco è possibile determinare in modo indipendente le formazioni piegate morbide o compattate, spesso simili a verruche. Se premuto nel volume non diminuisce. Il sanguinamento con la forma esterna è raro.

A volte i nodi esterni possono essere infettati. Sullo sfondo dell'infezione, c'è il rischio di tromboflebite. Allo stesso tempo i nodi diventano densi, molto dolorosi. Il dolore acuto appare durante le feci.

Emorroidi interne

Ha una disposizione caratteristica dei nodi. Si trovano nelle pieghe della mucosa rettale. Il numero e la posizione possono variare notevolmente tra i diversi pazienti. Questi sono singoli noduli e interi gruppi che assomigliano a una frusta. Sono caratterizzati dalle seguenti caratteristiche:

  • avere una base ampia;
  • se premuti, si abbassano;
  • quando si sforzano o tossiscono, iniziano a gonfiarsi o a tendere;
  • accompagnato dal dolore.

Da tali nodi, scorre il muco che irrita la pelle intorno all'ano. Appaiono arrossamenti, fastidio o prurito.

Ad un certo punto, i nodi cadono. Allo stesso tempo la loro superficie diventa viola-bluastra. Con lo sviluppo del pizzicamento, il dolore diventa acuto. La nutrizione della mucosa è disturbata, compaiono aree di necrosi, che è accompagnata dalla comparsa di sintomi di intossicazione:

  • aumento della temperatura;
  • violazione del benessere;
  • mancanza di appetito;
  • prurito;
  • mal di testa.

Se la condizione progredisce, la tromboflebite delle vene del retto si unisce a essa.

Ma più spesso una donna può notare la comparsa di sangue rosso. L'emorroidi inizia a sanguinare durante un movimento intestinale. Allo stesso tempo, il sangue appare sulla superficie delle feci, o scorre in un flusso sottile durante lo sforzo.

Queste manifestazioni sono più caratteristiche delle emorroidi acute. Se dopo il parto, si è trasformato in una forma cronica, la sindrome del dolore cessa di essere caratteristica. Il dolore si manifesta solo con lo sviluppo di complicazioni quali infezione, tromboflebite o strangolamento.

Se soffre di dolore acuto, è necessario consultare un medico. Dopo l'ispezione, verrà stabilito come la condizione minaccia e come affrontarla.

Quale dottore contattare

Per sbarazzarsi di emorroidi, dopo la nascita, è necessario visitare un medico. È impossibile determinare in modo indipendente come trattare questo stadio della malattia. Inizialmente, il chirurgo diventerà il medico che affronterà questo problema. Se ci sono unità esterne che causano poco disagio, sarà sufficiente. Con un gran numero di nodi, la localizzazione interna e lo sviluppo di complicazioni, il coloproctologo deve affrontare il problema.

Il dottore condurrà sicuramente un esame. L'elenco dei metodi richiesti include:

  • anoscopy;
  • sigmoidoscopia;
  • colonscopia;
  • clisma opaco.

Anche il riflesso anale viene controllato, secondo le indicazioni della sfinterometria, viene eseguita l'elettromiografia per valutare l'apparato otturatore del retto.

Per diagnosticare le condizioni generali di una donna, sono prescritti esami di routine del sangue e delle urine.

Cosa può essere trattato

Il trattamento delle emorroidi durante l'allattamento al seno si svolge in tre direzioni:

  • correzione della dieta;
  • terapia farmacologica;
  • trattamento chirurgico

I primi due metodi sono necessari nel caso di malattia lieve. Se le complicanze si uniscono e la patologia progredisce, sarà necessario un intervento chirurgico.

Terapia dietetica

Cambiare la natura della nutrizione può servire come prevenzione delle complicanze e trattamento delle emorroidi. Il menu dovrebbe essere costruito in modo tale da eliminare lo sviluppo di stitichezza e ammorbidire le masse fecali, per rendere la sedia regolare. I seguenti alimenti sono ammessi nella dieta:

  • carne magra;
  • prodotti a base di latte fermentato;
  • oli vegetali;
  • verdure ricche di fibre: cavoli, barbabietole, zucche, carote, pomodori;
  • frutta: albicocche, melone, prugna o loro versioni essiccate;
  • bacche: uva spina, mirtillo, mirtillo rosso;
  • uova;
  • erbe (sedano, aneto, prezzemolo);
  • porridge sull'acqua;
  • zuppe deboli su brodo vegetale.

Assicurati di bere abbastanza acqua durante il giorno - 30 minuti prima dei pasti o 1,5-2 ore dopo.

È vietato utilizzare prodotti che possano sigillare la sedia:

  • pane fresco, ogni pasticcino e farina;
  • cibi e piatti grassi, compresa la carne;
  • pasticceria con crema;
  • legumi, funghi;
  • porridge viscoso - riso e semola;
  • zuppe su brodo forte;
  • verdure fermentazione: ravanelli, cipolle, aglio;
  • frutti astringenti: pera, mela cotogna e uva, che porta alla fermentazione.
  • alcool, caffè, tè forte.

E 'anche vietato condimenti piccanti e piatti, carne affumicata, sottaceti, cibi salati, in scatola, salse sotto forma di maionese.

Terapia farmacologica

Come e cosa trattare le emorroidi, che si sono sviluppate dopo il parto, dovrebbero essere determinate dal medico, l'auto-trattamento è inaccettabile e può aggravare la situazione. Per ogni fase della malattia selezionata la loro combinazione di farmaci. È anche necessario determinare quanto gravi siano le complicanze e se sia necessario un intervento chirurgico.

Per la sicurezza del bambino, il trattamento delle emorroidi in una madre che allatta viene effettuato con preparazioni locali. Per fare questo, usare candele, crema. Le supposte hanno effetti diversi a seconda della composizione, quindi gli scopi per il loro uso e le situazioni in cui vengono mostrati differiscono.

Quali candele sono meglio usare? È necessario concentrarsi sulla composizione e sui sintomi. I principali farmaci che possono essere usati durante l'allattamento sono i seguenti.

sollievo

Contiene olio di cottura di squalo. È in grado di guarire le ferite, regolare l'immunità, ridurre l'infiammazione e interrompere il sanguinamento. Inoltre, viene prodotto Relif-Advance, che aiuterà sia ad alleviare le emorroidi sia a curare.

Le candele a rilievo possono essere utilizzate per emorroidi esterne e interne, ragadi rettali e prurito anale. Ma per la malattia tromboembolica e l'ipersensibilità individuale, è meglio non usarli. Supponiamo supposte nel retto al mattino e alla sera dopo le procedure igieniche. Se durante il giorno vi è stato un movimento intestinale, allora è necessario utilizzare nuovamente le candele. Totale consentito fino a 4 volte al giorno.

Oltre alle candele, viene utilizzato un unguento con lo stesso nome. Il suo principio d'azione è lo stesso di quello delle supposte. L'unguento viene applicato prima sull'applicatore, quindi strofina delicatamente l'area anale.

Candele alla glicerina

Utilizzato sia in gravidanza che in allattamento. Hanno a lungo dimostrato la loro sicurezza. La glicerina nella composizione della candela ha un effetto antibatterico. Può avere un piccolo effetto antisettico e prevenire l'infezione. Le candele a base di esso possono eliminare la stitichezza, così come ammorbidire e inumidire la mucosa rettale, alleviare l'irritazione. Ma con l'infiammazione acuta, così come lo sviluppo di sanguinamento, non possono essere utilizzati.

Natalsid

Queste sono candele con proprietà anestetiche. Se le emorroidi fanno male, devi scegliere supposte con proprietà analgesiche. Natalsid agisce solo localmente, quindi non è controindicato durante la gravidanza e dopo il parto durante l'allattamento. Può essere utilizzato per ragadi anali, emorroidi croniche, che è accompagnato da sanguinamento. La supposta viene introdotta nell'ano ogni giorno dopo i movimenti intestinali. È meglio farlo 2 volte al giorno. Il trattamento può durare 7-14 giorni.

Nigepan

Candele che vengono utilizzate per la trombosi di nodi esterni o interni. Il farmaco contiene eparina, che è necessaria per il trattamento della tromboflebite. Grazie alla benzocaina è un effetto analgesico pronunciato. Inoltre, le candele riducono la gravità dell'infiammazione. L'indicazione per l'uso di Nigepana è la trombosi dei nodi esterni o interni. È necessario usare mezzi solo dopo aver svuotato di intestini.

Gepatrombin

La medicina combinata, che è disponibile sotto forma di candele o unguento. Si compone di tre componenti attivi: eparina, prednisolone e alloro marogrog, che fornisce un'azione completa e aiuta a rimuovere i sintomi delle emorroidi. L'azione dell'eparina è finalizzata a prevenire la formazione di coaguli di sangue, nonché l'eliminazione dell'infiammazione e dell'edema. Prednisolone - ormone glucocorticoide, allevia il prurito, gonfiore, infiammazione. Il lauromacrogolo è un componente sclerosante. Provoca l'adesione delle pareti del nodo, anestetizza.

Il medicinale sotto forma di pomata viene applicato all'area dei nodi 2-4 volte al giorno o iniettato nel retto. Le candele sono usate per via rettale. Indicazioni per il farmaco sono tutti i tipi di emorroidi, ragadi anali, fistole, nonché in preparazione per l'operazione e nel periodo postoperatorio.

Eparina pomata

Ha un effetto simile - riduce il rischio di coaguli di sangue. Ma non è raccomandato usarlo per molto tempo. E il primo giorno di somministrazione, potrebbe esserci un aumento del sanguinamento dovuto all'effetto specifico del farmaco.

Candele Proktozan

Hanno una composizione complessa, sono consentiti per l'uso dopo il parto (solo dopo aver consultato un medico) e consentono di curare le emorroidi a casa. Sono usati per le emorroidi 1-2 gradi, ragadi anali e prurito anale. La composizione include un agente antiinfiammatorio non steroideo bufeksamak. Elimina il dolore, riduce le manifestazioni infiammatorie, gonfiore. Subgalattato di bismuto e biossido di titanio hanno proprietà astringenti, accelerano la guarigione delle ferite e riducono la probabilità di sanguinamento. L'ultimo componente, la lidocaina, è un anestetico locale e viene usato con cautela durante l'allattamento.

Unguento Levomekol

Nel trattamento delle emorroidi durante l'allattamento è raramente utilizzato a causa della possibile penetrazione nel latte materno dei suoi componenti - l'antibiotico cloramfenicolo, che è controindicato durante l'infanzia a causa della tossicità.

Unguento bepanten

Contiene il principio attivo dexpantenolo. Nel corpo, si trasforma in acido pantotenico, che agisce come una vitamina. È coinvolto nella rigenerazione delle cellule epiteliali, quindi, viene utilizzato per qualsiasi danno. Compresi, ragadi anali o nella fase di guarigione delle emorroidi. Per le donne in gravidanza e in allattamento questo farmaco è completamente sicuro e non richiede la cessazione dell'allattamento al seno.

Per un trattamento di qualità prima di utilizzare supposte o creme rettali, è necessario svuotare l'intestino. Ciò è necessario anche perché le candele contengono vari oli e basi grasse che, quando rilasciate nel retto, ammorbidiscono anche le masse fecali e si indeboliscono. Ma tale trattamento non sarà efficace - insieme alle feci, la medicina uscirà. Pertanto, coloro che hanno problemi con lo svuotamento dell'intestino, è possibile utilizzare i microclami Mikrolaks. Sono costituiti da diversi componenti che agiscono localmente, ammorbidiscono le feci per 5-15 minuti. Questo farmaco può essere portato con sé in ospedale per facilitare i movimenti intestinali dopo il parto. Questo sarà particolarmente vero per le donne dopo l'episiotomia o le lacrime perineali.

Per il trattamento, i protocolli includono gruppi di farmaci come il flebotonico (Phlebodia, Detrolex), gli angioprotettori (Troxyvenol), i farmaci per la scleroterapia (Sclerovar). Ma tutti loro sono in grado di penetrare nel latte materno e sono controindicati per le madri che allattano.

Quanto dura l'emorroidi?

Dipende dalle caratteristiche individuali, dal metodo corretto di trattamento e seguendo le raccomandazioni del medico. Ma in media hai bisogno di 10-14 giorni. Se la terapia conservativa non si è dimostrata efficace, vengono eseguite operazioni mini-invasive per le emorroidi di grado 2-3:

  • scleroterapia;
  • legatura con anelli di lattice;
  • legatura prossimale;
  • fotocoagulazione a infrarossi o radiofrequenza.

Se le emorroidi non riescono a guarire, un'operazione radicale di Milligan-Morgan e Ferguson può essere eseguita a 1-4 gradi.

Quando hai bisogno di pensare alla prevenzione

La prevenzione della comparsa di emorroidi dopo il parto dovrebbe iniziare anche prima della gravidanza. Per le violazioni della sedia, la tendenza alla stitichezza, è necessario prendersi cura della propria dieta. È regolato nella misura in cui lo svuotamento intestinale avviene ogni giorno. Se la dieta non è sufficiente, anche durante la gravidanza e nel periodo postpartum, è possibile utilizzare lassativi lievi a base di lattulosio - Dufalac. Non provocano aumento della peristalsi e diarrea, ma ammorbidiscono leggermente le masse fecali.

Il lattulosio è un terreno fertile per la flora intestinale. Pertanto, se la costipazione è causata da dysbacteriosis, allora è possibile integrare il trattamento con farmaci di bifidobatteri (Linex, Bioflor).

Evitare le emorroidi aiuterà gli esercizi di base quotidiani. Saranno utili sia durante la gravidanza che nel periodo postpartum.

È anche necessario ricordare il rischio di anemia a causa della perdita di sangue cronica. Dopo la nascita, la maggior parte delle donne ha una diminuzione dei livelli di emoglobina. Una patologia delle vene del retto, accompagnata da sanguinamento, può aggravare i sintomi spiacevoli. Per una madre che allatta, questo è inaccettabile. Pertanto, il trattamento è integrato con preparazioni di ferro per la prevenzione o il trattamento dell'anemia.

http://ginekolog-i-ya.ru/gemorroj-posle-rodov.html

Altri Articoli Su Vene Varicose

  • Come aiutare il bambino a soffrire di stitichezza?
    Sintomi
    Malfunzionamenti nel sistema digestivo influenzano negativamente lo stato di tutto l'organismo - le tossine iniziano ad accumularsi nelle feci irregolari, il fegato non riesce a far fronte all'utilizzo di così tante sostanze tossiche, vengono trasportate attraverso il flusso sanguigno a tutti gli organi interni.

Milioni di pazienti nel mondo si rivolgono a proctologi con denunce di emorroidi. Il trattamento conservativo non è sempre efficace. L'indicazione per il trattamento chirurgico è considerata l'inefficacia della terapia conservativa o le complicazioni sviluppate della malattia - sanguinamento, fistole, dimensioni significative dei nodi.