Sindrome dell'intestino irritabile: sintomi e trattamento, dieta con IBS

La sindrome dell'intestino irritabile è una disfunzione dell'intestino, manifestata da dolori addominali e / o disturbi della defecazione. Di solito si sviluppa a causa di effetti psicologici e di altro tipo sull'intestino in eccesso di reazione.

Questa è la malattia più comune degli organi interni. Può verificarsi a qualsiasi età, anche nei bambini. Nelle donne, la malattia si verifica 2-3 volte più spesso. Nonostante l'estrema prevalenza della sindrome dell'intestino irritabile, circa il 75% della popolazione adulta non si considera malata e non cerca aiuto medico.

Nell'occorrenza e lo sviluppo della malattia hanno disturbi psico-emotivi.

Cosa c'è in parole semplici?

La sindrome dell'intestino irritabile è un disturbo funzionale dell'intestino crasso, un complesso di sintomi caratterizzato da episodi prolungati (fino a sei mesi) e regolari (più di tre giorni al mese) di dolore addominale e feci anormali (stitichezza o diarrea). La sindrome dell'intestino irritabile è una malattia funzionale associata a un disturbo della motilità intestinale e della digestione del cibo. Ciò è confermato dall'irregolarità dei reclami, un andamento ondulatorio senza la progressione dei sintomi. La ricaduta della malattia è spesso provocata da situazioni stressanti. La perdita di peso non è indicata.

Tra la popolazione dei paesi sviluppati, la sindrome dell'intestino irritabile si verifica nel 5-11% dei cittadini, le donne ne soffrono il doppio rispetto agli uomini. Il più caratteristico per la fascia di età di 20-45 anni. Se i sintomi di IBS vengono rilevati dopo 60 anni, è necessario condurre un esame approfondito per patologie organiche (diverticolosi, poliposi, tumore del colon). La sindrome dell'intestino irritabile in questo gruppo di età si verifica più di una volta e mezzo in meno.

Cause di IBS

Perché la sindrome dell'intestino irritabile si verifica non è ancora noto esattamente, ma molti esperti ritengono che questo problema sia in gran parte psicologico. È impossibile curare questa malattia fino alla fine, ma gli esperti ritengono che sia necessario affrontarlo insieme a un gastroenterologo e uno psicologo.

Tra le cause di problemi chiamate:

  1. Eccesso di cibo.
  2. Malattie del tubo digerente.
  3. Problemi con gli ormoni.
  4. Disturbi del sistema nervoso centrale e del sistema nervoso autonomo.
  5. Disbacteriosi e problemi con l'assorbimento di sostanze.
  6. Disturbi mentali e stress.
  7. Mancanza di sostanze di zavorra (ad es. Fibra).
  8. Malnutrizione: abuso di caffeina, cibi grassi, alcol e bevande gassate. Tutto ciò migliora l'attività motoria degli intestini. Alcuni farmaci influenzano anche le capacità motorie.

Molto spesso, la sindrome dell'intestino irritabile si verifica a causa degli effetti di fattori che alterano la motilità intestinale e la sensibilità alla stimolazione meccanica e neuroumorale.

Dal momento che la sindrome dell'intestino irritabile si manifesta in modi diversi, cioè, tenta di dividerlo in diversi tipi.

  • Il tipo più comune è l'aumentata attività della parete intestinale, cioè ipercegmentazione ipercinetica. In questo caso, la parete intestinale soffre di contrazioni segmentali di ampiezza bassa. Si verifica nel 52% di coloro che soffrono della sindrome.
  • Con una brusca diminuzione dell'attività motoria, il tono della parete intestinale cade. Questa è ipocinesia distonica e si verifica nel 36% delle persone con questa sindrome.
  • Se l'attività motoria aumenta e ci sono complessi anti-peristaltici, stiamo parlando di ipercinesia antiperistaltica, che si verifica nel 12% delle persone ammalate.

Inoltre, i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile possono dividere la malattia in diverse opzioni:

  • La prevalenza di flatulenza e dolore addominale.
  • La prevalenza della diarrea.
  • La predominanza della stitichezza.

Inoltre, la malattia si presenta in forma lieve e in forma moderata e grave.

Con IBS puoi essere:

  • dolore ai fianchi dell'addome e dell'ipocondria, specialmente al mattino, che si placa dopo lo svuotamento intestinale,
  • costipazione (feci meno di 3 volte a settimana),
  • diarrea (feci spesso 3 volte al giorno), così come improvvisa voglia irrefrenabile di rilasciare l'intestino,
  • sensazione di svuotamento incompleto, necessità di sforzi,
  • flatulenza, sensazione di distensione nello stomaco,
  • muco nelle feci.

Con IBS non succede:

  • sangue nelle feci;
  • perdita di peso;
  • dolore allo stomaco durante la notte;
  • aumenti di temperatura;
  • fegato e milza ingrossati;
  • anemia, aumento del numero dei leucociti e ESR;
  • sintomi allarmanti - l'insorgenza della malattia dopo 50 anni e il cancro del retto nei parenti del paziente.

Come con qualsiasi disturbo funzionale, una diagnosi di IBS può essere ottenuta se vengono esclusi altri problemi.

I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile

I pazienti con IBS hanno i seguenti sintomi:

1) Dolore di diversa intensità e durata:

  • non si preoccupano quasi mai di dormire la notte;
  • la natura del dolore varia da colica a dolore arcuato;
  • la loro posizione può anche essere diversa, ma più spesso si trovano nell'addome inferiore o migrano da una parte dell'addome all'altra;
  • i dolori sono innescati da uno stress psico-emotivo, fisico - sovratensione, possono essere associati con le mestruazioni;
  • dopo lo sgabello, i dolori sono eliminati o, al contrario, intensificati;

2) Diarrea:

  • a volte le feci liquide sono precedute da feci di consistenza ordinaria o anche spessa;
  • lo svuotamento avviene soprattutto al mattino;
  • può verificarsi a seguito di sollecitazioni urgenti;
  • feci più di una consistenza pastosa o liquida;
  • volume giornaliero normale fino a 200 g;
  • forse la sensazione che lo svuotamento sia avvenuto non è completa;
  • non c'è sedia di notte;

3) costipazione:

  • una piccola quantità di masse fecali (meno di 100 g) è possibile con sforzo;
  • ritardo delle feci croniche per più di 2 giorni;
  • sgabelli regolari ma difficili;
  • a volte dopo lo svuotamento vi è una sensazione di pulizia insufficiente dell'intestino;
  • muco ammissibile nello sgabello;

4) Distensione addominale (a volte locale), accompagnata da brontolio e scomparsa dopo lo svuotamento intestinale;

5) Manifestazioni di altri organi e sistemi associati alla loro alterata sensibilità viscerale (mal di testa, gambe e mani fredde, potenza alterata, sensazione di un nodulo alla gola, disturbi urinari, nausea, dolore toracico, insoddisfazione per il respiro, ecc.).

6) disturbi psico-emotivi (umore instabile, depressione, isteria, paure eccessive e pensieri ossessivi sulla propria salute, aggressività, risposta inadeguata alle situazioni, ecc.);

Alcuni pazienti descrivono i loro sentimenti in modo molto emotivo, a lungo e in modo colorato, supportandoli con fotografie di movimenti intestinali, diari e conoscenze di libri medici o popolari o di Internet. Ma, di regola, mancano la perdita di massa, le impurità che disturbano le feci (pus, sangue), l'aumento della temperatura. I sintomi di IBS sono rari in chiunque al loro debutto improvvisamente e dopo i 50 anni di età.

classificazione

Sintomi spiacevoli nella patologia della sindrome dell'intestino irritabile si manifestano in un complesso o separatamente. La malattia può assumere una delle seguenti forme:

  1. IBS con pronunciata diarrea o defecazione alterata nella direzione del rilievo (feci molli poco frequenti);
  2. sindrome dell'intestino irritabile con stitichezza;
  3. IBS senza un cambiamento nelle feci, ma con sensazioni dolorose pronunciate, spasmi, gonfiore o gas nell'intestino;
  4. malattia dell'IBS con feci variabili (quando, a seconda di determinate condizioni, la diarrea viene sostituita dalla stitichezza e viceversa).

La prima variante della sindrome dell'intestino irritabile è la più comune, è caratterizzata dalla manifestazione di urgenza pronunciata a defecare quasi immediatamente dopo un pasto. La quantità di necessità per un movimento di viscere in questo caso aumenta notevolmente. È anche possibile la formazione di desideri durante lo stress emotivo, lo stress, i sentimenti o l'eccitazione. Con tale IBS, sono preceduti da una spiacevole sensazione acuta nell'addome inferiore e nelle parti laterali dell'intestino, che scompare completamente dopo il sollievo.

La seconda variante di IBS si manifesta sotto forma di stitichezza fino a 2-3 giorni, in cui vi è una puntura nell'addome, crampi intestinali o dolore dolorante. Con IBS, l'appetito diminuisce, compare bruciore di stomaco, un sapore sgradevole sulla lingua, è possibile una leggera sensazione di nausea (più spesso senza la necessità di vomitare). La sedia diventa densa, può avere una mescolanza di muco.

Nella terza variante, la sindrome dell'intestino irritabile si verifica senza una pronunciata violazione delle feci, rimane normale o il numero di impulsi aumenta leggermente, ma la forma e la densità delle feci non cambiano. Allo stesso tempo, i segni sgradevoli di IBS disturbano il paziente. Può essere dolore e crampi nella regione del basso ventre e fianchi, gonfiore nella regione addominale, scarico di gas.

La quarta variante dello sviluppo di IBS include tutti i possibili segni. Disturbi della sedia si alternano a seconda di vari fattori, con la manifestazione di dolore spastico, lancinante, acuto o dolente all'addome, flatulenza, formazione di muco. Inoltre, tali pazienti sono spesso preoccupati per la sensazione ansiosa di dover visitare nuovamente il bagno subito dopo un movimento intestinale.

diagnostica

Se hai trovato sintomi simili a IBS, si raccomanda di esaminarlo. È meglio consultare un gastroenterologo. La diagnosi di IBS non è facile. Di solito, la diagnosi di IBS viene effettuata se tutti i tentativi di trovare agenti infettivi o patologie intestinali nelle analisi o nei risultati degli studi falliscono.

È anche importante considerare la frequenza dei sintomi e la durata del periodo durante il quale vengono osservati. I principali gastroenterologi del mondo hanno proposto i seguenti criteri. Si ritiene che l'IBS includa disturbi delle feci che si verificano almeno 3 giorni al mese. Dovrebbero essere osservati anche per 3 mesi consecutivi. Si deve anche tenere conto della relazione tra l'insorgenza dei sintomi e il cambiamento nella frequenza e nell'aspetto delle feci.

Nella diagnosi dovrebbe essere separato dalle malattie IBS come:

I disordini intestinali simili all'IBS possono anche essere caratteristici di alcune forme di diabete, tireotossicosi, sindrome carcinoide. Le violazioni dell'intestino in età avanzata richiedono un esame particolarmente attento, poiché per le persone anziane l'IBS in generale non è tipica.

Inoltre, i singoli casi di disturbi gastrointestinali che possono verificarsi in soggetti sani dopo pasti abbondanti, bere grandi quantità di alcol, bevande gassate, cibi insoliti o esotici, per esempio, durante il viaggio, non devono essere confusi con l'IBS.

Segni come la febbre, la natura acuta dei sintomi o il loro aumento nel tempo, dolore notturno, sanguinamento, persistente per diversi giorni, mancanza di appetito, perdita di peso, per IBS non sono tipici. Pertanto, la loro presenza indica qualche altra malattia.

Durante la diagnosi è necessario eseguire i seguenti test:

  1. Emocromo completo;
  2. Analisi del sangue biochimica;
  3. Analisi delle feci (coprogram);
  4. Esame del sangue per la risposta al glutine.

Per escludere patologie dell'intestino crasso, vengono utilizzati i metodi di colonscopia e irrigoscopia, esofagogastroduodenoscopia, ecografia della cavità addominale. In alcuni casi, può essere utilizzato e la biopsia della parete intestinale. In caso di sindrome da dolore grave, il medico può offrirsi di sottoporsi a elettrogastroenterografia, manometria e test di dilatazione del palloncino.

Con una tendenza alla diarrea, vengono condotti test di tolleranza al lattosio e analisi della microflora intestinale. Se la diarrea è assente, può essere utilizzato un metodo di studio sul transito del radioisotopo. Dopo aver completato il ciclo iniziale di trattamento, è possibile ripetere alcune procedure diagnostiche per stabilire il grado di efficacia della terapia.

Possibili complicazioni e pericolo di IBS

Molti pazienti con sindrome dell'intestino irritabile non attribuiscono molta importanza alla loro malattia e cercano di non prestarvi attenzione. Spesso non vanno nemmeno dal medico per confermare la diagnosi e sottoporsi a un ciclo di trattamento. Ciò è dovuto al fatto che la malattia è senza sintomi gravi. Nella maggior parte dei casi, le sue manifestazioni sono limitate a disturbi periodici delle feci (diarrea o stitichezza), accumulo di gas nell'intestino e dolore addominale moderato. Tali sintomi scarsi possono comparire solo 1 - 2 volte al mese e durano solo pochi giorni. A questo proposito, molti pazienti non percepiscono la sindrome dell'intestino irritabile come una malattia pericolosa.

In effetti, dal punto di vista della medicina, questa patologia ha una prognosi favorevole. Il fatto è che tutte le violazioni nel lavoro dell'intestino si riducono, di regola, ai disturbi funzionali. Ad esempio, contrazione asincrona della muscolatura liscia nella parete del corpo, problemi di innervazione. In entrambi i casi, il processo digestivo soffre, compaiono i sintomi corrispondenti, ma non ci sono disordini strutturali (alterazioni nella composizione cellulare e tissutale). Pertanto, si ritiene che la sindrome dell'intestino irritabile non aumenti la probabilità di sviluppare, ad esempio, il cancro intestinale. Cioè, è del tutto legittimo dire che questa malattia non è pericolosa come molti altri.

Tuttavia, questa malattia non può essere completamente descritta come non pericolosa. La medicina moderna sta cercando di trattare la patologia da diversi punti di vista. Recenti conferenze sulla sindrome dell'intestino irritabile hanno tuttavia rivelato l'impatto negativo di questa malattia.

La sindrome dell'intestino irritabile è considerata pericolosa per i seguenti motivi:

  1. La malattia è spesso associata a disturbi psicologici e mentali e potrebbe essere la loro prima manifestazione. Contribuisce allo sviluppo della depressione e ad altri problemi.
  2. La malattia colpisce molto l'economia. Secondo gli scienziati americani, la sindrome dell'intestino irritabile costringe i pazienti in media 2 o 3 giorni al mese a non frequentare il lavoro. Considerando che la popolazione in età lavorativa soffre di questa malattia (dai 20 ai 45 anni) e la sua prevalenza raggiunge il 10-15%, l'idea riguarda la perdita di milioni per l'economia nel suo insieme.
  3. Sotto l'apparenza della sindrome dell'intestino irritabile possono essere i primi sintomi di altre malattie più pericolose.

L'ultimo punto è particolarmente importante. Il fatto è che le violazioni caratteristiche di questa malattia non sono specifiche. Parlano di problemi con il lavoro degli intestini, ma non ne indicano la causa. Se un paziente non si rivolge a un medico per una diagnosi, ma semplicemente scrive i disturbi digestivi temporanei per la sindrome dell'intestino irritabile, le conseguenze possono essere molto gravi.

Sintomi simili a manifestazioni di sindrome dell'intestino irritabile si trovano nelle seguenti patologie:

  • malattie oncologiche dell'intestino e degli organi della piccola pelvi (compresi maligni);
  • malattia infiammatoria intestinale;
  • infezioni intestinali (batteriche e, raramente, virali);
  • infezioni parassitarie;
  • avvelenamento cronico;
  • malattia adesiva.

Se queste patologie non sono diagnosticate in una fase precoce e non iniziano il necessario ciclo di trattamento, ciò può rappresentare una minaccia per la salute e la vita del paziente. Ecco perché, nonostante la prognosi favorevole per la sindrome dell'intestino irritabile e le manifestazioni relativamente lievi della malattia, è ancora necessario prenderlo sul serio. È necessario essere esaminati da un gastroenterologo per escludere diagnosi più pericolose.

Inoltre, va ricordato che i criteri diagnostici per la sindrome dell'intestino irritabile sono molto vaghi. Ciò aumenta la probabilità di errore medico. Se c'è un deterioramento visibile della condizione (un aumento delle riacutizzazioni) o la comparsa di nuovi sintomi (sangue nelle feci, falsi desideri, ecc.), Il medico curante deve essere informato e, se necessario, riesaminato.

Come trattare la sindrome dell'intestino irritabile

La terapia combinata nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile include l'uso di farmaci in combinazione con la correzione di stati psico-emotivi e una certa dieta.

La terapia farmacologica per IBS include l'uso dei seguenti farmaci:

  1. Antispastici. Alleviare lo spasmo muscolare, riducendo l'intensità delle manifestazioni dolorose. I farmaci più popolari: Mebeverin, Sparex, Nyaspam.
  2. Probiotici (Bifidum e Lactobacterin, Hilak-forte, Bifiform). I loro medici consiglieranno di ricevere prima. Questi farmaci sono additivi alimentari, che includono batteri benefici che regolano il lavoro dell'intestino e sono necessari per il suo funzionamento e la corretta digestione. L'uso regolare dei probiotici riduce i sintomi della malattia e raggiunge la loro completa scomparsa.
  3. Lassativi (Citrudel, Metamucil, Duphalac). Assegnare con costipazione e prendere con molti liquidi. I preparati contengono fibre che, sotto l'azione dell'acqua, si gonfiano nello stomaco, aumentando il volume e la massa delle feci e contribuendo a sgabello facile e indolore.
  4. Rimedi per la diarrea (Imodium, Trimedat, Lopreamid). Questi farmaci sono prescritti per IBS, accompagnati da diarrea. I loro principi attivi riducono la motilità intestinale e addensano le masse fecali, garantendo feci normali. Tali farmaci non possono essere prescritti durante la gravidanza e in caso di sospetta infezione intestinale acuta.
  5. Farmaci astringenti (Smecta, Tanalbin). Assegnare con esacerbazione di diarrea. Con lo stesso scopo, prendi Maalox, Almagel.
  6. Antidepressivi (Amitriptilina, Imipramina). Nominato per eliminare la diarrea, il dolore neuropatico spiacevole e gli stati depressivi. Un effetto collaterale dell'assunzione di tali farmaci può essere la sonnolenza, la sensazione di secchezza delle fauci e la stitichezza. Se gli stati depressivi sono accompagnati da stitichezza, gli esperti raccomandano l'assunzione di Citalopram o Fluoxetina. Qualsiasi antidepressivo deve essere preso rigorosamente definito, tempo limitato, in dosaggi prescritti e sotto la supervisione del medico curante.
  7. Con costipazione persistente, è necessario sviluppare un riflesso mattutino alla defecazione. La crusca di grano può aiutare in questo aumentando il contenuto di fibre alimentari nella dieta. Per stimolare la defecazione del mattino, dovresti prendere il lattulosio (Duphalac) uno per uno ogni giorno - due cucchiai da dessert. Ciò contribuirà a svuotare gli intestini ogni mattina.

Dieta e regole nutrizionali

I medici non prescrivono alcuna nutrizione terapeutica specifica durante la diagnosi della malattia in questione. Ma dovrai rivedere la tua dieta / dieta:

  • porzioni di cibo dovrebbero essere piccole;
  • il cibo dovrebbe essere assunto a intervalli regolari;
  • in nessun caso non può mangiare troppo.

Se la sindrome dell'intestino irritabile si manifesta con la diarrea, il menu dovrebbe limitare la quantità di verdure consumate (barbabietole, carote, radice di sedano, cipolle) ed è auspicabile escludere mele e prugne dalla dieta.

Nel caso di stitichezza sullo sfondo della malattia in questione, sarà necessario limitare significativamente il consumo di piatti fritti, al forno, carni grasse, panini e tè forte.

Se il problema principale nella sindrome dell'intestino irritabile è l'aumento della formazione di gas, il menu esclude legumi, mais, cavoli, tutti i tipi di noci, uva, soda e pasticcini.

In alcuni casi, per normalizzare la microflora intestinale, il medico può raccomandare di sottoporsi a un corso di assunzione di probiotici - Linex o Bifidumbacterin. Questi farmaci prevengono lo sviluppo della disbiosi intestinale, che può rendere più intensi i segni della sindrome dell'intestino irritabile.

Trattamento popolare

Poiché l'infezione è assente, il trattamento della malattia in esame solo con rimedi popolari è abbastanza accettabile. I consigli / consigli più efficaci dei guaritori tradizionali erano i seguenti:

  1. Le foglie di piantaggine e burnet, mirtilli, foglie di noce - fermare la diarrea.
  2. Brodi di camomilla e corteccia di quercia - vengono assunti per via orale per 3-5 giorni, aiutano a liberarsi della diarrea.
  3. Le infusioni dei semi di aneto / finocchio, cumino e gocce di anice - aiuteranno a liberarsi di una maggiore formazione di gas, alleviando il dolore spastico nell'intestino.
  4. Aromaterapia con olio di menta piperita - aiuta a liberarsi dall'irritazione, normalizza lo sfondo psico-emotivo e aiuta anche a ridurre l'intensità degli spasmi intestinali.
  5. Brodi di corteccia di olivello spinoso, foglie di achillea - si consiglia di utilizzare con la sindrome dell'intestino irritabile con una predominanza di stitichezza.

La sindrome dell'intestino irritabile è difficile da chiamare una malattia patologica - è piuttosto una condizione specifica del corpo. E non importa quali farmaci verranno prescritti da un medico: è più importante imparare come controllare le proprie emozioni, normalizzare il ritmo della vita, regolare la dieta. Ma questo approccio nel trattamento della diarrea, stitichezza, dolore nell'intestino e aumento della formazione di gas può essere applicato in pratica solo dopo aver superato un esame completo da parte di specialisti.

psicoterapia

Considerando il fatto che i fattori di stress svolgono un ruolo importante nell'insorgenza della malattia, la conduzione di interventi psicoterapeutici contribuirà a migliorare significativamente il benessere ea ridurre l'intensità dell'IBS. I pazienti con una diagnosi simile sono invitati a consultare uno psicoterapeuta. Le tecniche psicologiche ridurranno il livello di ansia, aiuteranno a evitare gli attacchi di panico, ti insegneranno a resistere alle situazioni stressanti e risponderanno adeguatamente ai problemi.

L'ipnoterapia riduce con successo l'effetto della mente subconscia sull'aspetto di alcuni sintomi clinici della malattia. L'allenamento psicologico con tecniche di rilassamento consente di calmare e rafforzare il sistema nervoso. Lezioni di yoga, esercizi speciali di respirazione e meditazione insegneranno un rilassamento veloce e appropriato. E l'educazione fisica e la ginnastica medica aiuteranno a rafforzare il corpo e migliorare il sistema nervoso.

Trattamenti alternativi

Ci sono anche una serie di trattamenti aggiuntivi che a volte possono aiutare nel trattamento dell'IBS.

Questi includono:

  1. Agopuntura,
  2. riflessologia,
  3. Aloe Vera,
  4. Irrigazione dell'intestino (idroterapia del colon).

Tuttavia, non vi è alcuna prova evidente che questo trattamento sia efficace nella lotta contro l'IBS. Dovresti anche essere consapevole che il consumo di Aloe Vera può portare alla disidratazione e causare una diminuzione del livello di glucosio (zucchero) nel sangue.

Vale la pena ricorrere a uno qualsiasi dei metodi di trattamento di IBS solo dopo aver consultato uno specialista, in nessun caso si dovrebbe iniziare il trattamento da soli, senza prima consultare il proprio medico e non essere stati esaminati.

Quanto dura l'IBS?

La definizione di sindrome dell'intestino irritabile, proposta da esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), suggerisce un decorso della malattia di almeno 6 mesi. In altre parole, qualsiasi sintomo (dolore addominale, flatulenza, ecc.) Che è durato meno di questo periodo non sarà semplicemente attribuito a questa sindrome. I medici cercheranno altre ragioni per la loro comparsa ed escluderanno patologie intestinali simili. Tuttavia, questo non significa che il paziente soffrirà di problemi intestinali per tutti i sei mesi. Possono apparire periodicamente, ad esempio, per diversi giorni al mese. Ciò che è importante è il verificarsi regolare di tali problemi e la somiglianza delle manifestazioni.

Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei pazienti, la sindrome dell'intestino irritabile dura molto più a lungo di sei mesi. In generale, questa malattia è caratterizzata dall'assenza di gravi alterazioni patologiche a livello intestinale. Ci sono irregolarità periodiche nel lavoro, a causa di ciò che i sintomi non persistono in modo permanente. La malattia acquisisce un decorso recidivante con lunghi periodi di remissione (assenza di sintomi). Più è difficile, più frequenti sono le esacerbazioni e più a lungo durano. Se si tenta di valutare il periodo dalla prima esacerbazione all'ultimo, si scopre che la malattia dura spesso per anni e decenni. Tuttavia, le esacerbazioni stesse sono più spesso provocate da alcuni fattori esterni.

In vari pazienti, l'insorgenza dei sintomi della malattia può verificarsi nei seguenti casi:

  • nutrizione scorretta (dopo aver mangiato troppo, mangiando certi cibi);
  • lo stress;
  • attività fisica;
  • esacerbazione di comorbidità (principalmente disturbi neurologici o mentali);
  • cambiamenti nei livelli ormonali (ad esempio, esacerbazioni durante le mestruazioni o durante la gravidanza nelle donne).

Molto spesso, i medici riescono a stabilire un legame tra alcuni di questi fattori e l'aspetto dei sintomi corrispondenti. Il problema è che non è sempre possibile eliminare completamente l'influenza di questi fattori. Vengono prescritti farmaci che alleviano i sintomi e le manifestazioni principali della malattia, ma ciò non significa che il paziente sia completamente guarito. Dopo tutto, la cessazione del trattamento porterà a ricadute (esacerbazioni ripetute della malattia).

Quindi, possiamo concludere che la sindrome dell'intestino irritabile può durare per molti anni (a volte per tutta la vita del paziente). Molto spesso, la malattia si fa sentire nel periodo da 20 a 45 anni. Nelle persone anziane, di solito scompare o va in altre forme di disturbi intestinali. Il trattamento sintomatico finalizzato all'eliminazione della costipazione (stitichezza), della diarrea (diarrea), della flatulenza (accumulo di gas) può avere successo, ma non può essere considerato un recupero finale. I pazienti che hanno cambiato radicalmente il loro stile di vita e alimentazione, hanno eliminato situazioni stressanti o si sono ripresi dai disturbi nervosi e mentali e possono rapidamente sconfiggere la malattia (entro 6-12 mesi). In ogni caso, stiamo parlando di alcune ragioni, la cui eliminazione dovrebbe essere il trattamento.

I motivi per cui una malattia dura da decenni sono solitamente i seguenti fattori:

  • Automedicazione. Molti pazienti sono imbarazzati nel consultare un medico con sintomi simili. Inoltre, se la malattia si aggrava solo 1 - 2 volte al mese e non dà una seria causa di preoccupazione. Senza determinare la causa della sindrome dell'intestino irritabile e la sua eliminazione, il decorso della malattia sarà, naturalmente, ritardato.
  • Interruzione del trattamento I farmaci prescritti devono essere assunti in tempo e per tutto il tempo necessario. Con la sindrome dell'intestino irritabile, può richiedere mesi. Tuttavia, interrompere il trattamento anche per una settimana o due (ad esempio, con il pretesto di un congedo) cancellerà l'effetto del corso precedente.
  • Cause irrecuperabili A volte la causa della sindrome dell'intestino irritabile sono anomalie congenite del tessuto muscolare, disturbi di innervazione intestinale o altri problemi ereditari. In questi casi, eliminare la causa alla radice della malattia è quasi impossibile. I medici non saranno in grado di prevedere la durata complessiva del suo corso e il trattamento sarà ridotto in modo da alleviare i sintomi. Tuttavia, tali anomalie non sono così comuni. Per prima cosa è necessario sottoporsi a un esame approfondito per eliminare disturbi alimentari banali o stress.

Misure preventive

La prevenzione della malattia ha lo scopo di prevenire la manifestazione dei suoi sintomi. Questo è, soprattutto, il giusto approccio alla nutrizione. A seconda della prevalenza dei sintomi (stitichezza, diarrea), devono essere seguiti i principi di nutrizione sopra descritti.

Il regime di bere quotidiano è importante: bere almeno sei bicchieri di acqua al giorno aiuta a normalizzare le condizioni dell'intestino. Tuttavia, l'acqua non dovrebbe essere bevuta mentre si mangia. Inoltre, è necessario mantenere uno stile di vita tranquillo, se possibile prevenire situazioni stressanti, mostrare costantemente attività fisica. Anche una passeggiata elementare attraverso l'aria fresca che dura almeno trenta minuti può migliorare la condizione in caso di problemi con le funzioni intestinali. Tuttavia, dovresti camminare tutti i giorni. È necessario un riposo regolare di alta qualità, la capacità di rilassare completamente e ripristinare l'equilibrio emotivo.

Quando si assumono farmaci è importante monitorare lo stato dell'intestino. Se c'è una violazione, dovresti parlare con il tuo medico della possibilità di sostituire il farmaco.

http://medsimptom.org/sindrom-razdrazhennogo-kishechnika/

Suggerimento 1: cosa succede se hai la sindrome dell'intestino irritabile?

La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è tutt'altro che nuova. Secondo varie fonti, dal 15% al ​​20% della popolazione del nostro pianeta ne risente. Le donne hanno il doppio delle probabilità degli uomini. Non ci sono dati esatti sui fattori che causano questa malattia, ma, di regola, questo è associato a una certa spiacevole situazione nella vita, lo stress, dando origine allo sviluppo dei sintomi.

Prima di darti una diagnosi indipendente, consulta il tuo medico per escludere altre malattie più pericolose con manifestazioni simili. Di per sé, IBS non costituisce una minaccia per la vita, ma causa un grande disagio.

Quindi, di nuovo elencare i sintomi:
- gonfiore che cresce di sera e dopo aver mangiato
- brontolio e dolore addominale che scende dopo aver usato il bagno
- frequenti diarrea o stitichezza

Una cura definitiva per IBS non è ancora apparsa, ma gli scienziati stanno lavorando su questo problema. La sindrome è solitamente riferita a malattie psicosomatiche, poiché le sue manifestazioni sono più pronunciate quando una persona si trova in situazioni difficili ed eccitanti.
La medicina tradizionale suggerisce l'uso di lassativi, rinforzando o riducendo i farmaci per la formazione di gas, a seconda di cosa ti dà fastidio. Anche in alcuni casi vengono usati antidolorifici e antidepressivi.

Per ridurre il disagio, si raccomanda di attenersi a una dieta. Per elaborare una dieta, è necessario l'aiuto di un medico, così come un diario alimentare. Dovresti registrare gli alimenti mangiati, ma al contrario, la reazione del tuo corpo. Evitare l'intolleranza al lattosio e il fruttosio, fare attenzione con l'uso di latte, verdure fresche e frutta, legumi, pane e patate. Alcol, soda, bevande contenenti caffeina dovrebbero essere esclusi dal menu. Una raccomandazione comune per tutti sarebbe quella di ridurre la quantità di porzioni consumate contemporaneamente, ma di mangiare 4-5 volte al giorno.

Alcuni esperti stranieri raccomandano l'uso di probiotici contenenti batteri benefici, ma l'atteggiamento nei loro confronti in Russia è ambiguo. Buon effetto ha un tè con finocchio, a base di erbe, normalizzando il lavoro dell'intestino.
L'esercizio ha un buon effetto tonificante: esercizi mattutini, corsa, camminata, nuoto, yoga, in particolare l'esecuzione delle asana, che coinvolgono il basso ventre. Vorrei sottolineare i benefici degli esercizi mattutini - ha un grande effetto sulla salute, costringendo tutto il corpo a svegliarsi e guadagnare nel ritmo giusto.

E, naturalmente, una delle componenti più importanti del trattamento dell'IBS è la psicoterapia. La terapia cognitiva e l'ipnosi si sono dimostrate più efficaci, ma anche la terapia positiva, la terapia della gestalt e altre aree sono popolari.

Uno psicoterapeuta può aiutarti:
- sbarazzarsi della depressione e ridurre l'ansia, spesso la causa di IBS
- smetti di sentirti una vittima, è più facile guardare la tua malattia e credere nelle tue forze per superarla
- insegnare tecniche di rilassamento e autotraining
- tornare a chattare con gli amici, smettere di sentirsi bloccato in quattro mura

Ancora una volta ti ricordo che prima di prendere qualsiasi misura e auto-medicarsi, devi contattare uno specialista, forse anche diversi dottori. Un rapporto di fiducia e un buon contatto con il medico saranno un buon passo avanti verso una cura. Ti benedica!

http://www.kakprosto.ru/kak-812320-chto-delat-esli-u-vas-sindrom-razdrazhennogo-kishechnika

Sindrome dell'intestino irritabile - sintomi e trattamento dell'IBS, farmaci, dieta, prevenzione

La sindrome dell'intestino irritabile, o in un altro IBS, sono anomalie funzionali persistenti nell'intestino, con conseguente disagio cronico, dolore e crampi nell'addome e accompagnate da cambiamenti nella frequenza delle feci e dalla coerenza in assenza di cause organiche.

Nonostante l'estrema prevalenza della sindrome dell'intestino irritabile, circa il 75% della popolazione adulta non si considera malata e non cerca aiuto medico. Nell'occorrenza e lo sviluppo della malattia hanno disturbi psico-emotivi.

Cos'è IBS?

La sindrome dell'intestino irritabile è una malattia che si manifesta con dolore addominale in combinazione con una rottura dell'intestino.

Al suo centro, questa patologia è un disturbo cronico intestinale con una violazione delle sue funzioni senza una ragione apparente. Questo fenomeno è accompagnato da dolore addominale, feci anormali, disagio e non sono state rilevate reazioni infiammatorie o lesioni infettive.

Pertanto, l'IBS è una condizione in cui l'intestino sembra normale, ma non funziona normalmente.

Molto spesso questa patologia colpisce persone dopo 20 anni, il 40% dei pazienti di età compresa tra 35-50 anni. La prevalenza della sindrome è del 15-25% delle donne e del 5-18% degli uomini. Inoltre, il 60% dei pazienti non cerca assistenza medica, il 12% si rivolge a medici di medicina generale, il 28% a gastroenterologi.

motivi

Medicina cause organiche sconosciute della sindrome. Secondo numerosi studi clinici, i fattori che provocano la comparsa di IBS sono:

  • Interruzione delle connessioni neurali tra l'intestino e la parte del cervello che controlla il normale funzionamento del tratto gastrointestinale
  • Compromissione della motilità L'aumento della motilità porta spesso alla diarrea, mentre la motilità ritardata provoca lo sviluppo di stitichezza.
  • Disbiosi: aumento della crescita batterica nell'intestino tenue. Possono comparire batteri nocivi insoliti per l'intestino, che portano a flatulenza, diarrea, perdita di peso.
  • Mancanza di alimenti ricchi di fibre alimentari
  • Disturbo alimentare. La sindrome dell'intestino irritabile molto probabilmente infastidirà le persone che preferiscono cibi piccanti e grassi, consumano grandi quantità di caffè e tè forte e bevande alcoliche.
  • Anche la predisposizione ereditaria non è scontata: la sindrome è più frequente nelle persone i cui genitori soffrono di questo disturbo.
  • Infezioni intestinali sono trigger nel 30% dei pazienti.

I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile

Le principali manifestazioni della sindrome dell'intestino irritabile sono dolore, fastidio addominale e feci anormali. Spesso nelle feci si può vedere una grande quantità di muco. Uno spasmo di varie parti dell'intestino viene osservato in modo non permanente e può cambiare la localizzazione in giorni diversi.

I sintomi più comuni negli adulti:

  • Dolori addominali e crampi che scompaiono dopo lo svuotamento.
  • La diarrea o la stitichezza possono spesso alternarsi.
  • Distensione addominale e gonfiore.
  • Eccessiva flatulenza (flatulenza).
  • Improvvisamente bisogno di andare in bagno.
  • Sentirsi pieno di intestini, anche se sei appena andato in bagno.
  • Sensazione di non aver completamente svuotato l'intestino.
  • La secrezione di muco dall'ano (il muco chiaro prodotto dall'intestino, normalmente non dovrebbe risaltare).

I sintomi di irritazione possono comparire immediatamente dopo un pasto o in una situazione stressante. Nelle donne, i sintomi di IBS possono verificarsi prima delle mestruazioni.

La presenza di almeno due sintomi aggiuntivi descritti di seguito dovrebbe confermare l'IBS:

  • Cambiamenti nel processo di svuotamento - improvviso forte impulso, sensazione di svuotamento incompleto dell'intestino, necessità di affaticare fortemente durante lo svuotamento dell'intestino.
  • Gonfiore, tensione o pesantezza allo stomaco.
  • I sintomi peggiorano dopo aver mangiato (diventando più pronunciato).
  • Il muco è secreto dall'ano.

Ci sono tre tipi principali di sindrome dell'intestino irritabile: con una predominanza di stitichezza, con una predominanza di diarrea e con una predominanza di dolore.

  • frequente necessità di defecare durante e dopo i pasti,
  • sullo sfondo delle feci liquide, il dolore scompare immediatamente dopo lo svuotamento,
  • dolore all'addome dopo aver mangiato, nella parte bassa della schiena e nelle parti laterali dell'addome appena sotto l'ombelico,
  • difficoltà a urinare.
  • La sindrome dell'intestino irritabile con stitichezza causa dolore, che non è localizzato in un posto, ma si dissipa.
  • Il personaggio parossistico lascia il posto al piagnisteo.
  • Spesso c'è amaro in bocca, nausea, flatulenza.
  • dolori crampi (raramente punti o dolori) nell'addome, che scompaiono immediatamente dopo lo svuotamento;
  • diarrea - diarrea, stitichezza e alternanza;
  • quando sollecita a sgabello, il paziente ha la sensazione che non sarà in grado di trattenere le sue feci nell'intestino;
  • distensione addominale, produzione di gas;
  • durante le feci, il muco bianco o chiaro sarà espulso.

I segni di questa malattia compaiono anche dopo una forte tensione di natura intellettuale ed emotiva, eccitazione, paura. Tuttavia, con la normalizzazione dello stato mentale di una persona, scompaiono.

Segni che dovrebbero allertare

I sintomi dovrebbero essere allarmanti perché non sono caratteristici della sindrome dell'intestino irritabile:

  • se la malattia ha avuto inizio nella vecchiaia;
  • se compaiono sintomi acuti - l'IBS non è acuta, è una malattia cronica;
  • perdita di peso corporeo, perdita di appetito sanguinamento dall'ano, diarrea con dolore, steatorrea (grasso nelle masse fecali);
  • alta temperatura corporea;
  • intolleranza al fruttosio e intolleranza al lattosio, intolleranza al glutine;
  • presenza di malattie infiammatorie intestinali o cancro nei parenti.

diagnostica

Se hai problemi con l'intestino descritto nell'articolo, devi contattare un gastroenterologo. I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile sono simili ai sintomi di altre malattie gastrointestinali, pertanto, al fine di fare una diagnosi corretta e determinare come trattare gli intestini, è necessario un esame completo in accordo con gli standard.

Per la diagnosi, devi passare:

  • Analisi del sangue generale Consente di rilevare l'anemia come manifestazione di sanguinamento latente e un aumento del numero di leucociti, che indica la presenza di infiammazione.
  • Il test del sangue occulto fecale aiuterà a determinare anche il sanguinamento che non è visibile agli occhi e l'aumento della perdita di grasso dalle feci indica la presenza di pancreatite.
  • Lo studio degli ormoni tiroidei (per negare iper- o ipotiroidismo);
  • Test di carico del lattosio (per sospetto deficit di lattasi);
  • Gastroscopia con biopsia dalla parte discendente del duodeno (in caso di sospetta malattia celiaca della malattia di Whipple, eccessiva crescita batterica);
  • L'ecografia addominale e l'ecografia intestinale consentono di identificare molte gravi malattie degli organi interni, tra cui alcuni tumori;
  • Radiografia. La fluoroscopia a contrasto con il bario viene talvolta utilizzata per ottenere un'immagine del rilievo dell'intestino crasso.
  • Colonscopia e sigmoidoscopia (studi strumentali). Nominato in caso di tumori sospetti, malattia infiammatoria intestinale, anomalie dello sviluppo, diverticoli.
  • Tomografia computerizzata La TC addominale e pelvica può aiutare ad eliminare o rilevare altre cause dei sintomi.

Eliminando possibili malattie e facendo una diagnosi, il medico determina i metodi di trattamento. Dopo la fine del corso principale, viene condotto un secondo studio.

Trattamento dell'intestino irritabile negli adulti

La terapia combinata nel trattamento della sindrome dell'intestino irritabile include l'uso di farmaci in combinazione con la correzione di stati psico-emotivi e una certa dieta.

Quando la condizione non è esacerbata, prima di ricorrere alla correzione medica, puoi provare ad aderire alle seguenti raccomandazioni:

  • Riconsiderare lo stile di vita;
  • Regolare la potenza;
  • Per escludere il tabacco e le bevande contenenti alcol;
  • L'esercizio dovrebbe essere quotidiano, ma fattibile;
  • Più tempo da trascorrere all'aria aperta, solo a piedi.

Tali semplici consigli sono in grado di aiutare a far fronte allo squilibrio del sistema nervoso e risolvere i problemi intestinali quando "crescono" fuori dalla testa.

farmaci

Omeopatia o farmaci per l'intestino irritabile sono selezionati sulla base della predominanza dei sintomi: stitichezza, diarrea o presenza di dolore.

  1. Antispastici. Alleviare lo spasmo muscolare, riducendo l'intensità delle manifestazioni dolorose. I farmaci più popolari: Mebeverin, Sparex, Nyaspam.
  2. Farmaci astringenti ("Almagel", "Tanalbin", "Smekta"). Sono prescritti per esacerbare la sindrome dell'intestino irritabile e la diarrea.
  3. Probiotici. ("Hilak-Forte", "Laktovit", "Bifiform"). Con l'aiuto di batteri benefici, gli intestini vengono regolati.
  4. I sorbenti sono in grado di ridurre la formazione di gas: Polysorb, Polyphepanum, Filtrum, Enterosgel.
  5. L'addolcimento delle feci è fornito con preparati di lattulosio: Duphalac, Portolac, Goodluck. Loro, senza entrare nel sangue, possono cambiare la consistenza della massa fecale.
  6. Mezzi della categoria dei lassativi di tipo osmotico: Macrogol, Forlax, Lavacol, Relaxax, Expal. Questi fondi danno effetto in 2-5 ore.
  7. Con IBS con diarrea. Fino a tre volte al giorno prima dei pasti, puoi prendere una compressa di Difenxilato o Loperamide. Questi strumenti aiutano a rallentare la motilità intestinale. Smectu può essere usato per eliminare la diarrea.
  8. Spesso, gli esperti prescrivono antibiotici per IBS. Il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile viene effettuato con l'aiuto di questi potenti farmaci. Solo finora non è stato stabilito il beneficio degli antibiotici durante questa malattia. I medici di solito credono che sia così possibile ridurre il numero di agenti patogeni nel tratto gastrointestinale.
  9. Antidepressivi: in caso di grave ansia, apatia, disturbi comportamentali e riduzione dell'umore, l'uso di antidepressivi dà l'effetto migliore: Amitriptilina, Prozac, Zoloft, Eglonil e altri. Tutti i farmaci devono essere assunti almeno 3 mesi, sempre con altri farmaci e psicoterapia.

Quando si assumono farmaci è importante monitorare lo stato dell'intestino. Se c'è una violazione, dovresti parlare con il tuo medico della possibilità di sostituire il farmaco.

psicoterapia

Dato che la patologia è accompagnata dallo stress, le sedute psicoterapeutiche aiuteranno a migliorare il tuo benessere. Uno psicoterapeuta specializzato è coinvolto nel processo di trattamento e assegna antidepressivi, calmanti e, dopo averlo consultato, contribuirà a far fronte a situazioni stressanti.

L'attività fisica, le passeggiate e l'aerobica sono raccomandate per i pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Corsi di fisioterapia spesso prescritti. Inoltre, è auspicabile normalizzare il regime del giorno, abbandonare attività ricche di situazioni stressanti, cercare di evitare lo stress emotivo e l'ansia.

dieta

Spesso, i pazienti con IBS hanno generalmente paura di mangiare qualcosa e cercano di tagliare il più possibile la gamma di prodotti. Ma questo non è corretto. Al contrario, la dieta dovrebbe essere il più varia possibile, tenendo conto delle peculiarità del lavoro del tratto digestivo di ciascun paziente. Poiché la mancanza di alcune sostanze, come magnesio, zinco, omega 3 e acidi grassi omega 6, porta a un deterioramento della mucosa intestinale.

Evitare cibi problematici - se si scopre che alcuni alimenti dopo il consumo fanno peggiorare i sintomi dell'IBS, si dovrebbe evitare di consumarli.

I sintomi più comuni possono causare i seguenti alimenti:

  • alcol,
  • cioccolato,
  • bevande contenenti caffeina (tè, caffè),
  • bevande gassate
  • droghe contenenti caffeina,
  • latticini
  • prodotti contenenti sostituti dello zucchero (sorbitolo e mannitolo).

Il menu deve essere presente:

  • succo di mirtillo diluito, composte, tè;
  • brodi di pollame;
  • la pasta;
  • verdure bollite o al forno: patate, carote, pomodori;
  • porridge, primi piatti.

Si possono distinguere i seguenti prodotti, che sono consigliati per essere significativamente limitati, ed è meglio eliminarli del tutto. Tale influenza di prodotti è annotata:

  • stimolare la comparsa di diarrea: mele, prugne, barbabietole, alimenti ricchi di fibre;
  • aumentare flatulenza e flatulenza: legumi, pasticcini, cavoli, noci, uva;
  • contribuire alla stitichezza: cibi fritti e cibi grassi.

Dieta per la sindrome dell'intestino irritabile con costipazione

Con la stitichezza frequente, prima di tutto, dovresti evitare il cibo che ha un effetto fissante che irrita il tratto digestivo e causa la fermentazione. In questo caso, la nutrizione in caso di sindrome dell'intestino irritabile consiste nell'eliminazione di prodotti simili e nell'introduzione nella dieta del cibo, che migliora la funzione motoria dell'intestino.

I principi di base della dieta n. 3 di Pevzner non differiscono da quanto sopra:

  • È vietato l'uso: carne affumicata, carne grassa, pasta frolla, uova fritte, pasta, riso, legumi, funghi, cipolle, aglio, cavoli, ravanelli, mele cotogne, corniolo, prodotti contenenti grassi;
  • permesso: verdure al vapore e bollite, latticini, grano saraceno, semole di uova, miglio, carne magra o al vapore e pesce, crusca, pane integrale, frutta secca, frutta dolce e bacche.

In alcuni casi, il supporto psicosociale e la dieta sono un trattamento efficace per la sindrome dell'intestino irritabile e il successivo trattamento farmacologico non è affatto richiesto.

Dieta per IBS con diarrea

Di solito, in questa situazione, la tabella è assegnata al numero 4, che alla fine si inserisce senza problemi nella tabella numero 2. È necessario limitare quegli alimenti e piatti che stimolano l'irritazione intestinale, così come i processi secretori nello stomaco, fegato e pancreas. Dopotutto, facendo così conducono alla putrefazione e alla fermentazione, che provoca lo sviluppo di sintomi spiacevoli.

  • Cibo preso in certe ore, seduto su una sedia, lentamente in un'atmosfera rilassata.
  • Dare la preferenza al cibo cotto a bagnomaria nel forno o sulla griglia.
  • Utilizzare oli commestibili o burro aggiunto a fine cottura.
  • Spezie, sottaceti, condimenti, piatti piccanti,
  • Frutta, verdura,
  • Pane di segale,
  • Latticini freschi, latte,
  • Carne e pesce grassi,
  • Bevande fredde
  • Baking.

Rimedi popolari

Il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile può essere effettuato con estratti di erbe acquistati da una farmacia o preparati in modo indipendente.

  1. La radice di liquirizia, semi di lino, radice di burnet, corteccia di olivello spinoso, frutti di ciliegio, foglie di mirtillo, semi di erba e aneto e semi di cumino influenzano in modo efficace le condizioni dei pazienti.
  2. Quando nausea, vomito e coliche intestinali aiutano il succo di patata fresco. Per alleviare l'infiammazione delle pareti in IBS, rilassare la tensione muscolare intestinale aiuterà un decotto di una miscela di menta piperita, camomilla, hydraestis, Althea, Dioscorea.
  3. L'infusione di spine lascia con costipazione. Versare un cucchiaio di materie prime in un thermos, quindi versarvi un bicchiere di acqua bollita. Lascia stare, quindi prendi mezzo bicchiere tre volte al giorno per almeno una settimana.
  4. Quando la stitichezza può aiutare a piantare semi. Per fare questo, 2 cucchiai da dessert di semi dovrebbero essere immersi in 100 ml di acqua per 30 minuti, dopo di che dovrebbero essere mangiati.
  5. A volte vengono utilizzate infusioni a base di bucce di melograno per la diarrea. Un cucchiaio di croste secche versare 250 ml di acqua bollente e infondere fino al rosa. Dovrebbe essere consumato alla volta.

Ma non tutti i mezzi sono ugualmente buoni in presenza di diversi sintomi della malattia. così:

  • In presenza di stitichezza, è possibile utilizzare infusi e decotti a base di radice di liquirizia, corteccia di olivello spinoso, ortica, finocchio, camomilla.
  • Quando la diarrea aiuta il Potentilla bianco, serpentino, salvia, mirtillo, pappa.
  • Alleviare spasmi e dolore aiuta la valeriana, il finocchio, la menta, il cumino.
  • Per eliminare la flatulenza usate anice, cumino, finocchio, camomilla.

prospettiva

Le prospettive per la sindrome dell'intestino irritabile sono favorevoli: quando non sviluppa complicazioni gravi, non riduce l'aspettativa di vita. Modificando leggermente la dieta e l'attività fisica e, cosa più importante, l'atteggiamento verso la vita verso uno più ottimista, si possono ottenere cambiamenti positivi evidenti nel proprio benessere.

prevenzione

L'intestino irritabile si riferisce alla malattia, che non può essere prevenuta, e con la manifestazione di un completamente guarito.

Come misura preventiva è raccomandato:

  • Regolare allenamento psicologico e auto-allenamento finalizzato a ridurre la suscettibilità allo stress.
  • Modalità di alimentazione corretta. È necessario assumere il cibo 4-5 volte al giorno, limitando cibi grassi e contenenti caffeina. Si consiglia l'uso di alimenti ricchi di fibre alimentari e di prodotti a base di acido lattico con prebiotici.
  • Esercizio regolare al dosaggio.
  • Rifiuto di uso irragionevole di droghe per il trattamento di diarrea, costipazione.

La sindrome dell'intestino irritabile è difficile da chiamare una malattia patologica - è piuttosto una condizione specifica del corpo. E non importa quali farmaci verranno prescritti da un medico: è più importante imparare come controllare le proprie emozioni, normalizzare il ritmo della vita, regolare la dieta.

In ogni caso, i pazienti con IBS non dovrebbero iniziare la malattia, tenere conto delle loro caratteristiche individuali al momento di elaborare il menu, non cercare consigli e rimedi popolari sui forum di Internet e, nel tempo, chiedere aiuto agli specialisti.

http://simptomy-i-lechenie.net/sindrom-razdrazhennogo-kishechnika/

Altri Articoli Su Vene Varicose

  • Ultrasuoni degli organi interni femminili
    Complicazioni
    L'esame ecografico degli organi femminili è uno dei test chiave necessari per stabilire una diagnosi. Pertanto, se si sospettano gli organi pelvici, un esame ecografico eseguito in modo tempestivo sarà la chiave per il successo del trattamento.
  • Nephrotrans 500mg (5X100 stk)
    Sintomi
    Contenuto della confezioneScope Nephro trans 500mg (formato confezione: 5X100 pezzi) Il farmaco è un farmaco di acidosi per la correzione dell'acidosi metabolica. Aree di applicazione Per il trattamento del metabolismo correlato Acidificazione del sangue (acidosi metabolica) e mantenimento della terapia ricaduta contro il metabolismo correlato Acidificazione del sangue nella performance cronica a basso livello renale (insufficienza renale cronica).<