Come aumentare il livello dei neutrofili nel trattamento dei tumori

A volte mi chiedono come aumentare l'immunità e aumentare il livello dei leucociti nel trattamento dei tumori (dopo un ciclo di chemioterapia).

Mia moglie è ora sottoposta a chemioterapia, o meglio, il primo corso è completato, dopo 10 giorni ci sarà un secondo. L'immunità cadde pesantemente, i leucociti e qualcos'altro lì, dissero, il sangue divenne quasi sterile. La temperatura si mantiene ogni giorno 37,5 - 38. Non lasciamo la casa, abbiamo paura. I medici hanno detto che Dio proibisce qualcosa da raccogliere, fino al risultato dettagliato. Per quanto riguarda l'oncologia, la prognosi è generalmente buona, ma l'immunità confonde. Galavit aiuterà in questa situazione e può essere usato durante la chemioterapia? Anche i medici non raccomandano le vitamine durante la chimica, dicono, che il tumore non viene stimolato. Qui mi piacerebbe sentire la tua opinione.

È improbabile che Galavit aiuti. L'immunomodulatore antinfiammatorio Galavit è utilizzato per prevenire le complicanze postoperatorie, anche dopo l'intervento chirurgico per i tumori. Galavit normalizza la funzione delle cellule del sistema immunitario, ma non può aumentare il loro numero alla normalità. Nel nostro caso, abbiamo bisogno di una droga di una perfetta altra azione. Questo articolo è di natura informativa, in modo da presentare le moderne possibilità di ripristinare il livello dei neutrofili nel sangue. I preparati descritti di seguito non sono destinati all'autoterapia, sono costosi e possono essere utilizzati solo sotto la guida di un oncologo o di un ematologo.

Cosa succede durante la chemioterapia

Chemioterapia in questo caso - trattamento di tumori con farmaci. Molti farmaci usati per trattare i tumori maligni danneggiano anche le cellule sane, che si dividono rapidamente, causando diarrea nell'intestino e interrompendo la funzione del midollo osseo rosso. Oltre alla citostatica, una grave disfunzione del midollo osseo si verifica durante la radioterapia (radiazioni ionizzanti) di importanti zone ematopoietiche - lo sterno, la colonna vertebrale e le ossa pelviche.

L'azione dei farmaci per il trattamento dei tumori colpisce tutte le linee cellulari nel midollo osseo (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine). Di questi, i neutrofili hanno l'emivita più breve (6-8 ore), quindi la formazione di granulociti viene soppressa prima di tutto (neutrofili + eosinofili + basofili). L'emivita delle piastrine è di 5-7 giorni, quindi soffrono meno dei granulociti. L'anemia dovuta alla soppressione della maturazione degli eritrociti si verifica anche, ma di solito non ha significato clinico a causa della durata della vita degli eritrociti di 4 mesi.

I neutrofili sono "soldati" del sistema immunitario. I neutrofili sono numerosi, di piccole dimensioni e la loro vita è breve. La funzione principale dei neutrofili è la fagocitosi (assorbimento) e la digestione di microbi e frammenti di cellule morte del corpo.

Norme neutrofili nel sangue

Normalmente, da 4 a 9 miliardi (× 10 9) di leucociti per litro di sangue, o 4-9 mila (× 10 3) per millimetro cubo (mm 3).

I neutrofili insieme agli eosinofili e ai basofili appartengono ai granulociti (leucociti polimorfonucleati, PMN).

Norme del contenuto di neutrofili (del numero totale di leucociti del sangue):

  • mielociti neutrofili - 0,
  • giovani (metamyelocytes neutrofili) - 0 (appaiono nel sangue solo in infezioni severe e riflettono la loro gravità),
  • stab - 1-6% (il numero aumenta con le infezioni),
  • segmentato - 47-72%. Sono forme mature di neutrofili.

In numeri assoluti nel sangue in normale 1 mm 3 dovrebbero essere 40-300 neutrofili stab e 2000-5500 segmenti neutrofili.

Leucopenia e neutropenia

Leucopenia - basso livello di leucociti nel sangue (inferiore a 4 mila / mm 3).

Il più delle volte, la leucopenia è causata da neutropenia - un basso livello di neutrofili. Talvolta vengono considerati non neutrofili separatamente, ma tutti i granulociti, poiché vi sono pochi eosinofili e basofili (1-5% e 0-1% di tutti i leucociti, rispettivamente).

  • 0 gradi: più di 2000 neutrofili per 1 mm 3 di sangue;
  • Grado 1, leggero: 1900-1500 celle / mm 3 - Non è richiesta la prescrizione obbligatoria di un antibiotico a temperature elevate;
  • 2 ° grado, medio: 1400-1000 cellule / mm 3 - sono necessari antibiotici orali;
  • Grado 3, grave: 900-500 cellule / mm 3 - gli antibiotici vengono somministrati per via endovenosa;
  • 4 ° grado di pericolo di vita: meno di 500 cellule / mm 3.

Neutropenia febbrile (lat Febris - febbre) - un improvviso aumento della temperatura superiore a 38 ° С sullo sfondo di neutrofili nel sangue inferiore a 500 mm 3. La neutropenia febbrile è pericolosa con gravi complicazioni infettive e possibile morte (rischio maggiore del 10%), poiché il sistema immunitario non può limitare l'infiammazione ed è difficile da rilevare. E quando si può ancora trovare il punto focale dell'infiammazione, spesso la condizione del paziente si avvicina alla morte.

Molecole regolatrici per il trattamento della neutropenia

Negli anni '80 è stato svolto un intenso lavoro sullo sviluppo di analoghi artificiali (ingegneria genetica) di molecole umane che regolano la crescita e la riproduzione delle cellule del sangue. Una di queste molecole è chiamata G-CSF (fattore stimolante le colonie di granulociti, G-CSF). Il G-CSF stimola principalmente la crescita e lo sviluppo dei neutrofili e influenza lo sviluppo di altri leucociti in misura limitata.

Di questi, il più efficace è pegfilgrastim.

C'è anche GM-CSF (fattore stimolante le colonie di granulociti-monociti), che è stato venduto con i nomi commerciali di molgramostim e sargrammostim, ma ora non è usato a causa del maggior numero di effetti collaterali.

Filgrastim e pegfilgrastim

Filgrastim e Pegfilgrastim sono essenzialmente lo stesso farmaco, ma Pegfilgrastim contiene inoltre una molecola di polietilenglicole che protegge il filgrastim dalla rapida escrezione renale. Filgrastim deve essere iniettato quotidianamente (per via sottocutanea o endovenosa) per 11-16 giorni fino al ripristino dei livelli di neutrofili e Pagfilgrastim viene somministrato una sola volta (a condizione che l'intervallo tra i cicli di chemioterapia sia di almeno 14 giorni). L'effetto di Pegfilgrastim è notevole per la sua autoregolazione: quando ci sono pochi neutrofili, il farmaco circola a lungo nel corpo e stimola la produzione di neutrofili. Quando i neutrofili diventano abbondanti, legano il Pegfilgrastim con i loro recettori sulla superficie cellulare e lo rimuovono dal corpo.

I farmaci G-CSF vengono somministrati 24-72 ore dopo la fine della chemioterapia, se il rischio atteso di neutropenia febbrile supera il 20%, anche a causa dell'HIV o di una bassa riserva di midollo osseo. Sono noti schemi di chemioterapia di vari tumori maligni, per i quali il rischio di neutropenia febbrile è sempre superiore al 20%. Se il rischio è inferiore al 10%, la profilassi con l'aiuto di G-CSF non viene eseguita. A rischio dal 10% al 20%, vengono presi in considerazione fattori aggiuntivi, ad esempio:

  • età oltre 65 anni
  • neutropenia febbrile precedentemente trasferita,
  • mancanza di profilassi antimicrobica,
  • gravi malattie concomitanti
  • cattive condizioni generali
  • ferite aperte o infezioni della ferita
  • la malnutrizione,
  • genere femminile
  • terapia di chemioterapia
  • emoglobina inferiore a 120 g / l.

I farmaci G-CSF non possono essere usati prima e durante il corso della chemioterapia, poiché ciò porta a trombocitopenia grave (una diminuzione del numero di piastrine nel sangue con un aumentato rischio di sanguinamento). Inoltre, i preparati G-CSF non possono essere utilizzati durante il periodo di radioterapia sulla zona del torace, poiché sopprime il midollo osseo e aumenta il rischio di complicazioni e morte. Questi farmaci sono controindicati nella leucemia acuta, nella leucemia mieloide cronica e nelle sindromi mielodisplastiche, poiché possono aumentare la crescita delle cellule del sangue maligne.

Tra gli effetti collaterali nel 24% dei pazienti ci sono dolori ossei dovuti al lavoro intensivo del midollo osseo. Di regola, sono deboli o moderati e vengono rimossi dagli analgesici convenzionali (diclofenac, meloxicam, ecc.). Sono stati descritti diversi casi di iperleucocitosi (oltre 100 mila leucociti per mm 3), che si sono conclusi senza conseguenze.

Nonostante 20 anni di esperienza con questi farmaci, il loro studio attivo continua. Non tutte le domande hanno ancora una risposta, quindi le istruzioni indicano che il trattamento con filgrastim deve essere effettuato solo sotto la supervisione di un oncologo o ematologo che abbia esperienza con tali farmaci.

Nomi commerciali in Russia

Al momento della scrittura, gli articoli in Russia sono stati registrati e venduti nelle farmacie:

Filgrastim (di seguito indicato come il prezzo per 5 bottiglie):

  • Leucostim (da 10 a 20 mila rubli russi),
  • Neupogen (da 5 a 50 mila),
  • Neipomax (da 3 a 7 mila),
  • Tevagrastim,
  • Zars,
  • Mielastra,
  • leucite;
  • Inarrestabile (da 30 a 62 mila per 1 bottiglia);
  • Granocyte 34 (da 15 a 62 mila rubli russi per 5 bottiglie).
http://www.happydoctor.ru/info/1957

È sempre opportuno preoccuparsi se i neutrofili sono elevati?

Postato da: Contenuto · Pubblicato il 03/03/2017 · Aggiornato il 17/10/2018

Contenuto di questo articolo:

I neutrofili (granulociti, leucociti neutrofili) sono cellule linfocitarie che difendono il corpo a spese della propria esistenza. Quando muoiono, impediscono la diffusione dell'infezione. La presenza di gravi infezioni batteriche o fungine può essere confermata da un esame del sangue, in base al quale i neutrofili sono elevati.

Scopri il numero di queste cellule in base ai risultati dell'analisi del sangue generale. In una colonna separata indica la percentuale di neutrofili in relazione al numero totale di linfociti. Per scoprire il valore assoluto (ass.), Le abilità della matematica elementare saranno già richieste. È necessario moltiplicare il numero di linfociti per la percentuale di neutrofili e dividere la cifra risultante per 100.

Altrettanto spesso, il numero di celle è indicato in migliaia per microlitro - mille / μl., Che lascia invariata la componente numerica dell'indicatore in entrambi i casi.

Eccesso di conta dei neutrofili

Ai fini diagnostici, è interessante non solo il numero totale di neutrofili, ma anche il loro rapporto di specie, possono essere segmentati e nucleati, nonché con patologie gravi, mielociti e mielociti possono entrare nel sangue. È necessario prestare attenzione ai linfociti nel loro numero totale: possono essere abbassati, essere normali o superarli. Esaminiamo più in dettaglio le ragioni dell'aumento del livello di neutrofili costantemente presenti nel sangue. Ma prima, definiamo le differenze tra le diverse forme di queste cellule del sangue.

Le cellule di granulociti adulti hanno un nucleo che è diviso in segmenti, quindi il nome è segmentato.

Nelle cellule che non hanno completato la maturazione, il nucleo non è completamente formato e ha l'aspetto di una verga - sono chiamati band-core.

Aumento della conta dei neutrofili totali

Se il test del sangue indica un aumento del numero di neutrofili, questo può essere un segno delle seguenti patologie:

  • Infezione batterica, che è accompagnata da un processo infiammatorio focale o generale (generalizzato). Nel primo caso, questo può indicare un'infezione del tratto respiratorio o della gola, un processo infiammatorio purulento nell'orecchio, tubercolosi, un'infezione renale in fase acuta, polmonite, ecc. Nel secondo caso, colera, peritonite, sepsi, scarlattina;
  • I processi associati alla formazione di aree necrotiche. Le ragioni si trovano in cancrena, ictus, infarto miocardico, brucia una vasta area;
  • La presenza di tossine che influenzano direttamente la funzione del midollo osseo. L'agente può essere alcol o piombo;
  • La presenza di tossine di origine batterica, senza l'introduzione dei batteri. Può spesso essere il risultato di mangiare cibi in scatola (i batteri hanno perso la loro vitalità e i loro prodotti metabolici sono ancora presenti);
  • Tumori maligni allo stadio della disgregazione tissutale.

Un aumento dei neutrofili può anche indicare l'introduzione di un vaccino nel recente passato, un periodo di recupero dopo una malattia infettiva che è stata trasferita.

Opzioni standard

In alcuni casi, i leucociti neutrofili possono raggiungere un livello di 7-8 miliardi in un litro di sangue ed essere un valore normale. Di norma, tali indicatori sono tipici delle donne in gravidanza. Può verificarsi dopo un pasto abbondante, essere il risultato di stress psicologico, shock o attività fisica. L'analisi viene solitamente eseguita più volte per stabilire la verità dei suoi indicatori.

Tariffe in eccesso

Lo stato in cui i neutrofili sono elevati è chiamato neutrofilia o neutrofilia. Ci sono diverse fasi del processo. Per la loro classificazione utilizzando i valori assoluti degli indicatori, espressi in miliardi di cellule in un litro di sangue (per comodità, il valore utilizzato nel grado - 10 9).

Più alto è il grado di neutrofilia, più difficile è il processo nel corpo.

Elevazione dei neutrofili segmentati

I granulociti segmentati rappresentano circa il 70% di tutti i neutrofili nel sangue. Un aumento del loro numero insieme ad un aumento del numero totale di leucociti indica le seguenti patologie:

  1. Infezioni nel corpo (encefalite, malattie della natura fungina, spirochetosi);
  2. Malattie degli arti inferiori;
  3. La presenza di tumori maligni;
  4. Patologia nel funzionamento del sistema urinario;
  5. Infiammazione della natura reumatoide della gotta, pancreatite, artrite, violazione dell'integrità dei tessuti;
  6. Aumento dei livelli di glucosio nel sangue.

Aumentati neutrofili stab

I neutrofili di Stab possono essere elevati durante il decorso acuto di un processo infettivo. Il loro rilascio improvviso nel sangue è mediato dal sistema immunitario in risposta all'invasione di un agente straniero. E c'è anche un aumento del livello dei neutrofili negli stadi iniziali della malattia (a condizione che i neutrofili segmentati si trovino entro il range normale). Ciò è dovuto al fatto che durante un periodo di 5-48 ore, "maturano" e formano un nucleo segmentato da un "bastone" - si trasformano in un nucleo segmentato.

Le ragioni per l'alto tasso di neutrofili a banda:

  • Infiammazione dell'orecchio, del rene o del polmone;
  • Il periodo immediatamente dopo l'intervento chirurgico;
  • Reazione acuta della pelle sotto forma di allergie o dermatiti;
  • Violazione dell'integrità della pelle;
  • Lesioni agli organi interni e alle ossa;
  • Ustioni di varia gravità;
  • gotta;
  • Fenomeni reumatoidi;
  • Tumore benigno e natura maligna;
  • l'anemia;
  • Diminuire o aumentare la temperatura ambiente;
  • la gravidanza;
  • Diabete mellito;
  • Reazione come allergica all'assunzione di droghe;
  • Maggiore perdita di sangue;
  • Infezione batterica e malattie purulente.

Esercizio fisico, sovraeccitazione nervosa o elevati livelli di anidride carbonica possono anche causare l'aumento di neutrofili nel corpo. È noto che un esame del sangue indica una neutrofilia da arma da fuoco dopo aver consumato droghe come l'eparina. Lo stesso effetto è osservato anche dai farmaci corticosteroidi, dall'adrenalina o dai preparati a base di erbe basati sulla digitale. I neutrofili sono anche elevati a causa di avvelenamento da piombo, mercurio o insetticida.

I neutrofili aumentano contro la riduzione dei linfociti

Le opzioni di cui sopra sono state prese in considerazione quando il livello dei linfociti aumenta insieme al numero di granulociti. Vediamo ora perché i linfociti possono essere ridotti aumentando la proporzione di neutrofili. Un esame del sangue può dare questo risultato nelle seguenti condizioni:

  • Insufficienza renale;
  • Corso cronico a lungo termine di malattie infettive;
  • La reazione allo studio radiografico;
  • Reazione alla chemioterapia o radioterapia;
  • Malattie maligne nella fase terminale;
  • Come risultato di anemia aplastica;
  • Uso prolungato di citostatici.

Una tale condizione è osservata (i linfociti sono abbassati e i neutrofili sono elevati) nelle donne con sindrome premestruale, negli adulti, indipendentemente dal sesso, sovrallenamento nervoso e situazione stressante prolungata. In questi casi, i granulociti segmentati sono generalmente elevati.

Il tasso di linfociti neutrofili

Un esame del sangue in età diverse mostra un diverso numero di tali cellule nel flusso sanguigno rispetto al numero totale di linfociti. La tabella seguente mostra il limite superiore dei valori normali. Numeri più alti indicano che i neutrofili sono elevati.

http://prokrov.ru/esli-nejtrofily-povysheny/

Cosa indica il basso contenuto di neutrofili nel sangue ed è possibile aumentarli?

I neutrofili sono una specie di globuli bianchi che proteggono il corpo dalle infezioni. La loro formazione si verifica nel midollo osseo e, con ulteriore penetrazione nel tessuto, distrugge i microrganismi patogeni. Lo stato in cui i neutrofili si abbassano è chiamato neutropenia e indica la presenza di patologie nel corpo.

Ne: cosa significa - definizione

Neutrofili (designazione Ne) - un gruppo di globuli bianchi, che è diviso in due sottogruppi.

Questi includono:

  • Segmentato. Cellule mature con un nucleo segmentato che circolano nel sangue e svolgono la distruzione dei batteri a seguito del loro assorbimento.
  • Stab. Hanno un nucleo solido e a forma di bastoncino. "Crescere" per segmentare, che successivamente consente l'attacco di microrganismi alieni.
Nel processo del processo infiammatorio vi è una diminuzione del numero di cellule segmentate e un aumento delle cellule staminali.

Lo schema di riduzione dei neutrofili è chiamato spostamento sinistro neutrofilo, tipico di quasi tutte le patologie infiammatorie. Tuttavia, il midollo osseo non può produrre costantemente neutrofili in un grande volume e con patologie infettive a lungo termine vi è una diminuzione di questo indicatore.

Numero assoluto

Il numero di cellule segmentate dipende dall'età della persona.

Le norme relative medie sono presentate nella tabella:

Le cellule staminali dovrebbero essere presenti nel sangue in quantità non superiore al 5%. Se si riscontra un grande numero di pugnalate nel sangue, le cause più comuni sono infezioni gravi che portano al massiccio consumo di cellule mature.

Il numero assoluto di neutrofili è un indicatore quantitativo che consente di ottenere risultati più accurati. Viene utilizzato per la diagnosi insieme ai dati relativi. I valori medi di Achne possono essere visualizzati nella tabella:

Conteggio quantità assoluta

Per calcolare il numero assoluto di neutrofili, il numero di leucociti in unità assolute viene moltiplicato per indicatori relativi, espressi in percentuale (8500 * 15% = 1275). I calcoli sono effettuati in condizioni di laboratorio sulla base delle analisi ottenute.

Cause del declino dei neutrofili

Le ragioni per il basso numero di neutrofili segmentati e nuclei ad alta stabilizzazione indicano più spesso la presenza di un processo infiammatorio.

La percentuale di neutrofili si riduce quando:

  • Processi infiammatori nel corpo.
  • Malattie virali e infettive.
  • HIV.
  • Con una riduzione assoluta del contenuto di neutrofili maturi (meno di 0,5 per 109 litri), si verifica agranulocitosi, che richiede un trattamento obbligatorio.

Anemia.

  • Allergie.
  • Elmintiasi.
  • Gotta.
  • Veleno avvelenante
  • Lesioni fungine
  • Diabete.
  • Dopo la chemioterapia
  • Esposizione alle radiazioni
  • Sindrome di Kostman.
  • Toxoplasmosi e malaria
  • Tumori.
  • Antibiotici sulfonammidici e cloramfenicolo.
  • La diminuzione del numero di neutrofili è chiamata neutropenia. Il declino relativo è espresso in percentuale e il più delle volte coincide con l'assoluto.

    La neutropenia relativa e assoluta viene determinata mediante un esame del sangue biochimico.

    Una diminuzione significativa dei neutrofili e un aumento dei linfociti si verificano più spesso dopo il trasferimento di infezioni virali acute. In un breve periodo di tempo, gli indicatori si normalizzano indipendentemente.

    Se si osservano tassi più bassi per un lungo periodo e si ingrandiscono i linfociti, si può essere sospettati:

    Un numero ridotto di neutrofili non sempre indica la presenza di una malattia.

    Per fare una diagnosi, sono necessari esami supplementari. La conta ematica bassa è indiretta e senza esaminare il paziente è impossibile prevedere quale sia la causa della patologia.

    Bassi livelli di neutrofili possono essere osservati dopo il superlavoro e un intenso sforzo fisico. In questo caso, le cifre ridotte in un breve periodo di tempo sono normalizzate in modo indipendente e non influenzano le condizioni generali della persona.

    Lo sviluppo di un processo infettivo sullo sfondo della neutropenia

    Quando i batteri patogeni appaiono nel corpo, i neutrofili tendono a loro, formando una sorta di fuoco infiammatorio che impedisce la diffusione dell'infezione. La bassa conta dei neutrofili e la presenza di neutropenia possono causare la diffusione dell'infezione in tutto il corpo e l'infezione del sangue.

    Può verificarsi una significativa riduzione della conta dei neutrofili:

    • Stomatite e gengivite.
    • Tonsillite purulenta.
    • Cistite.
    • Osteomielite e ascessi.

    Se la conta dei neutrofili è inferiore alla norma, una persona può essere facilmente infettata in luoghi affollati e in presenza di pazienti con patologie virali tra le persone vicine.

    Le persone che soffrono di neutropenia, dovrebbero escludere il contatto con pazienti infetti, così come evitare l'ipotermia.

    Come aumentare il livello dei neutrofili?

    Come aumentare il livello dei neutrofili dipende dai motivi che hanno causato la loro diminuzione. Nella maggior parte dei casi, dopo un'infezione posticipata, le aliquote ridotte vengono ripristinate da sole. Al momento, i farmaci che consentono di aumentare i neutrofili, non esiste, quindi i farmaci vengono utilizzati per un aumento generale dei leucociti.

    Se il tasso di neutrofili è ridotto a causa di una terapia farmacologica specifica volta ad eliminare qualsiasi malattia, il regime di trattamento viene corretto. Quando gli squilibri di nutrienti e i bassi neutrofili sono più spesso indicati l'uso di vitamine del gruppo B e dieta. Se le allergie sono prescritte antistaminici.

    Dopo la completa eliminazione del fattore che provoca la caduta dei neutrofili, gli indici diminuiti si normalizzano per 1-2 settimane.

    Il trattamento con farmaci per aumentare i leucociti è indicato solo con neutropenia stabile. In questo caso, possono essere prescritti stimolanti per leucopoiesi, pentossile e metiluracile. Alle donne e agli uomini viene prescritto un immunogramma e confrontare le aliquote ridotte per tutto il trattamento.

    Se il trattamento non è molto efficace, includere fattori stimolanti le colonie nel trattamento. Questi includono farmaci potenti come filgrastim e lenograstim. Il trattamento con questi agenti è possibile solo in ospedale a causa del gran numero di effetti collaterali.

    Perché i neutrofili sono abbassati, installati individualmente, e talvolta questo richiede un esame completo del corpo. Se la patologia del sangue è spesso causata dalla presenza di elminti, a volte si tratta di una grave neoplasia oncologica. Il trattamento dei neutrofili abbassati e la formulazione di una diagnosi corretta dovrebbero essere eseguiti esclusivamente da uno specialista.

    http://moyakrov.info/blood/nejtrofily-ponizheny

    Come aumentare il livello dei neutrofili

    I neutrofili sono un tipo di globuli bianchi che aiuta il corpo a combattere le infezioni. Bassi livelli di neutrofili (neutropenia) possono svilupparsi in caso di cancro o sottoposti a trattamento (ad esempio, la chemioterapia). La neutropenia può svilupparsi a causa di cattiva alimentazione, malattie del sangue o infezione del midollo osseo. Per aumentare il numero di neutrofili nel corpo e curare questa malattia, cambia la tua dieta e cerca aiuto medico. Dovresti anche prendere provvedimenti per rimanere in buona salute ed evitare germi e batteri, poiché i bassi livelli di neutrofili rendono una persona vulnerabile alle infezioni e ad altre malattie. [1]

    Attenzione: le informazioni in questo articolo sono solo a scopo informativo. Prima di utilizzare qualsiasi metodo, consultare il medico.

    http://ru.wikihow.com/%D0%BF%D0%BE%D0%B2%D1%8B%D1%81%D0%B8%D1%82%D1%8C-%D1%83%D1% 80% D0% BE% D0% B2% D0% B5% D0% BD% D1% 8C-% D0% BD% D0% B5% D0% B9% D1% 82% D1% 80% D0% BE% D1% 84 % D0% B8% D0% BB% D0% BE% D0% B2

    Come aumentare i neutrofili nel sangue

    Se i neutrofili sono abbassati. Neutropenia (diminuzione del numero di neutrofili nel sangue)

    Ultimo aggiornamento sabato 07 luglio 2015 21:13

    La neutropenia è una malattia del sangue che può colpire tutti. Alcune persone nascono con questo, ma la neutropenia può comparire dopo un'infezione virale, essere un effetto collaterale dei farmaci o l'esposizione a determinati farmaci. La neutropenia può essere causata da una produzione insufficiente o dalla distruzione accelerata dei globuli bianchi. La neutropenia può verificarsi con il trattamento del cancro, la chemioterapia o la terapia antivirale per l'epatite virale.

    Cosa sono i neutrofili?

    Il sangue consiste di miliardi di cellule. Esistono molti tipi diversi di cellule del sangue, ma i principali sono globuli rossi e bianchi. I globuli rossi (globuli rossi) predominano su altri tipi di cellule del sangue. Sono molto importanti perché trasportano l'ossigeno dai polmoni a tutte le parti del corpo, ma i globuli bianchi (globuli bianchi) sono altrettanto importanti, ma per una ragione completamente diversa. Una delle loro funzioni è proteggere il corpo dall'infezione. Esistono diversi tipi di globuli bianchi, come neutrofili, linfociti, monociti, eosinofili, basofili. Ognuno di loro ha una funzione speciale. I più comuni sono i neutrofili, il cui compito è identificare e distruggere batteri e linfociti, che sono una parte fondamentale del sistema immunitario, oltre alla protezione contro i virus.

    Cosa sono i neutrofili segmentati e quelli stabi?

    I neutrofili segmentali sono il principale tipo di leucociti, il cui numero raggiunge il 70% del numero totale di queste cellule del sangue. Un altro 1-5% della norma sono neutrofili giovani, funzionalmente immaturi, con un nucleo solido simile a bastoncelli e che non presentano una segmentazione del nucleo caratteristica dei neutrofili maturi - i cosiddetti neutrofili a banda. I neutrofili di Stab possono essere elevati con malattie purulente e altri processi infettivi.

    Qual è il rischio di neutropenia?

    Il termine "neutropenia" descrive una situazione in cui il numero di neutrofili nel sangue è troppo basso. Queste cellule svolgono un ruolo molto importante nella protezione del corpo contro le infezioni batteriche e, pertanto, i pazienti con un basso numero di neutrofili sono più suscettibili a queste infezioni. Ogni persona è costantemente di fronte a qualsiasi infezione. Questo perché è abbastanza facile entrare nel corpo di batteri e virus che causano infezioni. Tuttavia, nelle persone sane, l'immunità consente di far fronte a questi agenti patogeni senza causare malattie. I neutrofili sono coinvolti nella formazione di questa immunità. Sono la principale protezione contro le infezioni. I pazienti che assumono interferone pegilato hanno un aumentato rischio di sviluppare neutropenia. Studi clinici hanno dimostrato che nel 95% dei pazienti sottoposti a terapia antivirale con interferone e ribavirina, il numero di neutrofili è inferiore alla norma. Il 20% di essi sviluppa una neutropenia grave. È importante ricordare che, rispetto ai pazienti sottoposti a chemioterapia, la stragrande maggioranza dei pazienti con neutropenia causata dalla somministrazione di interferone, contrariamente alle aspettative, non ha osservato lo sviluppo di infezioni gravi. Tuttavia, nonostante il fatto che il rischio di sviluppare un'infezione sia piccolo, i pazienti sottoposti a terapia antivirale devono essere sottoposti a costante supervisione medica al fine di prevenire la neutropenia grave e la grave infezione ad essa associata.

    Severità di neutropenia

    Il livello dei neutrofili può essere entro ampi limiti. Il sangue di adulti sani contiene da 1500 a 7000 cellule in un microlitro di plasma sanguigno (1,5 - 7,0 x 103 cellule / μl). La gravità della neutropenia di solito dipende dal numero assoluto di neutrofili (AChN) ed è descritta come segue:

    * Neutropenia lieve, quando l'AChN scende al di sotto del limite inferiore di 1500 cellule / μl, ma è ancora superiore a 1000 cellule / μl.

    * Neutropenia moderata, quando i neutrofili sono abbassati e l'AChN è compreso tra 500 e 1000 cellule / μl.

    * Neutropenia grave, quando AChN scende al di sotto di 500 cellule / μl.

    La neutropenia può essere di natura breve e temporanea. Ad esempio, quando si esegue una terapia antivirale, quando la neutropenia è reversibile e il numero di neutrofili viene ripristinato dopo il ritiro dei farmaci che lo provocano. Tuttavia, se il paziente ha neutropenia per un lungo periodo, allora c'è la minaccia di malattie croniche del sangue. Il rischio di malattie infettive aumenta se i neutrofili persistono per più di tre giorni. Le infezioni tipiche comprendono tonsillite, mal di gola, infezioni gengivali e malattie della pelle. Qualsiasi sintomo simil-influenzale (temperatura corporea superiore a 38,5 °) dovrebbe essere preso molto seriamente. In questo caso, è necessario informare urgentemente il medico. Una grave neutropenia può portare a gravi problemi che possono richiedere un intervento chirurgico, in quanto il paziente può essere infettato da un'infezione batterica, fungina o mista in qualsiasi momento.

    Come si manifesta la neutropenia?

    La maggior parte delle infezioni si verifica nella zona dei polmoni, della bocca e della gola. Ulcere dolorose del cavo orale, malattie gengivali, infezioni alle orecchie, si verificano più spesso nei pazienti con neutropenia. Nei pazienti, lo sviluppo dell'infezione può portare a gravi complicazioni potenzialmente letali, pertanto è necessario un monitoraggio regolare del livello di leucociti e AChN nel sangue.

    Quali sono i tassi di neutrofili di laboratorio?

    Di seguito sono riportati i valori di riferimento e i fattori di conversione per leucociti e neutrofili:

    Tabella 1 Leucociti. Unità di misura e fattori di conversione

    Tabella 2 Neutrofili. Valori di riferimento

    Come controllare la neutropenia?

    Quando si esegue la terapia antivirale (PVT), è necessario controllare regolarmente il livello dei leucociti del sangue e determinare il numero di neutrofili (ACN). Abbiamo sviluppato un programma che consente di calcolare l'AChN e formulare raccomandazioni per l'adeguamento della dose di farmaci.

    Tabella 3 Calcolo del numero assoluto di neutrofili e raccomandazioni per la regolazione del dosaggio dei farmaci durante la terapia antivirale.

    Come trattare la neutropenia?

    Di norma, per tenere sotto controllo la neutropenia, ridurre la dose di interferone in conformità con le raccomandazioni del produttore del farmaco, indicate sul foglietto illustrativo. Approssimativamente il 20% dei pazienti che assumono interferone pegilato più ribavirina richiedono una dose inferiore del farmaco per eliminare il trattamento che si verifica in neutropenia. Di norma, la riduzione della dose migliora la situazione. In casi estremamente rari, è richiesta una completa cessazione del trattamento. Mantenere la dose massima di interferone con ribavirina è molto importante per ottenere una risposta virologica sostenuta (SVR), quindi alcuni esperti prescrivono il fattore stimolante le colonie di granulociti (Neupogen e altri farmaci) per combattere i casi gravi di neutropenia causati dal trattamento con interferone. L'uso di questi farmaci consente di mantenere la dose raccomandata di un farmaco antivirale, tuttavia, il fattore di stimolazione delle colonie non è stato ancora sufficientemente studiato per il trattamento della neutropenia causata dall'interferone.

    Come ridurre il rischio di complicanze della neutropenia?

    Esistono molti metodi basati sul buon senso al fine di ridurre il rischio di malattia durante un trattamento antivirale, ad esempio: • Evitare luoghi affollati, soprattutto per i pazienti; • Essere vaccinati contro l'influenza e altre malattie; • Seguire attentamente le regole d'igiene: lavarsi le mani il più spesso possibile;

    • Non mangiare uova crude e frutti di mare. Ricordare che gli effetti collaterali della terapia antivirale sono meglio trattati con l'aiuto di specialisti medici e che il trattamento della neutropenia è un processo complesso che richiede la partecipazione di un medico.

    Cause del declino dei neutrofili nel sangue (neutropenia)

    Una parte integrante del sistema immunitario umano è la frazione più numerosa dei globuli bianchi - i neutrofili, appartenenti al gruppo dei granulociti. Sono i primi a correre al nido dell'infiammazione, e in questo momento la loro quantità nel sangue può diminuire in modo insignificante, ma questo motivo della diminuzione non può essere considerato il fattore principale per determinare la neutropenia. Se i neutrofili sono abbassati anormalmente al di sotto della norma, allora tale stato può essere classificato come neutropenia.

    Tipi di neutropenia

    La classificazione della neutropenia è determinata dalla sua origine e identifica i seguenti tipi:

    • primaria - si osserva nei bambini da 6 mesi a 1,5 anni, può procedere di nascosto, e può manifestarsi con un quadro clinico vivido: dolore in varie aree del corpo, infiammazione e sanguinamento delle gengive, tosse o respiro sibilante nei polmoni;
    • secondario - è tipico per gli adulti che hanno subito alcune malattie autoimmuni.

    Inoltre, ci sono 3 gradi di gravità della neutropenia:

    • leggero (o lieve) - fino a 1500 granulociti per 1 ml di sangue;
    • medio - fino a 1000 cellule per 1 ml;
    • grave - fino a 500 neutrofili in 1 ml.

    Norma neutrofila nel sangue

    Per comprendere gli indicatori degli esami del sangue che determinano il livello di due sottogruppi di neutrofili, vale la pena considerare la fase di maturazione di questi granulociti nel midollo osseo. Nella fase iniziale della maturazione, queste cellule sono chiamate mielociti, quindi vengono convertite in metamelociti, ma questi 2 sottogruppi non dovrebbero essere presenti nel sistema sanguigno.

    I nuclei neutrophilic quasi maturi che hanno la forma di verghe danno il nome del subgruppo seguente - i neutrofili di banda. Quando le cellule maturano completamente e acquisiscono un nucleo segmentato, vengono chiamate segmentate. Il contenuto di questi due sottogruppi viene preso in considerazione durante le analisi del sangue se confrontato con la norma. I conteggi di granulociti normali non dipendono dal sesso di una persona, ma differiscono in base all'età:

    Ragioni per una diminuzione nel livello di neutrophils nel sangue di adulti

    I neutrofili ridotti sono spesso il risultato di tre cause comuni:

    • distruzione massiccia di granulociti a causa di malattie del sangue;
    • esaurimento della riserva di midollo osseo quando diventa impossibile una produzione sufficiente di nuove cellule;
    • la morte di un numero eccessivamente elevato di neutrofili a seguito della lotta contro un numero enorme di agenti patogeni.

    Un elenco più dettagliato di motivi può anche essere suddiviso in queste tre categorie.

    Malattie del sangue

    Una diminuzione dei neutrofili può essere innescata da:

    • carenza di vitamina B12 e acido folico;
    • anemia aplastica;
    • leucemia.

    Alterata funzione del midollo osseo

    Una diminuzione dei neutrofili può essere dovuta a:

    • la chemioterapia;
    • radioterapia;
    • esposizione alle radiazioni;
    • effetti collaterali di alcuni farmaci - sulfonamidi, antidolorifici, immunosoppressori, prescritti per il trattamento delle malattie autoimmuni, così come l'interferone, che più spesso riduce i neutrofili con l'epatite.

    Infezioni gravi

    Malattie infettive che causano una diminuzione patologica del livello dei granulociti:

    • epatite, influenza, rosolia, morbillo e altre infezioni virali in cui aumenta il livello dei leucociti e dei monociti, a causa della quale il numero totale dei neutrofili leucocitari è ridotto, cioè si parla di neutropenia relativa;
    • infezioni gravi di origine batterica - brucellosi, tularemia, febbre paratifoide, febbre tifoide.

    Cause di bassi livelli di cellule di neutrofili nei bambini

    Una diminuzione del numero di neutrofili nella formula leucocitaria del sangue di un bambino rappresenta un pericolo principalmente per il sistema immunitario del corpo.

    Quando la percentuale di neutrofili è ridotta a un livello critico (in termini assoluti - inferiore a 500 unità per microlitro di sangue), c'è il rischio di sviluppare la cosiddetta neutropenia febbrile - una delle forme più pericolose di questa condizione.

    Ecco perché è così importante esaminare a fondo le analisi del sangue e condurre ulteriori misure diagnostiche al fine di stabilire la causa esatta e il tipo di neutropenia in un bambino e prontamente prescrivere un trattamento.

    Perché il livello dei granulociti nei bambini può essere inferiore al normale? In contrasto con le forme adulte, i bambini possono sperimentare neutropenia primaria, che è ereditaria o deterministica, di avere una forma cronica o cosiddetta benigna. Gravi forme di neutropenia nei bambini possono essere attivate da:

    • malattie del sangue - leucemia acuta, anemia aplastica, sindrome di Shvakhman-Dayemond, sindrome della mielodisplasia;
    • malattie da immunodeficienza e tessuto connettivo - agammaglobulinemia legata all'X, immunodeficienza variabile generale, iper IgM legata all'X;
    • alcune infezioni virali e batteriche.

    Rare forme di neutropenia

    Ci sono stati quando un numero basso di neutrofili è considerato una variante della norma, e questo vale soprattutto per le donne che hanno un figlio.

    Cluster di cellule di neutrofili

    È anche nota la cosiddetta neutropenia benigna, che è osservata nel 20-30% degli abitanti delle nostre latitudini ed è espressa da neutropenia costante lieve o moderata con i normali parametri rimanenti del sangue e l'assenza di qualsiasi sintomo. Questa condizione viene rilevata per caso, di norma, all'età di 25-30 anni ed è necessariamente fissata nella cartella clinica come emendamento per studi clinici.

    Una piccola percentuale della popolazione ha una variante ancora più rara - neutropenia ciclica, in cui il numero di neutrofili diminuisce periodicamente (la natura ciclica di questo fenomeno è individuale), da 1 volta in 3-4 settimane a 1 volta in 2 mesi.

    Infine, c'è una pericolosa specie congenita, la neutropenia di Kostman, in cui non ci sono neutrofili nel sangue del bambino. In precedenza, era considerato una grave malattia ereditaria autosomica recessiva, con un aumento del tasso di mortalità infantile nel primo anno di vita. Ma, secondo gli studi moderni, la maggior parte dei bambini che hanno superato con successo il primo anno continuano a vivere abbastanza a lungo, dal momento che la mancanza di neutrofili è compensata da un alto livello di eosinofili e monociti.

    Infezioni da Neutropenia

    Sullo sfondo di un livello di neutrofili anormalmente basso nel corpo, tutti i tipi di infezioni possono svilupparsi spesso e quasi senza impedimenti. Con la presenza iniziale di neutropenia, questa condizione può non manifestarsi affatto, tuttavia, nel tempo, la diffusione dell'infezione diventa più ampia. Le prime manifestazioni cliniche di neutropenia possono essere:

    • uretrite o cistite;
    • gengivite e stomatite;
    • angina necrotica purulenta;
    • processo infiammatorio asintomatico, che porta successivamente ad ascesso, osteomielite e anche sepsi.

    A causa della maggiore tendenza dei pazienti con neutropenia alle infezioni, si consiglia di evitare il contatto con pazienti infetti, stare in luoghi affollati, umidità e ipotermia. I microrganismi che non presentano un particolare rischio per il sistema immunitario di una persona sana possono essere fatali per i pazienti con bassi livelli di neutrofili.

    Come aumentare il livello dei neutrofili

    Il ripristino del livello dei neutrofili nel sangue dipende interamente dalla ragione della loro diminuzione, cioè per curare la neutropenia, è necessario eliminare la malattia che l'ha provocata.

    Non ci sono metodi basati sulla droga per ripristinare il numero di neutrofili, ma ci sono alcuni farmaci, uno degli effetti collaterali dei quali è quello di aumentare o diminuire il loro numero. Quindi, l'abolizione dei farmaci che abbassano il livello dei granulociti, porterà al ripristino dei loro normali livelli ematici.

    Una cura efficace dell'infezione porta anche a un rapido recupero dei normali livelli di neutrofili.

    La neutropenia sostenuta e manifesta viene trattata con diversi tipi di farmaci:

    • stimolanti leucopoiesi;
    • fattori stimolanti le colonie.

    A causa del fatto che questi farmaci hanno gravi effetti collaterali, il loro appuntamento è possibile solo dopo aver consultato un immunologo o un ematologo.

    Al fine di evitare gravi complicazioni di natura infettiva, l'identificazione della neutropenia deve essere tempestiva e qualificata al fine di scegliere una strategia di trattamento efficace.

    Neutrofili abbassati: cause e trattamento

    I neutrofili sono un grande gruppo di cellule leucocitarie che sono responsabili della risposta immunitaria nel corpo. Tutte le cellule del sistema immunitario aiutano a fronteggiare l'infezione durante la malattia e proteggono il corpo dai danni virali e batterici.

    I neutrofili sono responsabili della lotta contro i batteri. E se il livello dei neutrofili si abbassa, allora questo può portare ad una diminuzione o alla mancanza di resistenza del sistema immunitario nel combattere le infezioni.

    Tipi di neutrofili

    I neutrofili sono leucociti - una delle 5 specie, e occupano il più grande volume. Le cellule occupano più del 70% del numero totale di globuli bianchi nella formula dei leucociti.

    I neutrofili, a loro volta, sono anche divisi in 2 sottospecie: banda e segmentata. I neutrofili nucleari della banda hanno forme giovani di nucleo segmentato. Tutte le differenze nel nucleo.

    I granulociti neutrofili sotto forma di barre hanno un nucleo olistico a forma di S nella loro struttura. Per qualche tempo, questa struttura viene distrutta e divisa in 3 parti, che si estendono ai poli della cella. Dopo questa fase, i globuli bianchi hanno 3 nuclei, che sono distribuiti in segmenti.

    Neutrofili nella formula dei leucociti

    Per determinare i cambiamenti patologici nella formula dei leucociti, è necessario conoscere i valori normali del contenuto di cellule nel sangue.

    In generale, un esame del sangue è sempre un punto di contenuto quantitativo di leucociti, di tutti i suoi tipi. Mostra il numero esatto di cellule in 1 litro di sangue ed è misurato in miliardi (109).

    In relazione al volume totale dei globuli bianchi è considerata la formula dei leucociti. Rappresenta la percentuale di 5 specie di un dato tipo di cellula.

    Per un adulto, il numero normale di neutrofili stab è dell'1,6%. La quota di cellule segmentate nelle donne e negli uomini rappresenta il 45-72%. Nei moduli di analisi, queste cellule sono designate come neu.

    Nei bambini, il rapporto è leggermente cambiato, ma in generale, si trova accanto ai valori numerici specificati, maggiori dettagli di seguito.

    Cause della riduzione dei neutrofili

    I neutrofili sono assenti o ridotti nel sangue per vari motivi. Questi possono essere malattie fungine, danni all'organismo con protozoi, gravi malattie virali, mutazioni ereditarie associate all'inibizione del germe dei granulociti nel midollo osseo e processi maligni. Considera in dettaglio il gruppo di ragioni e cosa significa per il corpo.

    Malattie virali

    Gli agenti virali danneggiano le cellule del corpo. Successivamente, la cellula interessata inizia a produrre informazioni genetiche virali, che permettono alla particella aliena di moltiplicare e colonizzare le cellule del corpo con grande velocità. I linfociti T e B sono responsabili della risposta immunitaria contro gli agenti virali. A causa del fatto che la formula dei leucociti mostra la percentuale di tutti i tipi di globuli bianchi, a volte è difficile capire che i neutrofili nel sangue ridotti sono effettivamente o relativi.

    Il contenuto ridotto può essere relativo, a causa di un aumento dei linfociti rispetto alla normale conta dei neutrofili. Cioè, i cambiamenti possono essere nella formula dei leucociti. Quindi si riducono i neutrofili segmentati e aumentano i linfociti. Cioè, il midollo osseo germoglia in risposta ad un attacco virale produce molti nuovi linfociti, mentre i neutrofili rimangono nella stessa quantità normale. E poi c'è un'immagine simile.

    Oppure, la neutropenia negli adulti può verificarsi a causa di un attacco o esaurimento dei germogli granulocitici del midollo osseo. Per scoprire perché i granulociti sono ridotti nel sangue, puoi usare alcuni calcoli. È necessario prendere il numero totale di leucociti e scoprire il contenuto quantitativo delle cellule interessate nel sangue di 1 litro.

    Le seguenti malattie virali possono portare a un'immagine simile:

    • SARS;
    • il morbillo;
    • rosolia;
    • parotite epidemica;
    • epatite virale di varia genesi;
    • Infezione da HIV

    Malattie batteriche

    La neutropenia durante lo sviluppo della contaminazione batterica del corpo può svilupparsi con un decorso prolungato della malattia. Il corpo spende tutte le sue risorse per combattere un agente infettivo per il quale sono responsabili i neutrofili. Dopo un lungo confronto, il germoglio del midollo osseo è esaurito e richiede tempo per riprendersi. Poi c'è un esaurimento di sangue per questo tipo di globuli bianchi.

    Inoltre, in alcune condizioni, c'è una diminuzione riflessa del contenuto di neutrofili nel sangue.

    Neutropenia in caso di infezione batterica è osservata durante queste malattie:

    • febbre tifoide;
    • paratifo;
    • tubercolosi miliare;
    • tularemia.

    Oltre a specifici tipi di batteri, la neutropenia può essere osservata anche con danni agli organi generalizzati o locali da stafilococchi e accompagna i seguenti tipi di patologie:

    • otite media;
    • appendicite acuta;
    • sepsi;
    • scarlattina;
    • osteomielite;
    • pielonefrite acuta;
    • polmonite batterica;
    • meningite grave;
    • peritonite;
    • angina lacunare e necrotica;
    • colecistite acuta;
    • tromboflebite con l'aggiunta di un'infezione secondaria.

    Inoltre, gravi ustioni che coinvolgono una lesione secondaria da flora batterica sono anche accompagnate da neutropenia.

    Altri motivi

    Oltre alle malattie batteriche e virali, ci sono molti processi patologici che causano bassi livelli di neutrofili nel sangue.

    La radioterapia, un'eccessiva irradiazione di fondo inibisce i germogli ematopoietici nel midollo spinale, che include la stabilizzazione dei neutrofili e segmentata, poiché le reazioni più restrittive per le radiazioni sono cellule scarsamente differenziate.

    L'avvelenamento da metalli pesanti e altre sostanze provoca anche una diminuzione del numero di neutrofili a livello del midollo osseo. Questo può accadere sullo sfondo di una grave intossicazione con piombo, mercurio, veleni. Questa immagine mostra una complicazione della somministrazione del vaccino.

    Quando i neutrofili sono ridotti in un adulto, questo è caratteristico delle malattie ereditarie e delle patologie metaboliche: gotta, diabete mellito (stadio scompensato), sindrome di Itsenko-Cushing, intossicazione uremica, eclampsia delle donne in gravidanza.

    Il problema principale, a causa del quale vi è una diminuzione dei neutrofili nel sangue - neoplasie maligne e la degenerazione delle cellule del sangue. La neutropenia si manifesta più spesso nella leucemia acuta, nella leucemia mieloide cronica e nell'eritmia.

    È interessante notare che lo shock anafilattico per ragioni sconosciute mostrerà anche un basso livello nell'analisi del sangue generale. In questo caso, più spesso, le ferite da neutrofili sono ridotte negli adulti.

    I farmaci che aiutano a combattere lo sviluppo di neoplasie maligne causano anche l'inibizione del germoglio osseo, che causa la completa agranulocitosi. Questo è un effetto collaterale del farmaco, poiché i farmaci non possono inibire selettivamente la crescita e la mitosi delle cellule maligne. Il principio attivo influenza tutte le strutture cellulari del corpo.

    Classificazione della neutropenia

    Secondo il tipo di sviluppo, ci sono 3 tipi di riduzione dei neutrofili:

    La neutropenia di eziologia inspiegata comprende il tipo benigno. In questo caso, il deficit cellulare patologico è normalizzato da 2-3 anni di vita. Ci sono casi in cui un livello ridotto di neutrofili viene rilevato periodicamente e presto si normalizzerà di nuovo. Questo tipo di carenza cellulare è chiamato neutropenia ciclica.

    Per gravità, ci sono anche 3 gradazioni. È determinato da calcolo quantitativo di neutrophils in 1 millilitro di sangue. Il normale contenuto del suddetto tipo di globuli bianchi in una persona sana è di 1500 cellule per 1 ml.

    1. Forma lieve - in presenza di neutrofili in 1 ml di sangue da 1000 a 1500 cellule;
    2. Gravità moderata: quando nel test del sangue il livello scende a 500-1000 unità per 1 ml;
    3. Forma grave - caratterizzata da una conta dei neutrofili criticamente bassa nella quantità da zero a 500 cellule.

    Sintomi di fallimento dei neutrofili

    La forma lieve spesso non provoca alcun sintomo. Il corpo compensa la conta dei neutrofili al di sotto della norma dai fagociti, il che rende possibile combattere la flora patogena, ma per molto più tempo.

    Malattie batteriche acute, a seconda del tipo di flusso e del precedente contenuto di neutrofili nel sangue, hanno sintomi diversi. Se le cellule sono nell'intervallo di 500-1000 unità, allora c'è l'ipertermia (38-39 ° C), l'attivazione del sistema del complemento e la distruzione della flora batterica. La mancanza di neutrofili può provocare la transizione della malattia alla forma cronica, poiché il livello subcompensato non può completamente sanificare la lesione.

    I sintomi di grave neutropenia si manifestano in una reazione inversa alla malattia. Le cellule possono essere completamente assenti nel corpo, che di solito è dovuto all'inibizione del germogliamento dei granulociti. Quindi lo sviluppo e la riproduzione di qualsiasi flora batterica saranno molto intensi, ma il corpo non mostrerà alcuna reazione e i sintomi corrispondenti. Si osserverà solo lo sviluppo fulminante dei sintomi specifici della malattia.

    È interessante notare che la forma cronica di neutropenia anche grave è molto più tollerata dal corpo e meno infezioni si aggrappano che con lo sviluppo di insufficienza acuta. Questo può essere spiegato solo dal fatto che il nostro sistema immunitario si adatta alla mancanza di risorse il più possibile ed è sempre alla ricerca di soluzioni alternative. Una diminuzione graduale dà il tempo per questa ricerca di ulteriori reazioni difensive.

    Come aumentare il contenuto di cellule nel sangue

    Per essere sicuri di come aumentare i neutrofili nel sangue, inizialmente è necessario determinare la causa del loro declino. L'ematologo sarà in grado di aiutare a trovare e trovare la causa, che continuerà a guarire e ad aumentare il livello delle cellule colpite.

    La neutropenia lieve non richiede trattamento. In genere, il numero di celle torna in modo indipendente ai valori normali dopo un po 'di tempo. È importante monitorare periodicamente il livello dei neutrofili nel sangue fino al ripristino del loro numero, eseguendo un esame del sangue.

    Dopo aver condotto alcuni metodi di ricerca e trovato il motivo per cui i neutrofili sono stati ridotti, il medico seleziona il trattamento appropriato:

    Se i problemi sono causati dalla sconfitta della flora batterica e dall'esaurimento del corpo, il medico prescrive farmaci antibatterici per aiutare dall'esterno, questo aumenta le possibilità di un combattimento di successo;

    se vengono danneggiati protozoi o funghi, verranno prescritti farmaci antiprotozoici e antimicotici;

    un trattamento specifico e non specifico con farmaci antivirali e interferoni aiuterà nella lotta contro il virus;

    Il ricevimento di farmaci che provocano questa patologia dovrebbe cessare;

    gli errori nella dieta e nelle carenze di vitamine che svolgono un ruolo nel mantenimento del normale numero di globuli dovrebbero essere corretti;

    È imperativo che il medico, inoltre, prescriva un complesso di immunomodulatori e immunostimolanti che aumentano il livello delle cellule immunitarie, per il recupero precoce del pool.

    Se il motivo è una lesione maligna delle cellule del midollo osseo, il trattamento sarà lungo. È importante ricordare che un precedente ricorso a un istituto medico con un problema simile offre maggiori possibilità di successo e una pronta guarigione.

    È inoltre possibile trovare articoli su questo argomento utile:

    Come aumentare il livello dei neutrofili nel trattamento dei tumori

    A volte mi chiedono come aumentare l'immunità e aumentare il livello dei leucociti nel trattamento dei tumori (dopo un ciclo di chemioterapia).

    Mia moglie è ora sottoposta a chemioterapia, o meglio, il primo corso è completato, dopo 10 giorni ci sarà un secondo. L'immunità cadde pesantemente, i leucociti e qualcos'altro lì, dissero, il sangue divenne quasi sterile. La temperatura si mantiene ogni giorno 37,5 - 38. Non lasciamo la casa, abbiamo paura. I medici hanno detto che Dio proibisce qualcosa da raccogliere, fino al risultato dettagliato. Per quanto riguarda l'oncologia, la prognosi è generalmente buona, ma l'immunità confonde. Galavit aiuterà in questa situazione e può essere usato durante la chemioterapia? Anche i medici non raccomandano le vitamine durante la chimica, dicono, che il tumore non viene stimolato. Qui mi piacerebbe sentire la tua opinione.

    È improbabile che Galavit aiuti. L'immunomodulatore antinfiammatorio Galavit è utilizzato per prevenire le complicanze postoperatorie, anche dopo l'intervento chirurgico per i tumori. Galavit normalizza la funzione delle cellule del sistema immunitario, ma non può aumentare il loro numero alla normalità. Nel nostro caso, abbiamo bisogno di una droga di una perfetta altra azione. Questo articolo è di natura informativa, in modo da presentare le moderne possibilità di ripristinare il livello dei neutrofili nel sangue. I preparati descritti di seguito non sono destinati all'autoterapia, sono costosi e possono essere utilizzati solo sotto la guida di un oncologo o di un ematologo.

    Cosa succede durante la chemioterapia

    Chemioterapia in questo caso - trattamento di tumori con farmaci. Molti farmaci usati per trattare i tumori maligni danneggiano anche le cellule sane, che si dividono rapidamente, causando diarrea nell'intestino e interrompendo la funzione del midollo osseo rosso. Oltre alla citostatica, una grave disfunzione del midollo osseo si verifica durante la radioterapia (radiazioni ionizzanti) di importanti zone ematopoietiche - lo sterno, la colonna vertebrale e le ossa pelviche.

    L'azione dei farmaci per il trattamento dei tumori colpisce tutte le linee cellulari nel midollo osseo (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine). Di questi, i neutrofili hanno l'emivita più breve (6-8 ore), quindi la formazione di granulociti viene soppressa prima di tutto (neutrofili + eosinofili + basofili). L'emivita delle piastrine è di 5-7 giorni, quindi soffrono meno dei granulociti. L'anemia dovuta alla soppressione della maturazione degli eritrociti si verifica anche, ma di solito non ha significato clinico a causa della durata della vita degli eritrociti di 4 mesi.

    I neutrofili sono "soldati" del sistema immunitario. I neutrofili sono numerosi, di piccole dimensioni e la loro vita è breve. La funzione principale dei neutrofili è la fagocitosi (assorbimento) e la digestione di microbi e frammenti di cellule morte del corpo.

    Norme neutrofili nel sangue

    Normalmente, da 4 a 9 miliardi (× 109) di leucociti per litro di sangue, o 4-9 mila (× 103) per millimetro cubo (mm3).

    I neutrofili insieme agli eosinofili e ai basofili appartengono ai granulociti (leucociti polimorfonucleati, PMN).

    Norme del contenuto di neutrofili (del numero totale di leucociti del sangue):

    • mielociti neutrofili - 0,
    • giovani (metamyelocytes neutrofili) - 0 (appaiono nel sangue solo in infezioni severe e riflettono la loro gravità),
    • stab - 1-6% (il numero aumenta con le infezioni),
    • segmentato - 47-72%. Sono forme mature di neutrofili.

    In termini assoluti, nel sangue, normale per 1 mm3 dovrebbe essere 40-300 neutrofili stab e 2000-5500 neutrofili segmentati.

    Leucopenia e neutropenia

    Leucopenia - basso livello di leucociti nel sangue (inferiore a 4 mila / mm3).

    Il più delle volte, la leucopenia è causata da neutropenia - un basso livello di neutrofili. Talvolta vengono considerati non neutrofili separatamente, ma tutti i granulociti, poiché vi sono pochi eosinofili e basofili (1-5% e 0-1% di tutti i leucociti, rispettivamente).

    • 0 gradi: più di 2000 neutrofili per 1 mm3 di sangue;
    • Grado 1, leggero: 1900-1500 cellule / mm3: non è richiesta la prescrizione obbligatoria di un antibiotico a temperature elevate;
    • 2 ° grado, medio: 1400-1000 cellule / mm3 - sono richiesti antibiotici orali;
    • Grado 3, grave: 900-500 cellule / mm3 - gli antibiotici vengono somministrati per via endovenosa;
    • 4 ° grado di pericolo di vita: meno di 500 cellule / mm3.

    Neutropenia febbrile (lat Febris - febbre) - un improvviso aumento della temperatura superiore a 38 ° С su uno sfondo di neutrofili nel sangue inferiore a 500 mm3. La neutropenia febbrile è pericolosa con gravi complicazioni infettive e possibile morte (rischio maggiore del 10%), poiché il sistema immunitario non può limitare l'infiammazione ed è difficile da rilevare. E quando si può ancora trovare il punto focale dell'infiammazione, spesso la condizione del paziente si avvicina alla morte.

    Molecole regolatrici per il trattamento della neutropenia

    Negli anni '80 è stato svolto un intenso lavoro sullo sviluppo di analoghi artificiali (ingegneria genetica) di molecole umane che regolano la crescita e la riproduzione delle cellule del sangue. Una di queste molecole è chiamata G-CSF (fattore stimolante le colonie di granulociti, G-CSF). Il G-CSF stimola principalmente la crescita e lo sviluppo dei neutrofili e influenza lo sviluppo di altri leucociti in misura limitata.

    G-CSF agisce nella fase di trasformazione di una cellula precursore dei neutrofili in un neutrofilo.

    I preparativi G-CSF includono:

    • filgrastim (semplice G-CSF),
    • pegfilgrastim (filgrastim combinato con polietilenglicole),
    • lenograstim (G-CSF accoppiato al residuo di glucosio, cioè glicosilato).

    Di questi, il più efficace è pegfilgrastim.

    C'è anche GM-CSF (fattore stimolante le colonie di granulociti-monociti), che è stato venduto con i nomi commerciali di molgramostim e sargrammostim, ma ora non è usato a causa del maggior numero di effetti collaterali.

    Filgrastim e pegfilgrastim

    Filgrastim e Pegfilgrastim sono essenzialmente lo stesso farmaco, ma Pegfilgrastim contiene inoltre una molecola di polietilenglicole che protegge il filgrastim dalla rapida escrezione renale. Filgrastim deve essere iniettato quotidianamente (per via sottocutanea o endovenosa) per 11-16 giorni fino al ripristino dei livelli di neutrofili e Pagfilgrastim viene somministrato una sola volta (a condizione che l'intervallo tra i cicli di chemioterapia sia di almeno 14 giorni). L'effetto di Pegfilgrastim è notevole per la sua autoregolazione: quando ci sono pochi neutrofili, il farmaco circola a lungo nel corpo e stimola la produzione di neutrofili. Quando i neutrofili diventano abbondanti, legano il Pegfilgrastim con i loro recettori sulla superficie cellulare e lo rimuovono dal corpo.

    I farmaci G-CSF vengono somministrati 24-72 ore dopo la fine della chemioterapia, se il rischio atteso di neutropenia febbrile supera il 20%, anche a causa dell'HIV o di una bassa riserva di midollo osseo. Sono noti schemi di chemioterapia di vari tumori maligni, per i quali il rischio di neutropenia febbrile è sempre superiore al 20%. Se il rischio è inferiore al 10%, la profilassi con l'aiuto di G-CSF non viene eseguita. A rischio dal 10% al 20%, vengono presi in considerazione fattori aggiuntivi, ad esempio:

    • età oltre 65 anni
    • neutropenia febbrile precedentemente trasferita,
    • mancanza di profilassi antimicrobica,
    • gravi malattie concomitanti
    • cattive condizioni generali
    • ferite aperte o infezioni della ferita
    • la malnutrizione,
    • genere femminile
    • terapia di chemioterapia
    • emoglobina inferiore a 120 g / l.

    I farmaci G-CSF non possono essere usati prima e durante il corso della chemioterapia, poiché ciò porta a trombocitopenia grave (una diminuzione del numero di piastrine nel sangue con un aumentato rischio di sanguinamento). Inoltre, i preparati G-CSF non possono essere utilizzati durante il periodo di radioterapia sulla zona del torace, poiché sopprime il midollo osseo e aumenta il rischio di complicazioni e morte. Questi farmaci sono controindicati nella leucemia acuta, nella leucemia mieloide cronica e nelle sindromi mielodisplastiche, poiché possono aumentare la crescita delle cellule del sangue maligne.

    Tra gli effetti collaterali nel 24% dei pazienti ci sono dolori ossei dovuti al lavoro intensivo del midollo osseo. Di regola, sono deboli o moderati e vengono rimossi dagli analgesici convenzionali (diclofenac, meloxicam, ecc.). Sono stati descritti diversi casi di iperleucocitosi (oltre 100 mila leucociti per mm3), che si sono conclusi senza conseguenze.

    Filgrastim, lenograstim, pegfilgrastim sono ampiamente utilizzati in Occidente sin dagli anni '90 per aumentare il livello di neutrofili nel trattamento dei tumori. I preparati G-CSF non agiscono sul tumore stesso, ma ripristinano il livello dei neutrofili nel sangue 2-3 volte più velocemente, il che rende possibile abbreviare gli intervalli tra i cicli di chemioterapia e nel modo più accurato possibile per mantenere il regime di trattamento pianificato. Ad esempio, la sopravvivenza globale dei pazienti con carcinoma mammario operabile che hanno ricevuto più dell'85% della dose programmata di chemioterapia adiuvante secondo il regime CMF era del 40%. Con una dose inferiore all'85%, il tasso di sopravvivenza è sceso al 21% e con una dose inferiore al 65% non differiva da quella nei pazienti non trattati.

    Se non vengono utilizzati preparati G-CSF, è necessario attendere più a lungo per il recupero naturale del livello di neutrofili, e questo porta ad un peggioramento della prognosi, perché il tumore non aspetterà. Inoltre, l'uso di farmaci G-CSF riduce il costo della terapia antibiotica e del trattamento ospedaliero.

    Nonostante 20 anni di esperienza con questi farmaci, il loro studio attivo continua. Non tutte le domande hanno ancora una risposta, quindi le istruzioni indicano che il trattamento con filgrastim deve essere effettuato solo sotto la supervisione di un oncologo o ematologo che abbia esperienza con tali farmaci.

    Nomi commerciali in Russia

    Al momento della scrittura, gli articoli in Russia sono stati registrati e venduti nelle farmacie:

    Filgrastim (di seguito indicato come il prezzo per 5 bottiglie):

    • Leucostim (da 10 a 20 mila rubli russi),
    • Neupogen (da 5 a 50 mila),
    • Neipomax (da 3 a 7 mila),
    • Tevagrastim,
    • Zars,
    • Mielastra,
    • leucite;
    • Inarrestabile (da 30 a 62 mila per 1 bottiglia);
    • Granocyte 34 (da 15 a 62 mila rubli russi per 5 bottiglie).

    Pertanto, il trattamento con G-CSF è piuttosto costoso e quindi non viene spesso utilizzato in Russia. Soprattutto se si considera che un tale farmaco può essere necessario dopo ogni ciclo di chemioterapia. I ricchi russi preferiscono essere trattati all'estero, in Germania o in Israele, dove gli oncologi applicano costantemente l'intera gamma di droghe e tecniche moderne. Dopotutto, non puoi avere un buon strumento che non usi tutti i giorni.

    Il materiale è stato preparato sulla base degli articoli Metodi moderni di prevenzione della neutropenia in oncologia (2008) e raccomandazioni pratiche sullo scopo dei fattori stimolanti il ​​colon, al fine di prevenire lo sviluppo della neutropenia febbrile in pazienti oncologici (2015).

    http://www.medhelp-home.ru/nnejtrofily/kak-povysit-nejtrofily-v-krovi.html

    Altri Articoli Su Vene Varicose