Emorroidi doloranti

Disagio nel retto, bruciore e problemi con l'andare in bagno: questo è il modo in cui i pazienti descrivono la loro condizione in caso di dolore alle emorroidi. Questa malattia è sempre più diagnosticata nei giovani pazienti, colpendo in ugual misura gli impiegati e il duro lavoro fisico. Questa è la patologia più comune dell'ano, che è piena di complicazioni per tutto il corpo. Pertanto, è importante che i pazienti sappiano con quali mezzi e farmaci per alleviare il dolore durante un'esacerbazione, come escludere la recidiva dell'infiammazione per un lungo periodo di tempo.

Perché le emorroidi fanno molto male

La malattia è associata al ristagno del sangue venoso nei vasi che alimentano gli organi pelvici e la zona anale. I più piccoli capillari passano attraverso il retto e il canale rettale, fornendo i muscoli e legamenti con sostanze nutritive. Se una persona trascorre molto tempo in posizione seduta, porta costantemente pesi enormi o è eccessivamente allenata durante l'allenamento sportivo, il fluido inizia ad accumularsi nelle aree vicino all'ano.

Se una persona ha gravi emorroidi, ha già i nodi nel retto. Piccoli plessi lievi di vene danneggiate si presentano vicino all'ano, sia all'esterno che all'interno. Assomigliano a manopole, hanno una forma rotonda e una dimensione diversa. Interferendo con l'escrezione delle feci durante i movimenti intestinali, trasformano ogni visita in bagno "in gran parte" in una dolorosa prova. Altri sintomi della patologia sono:

  • tirando sensazioni nell'intestino inferiore;
  • strisce insanguinate su carta igienica;
  • secrezioni mucose che assomigliano a un liquido appiccicoso;
  • dolore acuto subito dopo la defecazione;
  • prurito insopportabile nell'ano;
  • crepe nella mucosa.

Più iniziava la malattia, più i sintomi erano luminosi e più sgradevoli. Nella fase iniziale, il dolore e il disagio sono quasi impercettibili, così tanti pazienti non sentono il primo "campanello d'allarme". Più spesso le emorroidi sono dolorose quando i nodi escono dall'ano o durante un'esacerbazione. Ma ci sono complicazioni in cui il dolore significa problemi gravi:

  • pizzicando il nodulo emorroidario da muscoli dello sfintere;
  • un graffio sull'intestino o nodo dopo uno sgabello duro;
  • infiammazione del vaso danneggiato a causa dell'ingresso di batteri.

Se il disagio diventa insopportabile, la persona non può concentrarsi sul lavoro, è sospesa nei rapporti personali. Molti sono imbarazzati a parlare di emorroidi anche con le persone più vicine, quindi si ritirano in se stessi. Il problema interferisce con il condurre una vita attiva e praticare sport.

IMPORTANTE!

Il dolore accompagna ogni atto di defecazione, quindi i pazienti cercano di camminare meno spesso "grandi". Termina con irritazione dell'intestino, stipsi prolungata e aggrava solo la situazione. Queste persone hanno spesso un'eruzione sulla pelle del viso e del corpo, si verifica un'intossicazione generale e la loro salute peggiora.

Come alleviare il dolore con le emorroidi

Sensazioni spiacevoli dovrebbero essere allertate e costrette a visitare il proctologo. Il trattamento scelto correttamente non solo aiuterà a sbarazzarsi della malattia, ma anche a rimuovere il disagio. Per ridurre il dolore, i vasi sanguigni dovrebbero essere rinforzati dentro e fuori. A tale scopo vengono utilizzati agenti antinfiammatori speciali con effetto tonico:

Questi farmaci sotto forma di compresse dovrebbero essere utilizzati al primo segno di emorroidi. Con l'uso prolungato, restituiscono la resilienza e l'elasticità delle vene. Il sangue ristagna di meno e non si accumula nel bacino, non preme sull'ano. A poco a poco, il disagio è ridotto e il rischio di ricaduta è ridotto al minimo.

Con nodi esterni pronunciati possono essere trattati con unguenti anticoagulanti. Contengono sostanze curative che dissolvono rapidamente i coaguli di sangue. I farmaci più comuni sono:

  • Hepatrombin G: a base di eparina, un eccellente agente trombolitico che protegge le vene dallo stiramento, tonifica e guarisce le aree danneggiate. Dopo il trattamento, i noduli interrompono il prurito e il dolore scompare. L'ormone prednisone calma l'irritazione e rimuove il bruciore dopo aver visitato il bagno.
  • Rilievo: questa è tutta una serie di unguenti di qualità su base naturale. Lo scarico dall'olio di squalo stringe le ferite sul retto, previene l'accumulo di coaguli di sangue e allevia il dolore dovuto alla benzocaina.
  • Levomekol: una crema ben nota con l'aggiunta di un antibiotico è indispensabile per crepe e graffi. Si riducono rapidamente e l'ano smette di disturbare la persona. Può essere combinato con altri anticoagulanti e unguenti.

Quando le emorroidi fanno terribilmente male dopo un movimento intestinale o una seduta prolungata su una sedia, è meglio usare le candele. Sono inseriti nell'ano e si dissolvono nella parte inferiore del retto. La base naturale avvolge le pareti e facilita il processo di escrezione delle feci, non consente ai batteri di penetrare nelle fessure. I proctologi raccomandano uno dei seguenti rimedi:

  • Prokto Glevenol: contiene analgesico e trombolitico, allevia il dolore nelle emorroidi, paraproctiti, infiammazioni e trombosi. Possono essere completati con unguento dalla serie con lo stesso nome.
  • Proktozan: le supposte vengono utilizzate quando si verifica un prurito doloroso e debilitante. La composizione contiene sostanze anti-infiammatorie e cera naturale.
  • Aurobina: le candele sono utilizzate per alleviare il dolore durante l'esacerbazione della malattia. Sono perfettamente combinati con altri farmaci, facilitano il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per rimuovere i coni.
  • Anestezol: una buona composizione anti-infiammatoria che asciuga le zone infiammate della mucosa. Possono essere applicati prima dello svuotamento problematico per ammorbidire il processo e renderlo indolore.
  • Candele con belladonna: rimedio quasi naturale a base di estratti vegetali. Dopo la dissoluzione, allevia spasmi e tono muscolare dell'ano, riduce il sanguinamento e guarisce i microcracks.

Nel dolore acuto, è meglio scegliere un medicinale che contenga benzocaina o lecocaina. Va notato che l'uso di analgesici convenzionali in pillole non ha quasi alcun effetto.

Cosa fare se le emorroidi fanno molto male

Nella fase iniziale, puoi rimuovere il disagio e il dolore con le ricette fatte in casa. Completeranno bene il trattamento principale con candele e creme, miglioreranno la salute generale e accelereranno la guarigione delle ragadi anali. Buone recensioni nei seguenti modi:

  • Ogni giorno prima di coricarsi si consiglia di assumere vassoi di decotto di camomilla, semi di lino, corteccia di quercia o erba di San Giovanni. Quando si sanguina, è possibile aggiungere calendula, eucalipto o alloro per la disinfezione.
  • Un attacco di dolore allevia l'impacco freddo. Per fare questo, diversi cubetti di ghiaccio sono avvolti in una garza pulita e applicati brevemente al nodulo emorroidario. Puoi fare delle candele fuori dal ghiaccio, sulla base del brodo di guarigione.
  • Rimuovere delicatamente la sensazione di bruciore e il dolore aiuta a comprimere le patate crude grattugiate.
  • Dopo la defecazione, si consiglia di lavare con un brodo fresco dell'alpinista.

Con l'esacerbazione delle emorroidi è necessario seguire una dieta rigorosa. Dovrebbe contenere molta fibra naturale, migliorare la motilità intestinale e prevenire la stitichezza. Al momento è meglio rinunciare alla corsa e allenamento della forza, fare facili passeggiate nel parco o vicino alla casa. Questo aiuterà a rimuovere la stasi del sangue e ridurre significativamente il disagio.

http://lechenie-gemorroya.com/bolit-gemorroy.html

Altri Articoli Su Vene Varicose